ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il fuggitivo

    Corre il TRENTENNALE di un classico intramontabile, con Harrison Ford, Tommy Lee Jones & Co. ..

    C'é ancora domani

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Dalla 18. Festa del Cinema di Roma (18-29 ..

    Inside

    Ancora inedito per il cinema italiano - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dalla Berlinale 2023 in ..

    Wish

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 21 Dicembre ..

    Il regno del pianeta delle scimmie

    New Entry - Il regista Wes Ball (trilogia di Maze Runner) dà vita ad un ..

    Nyad - Oltre l'oceano

    RECENSIONE - Annette Bening interpreta la nuotatrice Diana Nyad, protagonista di un'impresa incredibile realmente vissuta ..

    Barbie

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Nel live-action basato sulla famosa linea di giocattoli ..

    Home Page > Movies & DVD > Adaline - L'eterna giovinezza

    ADALINE - L'ETERNA GIOVINEZZA: UN INCIDENTE PER MORIRE, UN FULMINE PER RESUSCITARE. SOLA E IMMORTALE, L'ADALINE DI BLAKE LIVELY SCOPRIRA' COME PER AMORE SI POSSA DESIDERARE DI INVECCHIARE E MORIRE DI NUOVO. NEL CAST ANCHE HARRISON FORD ED ELLEN BURSTYN

    N¬į 2 al Sondaggio 'CelluloidPortraits' ex aequo con 'Birdman' e 'Cenerentola' - THE BEST OF 'CINEMA SOTTO LE STELLE' (Cinema all'aperto - Estate 2015) - RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by JUSTIN CHANG (www.variety.com) - Dal 23 APRILE

    ‚ÄúLa sceneggiatura mi ha colpito subito. √ą una bellissima storia, di quelle che si vedono raramente. √ą un film che parla d‚Äôamore, e fa capire perch√© sia giusto e importante invecchiare e, in fondo, morire. Senza questo, la stessa la vita perde tutto il suo senso"
    Il produttore Tom Rosenberg

    "Possiamo dire che appartiene alla categoria del realismo magico"
    Il produttore Gary Lucchesi

    "Il tema di fondo della storia è veramente affascinante; la storia di una donna che, a causa di un incidente, resta imprigionata in una non-età. L’unica persona a conoscere il suo segreto è la figlia, che ormai è alla soglia degli 80 anni. L’incontro con un giovane uomo, a differenza delle altre persone incontrate nella sua vita, riesce a farla riemergere da un’esistenza condotta quasi totalmente in solitudine. Non avevo mai letto nulla, prima d’ora, che raccontasse che invecchiare è bello. Il mondo in cui viviamo è ebbro di giovinezza e vanità. Questa mi è sembrata un’idea molto particolare, invece"
    Il regista Lee Toland Krieger

    (The Age of Adaline; USA 2014; Commedia romantica; 109'; Produz.: Lakeshore Entertainment/Sidney Kimmel Entertainment/Sierra-Affinity; Distribuz.: Eagle Pictures)

    Locandina italiana Adaline - L'eterna giovinezza

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS

    Titolo in italiano: Adaline - L'eterna giovinezza

    Titolo in lingua originale: The Age of Adaline

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Lee Toland Krieger

    Sceneggiatura: J. Mills Goodloe e Salvador Paskowitz

    Soggetto: Il film sarà incentrato su Adaline, una giovane madre che resta uccisa in un incidente d’auto. La donna viene miracolosamente resuscitata da un fulmine, che la rende immortale impedendo al suo corpo di invecchiare. Dopo lunghi anni trascorsi in solitudine, Adaline incontrerà un uomo per il quale può valere la pena perdere la propria immortalità per diventare vecchi insieme.

