ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Forrest Gump

    FORREST GUMP

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Vincitore di [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Cannes 72. - Concorso - Tra i più attesi!!! - Dopo Django Unchained .... [continua]

    A Hidden Life

    A HIDDEN LIFE

    New Entry - Cannes 72. - Concorso - Terrence Malick, il regista più .... [continua]

    Juliet, Naked - Tutta un'altra musica

    JULIET, NAKED-TUTTA UN'ALTRA MUSICA

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2018 - Tratto dall'omonimo romanzo di Nick .... [continua]

    Sorry We Missed You

    SORRY WE MISSED YOU

    New Entry - 72. Cannes - Concorso

    "Dopo 'Io, Daniel Blake', mi ....
    [continua]

    I morti non muoiono

    I MORTI NON MUOIONO

    72. Cannes - Dal 13 Giugno .... [continua]

    The Lighthouse

    THE LIGHTHOUSE

    New Entry - Cannes 72. - Quinzaine des Réalizateurs .... [continua]

    Stanlio e Ollio

    STANLIO E OLLIO

    RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema (18 ottobre-28 ottobre 2018) - Selezione Ufficiale .... [continua]

    Ma cosa ci dice il cervello

    MA COSA CI DICE IL CERVELLO

    Ancora al cinema - Nuova commedia per la coppia, di vita e di lavoro, .... [continua]

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 24 Aprile

    "È stato ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Lo stagista inaspettato

    LO STAGISTA INASPETTATO: Chi ha detto che a 70 anni è troppo tardi per diventare stagisti? Una divertente commedia con l'icona di Hollywood ROBERT DE NIRO affiancata da ANNE HATHAWAY

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by GUY LODGE (www.variety.com) - Dal 15 OTTOBRE

    "Le relazioni sono il filo conduttore dei miei film, ma esistono altri tipi di relazioni oltre a quelle romantiche. Perciò quando ho avuto l’idea di un uomo anziano che torna al lavoro come stagista, ho realizzato che non sarebbe stata una storia d’amore nel senso tradizionale del termine; si sarebbe trattato di una storia sui legami e l’amicizia…tra due persone le cui strade altrimenti non si sarebbero mai incrociate... Penso che avere uno scopo ed essere apprezzato nella vita siano bisogni basilari come amare ed essere amati... Una società di commercio elettronico mi è parsa l’ambientazione più interessante e divertente dove mettere in scena lo scontro fra culture... Mentre le donne hanno intrapreso un percorso da ragazze a donne, gli uomini sono passati dall’essere uomini a ragazzi. Mentre alle ragazze veniva detto che potevano riuscire a fare qualunque cosa, credo che invece gli uomini si siano un po’ persi lungo la strada e stiano ancora cercando di capirne perché... L’amicizia che si forma gradualmente tra Ben e Jules è ciò che mi ha spinto a scrivere la sceneggiatura. La storia è incentrata sul loro rapporto personale".
    La regista, sceneggiatrice e co-produttrice Nancy Meyers

    (The Intern; USA 2015; Commedia; 121'; Produz.: Waverly Films; Distribuz.: Warner Bros. Pictures Italia)

    Locandina italiana Lo stagista inaspettato

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Lo stagista inaspettato

    Titolo in lingua originale: The Intern

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Nancy Meyers

    Sceneggiatura: Nancy Meyers

    Cast: Anne Hathaway (Jules Ostin)
    Robert De Niro (Ben Whittaker)
    Rene Russo (Fiona)
    Nat Wolff (Justin)
    Adam DeVine (Jason)
    Liz Celeste (Cliente)
    Linda Lavin
    Anders Holm (Matt)
    Drena De Niro (Direttrice dell'hotel)
    Andrew Rannells (Cameron)
    Wallis Currie-Wood (Kiera)
    Christine Evangelista (Mia)
    Christina Scherer (Becky Scott)
    JoJo Kushner (Paige Ostin)
    Zack Pearlman (Davis)
    Cast completo

    Musica: Theodore Shapiro

    Costumi: Jacqueline Oknaian

    Scenografia: Kristi Zea

    Fotografia: Stephen Goldblatt

    Montaggio: Robert Leighton

    Effetti Speciali: Fred Buchholz (coordinatore effetti speciali); Hameed Shaukat (supervisore effetti visivi)

    Makeup: Louise McCarthy (capo dipartimento makeup); Mandy Lyons (capo dipartimento acconciature)

    Casting: Tiffany Little Canfield, Laray Mayfield, Bernard Telsey e David Vaccari

    Scheda film aggiornata al: 18 Novembre 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Una società di moda assume uno stagista decisamente fuori dagli schemi: Ben Whittaker (Robert De Niro) un settantenne pensionato che ha scoperto che in fondo la pensione non è come immaginava e decide così di sfruttare la prima occasione utile per rimettersi in pista. Nonostante le diffidenze iniziali, Ben dimostrerà alla fondatrice della compagnia (Anne Hathaway) di essere una valida risorsa per l'azienda e tra i due nascerà un'inaspettata sintonia.

