ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Supernova

    SUPERNOVA

    New Entry - REGNO UNITO: Dal 27 Novembre

    "Supernova è il risultato ....
    [continua]

    Come un gatto in tangenziale - Ritorno a Coccia di Morto

    COME UN GATTO IN TANGENZIALE - RITORNO A COCCIA DI MORTO

    New Entry - Al via le riprese a ROMA (della durata di 8 settimane) .... [continua]

    Falling

    FALLING

    New Entry - Esordio alla regia per Viggo Mortensen, qui anche sceneggiatore e musicista .... [continua]

    The Georgetown Project

    THE GEORGETOWN PROJECT

    New Entry - 2021 .... [continua]

    Dear Evan Hansen

    DEAR EVAN HANSEN

    New Entry - Nell'adattamento cinematografico di Stephen Chbosky tratto dall'acclamato musical di Broadway Julianne .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Balto e Togo - La leggenda

    BALTO E TOGO - LA LEGGENDA

    RECENSIONE - Dal 3 Settembre

    "Il percorso che abbiamo attraversato per creare 'Balto e Togo: La leggenda' è stato difficile quasi quanto il viaggio rappresentato nel film stesso. L'idea è nata quasi 10 anni prima di essere in grado finalmente di realizzare il film. Tutta Hollywood mi diceva che non sarei stato in grado di realizzare questo film d’epoca su larga scala con cani, bambini e condizioni meteorologiche avverse con i mezzi di un film indipendente, ma sapevo che era una storia che dovevo raccontare. Ogni altro film o libro sulla Grande Corsa del Siero di Nome, in Alaska, nel 1925, raffigura Balto e Gunnar Kassan come eroi, ma durante le ricerche della storia ho scoperto che un cane da slitta di nome Togo e il suo proprietario Leonhard Seppala avevano in effetti coperto la maggior parte della distanza ed erano i veri salvatori degli abitanti di Nome. La loro storia meritava davvero di essere raccontata, per questo ho voluto scrivere la mia sceneggiatura dal punto di vista di Seppala. Quando ho iniziato a fare ricerche sull'argomento, in realtà sono andato in Alaska e ho trascorso 8 giorni con una temperatura di 25 gradi sotto lo zero, partecipando a una vera spedizione in slitta trainata da cani lungo il Mare di Bering. In questo modo ho potuto comprendere appieno che tipo di persona bisogna essere per vivere lassù in condizioni così avverse. Mi è nata una grandissima ammirazione per la forza d’animo di questi uomini e di questi cani e per le circostanze che hanno dovuto affrontare per salvare la città di Nome. Il potere del loro spirito e la forza della fede che devono aver avuto, ha motivato la storia di Seppala e Togo che ho scelto di raccontare. Per me, il messaggio di 'Balto e Togo: La leggenda' è che dal vero altruismo e dalla fede, specialmente nelle condizioni più avverse, può nascere la versione più potente dell'amore".
    Il regista, sceneggiatore, co-montatore e attore Brian Presley

    (The Great Alaskan Race; USA 2019; Avventura; 84'; Produz.: Rebel Road Entertainment e Battle Dawgs; Distribuz.: Notorious Pictures)

    Locandina italiana Balto e Togo - La leggenda

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Balto e Togo - La leggenda

    Titolo in lingua originale: The Great Alaskan Race

    Anno di produzione: 2019

    Anno di uscita: 2020

    Regia: Brian Presley

    Sceneggiatura: Brian Presley

    Soggetto: Ispirato a un'incredibile storia vera, accaduta nel 1925, quando un gruppo di musher ha percorso 700 miglia per raggiungere Nome, in Alaska, sfidando il maltempo e l'epidemia mortale.

