ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il cattivo poeta

    IL CATTIVO POETA

    New Entry - Sergio Castellitto veste i panni di Gabriele D'Annunzio per l'esordiente alla .... [continua]

    Bansky-L'Arte della ribellione

    BANSKY-L'ARTE DELLA RIBELLIONE

    Storia di Banksy, dalle origini in una sottocultura criminale fino alla sua ascesa come leader .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - VINCITORE di 3 Premi: 'Miglior Film'; 'Miglior Regia' (Chloé Zhao), 'Miglior .... [continua]

    Crudelia

    CRUDELIA

    New Entry - Craig Gillespie dirige Emma Stone nei panni di una giovane Crudelia .... [continua]

    The Tragedy of Macbeth

    THE TRAGEDY OF MACBETH

    New Entry - Il nuovo film di Joel Coen con Frances McDormand e Denzel .... [continua]

    The Night House - La casa oscura

    THE NIGHT HOUSE - LA CASA OSCURA

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2020 in prima mondiale - Rebecca .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    New Entry - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Another Round Remake

    ANOTHER ROUND REMAKE

    New Entry - Leonardo DiCaprio acquisisce i diritti per il remake americano dell'originale danese .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Ithaca - L'attesa di un ritorno

    ITHACA - L'ATTESA DI UN RITORNO: IL DEBUTTO ALLA REGIA DI MEG RYAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - In Home Video Italia 2017

    1942 - San Joaquin Valley in California, Ithaca. Il quattordicenne Homer Macauley (Alex Neustaedter) è determinato a diventare il migliore e il più veloce messaggero del telegrafo in bicicletta che nessuno abbia mai visto. Suo fratello maggiore è andato in guerra, lasciando a Homer il compito di accudire la madre vedova, la sorella maggiore e il fratellino di 4 anni. Mentre la primavera si trasforma nell'estate, Homer recapita messaggi d'amore, speranza, dolore e di morte alle brave persone di Ithaca. Ma un giorno Homer si troverà ad avere a che fare con un messaggio che lo cambierà per sempre.

    (Ithaca; USA 2015; Drammatico; 96'; Produz.: Playtone; Distribuz.: Eagle Pictures)

    Locandina italiana Ithaca - L'attesa di un ritorno

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Ithaca - L'attesa di un ritorno

    Titolo in lingua originale: Ithaca

    Anno di produzione: 2015

    Anno di uscita: 2017

    Regia: Meg Ryan

    Sceneggiatura: Erik Jendresen

    Soggetto: Dal romanzo The Human Comedy di William Saroyan (in Italia La commedia umana, edito da Marcos Y Marcos)

    PRELIMINARIA - trama del libro:

    Homer è un ragazzino di quattordici anni pieno di entusiasmo. La famiglia Macauley, da cui proviene, è modesta: il babbo è morto e il fratello maggiore è partito per la Seconda guerra mondiale; eppure tutti si dedicano con energia a quel che va fatto: la mamma alle galline come all'arpa, la sorella agli studi e al pianoforte, e Ulysses è il fratellino più curioso del mondo. Homer, che di giorno frequenta il liceo, la sera si tuffa in bicicletta alla volta dell'ufficio del telegrafo, dove lavora come portalettere. Pochi giorni, e già si rivela come il messaggero più veloce della West-Coast. Entra così nel mondo degli adulti: il suo segreto è prendere sul serio le cose e i sogni per diventare qualcuno, anzi, capire di esserlo già.

    Cast: Tom Hanks (Mr. Macauley)
    Meg Ryan (Mrs. Macauley)
    Sam Shepard (Willie Grogan)
    Jack Quaid (Marcus Macauley)
    Alex Neustaedter (Homer Macauley)
    Hamish Linklater (Tom Spangler)
    Gabriel Basso (Tobey George)
    Scott Shepherd (Corbett)
    Molly Gordon (Mary Arena)
    Christine Nelson (Bess Macauley)
    Spencer Howell (Ulysses Macauley)

    Musica: John Mellencamp

    Costumi: Amy Andrews

    Scenografia: Stephanie Carroll

    Fotografia: Andrew Dunn

    Montaggio: John F. Lyons

    Makeup: Ashley Fetterman (direzione); Rhonda Bareford e Katie Middleton

    Casting: Tiffany Little Canfield e Bernard Telsey

    Scheda film aggiornata al: 19 Aprile 2021

    Sinossi:

    In breve:

    La storia è ambientata in una piccola cittadina della San Joaquin Valley in California, Ithaca, nel 1942. Il quattordicenne Homer Macauley (Alex Neustaedter) è determinato a diventare il migliore e il più veloce messaggero del telegrafo in bicicletta che nessuno abbia mai visto. Suo fratello maggiore è andato in guerra, lasciando a Homer il compito di accudire la madre vedova, la sorella maggiore e il fratellino di 4 anni. Mentre la primavera si trasforma nell'estate, Homer recapita messaggi d'amore, speranza, dolore e di morte alle brave persone di Ithaca. Ma un giorno Homer si troverà ad avere a che fare con un messaggio che lo cambierà per sempre.