    Cast: Harrison Ford (William Jones)
    Blake Lively (Adaline Bowman)
    Michiel Huisman (Ellis Jones)
    Amanda Crew (Kiki)
    Ellen Burstyn (Flemming)
    Richard Harmon (Tony)
    Kathy Baker (Kathy Jones)
    Mark Ghanimé (Caleb)
    Lynda Boyd (Regan)
    Anjali Jay (Cora)
    Chris William Martin (Dale Davenport)
    Barclay Hope (Stanley Chesterfield)
    Peter J. Gray (Clarence James Prescott)
    Lane Edwards (Dr. Larry Levyne)
    Serge Houde (Buon Samaritano)
    Cast completo

    Musica: Rob Simonsen

    Costumi: Angus Strathie

    Scenografia: Claude Paré

    Fotografia: David Lanzenberg

    Montaggio: Melissa Kent

    Effetti Speciali: James McQuaide (supervisore effetti visivi)

    Makeup: Monica Huppert (capo dipartimento makeup)

    Casting: Deborah Aquila, Heike Brandstatter, Coreen Mayrs, Tricia Wood e Lisa Zagoria

    Scheda film aggiornata al: 04 Settembre 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Adaline (Blake Lively), nasce nel 1908 e smette di invecchiare all'et√† di 29 anni, dopo un misterioso incidente d'auto. Condannata ad essere eternamente giovane, la protagonista, interpretata dalla seducente Blake Lively, (star di Hollywood e icona della moda mondiale) attraversa tutto il ‚Äė900, vivendo in prima persona l‚Äôevoluzione delle mode e dello stile di vita delle varie decadi.

    Dopo anni di vita solitaria, incontra un uomo per cui forse vale la pena perdere la propria immortalità.

    IN DETTAGLIO:

    Nata intorno all‚Äôinizio del ventesimo secolo, Adaline Bowman [Blake Lively] non avrebbe mai pensato di poter essere ancora viva nel ventunesimo; ma un momento magico della sua vita la salva dalla morte e le regala l‚Äôeterna giovinezza. Cos√¨, a 29 anni, Adaline smette di invecchiare e comincia un‚Äôavventura unica, che mai essere umano ha vissuto. Questo destino incredibile le consente di vivere, per molti decenni, la storia delle trasformazioni del mondo, che fanno da sfondo alle sue vicende personali e sentimentali: dalle due Guerre Mondiali alle lotte degli anni ‚Äô60 per la libert√†, fino ai nostri eventi pi√Ļ recenti. Nascondendo abilmente il proprio segreto a tutti, tranne alla propria figlia, Adaline riesce a vivere con delicatezza e riserbo la sua vita, finch√© un giorno la donna incontra l‚Äôaffascinante e carismatico filantropo Ellis Jones [Michiel Huisman] che riaccende il lei la passione per la vita e per l‚Äôamore. Dopo un weekend con i genitori di lui [Harrison Ford and Kathy Baker], che rischia di portare alla luce l‚Äôincredibile verit√†, Adaline prende una decisione che cambier√† per sempre la sua vita.

    SYNOPSIS:

    A young woman, born at the turn of 20th century, is rendered ageless after an accident. After years of a solitary life, she meets a man who might be worth losing her immortality.

    After miraculously remaining 29 years old for almost eight decades, Adaline Bowman has lived a solitary existence, never allowing herself to get close to anyone who might reveal her secret. But a chance encounter with charismatic philanthropist Ellis Jones reignites her passion for life and romance. When a weekend with his parents threatens to uncover the truth, Adaline makes a decision that will change her life forever.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Il 'realismo magico' √® la sua cornice ideale. Quel genere di poetica che si trova a met√† strada, per cos√¨ dire, tra l'elemento magico, surrealista e la rappresentazione realistica. Suona simbolico il fatto che il termine ‚Äúrealismo magico‚ÄĚ sia stato coniato per la prima volta dal critico tedesco Franz Roh negli anni ‚Äô20 per designare il realismo insolito del movimento pittorico post-espressionista tedesco. Gli anni Venti rientrano difatti nel corollario temporale che abbraccia l'insolita parabola vitale di 107 anni in una donna che non pu√≤ invecchiare e che conserva dunque l'aspetto giovanile fermo all'et√† di 29 anni. Galeotto un incidente d'auto mortale e un fulmine che la riporta in vita 'geneticamente modificata', per cos√¨ dire. L'idea dell'eterna giovinezza, in un modo o in un altro, era gi√† venuta in mente allo scrittore e sceneggiatore Sci-Fi Charles Beaumont, tradotta poi sulla celluloide nella Serie 'Ai Confini della realt√†' da Anton Leader