    SHORT SYNOPSIS:

    70-year-old widower Ben Whittaker has discovered that retirement isn't all it's cracked up to be. Seizing an opportunity to get back in the game, he becomes a senior intern at an online fashion site, founded and run by Jules Ostin

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    E' DI SCENA 'LA SQUISITA AGONIA DEL VIVERE GIORNO PER GIORNO', MA... NON SOLO CE LA POSSIAMO FARE, TUTTO ANDRA' MEGLIO PER TUTTI. IL PUNTO E': CHE NON C'E' NIENTE DI PIU' BELLO E APPAGANTE CHE SENTIRSI ANCORA NECESSARI NELLA TERZA ETA', NON SEMPRE DA 'ROTTAMARE'. PAROLA DI BEN (ROBERT DE NIRO), SOTTOSCRITTA DA JULES (ANNE HATHAWAY) E DA TUTTO LO STAFF AZIENDALE RIUNITO SU QUESTO PIACEVOLE SCORCIO DI CELLULOIDE DA NANCY MEYERS

    E' la sua voce fuori campo quella che sentirete per prima. Quella che, in un veloce giro di danza che cavalca l'ironia agrodolce, chiama in causa Freud con uno dei suoi tanti motti, per lo più inutili o comunque spesso molto simili all'invenzione dell'acqua calda: "Amore e lavoro, lavoro ed amore. Questo è tutto ciò che conta". Ecco la lapidaria pillola freudiana cui la voce fuori campo del nostro protagonista fa eco. Già, una bella pillola indorata,

    non c'è che dire. Peccato che sia destinata a morire sul nascere... di un'altra pillola, quella di una ben più autentica verità: 'Ma quando vai in pensione e l’amore della tua vita se ne è andato, dove andrai e cosa farai?' E voilà! Uno a zero per il nostro protagonista contro Freud.

    Ormai ci siamo abituati. Quello che non manca mai quando si tenta di riflettere su qualcosa è la voce fuori campo. Uno standard classico per dar corpo e anima ad una di quelle vocine interiori che, in punta di riflessione mossa dal personaggio protagonista sulla sua condizione, invitano lo spettatore a fare altrettanto. A farsi la stessa domanda e a darsi una risposta. E il personaggio protagonista in causa, come ventila il titolo del film The Intern (Lo stagista inaspettato) è Ben Whittaker, un vedovo settantenne in pensione che farebbe qualunque cosa pur di sentirsi di nuovo in pista,

    di relazionarsi con la gente, magari sull'onda di un obiettivo comune. Insomma. Ci risiamo. La vecchiaia incombe e la società tende a 'rottamare', tra le altre cose, anche l'umanità e le insospettabili capacità individuali delle persone, di cui non sa che farsene. Soprattutto in un'epoca in cui tutto scorre veloce - troppo, davvero troppo! - e per lo più sui tasti minimali di cellulari, tastiere di computer e lavori di nuova generazione come l'e-commerce, inventati sulla spuma della penuria di occupazioni, ma non di idee.

    Questioni spinose e alquanto serie che, com'è d'altra parte nelle corde della regista Nancy Meyers (E' complicato, L'amore non va in vacanza, Tutto può succedere), sono affrontate in The Intern (Lo stagista inaspettato) con tutto lo humour e la leggerezza che la commedia suggerisce. Giusto il genere in cui, soprattutto negli ultimi tempi, eccelle Robert De Niro, qui rappreso e contenuto, tanto quanto richiesto dal

    ruolo, cesellato a puntino in Ben, per incastonarsi alla perfezione in questo mosaico contemporaneo che svela a poco a poco il vero messaggio, ottimista e positivo, oltre ogni più rosea aspettativa: che una società contemporanea come la nostra, o, per meglio dire, quella più avanguardista americana newyorchese - la numero uno in fatto di reclutamento di forza lavoro tanto quanto di rapida rottamazione della stessa, e non solo perché giunta al pensionamento - si accorga e ammetta a se stessa che forse un pò di umanità, saggezza, esperienza e intelligenza, potrebbero anche arrivare ad arginare falle e danni generati dalle tutt'altro che infallibili tecnologie.