    Synopsis:

    In a small town in California's San Joaquin Valley, 14-year-old Homer Macauley is determined to be the best and fastest bicycle telegraph messenger anyone has ever seen. His older brother ...

    In a small town in California's San Joaquin Valley, 14-year-old Homer Macauley is determined to be the best and fastest bicycle telegraph messenger anyone has ever seen. His older brother has gone to war, leaving Homer to look after his widowed mother, his older sister and his 4-year-old brother, Ulysses. And so it is that as spring turns to summer, 1942, Homer Macauley delivers messages of love, hope, pain... and death... to the good people of Ithaca. And Homer Macauley will grapple with one message that will change him forever - from a boy into a man. Based on Pulitzer Prize-winning author William Saroyan's 1943 novel, The Human Comedy, ITHACA is the quintessential wartime tale of the Home Front. It is a coming-of-age story about the exuberance of youth, the sweetness of life, the sting of death and the modesty and sheer goodness that lives in each and every one of us.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Postino una volta, postino per sempre

    Se era già molto bello il romanzo di William Saroyan La commedia umana, il film derivato Ithaca, non solo non lo ha mai tradito ma ne ha colto il respiro nel senso più profondo del termine. Sembra di esserci in quella piccola cittadina della San Joaquin Valley in California, Ithaca, nel 1942, ricreata da una fotografia crepuscolare e patinata, improntata su chiaroscuri intensi, in modo del tutto naturale. Fotografia che sa farsi atmosfera reale di quei momenti drammatici vissuti in un silenzio doloroso. Tempi di arruolamenti, di lettere all’indirizzo di affetti sopravvissuti non si sa per quanto, di attese sature di respiri trattenuti, di dialoghi scarni, fatti di poche parole e quasi sospirate, come se si temesse di rompere il cristallo di una sfera che sembra saper porre solo domande, negando le agognate risposte. Tempi di una solidarietà fraterna inimmaginabile oggi: quando ancora un gesto,

    una parola, uno sguardo faceva la differenza e sapeva dare conforto. E’ il piccolo grande miracolo ottenuto con Ithaca da una di quelle regie che proprio non ti aspetteresti. Non almeno per un film di questo genere! E questa regia reca la firma di una Meg Ryan che, varcata la soglia della recitazione, della commedia o del dramedy, si rivela qui straordinariamente matura e sensibile nel trasporre sul grande schermo una vera e propria perla narrativa. Perla così intimista da affidarsi alla soggettiva di un quattordicenne sbocciato prematuramente in adulto nel giro di una sola settimana. E questo quattordicenne è l’Homer Macauley di Alex Neustaedter (un volto per il cinema), l’uomo di casa dopo la morte del padre (il Mr. Macauley di Tom Hanks) e la partenza per il fronte del fratello Marcus (Jack Quaid). Una casa affollata, malgrado tutto, condivisa dalla vedova Kathy (la stessa Meg Ryan), la sorella

    Bess sempre insieme all’amica Mary fidanzata di Marcus e il piccoletto Ulisse di soli 4 anni.

    E’ il primo rumore che sentiamo in sottofondo, ed è giusto così, perché quell’insistito ticchettio del telegrafo in azione nell’ufficio postale locale, per Homer, la sua famiglia sfrondata, e per gli abitanti di Ithaca, diventa semplicemente l’ombelico del mondo. E quei telegrammi che arrivano e che partono, sono spicchi di vita che vengono e vanno, così come le speranze, così come le attese, così come la vita stessa. Il sottotitolo del film Ithaca-L’attesa di un ritorno dunque, centra l’obiettivo, essendo di fatto, l’epicentro dell’intera storia. A cominciare dal momento in cui Homer va a chiedere lavoro come portalettere, con l’ambizione di diventare il più veloce ed efficiente, barando sull’età: è difatti due anni più giovane di quanto richiesto, ma viene ugualmente accolto come una manna dal cielo e non avranno da pentirsene. In quell’ufficio

    postale ci sono persone nobili d’animo come il Willie Grogan di Sam Shepard (superlativo), ormai prossimo ad una pensione non desiderata, e il più giovane Tom Spangler (Hamish Linklater). Qui Homer/Neustaedter è, quel che si dice, una ventata di freschezza, shakerata con aspettative ben più rosee di quanto la realtà delle cose e il destino non siano disposti a riservargli. Una tessitura umana da cui la regia riesce a filtrare, in modo delicato eppur intenso, la domanda delle domande: perché? Malgrado la sua giovane età, grazie anche alle lettere del fratello Marcus - per lo più in voce fuori campo che si fa riflessione collettiva sulla guerra e sul senso di quello che in simili circostanze deve essere comunque fatto - Homer cerca uno scopo autentico al suo sacrificio quotidiano e al mancato arruolamento: lo trova nell’amore incondizionato per la famiglia. Homer vuole sentirsi utile ma è più complicato di

    quel che poteva immaginare.