    in Long Live Walter Jameson (Lunga vita a Walter Jameson, 1960). Anche in questo caso le foto confermano il sospetto e tradiscono l'identit√† nascosta dal protagonista. E che dire de Il miglio verde che Frank Darabont ha raccolto dalle pagine di Stephen King? Un affascinante caso cinematografico di 'realismo magico'. L'idea per altri versi era maturata poi con Il curioso caso di Benjamin Button di David Fincher, apportando peraltro riflessioni pi√Ļ profonde e argomentazioni altre sul processo inverso di una vita che dalla vecchiaia raggiunge la giovinezza.

    Chi torna oggi sull'argomento è invece il giovane regista Lee Toland Krieger (The Vicious Kind e Separati innamorati), con Adaline - L'eterna giovinezza, un'esperienza cinematografica non certo all'altezza dei precedenti, davvero carichi di un attraente glamour 'magico'. Il suo tratteggio 'acerbo' dipinge una favola romantica d'altri tempi, una sorta di feuilleton, di 'cover magazine' patinata che si gloria della ghiotta occasione per far

    sfoggio di tutto il 'trucco e parrucco' che l'attraversamento delle varie epoche consente, lasciando quel necessario fil rouge tra loro perchè tutto si possa plausibilmente ricondurre all'unica immutabile persona protagonista. Anche se protagonista assoluta sulla carta non equivale automaticamente a star che buca lo schermo. Mi dispiace dirlo, ed è un'opinione del tutto personale, s'intende bene, ma Blake Lively, non è, per così dire, esattamente il tipo di attrice dal potere magnetico insostituibile. Ci sono personaggi per i quali non riusciamo a vedere alternative migliori degli interpreti scelti a rappresentarli. Beh, non è il caso di Blake Lively, qui tradotta in Adeline, personaggio dallo stesso sapore asprigno, acerbo, della regia. Sarà dunque per questo che la sua Adeline non ci travolge, non sconvolge emotivamente, non appassiona: perchè si nutre solo di una buona tecnica, un bell'aspetto, e un intrigante soggetto del quale la regia ha d'altra parte preferito rinnegare l'intrinseca

    natura Sci-Fi a vantaggio del racconto di marca novellistica.

    Il tratto marcatamente favolistico √® voluto, naturalmente. La prima voce ad entrare in scena √® difatti quella fuori campo che introduce il personaggio gi√† palesando l'intento di precisarne i tratti insoliti. E ben presto ci si accorge che quasi fosse una radiocronaca, quella voce suadente e insistente, si insinua di continuo nella narrazione, traducendosi in una sorta di presenza pedante, fermamente decisa a spiegare a parole e nei dettagli quel che avrebbero potuto e dovuto fare le immagini. E' forse anche per questo se Adeline traspira tutta la levit√† di una 'soup opera' invece di risultare un appassionato viaggio nel tempo. Una romanza per lo pi√Ļ monocorde in cui si intrecciano varie storie d'amore: tra madre e figlia; tra la donna condannata alla solitudine, costretta a continui trasferimenti, e tutti i cani che ha potuto contenere oltre un secolo di vita

    - l'unica sequenza davvero commovente in tutto il film è quella con il cane dal veterinario - e ancora, tra la donna e un uomo, un grande amore del passato, lasciato volutamente per strada, sull'onda della perenne fuga a causa della sua anomala condizione, e un grande amore del presente che, come vedremo, dopo varie peripezie e una spruzzata di magico surrealismo, sarà in grado di cambiarle la vita. L'onore e l'onere di innescare questo cambiamento spettano all'altro giovane interprete, Michiel Huisman, sulla scena Ellis, il figlio di William/Ford, che si sforza in ogni modo, con barlumi di tiepido umorismo, di rendere interessante una relazione altalenante su molti tempi vuoti e tediosi.