    Ben (Robert De Niro): "Una volta ho letto che i musicisti non vanno in pensione. Smettono quando si accorgono di non avere più musica da dare. Beh, io ho ancora della musica da dare. Ne sono assolutamente certo".

    Il potenziale di Ben/De Niro salta agli occhi dal video

    promozionale che invia alla 'About the Fit', il sito on line sul commercio di moda che offre un tirocinio da “senior”. Azienda in espansione supersonica diretta, manco a dirlo, nel modo frenetico che ben conosciamo sulle tabelle di marcia newyorchesi - indovinate un pò? - da Jules Ostin, alias Anne Hathaway, in un ruolo che flirta per tutto il tempo con l'acclamato Il diavolo veste Prada di David Frankel. Lo stesso che ha dato per l'appunto alla Hathaway (allora calata nelle vesti, prima sciatte poi griffate, di Andy Sachs) un clamoroso successo per la sua escalation attoriale. Adesso però, ne Lo stagista inaspettato, è lei, tradotta in Jules, a comparire come una piccola 'Miranda' di nuova generazione, dove la fretta per ricoprire tutte le mansioni e stare al passo con la crescita esponenziale dell'azienda è tale da renderle 'necessario' andare in bicicletta da una postazione all'altra, senza accorgersi - e

    come mai potrebbe? - che la sua assistente ha una laurea in economia ed è quotata per svolgere un lavoro di qualità. Per non dire di come si svolgono le cose nel privato: con a casa, la figlia piccola e il marito che ha lasciato una carriera di successo non appena è decollata la sua, per fare il padre casalingo, salvo poi sentirsi 'affettivamente' orfano e... inciampare sulla prima buccia di banana incontrata sul percorso di 'mammo' a tempo pieno.

    Ricordate ne Il diavolo veste Prada quando Stanley Tucci (Nigel) ricordava alla stessa Hathaway (Andy) che: 'nel momento in cui arriva una promozione sul lavoro ed inizi ad avere successo, significa che è l'ora di preparare le carte per il divorzio o che comunque la tua vita affettiva va in frantumi?!' Beh, questo era vero ne Il diavolo veste Prada tanto quanto è ancora vero ne Lo stagista inaspettato, ma... la

    Meyers ha l'ottimismo nel proprio DNA, e il suo mosaico balugina una luce positiva: proprio come la ricerca del Karma in una seduta di Yoga, o il ritrovato benessere in un massaggio shiatsu generosamente offerto dalla massaggiatrice aziendale Fiona (Rene Russo). Cavoli! Beati loro! L'America avrà anche un sacco di difetti - e come se li ha! - ma certo che, la 'massaggiatrice aziendale'... Ve lo immaginate in Italia? Qualcosa di simile alla fantascienza?! Bisognerebbe provare a chiederlo a Renzi! Scusate, mi sto lasciando contagiare dallo humour da commedia.

    Scherzi a parte, Lo stagista inaspettato, il Ben di De Niro, diventa la classica ciliegina su ogni torta che la 'pasticceria' sforna e fa scorrere sul nastro della vita. Una vita fatta di relazioni umane, assolutamente da recuperare, a imprescindibile supporto delle necessarie tecnologie. Da recuperare insieme a un po' di glamour tutto maschile dei gentleman di una volta: 'dove sono

    finiti gli uomini di un tempo alla Jack Nicholson ed Harrison Ford'? Si ironizza tra il serio e il faceto nel film! Ma tutto questo non era assolutamente inaspettato, anzi, era nel conto, e Robert De Niro con il suo Ben, non ha fatto altro che dimostrarlo, alla sua maniera. D'altra parte, non era la sorpresa che cercavamo!

    Secondo commento critico (a cura di GUY LODGE, www.variety.com)

    NANCY MEYERS' SMUG WORKPLACE FABLE NEEDS EVERY OUNCE OF ANNE HATHAWAY AND ROBERT DE NIRO'S COMBINED STAR QUALITY.