    Mentre riserva per se stessa nel ruolo di madre una presenza sul campo minimalista, Meg Ryan regista fa un gran bel lavoro di cesello mostrando pure un ottimo senso della misura: non si attarda mai su nessun momento più del necessario e predilige il primo piano della sfumatura di un silenzio, di un volto pensante in penombra, di una visione, di un ricordo, o di uno scherzo della memoria che riesce a sublimare in modo lirico, mai melenso, piuttosto netto, pulito. E’ il caso del cameo di Tom Hanks (il capofamiglia deceduto), intenso e superbo nel suo silenzio, ammiccante un monito all'indirizzo della moglie, la cui sofferenza resta tutta interiore. Non vi sono esternazioni melodrammatiche. Non c’è spazio qui. Mai. Ci sono semmai esternazioni veraci, come il vomito di Homer alla consegna del suo primo telegramma o, in un successivo momento di smarrimento, una reazione che ci

    è consentito di intravedere solo riflessa sul vetro di un quadro. Una reazione rappresa, raccolta da una macchina da presa che ha scelto di catturare sensazioni, emozioni, pensieri, seguendo la linea guida di una raffinata sottrazione, concedendosi solo occhiate fugaci, magari ad un’infanzia senza pretese, riunita nei cortili e bastante a se stessa. Ne esce un affresco asciutto e carico di grandi sentimenti che nulla hanno a che vedere con i sentimentalismi. Sentimenti speculari a gesti che oggi come oggi ci fanno sentire così piccoli e meschini mentre ci si lamenta per mancanze risibili. Così, cavalcando una bicicletta, armato di tutto l'ardore di gioventù, Homer si vede costretto ad inchinarsi al giogo di una vita ingiusta e crudele, che impone di diventare grandi più in fretta del previsto. E non ci sono deroghe. Ma ci si deve comunque rialzare e andare avanti. In che modo è un’altra storia, un fatto

    personale da cui la macchina da presa di Meg Ryan sa come prendere le distanze: defilandosi dolcemente, mentre guadagna un campo lungo carico di tutta la discrezione e il rispetto necessari.

    Va tutto bene Homer, stai solo guardando il mondo da adulto per la prima volta

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)







    trailer ufficiale (V.O.):

    Perle di sceneggiatura

    Il barista: "Non credevo che l'avrei fatto di nuovo. La guerra è dentro di noi, è dentro di me, è quello che siamo, fino alla fine"

    Marcus (in una tra le varie lettere indirizzate al fratello Homer): "Cerca di ricordare che nessuno è separato dall'altro, lui è noi e noi siamo lui"

    Homer: "Se mio fratello sarà ucciso da questa guerra sputerò sul mondo, sarò il più cattivo..."

    Tom Sprangler a Homer: "Prova semplicemente a pensare che la parte migliore di una brava persona resta, resta per sempre"

    Links:

    • Meg Ryan (Regista)

    • Meg Ryan

    • Tom Hanks

    • Sam Shepard

    • Gabriel Basso

    • Jack Quaid

    • Alex Neustaedter

    • Ithaca - L'attesa di un ritorno (DVD)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Ithaca-L'attesa di un ritorno - trailer (versione originale) - Ithaca

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La donna alla finestra

    LA DONNA ALLA FINESTRA

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 14 Maggio in streaming

    Anna ....
    [continua]

    Il concorso

    IL CONCORSO

    RECENSIONE - Keira Knightley e Gugu Mbatha-Raw protagoniste del film leggero e vivace di Philippa .... [continua]

    Volevo nascondermi

    VOLEVO NASCONDERMI

    Di nuovo al cinema dal 13 Maggio - VINCITORE di 7 David di Donatello .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021 - VINCITORE di 2 Premi: al 'Miglior Attore' .... [continua]

    Rifkin's Festival

    RIFKIN'S FESTIVAL

    RECENSIONE - Woody Allen torna a mettere le mani in pasta su riflessioni esistenziali di .... [continua]

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del Premio al 'Miglior Film Internazionale' (dedicato .... [continua]

    Fino all'ultimo indizio

    FINO ALL'ULTIMO INDIZIO

    RECENSIONE - Golden Globe 2021 - 1 Nomination al 'Migliore Attore Non Protagonista' in .... [continua]