    Ad altri personaggi satellite, che ruotano attorno al pianeta Adeline, sono consentiti camei allargati di ben poco spessore: Ellen Burstyn, nei panni della figlia di Adeline, serve quel tanto che basta a sottolineare lo stridente contrasto del suo

    naturale invecchiamento di contro all'immutabile giovinezza della madre Adeline, mentre Harrison Ford nelle vesti di William Jones, il padre del nuovo innamorato di Adeline, per l'appunto suo figlio, recupera il suo spazio pretendendo primissimi piani a raffica, cercando di tornire da solo in altorilievo un ruolo di per s√® pensato come 'stiacciato', risibile sul piano della sceneggiatura, soprattutto nelle scialbate e imbarazzanti dinamiche matrimoniali con la consorte (Kathy Baker). Davvero curiosa √® invece la somiglianza di Anthony Ingruber, l'attore scelto per rappresentare William Jones da giovane, con Harrison Ford nei suoi anni pi√Ļ verdi. E Ingruber ci gioca sopra imitandone persino il fatidico sorrisetto sbieco. Ma a conferma del fatto di quanto i ruoli satellite siano considerati di serie B in Adeline e mal tratteggiati sulla carta, √® che non facciamo in tempo a farcene un'idea prima che li vediamo scomparire nel nulla. E non certo per magia. Il

    che lascia interdetti sul piano di questioni lasciate in sospeso o liquidate in fretta e furia con nonchalance. Non per tutto però. Anche quando l'immagine avrà già espresso con un semplice segno quel che c'era di importante da segnalare, ecco che la voce fuori campo tornerà protagonista, sgomitando tra gli ultimi brandelli di celluloide. E per che cosa? Per dire, con arrogante ridondanza, quel che era già stato ampiamente detto.

    Secondo commento critico (a cura di JUSTIN CHANG, www.variety.com)

    BLAKE LIVELY'S SUBTLE, EXPRESSIVE PERFORMANCE SETS THE TONE FOR THIS THOROUGHLY LUDICROUS, THOROUGHLY ENJOYABLE ROMANTIC DRAMA

    Daisy Miller meets Dorian Gray ‚ÄĒ or perhaps ‚ÄúThe Curious Case of Benjamin Button‚ÄĚ meets Nicholas Sparks ‚ÄĒ in ‚ÄúThe Age of Adaline,‚ÄĚ a sensitively directed slab of romantic hokum that wrings an impressive amount of emotional conviction from a thoroughly ludicrous premise. A dab hand at invigorating conventional material with storytelling smarts and strong performances (‚ÄúCeleste & Jesse Forever,‚ÄĚ ‚ÄúThe Vicious Kind‚ÄĚ), helmer Lee Toland Krieger elicits a moving central turn from Blake Lively as a woman for whom eternal youth turns out to be a decidedly mixed blessing ‚ÄĒ one that plays out in ways both poignant and preposterous, sometimes simultaneously, over the course of her 100-plus years on Earth. Viewers seeking a pleasant alternative to the early-summer blockbuster barrage could do far worse than this genial high-concept romance, a

    likely modest theatrical performer for Lionsgate whose commercial stature should only improve with age.

    The sort of time-skipping, tear-milking supernatural romance that would seem to have been adapted from some indifferent piece of three-hankie airport fiction, ‚ÄúThe Age of Adaline‚ÄĚ was in fact written for the screen by J. Mills Goodloe and Salvador Paskowitz, who are shrewd enough to introduce their narrative hook early in the game while still retaining a sly sense of mystery. When we first meet Adaline Bowman (Lively), she‚Äôs making her way across present-day San Francisco, carefully procuring a fake driver‚Äôs license that identifies her as a 29-year-old named Jennifer Larson. Sweet but guarded, and much sharper and more observant than she appears initially, this woman could be a stealth superhero or an undercover CIA operative, for all we know; certainly neither possibility is ruled out by Lively‚Äôs withholding yet strangely compelling reserve.

