ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Supernova

    SUPERNOVA

    New Entry - REGNO UNITO: Dal 27 Novembre

    "Supernova è il risultato ....
    [continua]

    Come un gatto in tangenziale - Ritorno a Coccia di Morto

    COME UN GATTO IN TANGENZIALE - RITORNO A COCCIA DI MORTO

    New Entry - Al via le riprese a ROMA (della durata di 8 settimane) .... [continua]

    Falling

    FALLING

    New Entry - Esordio alla regia per Viggo Mortensen, qui anche sceneggiatore e musicista .... [continua]

    The Georgetown Project

    THE GEORGETOWN PROJECT

    New Entry - 2021 .... [continua]

    Dear Evan Hansen

    DEAR EVAN HANSEN

    New Entry - Nell'adattamento cinematografico di Stephen Chbosky tratto dall'acclamato musical di Broadway Julianne .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Il giorno sbagliato

    IL GIORNO SBAGLIATO

    RECENSIONE - Un thriller psicologico per Russell Crowe - Dal 24 Settembre

    "'Il Giorno Sbagliato' focalizza una particolare giornata, con un incontro casuale, che ognuno di noi potrebbe avere in qualsiasi momento... con 'Il Giorno Sbagliato' ho provato a scrivere la cosa più intensa che avessi mai scritto, con un ritmo e un’urgenza incalzanti, che si svolgesse in tempo reale, senza mai rallentare fino alla fine"
    Lo sceneggiatore Carl Ellsworth

    "Era una di quelle sceneggiature che non puoi smettere di leggere fino a quando non arrivi alla fine. Per quanto la trama si concentri sull’aspetto della rabbia scatenata dal traffico, la storia è un’esplorazione, facilmente riconoscibile, dei meccanismi che regolano la nostra società e delle tendenze più oscure che si nascondono sotto la superficie degli esseri umani. Abbiamo tutti avuto quelli che potremmo definire dei 'brutti giorni', e questa storia porta questi impulsi allo scoperto, estremizzandoli... l’Uomo” (Crowe), si è rifatto all’idea dello squalo dell’omonimo film: letale, imprevedibile, invisibile e memorabile. Per questo motivo non viene mai nominato per tutto il film. Lui è semplicemente 'l’Uomo': una forza primigenia"
    Il regista Derrick Borte

    (Unhinged; USA 2019; Psycho-Thriller; 90'; Produz.: Solstice Studios; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Il giorno sbagliato

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Il giorno sbagliato

    Titolo in lingua originale: Unhinged

    Anno di produzione: 2019

    Anno di uscita: 2020

    Regia: Derrick Borte

    Sceneggiatura: Carl Ellsworth

    Soggetto: Unhinged racconta le conseguenze di un gesto quotidiano: è la storia di una madre che si scontra col tipo sbagliato al momento sbagliato, quando appoggia la sua mano sul clacson. Russell Crowe interpreterà quel tipo sbagliato. E dall’espressione sul volto che vediamo in questa prima immagine, la madre avrà un grosso problema. Caren Pistorius interpreta Rachel, la madre.

    Ovvero:

    Russell Crowe, è il protagonista di questo thriller psicologico molto serrato, che esplora il fragile equilibrio di una società sempre al limite, mostrandoci qualcosa che tutti noi conosciamo bene, la rabbia al volante in mezzo al traffico e del conseguente sfogo con esiti imprevedibili e terrificanti.

    Cast: Russell Crowe (Tom Cooper)
    Caren Pistorius (Rachel Hunter)
    Jimmi Simpson (Andy)
    Gabriel Bateman (Kyle Hunter)
    Anne Leighton (Deborah Haskell)
    Michael Papajohn (Poliziotto)
    Lucy Faust (Rosie)
    Austin P. McKenzie (Fred)
    Devyn A. Tyler (Mrs. Ayers)
    Donna DuPlantier (Psicologa)

    Musica: David Buckley

    Costumi: Denise Wingate

    Scenografia: Freddy Waff

    Fotografia: Brendan Galvin

    Montaggio: Michael McCusker, Steve e Tim Mirkovich

    Effetti Speciali: Matt Kutcher (supervisore)

    Makeup: Stacy Kelly (direzione), Adrien Morot (per Russell Crowe)

    Casting: Raylin Sabo e Mary Vernieu

    Scheda film aggiornata al: 30 Settembre 2020

    Sinossi:

    Rachel (Caren Pistorius) è in ritardo al lavoro quando si trova a discutere al semaforo con uno sconosciuto (Crowe) che si trova in una delicata fase della sua esistenza in cui si sente impotente e invisibile. Così Rachel diventerà, insieme a tutti quelli che ama, il bersaglio di un uomo che decide di lasciare un ultimo segno nel mondo impartendole una serie di lezioni… mortali. Ne scaturirà un pericoloso gioco al gatto e al topo che dimostrerà che non si può mai sapere quanto si è vicini a qualcuno che sta sul punto di esplodere.