    Behind at least one successful woman stands an older, wiser man. That, at least, is the chief takeaway from “The Intern,” a perky generation-gap fable that sneaks some surprisingly conservative gender politics into its stainless new world of online startups and amply product-placed Macbooks. Starring Robert De Niro as the tirelessly benevolent retiree who becomes fashion entrepreneur Anne Hathaway’s unlikely guide to work-life equilibrium, this is smooth white-linen entertainment, unmistakably of a piece with the plush oeuvre of writer-director Nancy Meyers. Yet it takes all the leads’ considerable combined charm to forestall the aftertaste of the pic’s smug life lessons and near-comically blinkered worldview. Supplanting the romantic fizz of “It’s Complicated” and “Something’s Gotta Give” with scarf-deep social engagement may cost Meyers’ latest a little at the box office, but

    this “Intern” will still be reasonably well-paid by an under-served date-night crowd.

    “Love and work, work and love, that’s all there is,” intones 70-year-old widower Ben Whittaker (De Niro) in the film’s opening voiceover — vaguely quoting Freud, but pinpointing the extended concerns of Meyers’ screenplay with ruthless accuracy. (An hour later, one character will suggest changing the subject in a work-focused conversation. “Marriage?” another eagerly suggests. These are the options.) Marital stability and professional achievement are the two objectives by which “The Intern” defines its characters and narrative alike, at the expense of any deeper personal or cultural interests; when Ben tells a date that he can summarize himself in ten seconds, the script gives us little reason to doubt him.

    For Hathaway’s heavily burdened career woman Jules Ostin, on the other hand, even ten seconds of self-description is time she can ill afford to spare. The founder and president of

    About The Fit, a Brooklyn-based online couture retailer in the mold of Net-a-Porter, she’s a Type A micromanager who has trouble leaving even customer service calls in the hands of her eminently capable employees. When her patient deputy (Andrew Rannells) announces that she’s to be assigned an assistant via the company’s newly-introduced senior intern program, she takes it as a personal affront.

    Enter Ben, whose affability and helpfulness are as consistent as the square charcoal business suits he wears every day. After trying out a host of hobbies and adult education courses to stave off the loneliness of spouseless retirement, the former telephone-directory manufacturer (a pointedly analog career path) has come back around to the workplace: Tai chi classes are all very well, but can’t verily be classified as either work or love. Hoping for a new lease on life from the fiercely young, hip surrounds of About The Fit, he

    arrives with rolled-up sleeves and a can-do attitude — only to be brusquely ignored by Jules, more frazzled than ever following pressure from investors to hire a senior male CEO for the company.

    By this point, it can’t have escaped viewers’ attention that Meyers has fashioned “The Intern” as something of a generational backflip on “The Devil Wears Prada,” with the cannily cast Hathaway having graduated to the role of corporate fashion dragon. (She’s even permitted, in a witty touch, to toss her jacket at Ben in the blasé manner of Meryl Streep’s Miranda Priestley.) The difference, of course, is that Jules hasn’t quite Priestley’s time-hardened unflappability, while De Niro is no hapless naif a la Andie Sachs: The balance of authority between them is awkward from the get-go, as Jules complains that her well-seasoned intern is “too perceptive.”

    The turning point, as in “Prada,” is when home-work boundaries are crossed. Ben

    steps in for Jules’ personal chauffeur (her on-trend preference for cycling, cited in introductory scenes, is inexplicably forgotten), getting to know her young daughter Paige (JoJo Kushner) and affable stay-at-home husband Matt (deftly played by Anders Holm) in the process. Yet as Jules’ marriage, rather than any workplace dilemmas, becomes the focus of the drama, “The Intern’s” superficially 21st-century outlook on age and gender takes on a more regressively paternalistic slant. Jules asserts that she can have it all, but she requires an awful lot of mentoring from Ben — whose professional and marital history is, at least as he tells it, wholly unblemished — to get to that point. There’s not a lot of inter-generational exchange here, as Ben arrives in the narrative with little to learn; beyond helping him set up a Facebook page, Jules doesn’t get to impart much perspective of her own.

    Before long, Ben’s even monitoring

    her drinking with raised eyebrows: She may come to call him her “best friend” (largely because there’s scant evidence of any others), but the subtext is that it’s hard for a woman in her position to find support among her own. Certainly, the film’s other female characters do little for its feminist credentials: Jules’ fellow kindergarten moms are characterized as spiteful housewives, while her mother (heard, never seen) is a passive-aggressive needler. The great Celia Weston is egregiously wasted as a dippy elder intern, while as the frisky office masseuse — this is a Nancy Meyers film, after all — who embarks on a staid courtship with Ben, fellow “oldie-but-goodie” Rene Russo has little to do but twinkle kindly from the sidelines. (She’s over a decade younger than De Niro, but “oldie” status comes early in this world.)