    But as we see her

    rifle through her possessions (among them an antique typewriter and a collection of sepia-toned photographs), or watch a vintage early-20th-century newsreel, the character‚Äôs backstory swiftly comes into focus through a series of flashbacks. Born in 1908, Adaline was an ordinary if remarkably beautiful woman of her era who married a handsome young engineer and gave birth to a daughter, Flemming. But not long after her husband‚Äôs untimely death, a grief-stricken Adaline crashed her car into a freezing cold river on an uncharacteristically snowy California night ‚ÄĒ only to be rescued by a stray bolt of lightning that not only jumpstarted her heart, but also permanently stopped her aging process, rendering her ‚Äúimmune to the ravages of time.‚ÄĚ

    Those words are spoken by a stately, slightly unctuous narrator (voiced by Hugh Ross), who also notes that the precise thermonuclear law in question will not be discovered until the year 2035, injecting a

    welcome dose of humor into the proceedings: Clearly, scientific plausibility, let alone accuracy, could not be more beside the point here. Indeed, by acknowledging the silliness of the premise upfront, Krieger grants himself license to dramatize the fallout with a surprising degree of emotional logic, keeping us at Adaline‚Äôs side as she realizes that her condition ‚ÄĒ which begins to arouse suspicion around the time of her 45th birthday ‚ÄĒ has effectively condemned her to a life of transience and solitude. Unable to share the truth with anyone except Flemming, who soon visibly surpasses her in age (she‚Äôs soon played by a typically fine Ellen Burstyn), Adaline moves around and switches identities often, spending most of her private eternity reading and soaking up new languages.

    Aware that she and her lover will never grow old together, Adaline largely steers clear of romantic relationships ‚ÄĒ that is, until a fateful New Year‚Äôs

    Eve party where she meets the dashing Ellis Jones (Michiel Huisman), who pursues her with such ardent sincerity that she can‚Äôt help but reciprocate. No sooner does she choose to pursue her feelings, however, than the film drops the sort of brazen, startling twist that immediately causes her to doubt her decision, even as it prompts the viewer to question the peculiarly sadistic machinations of fate that have brought Adaline to this particular point. Yet despite or perhaps because of this blatant contrivance, which might have stopped a less committed movie dead in its tracks, ‚ÄúThe Age of Adaline‚ÄĚ somehow becomes an even more weirdly captivating experience, capturing a sort of slow-dawning collective epiphany as all involved struggle to make sense of a truly impossible situation.

    Those characters include Ellis’ mother (Kathy Baker) and father (Harrison Ford), who enter the picture relatively late in the game yet add a crucial measure

    of dramatic heft; Ford, in particular, does some of his finest, most restrained yet passionate acting in quite some time, taking advantage of just a few sharply written scenes to distill the emotional essence of an old man who has known great joy as well as deep regret. Ellis‚Äô father, as it happens, is an astronomer by trade ‚ÄĒ a fitting enough detail for a movie that, in its most Sparksian moments, frequently directs our gaze heavenward, straining a bit too insistently to lend a cosmic dimension to what we‚Äôre seeing. That‚Äôs particularly true of the final voiceover, which, together with some rather ill-advised comet imagery and a predictably contrived climax, brings this lovely, gently haunting movie to a more bluntly literal-minded close than it deserves.