    Synopsis:

    The story of a mother who leans on her horn at the wrong time, to the wrong guy. "Road rage" doesn't begin to describe what he's about to do to her and everyone she knows.

    Academy Award winner Russell Crowe stars in Unhinged, a psychological thriller that takes something we've all experienced- road rage - to an unpredictable and terrifying conclusion. Rachel (Caren Pistorius) is running late getting to work when she crosses paths with a stranger (Crowe) at a traffic light. Soon, Rachel finds herself and everyone she loves the target of a man who feels invisible and is looking to make one last mark upon the world by teaching her a series of deadly lessons. What follows is a dangerous game of cat and mouse that proves you never know who you're driving next to

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Se c’è qualcosa che deve andare storto, molto storto, non può essere in una giornata di sole. Così, prima ancora che il grande schermo si illumini, se ne sente già il rumore insistente: una pioggia battente che preannuncia Il giorno sbagliato del titolo italiano, mentre quello originale, inglese, Unhinged va subito al nocciolo della questione: ‘scardinato’, un aggettivo che definisce in una parola l’essenza dell’uomo protagonista. Un umano che di umanità non ha più nulla e che ormai, al punto in cui è giunto, non ha più nulla da perdere, perché dal baratro a cui si è affacciato non si intravede la luce in fondo al tunnel, solo il buio pesto del fine corsa. Un uomo di cui non è importante sapere neppure il nome perché si è trasformato in una forza bruta, ‘primigenia’, allo stato puro: una bestia feroce inferocita, uno tsunami in carne ed ossa che nessuno vorrebbe

    mai incontrare in vita sua. E ci si incuriosisce parecchio all’idea di come il regista Derrick Borte (regista americano di origine tedesca noto per la commedia dark The Joneses) e lo sceneggiatore Carl Ellsworth (Disturbia, L’ultima casa a sinistra) siano riusciti a convincere l’ex gladiatore Massimo Decimo Meridio - qui ora un monumentale e digrignante Russell Crowe ormai ridisegnato sulla stazza del Bud Spencer nostrano - a trasformarsi in una sorta di ‘squalo’, famelico di violenza, auto alimentata da psicotica frustrazione condita con impareggiabile sete di vendetta.

    Perciò ci suona per certi versi stridente definire Il giorno sbagliato solo come un thriller psicologico: a meno che non si ricorra all’horror per completare la dizione di genere. Thriller psicologico horror riassume più onestamente la linfa che anima questa storia da incubo, imparentata di fatto solo alla lontana con il mitico ‘giorno di ordinaria follia’ che ha visto protagonista uno straordinario Michael

    Douglas. Parentele che si estendono agli spielberghiani, ‘Duel’ sul registro dell’incalzante ‘tallonamento’ su strada, e Lo squalo appunto, cui si è ispirato lo stesso Crowe per il proprio personaggio, altrettanto “letale, imprevedibile, invisibile e memorabile”. Perché se i campi strettissimi abbondano su primi piani ‘fessura’, per così dire, in cui Crowe eccelle, dominando intimi scorci introspettivi ad alto impatto per intensità e linfa tensiva, l’orda di violenza non certo velata, semmai esibita senza troppi pudori, pretende un altrettanto degno contraltare sul campo, scivolando marcatamente sull’orrorifico.

    Come si preannuncia d’altra parte in quella sorta di ‘prologo’ all’inizio del film, quello che vediamo, è solo l’estremizzazione esemplare di un fenomeno a ben più ampio spettro: prologo di grande elegante formale peraltro, sul piano cinematografico, che passa per singolari split screen, sghembi o nobilitati da lenti speciali, per ottenere effetti visivi ‘metaforici’. E mentre i titoli di testa occhieggiano tra campi strettissimi, si fa

    perno su quell’unica parola del titolo originale - ‘scardinato’ - per mandare in onda un puzzle di cronaca ‘vera’ ricreata e commentata in voice over. Cronaca in cui, a vario titolo, in diverse situazioni e nei più svariati contesti, si documentano innumerevoli esempi in cui, per la verità, sono in molti a dar di matto e a farsi giustizia da sé. E’ proprio la voce fuori campo, mentre scorrono immagini raccapriccianti, a rilevare l’aumento esponenziale dei casi di persone mentalmente instabili, al punto da assumere le dimensioni di una vera epidemia nazionale. Una sorta di ‘scardinamento globale’ dunque, da cui si estrapola l’esemplare climax, radicato in fonti iconografiche tra le più iconiche, così come indicato dalla stessa produttrice:

    Ha fatto una scansione completa del personaggio e solo lui sarebbe potuto scendere così in profondità e creare un uomo credibile. Ti rendi conto che tutte le cose nella sua vita si

    sono impilate ma poi sono crollate, e così non puoi dare un giudizio bianco o nero. È minaccioso e imprevedibile, come Jack Nicholson in ‘Shining’, DeNiro in ‘Cape Fear – Il Promontorio della Paura’ o - il già citato n.d.r. - Michael Douglas in ‘Un Giorno di Ordinaria Follia’, tutti grandi attori in alcuni dei loro ruoli più memorabili”.