    If older women get short shrift, then, their male counterparts are praised to

    the skies. Hathaway even gets to deliver a wince-worthy sermon to Jules’ cardigan-wearing twentysomething male employees — themselves equally in thrall to Ben — bemoaning the decline of masculinity and decorum in modern men. Jack Nicholson and Harrison Ford (not to mention, by implication, De Niro himself), by contrast, are held up as superior role models of “cool.” This is pretty retrograde stuff, and hardly plausible coming from Jules given her own husband’s enlightened decision to give up his career for hers — not exactly a maneuver from the Jack Nicholson playbook.

    At least there’s a genuine crackle of chemistry between Hathaway and De Niro to sell us on their characters’ mutual appreciation: Both actors can perform this kind of personality-led comedy on cue, but also tease out unscripted hints of inner conflict when so inclined. Hathaway does particularly well in a role that frequently draws direct attention to its own

    unlikeability: Both the steelier and more genial sides of the actress’s signature class-captain charisma play persuasively into her business persona.

    Meyers’ detractors often cite her films’ narrow focus on a moneyed sliver of society, and true to form, the story world in “The Intern” could hardly be more homogeneous: For a film set predominantly in Brooklyn, the racial uniformity of the ensemble is regrettably striking. (Ben admits early on that he took Mandarin classes for a stretch; in Meyers’ vision of the Big Apple, it’s hard to imagine what use he might have for them.) Though the pic is brightly shot by Stephen Goldblatt and scored with chipper deodorant-ad zeal by Theodore Shapiro, it’s Kristi Zea’s impeccable production design that again proves the most defining technical element of Meyers’ filmmaking. From the sharp white corners of About The Fit’s warehouse-conversion offices to the ivory calico textures of Jules’ gorgeously refurbished brownstone,

    all “The Intern’s” interiors radiate a most exclusive kind of expense.

    Perle di sceneggiatura

    Ben (ROBERT DE NIRO): "Una volta ho letto che i musicisti non vanno in pensione. Smettono quando si accorgono di non avere più musica da dare. Beh, io ho ancora della musica da dare. Ne sono assolutamente certo".

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Warner Bros. Pictures Italia, Silvia Saba (SwService) e Mugno Egle (Ufficio Stampa Warner Bros. Pictures Italia)

    Pressbook:

    PRESSBOOK Completo in ITALIANO de LO STAGISTA INASPETTATO

    Links:

    • Nancy Meyers (Regista)

    • Robert De Niro

    • Anne Hathaway

    • Rene Russo

    • Adam DeVine

    Altri Links:

    - Sito ufficiale

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Lo stagista inaspettato - trailer 2

    Lo stagista inaspettato - trailer

    Lo stagista inaspettato - trailer (versione originale) - The Intern

    Lo stagista inaspettato - clip 'Becky'

    Lo stagista inaspettato - clip 'Ben'

    Lo stagista inaspettato - clip 'Te lo ricordi vero?'

    Lo stagista inaspettato - featurette 'L'esperienza non invecchia mai' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Dolor Y Gloria

    DOLOR Y GLORIA

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Cannes 2019 - Concorso: VINCITORE della .... [continua]

    John Wick 3 - Parabellum

    JOHN WICK 3 - PARABELLUM

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 16 Maggio

    Si vis pacem, para bellum (Se vuoi ....
    [continua]

    Attenti a quelle due

    ATTENTI A QUELLE DUE

    Anne Hathaway e la 'strabordante' Rebel Wilson (Pitch Perfect, Le amiche della sposa, Single ma .... [continua]

    Pokémon Detective Pikachu

    POKÉMON DETECTIVE PIKACHU

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 9 Maggio

    "Sono davvero nervoso, voglio che sia fatto ....
    [continua]

    Pet Sematary

    PET SEMATARY

    RECENSIONE - Il ritorno al cinema di Stephen King - Dal 9 Maggio .... [continua]

    Red Joan

    RED JOAN

    RECENSIONE - 40 anni sotto copertura. Ha tradito per cambiare il nostro destino. Un’incredibile storia .... [continua]

    I fratelli Sisters

    I FRATELLI SISTERS

    RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'argento - Miglior regia alla 75. Mostra del .... [continua]