    Cast: Brian Presley (Leonhard Seppala)
    Treat Williams (Dottor Welch)
    Brad Leland (Sindaco Maynard)
    James Russo (Wild Billy)
    Henry Thomas (Thompson)
    Bruce Davison (Governatore Bone)
    Will Wallace (Gunnar Kaasen)
    Brea Bee (Constance)
    Emma Presley (Sigrid Seppala)
    Nolan North (Harry Devenport)
    Barbara Meier (Teri)
    Taliah Agdeppa (Kiana)
    Emily Jira (Yuka)
    C. G. Lewis (Edgar)
    Jeff Rosick (Charlie Evans)
    Cast completo

    Musica: John Koutslinis

    Costumi: Rebecca Bertot

    Scenografia: Jena Serbu

    Fotografia: Mark David

    Montaggio: Gabriel Ordóñez, Mark David e Brian Presley

    Casting: Melissa Wulfemeyer

    Scheda film aggiornata al: 22 Settembre 2020

    Sinossi:

    In breve:

    Dopo aver superato una tragedia personale, il padre vedovo e musher (nome con cui vengono chiamati i conducenti delle slitte trainate da cani) Leonhard 'Sepp' Seppala si fa avanti nel mezzo di un’epidemia di difterite a Nome, in Alaska, per consegnare l'antitossina all'ospedale. Con la vita della sua stessa figlia appesa a un filo, Sepp si lancia in questa missione impossibile, accompagnato dal suo branco di cani da slitta.

    In dettaglio:

    E' la storia di Leonhard Seppala, il suo cane Togo, e di come hanno salvato la piccola città di Nome, in Alaska, da una mortale epidemia di difterite nel 1925. Leonhard Seppala era un pescatore norvegese che si trasferì a Nome per diventare un minatore d'oro. Mentre lavorava come minatore, divenne anche un musher esperto. In questa versione della storia, si innamorò di una donna Innuit locale, Kiana, che sposò e con la quale ebbe una bambina. Quando Kiana muore tragicamente, poco dopo il parto, Sepp si perde nel suo dolore per molti anni, rimanendo in disparte dalla comunità locale di Nome e occupandosi solo di sua figlia, Sigrid. Nell'inverno del 1925, un focolaio di difterite colpisce la città nel bel mezzo di una terribile bufera di neve e l'ospedale si ritrova senza nessuna delle medicine necessarie a disposizione. L'intera città è a rischio. Seppala, insieme ad altri musher coraggiosi, si offre volontario per sfidare la tempesta con i loro cani per percorrere 674 miglia fino a Nenana, dove il siero antitossico era bloccato, poiché la tempesta era troppo intensa affinché i treni o gli aerei potessero attraversarla. Sepp lascia sua figlia con Constance, figlia del dottor Welch e figura materna per la sua giovane figlia, e parte con Togo e il resto della sua squadra. Seguiamo il viaggio straziante di Sepp mentre corre più lontano di qualsiasi altro musher, a più di 400 miglia. Lui e i suoi cani affrontano temperature inferiori a 27 gradi sotto lo zero e una velocità del vento superiore a 100 chilometri orari, ma dopo 4 giorni riescono a passare il siero a Gunnar Kassan e Balto per l’ultima tappa. Sepp è debole e sta quasi per cedere, ma il suono della voce di sua figlia e la visione di Kiana che lo incoraggia a continuare a vivere, gli salvano la vita, e si risveglia da eroe, con il desiderio di ricominciare a vivere a pieno la sua esistenza. È finalmente in grado di lasciare il suo tragico passato alle spalle e godersi sua figlia e la comunità che ha salvato. Sepp finisce per sposare Constance e creare una nuova famiglia, con il suo meraviglioso e fidato cane Togo come membro importante di essa.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Un documento ‘storico’ straordinario, salito alla ribalta della cronaca nel remoto 1925, in un altrettanto remoto territorio: l’Alaska. Un frammento di cronaca che di questi tempi torna a sottolineare la dimensione dell’urgenza sanitaria in frangenti di ‘pandemia’, passando per l’improbabile decisione di affidarsi ai propri cani da slitta per recuperare, a centinaia di Km di distanza e tramite un’operazione a staffetta, l’antitossina alla difterite, non disponibile sul luogo: salvare la vita ai bambini che ne sono contagiati, in progress, su scala pandemica, appunto, diventa un diktat, eppure di non facile attuazione in luoghi impervi e condizioni atmosferiche estreme. L’eroico coraggio di un manipolo di uomini si fonde così alla resilienza di alcuni cani siberiani husky che, per quanto temprati, hanno affrontato l’inimmaginabile! Talmente inimmaginabile che il film The Great Alaskan Race, ovvero Balto e Togo la leggenda, ispirato per l’appunto da questo accadimento eccezionale, evita di ricrearne visivamente tratti e

    dinamiche, costringendo lo spettatore a ricorrere alla fantasia personale per averne un’idea.