    Tutto gira comunque intorno alla furia dell’Uomo/Crowe che fa subito il suo ingresso poco dopo il prologo, facendo lo slalom tra una gragnola di elementi-simbolo, premonitori di oscure intenzioni: pioggia a catinelle; l’aria sospesa dell’uomo in silenzio come ‘rannicchiato’ nell’abitacolo dell’auto di sera; il fiammifero che accende e che lascia spegnere; l’atto di togliersi la giacca mentre esce sotto l’acqua, eccetera eccetera. Un’escalation visiva che equivale ad una presentazione ufficiale andando ad innescare la miccia della follia senza ritorno. Ecco, imbattersi in un energumeno come questo - che ha appena

    ‘risolto’ a modo suo tutti i suoi problemi personali, impilati uno sull’altro prima di farli esplodere in un lapidario colpo secco - incontrarlo in pieno traffico paralizzato sull’ingorgo, ed inveire contro di lui fermo al semaforo verde perché si è in ritardo, senza badare troppo ai convenevoli, ecco, questo può diventare un grosso problema: quel che si dice la mossa sbagliata contro la persona sbagliata in un giorno sbagliato. A fare l’irrimediabile errore è lei, la Rachel di Caren Pistorius, di cui facciamo una rapida conoscenza nella sua casa, specchio di una vita altrettanto incasinata: perennemente in ritardo, causa di divorzio in corso, figlio a carico, mentre condivide lo stesso tetto con il fratello e la sua ragazza, giacché la madre anziana, che vive altrove, mostra tutti i seri problemi che la senilità può riservare.

    L’incontro su strada tra i due, l’uomo di Crowe e la Rachel di Pistorius, è

    quel che si dice un incendio in progress che, dalla scintilla divampa ben presto in un qualcosa di inarrestabile e, soprattutto di irrecuperabile. Ma se è vero che la tensione c’è e non ci molla fino all’epilogo, se nel frattempo si cercano variabili sul registro della persecuzione, per generare una struttura narrativa e scenica plausibili ed accattivanti, è anche vero che l’elastico si tende a più non posso su una violenza reiterata che finisce per soffocare spesso la linfa introspettiva, lasciando campo libero all’azione giocata sul ‘gatto e topo’, laddove la logica cede il passo al paradosso, al servizio della spettacolarità insistita della finzione scenica ad effetto. Chissà poi come mai la polizia arrivi sempre a giochi fatti… come da copione!

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)












    trailer ufficiale:



    trailer ufficiale (V.O.):



    clip 'Dimmi che cosa vuoi':



    clip 'Sono qui con un tuo amico':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO de IL GIORNO SBAGLIATO

    Links:

    • Russell Crowe

    1 | 2

    Galleria Video:

    Il giorno sbagliato - trailer

    Il giorno sbagliato - trailer (versione originale) - Unhinged

    Il giorno sbagliato - clip 'Dimmi che cosa vuoi'

    Il giorno sbagliato - clip 'Sono qui con un tuo amico'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Dio salvi la Regina

    DIO SALVI LA REGINA

    «La storia di una donna che dichiara l’indipendenza della sua casa dallo Stato italiano» - .... [continua]

    Roubaix, una luce

    ROUBAIX, UNA LUCE

    New Entry - Dal Festival del Cinema di Cannes 2019 - VINCITORE del Premio .... [continua]

    Greenland

    GREENLAND

    Gerard Butler torna a lavorare con il regista Ric Roman Waugh, dopo il successo di .... [continua]

    The Secret - Le verità nascoste

    THE SECRET - LE VERITA' NASCOSTE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (30 Settembre 2020) - Nel thriller di Yuval Adler (Bethlehem, .... [continua]

    The Witches

    THE WITCHES

    Le streghe sono tornate e questa volta hanno una nuova Strega Suprema (Anne Hathaway). Nel .... [continua]

    Il giorno sbagliato

    IL GIORNO SBAGLIATO

    RECENSIONE - Un thriller psicologico per Russell Crowe - Dal 24 Settembre

    "'Il Giorno ....
    [continua]

    Balto e Togo - La leggenda

    BALTO E TOGO - LA LEGGENDA

    RECENSIONE - Dal 3 Settembre

    "Il percorso che abbiamo attraversato per creare 'Balto e ....
    [continua]