    Ultimately, ‚ÄúThe Age of Adaline‚ÄĚ offers a soothing reminder that one of life‚Äôs chief frustrations ‚ÄĒ we never have as much time as we would

    like ‚ÄĒ might in fact be one of its truest mercies. The film also serves as a corrective to prevailing standards of beauty, particularly in an industry where actresses are encouraged to smooth away every line and wrinkle. Most of all, though, it‚Äôs a vehicle for Lively‚Äôs expressive yet underplayed performance, the sort of quietly commanding star turn that makes you wonder why this performer (still best known for ‚ÄúGossip Girl‚ÄĚ) hasn‚Äôt received more bigscreen opportunities over the past decade. At her subtlest, Lively sensitizes us to her character‚Äôs thoughts as she processes the incomprehension of those around her, nimbly working out the best way to answer everyone‚Äôs questions without revealing what‚Äôs really going on. For all the deception, however, the truth of Adaline‚Äôs feelings is never hidden from the viewer, least of all in one crucial scene where she gazes into a mirror and responds to what she sees

    with both sorrow and elation.

    Brief, judicious flashbacks to the earlier chapters of Adaline’s life are rendered with unfussy professionalism, with Claude Pare’s production design and Angus Strathie’s costumes offering precise, effective visual markers for different eras; for the most part, the movie unfolds resolutely in the present day and the present tense. Still, there’s a dark cast and a vivid cinematic texture to David Lanzenberg’s digital lensing (on the Red camera) that conveys a certain timeless quality, extended almost to a fault by Rob Simonson’s omnipresent score.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Eagle Pictures e Valentina Calabrese (WaytoBlue)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di ADALINE L'ETERNA GIOVINEZZA
    PRESSBOOK 2 in ITALIANO di ADALINE L'ETERNA GIOVINEZZA

    Links:

    • Harrison Ford

    • Ellen Burstyn

    • Blake Lively

    • Adaline - L'eterna giovinezza (BLU-RAY + DVD)

    Altri Links:

    - Sito ufficiale
    - Pagina Facebook

    1| 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Adaline-L'eterna giovinezza - trailer

    Adaline-L'eterna giovinezza - trailer (versione originale) - The Age of Adaline

    Adaline-L'eterna giovinezza - spot TV

    Adaline-L'eterna giovinezza - clip 'Il primo appuntamento'

    Adaline-L'eterna giovinezza - clip '27 piani'

    Adaline-L'eterna giovinezza - clip 'Buon compleanno, mamma'

    Adaline-L'eterna giovinezza - clip 'Futuro'

    Adaline-L'eterna giovinezza - clip 'L'incontro'

    Adaline-L'eterna giovinezza - intervista video al regista Lee Toland Krieger (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - intervista video a Blake Lively 'Adaline Bowman' (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - intervista video a Harrison Ford 'William Jones' (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - intervista video a Ellen Burstyn 'Flemming' (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - intervista video a Michiel Huisman 'Ellis Jones' (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - intervista video al costumista Angus Strathie (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - featurette '100 anni di stile', intervista video a Sofia Gnoli (Docente moda IED)

    Adaline-L'eterna giovinezza - featurette 'Un secolo di moda' (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - featurette '100 anni di moda con Irene's Closet' (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - featurette 'Making of 100 anni di moda con Irene's Close' (versione originale sottotitolata)

    Adaline-L'eterna giovinezza - featurette 'Lana Del Rey firma la colonna sonora del film: Life is Beautiful'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Prendi il volo

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Dicembre ..

    Un colpo di fortuna

    Dal 6 Dicembre - Da Venezia 80. - Con il suo nuovo dramedy romantico ..

    Papà scatenato

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Robert De Niro spassoso padre italiano nella ..

    Blueback

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Mia Wasikowska, Radha Mitchell, Eric Bana portano ..

    La meravigliosa storia di Henry Sugar

    I ‚ÄėRECUPERATI‚Äô di ‚ÄėCelluloidPortraits‚Äô - RECENSIONE - Da Venezia 80. - Dal 27 ..

    Cento domeniche

    Dalla 18. Festa del Cinema di Roma 2023 - Grand Public - Dal 23 ..

    La chimera

    Dal 76. Festival del Cinema di Cannes (16 al 27 Maggio 2023) - Concorso ..