    L'esordiente alla regia Brian Presley, che nel film interpreta pure l’addestratore protagonista Leonhard Seppala, rimasto presto vedovo con tutte le difficoltà di crescere da solo la piccola Sigrid, imbastisce un racconto oltremodo didascalico e, si direbbe, negazionista dell’immagine. Il che sembra un paradosso, quando rapportato proprio al cinema. Una veste filmica questa, che potrebbe avanzare la giustificazione di usare una cifra stilistica in linea con le stesse riflessologie della leggenda ormai acquisite nel tempo, ma in realtà si tratta di una pellicola tiepida e del tutto anonima, neppure idonea come racconto televisivo per ragazzi che, dal canto loro, esigono sempre un minimo di protagonismo. La ‘voice over’ è talmente pressante ed invadente da schiacciare immagini e protagonismo, perdendosi negli anfratti più mielosi della vicenda, mentre si ammicca fugacemente al celebre Balla coi lupi o a Il richiamo della

    foresta. E’ come se si volesse recuperare la memoria di un qualcosa che, di fatto, si è perso nella notte dei tempi. Ma gli umori restano fondamentalmente quelli di una storiella per bambini con il difetto aggiuntivo che neppure ai cani protagonisti si fornisce la chance di un fotogramma memorabile. Operazione mancata anche nel tentativo di restituire all’husky siberiano Togo i meriti di cui ha beneficiato invece solo Balto, onorato pure di una statua al valore. Vincono su tutto i tratti documentaristici raggruppati nel finale, tra foto e reportage video in bianco e nero. Della cosiddetta ‘corsa contro la morte’ invece, solo la nebbia fitta di infernali tempeste di neve da 60° sotto zero, e il romantico fascino retrò di qualche dissolvenza premonitrice, vissuta dal ‘protagonista-non protagonista’ tra le braccia di Morfeo.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)







    trailer ufficiale:

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di BALTO E TOGO - LA LEGGENDA

    Links:

    • Brian Presley (Regista)

    • James Russo

    1 | 2

    Galleria Video:

    Balto e Togo-La leggenda - trailer

    Balto e Togo-La leggenda - trailer (versione originale) - The Great Alaskan Race

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Aspettando i barbari

    ASPETTANDO I BARBARI

    Tra i più attesi!!! - 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO .... [continua]

    Roubaix, una luce

    ROUBAIX, UNA LUCE

    New Entry - Dal Festival del Cinema di Cannes 2019 - VINCITORE del Premio .... [continua]

    Greenland

    GREENLAND

    Gerard Butler torna a lavorare con il regista Ric Roman Waugh, dopo il successo di .... [continua]

    The Secret - Le verità nascoste

    THE SECRET - LE VERITA' NASCOSTE

    New Entry - Nel thriller di Yuval Adler (Bethlehem, The Operative) Noomi Rapace (trilogia .... [continua]

    The Witches

    THE WITCHES

    Le streghe sono tornate e questa volta hanno una nuova Strega Suprema (Anne Hathaway). Nel .... [continua]

    Gauguin - Voyage de Tahiti

    GAUGUIN - VOYAGE DE TAHITI

    New Entry - Dal 17 Settembre

    "Questo film nasce dalla mia scoperta di ....
    [continua]

    Balto e Togo - La leggenda

    BALTO E TOGO - LA LEGGENDA

    RECENSIONE - Dal 3 Settembre

    "Il percorso che abbiamo attraversato per creare 'Balto e ....
    [continua]