ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    Dal 20 Maggio al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del .... [continua]

    Frammenti dal passato-Reminiscence

    FRAMMENTI DAL PASSATO-REMINISCENCE

    New Entry - Un thriller Sci-Fi come debutto alla regia di Lisa Joy (cognata .... [continua]

    No Sudden Move

    NO SUDDEN MOVE

    New Entry - USA: Dal 1° Luglio .... [continua]

    Mothering Sunday

    MOTHERING SUNDAY

    New Entry - In anteprima mondiale a Cannes 2021 .... [continua]

    Lei mi parla ancora

    LEI MI PARLA ANCORA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Pupi Avati torna dietro la macchina da .... [continua]

    Eternals

    ETERNALS

    New Entry - Angelina Jolie e Salma Hayek tra gli altri 'eroi', nel nuovo .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Marley

    MARLEY: LA PELLICOLA DI KEVIN MACDONALD RIPERCORRE LA STORIA DELLA LEGGENDA DELLA MUSICA BOB MARLEY

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 26 GIUGNO

    "Questo film è importante perché, nonostante in passato siano state fatte molte cose su Bob, credo sia la prima volta che viene data alla gente la possibilità di sentirsi emotivamente vicina a Bob come uomo, non come leggenda del reggae o come figura mitica, ma attraverso la sua vita di uomo".
    Ziggy Marley

    "Quello che avevo in mente, la domanda che mi ponevo facendo questo film, era: perché riesce ancora a parlare a gente di tutto il mondo (ed è evidente che ci riesce), e perché parla alla gente in modo molto più profondo di qualsiasi altra rock star o pop star? Ciò che mi affascinava nel fare questo film era provare a tirar fuori qualcosa di molto personale. Chi è quest’uomo? Perché ha avuto tanto successo? Qual era il messaggio che voleva trasmettere alla gente?... E’ una storia che può entrare a far parte degli archivi"
    Il regista Kevin MacDonald

    (Marley; USA/REGNO UNITO 2012; Biopic documentaristico-musicale; 140'; Produz.: Shangri-La Entertainment/Tuff Gong Pictures/Cowboy Films; Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana Marley

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Marley

    Titolo in lingua originale: Marley

    Anno di produzione: 2012

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Kevin MacDonald

    Sceneggiatura:

    Soggetto: PRELIMINARIA:

    Kevin Macdonald, uno tra i più esperti documentaristi e filmmaker della nuova generazione, ha realizzato un film che può essere considerato il documento filmato ufficiale su Bob Marley, sulla sua vita e sulla sua rilevanza internazionale. Le riprese hanno avuto luogo in posti lontani tra loro come il Ghana, il Giappone e la Gran Bretagna, oltre che nell’amata Giamaica di Bob e negli Stati Uniti, e rappresenta un vero evento perché per la prima volta la famiglia di Bob ha autorizzato l’utilizzo dei propri archivi privati.
    Macdonald, lavorando assieme alla famiglia Marley, a Chris Blackwell e a Steve Bing, ha diretto il film destinato a diventare il più importante documentario autorizzato sulla vita, l’influenza e l’impatto globale esercitati da uno dei più importanti cantanti, compositori, musicisti e attivisti della storia: Bob Marley.

    MARLEY rappresenta un vero evento perché per la prima volta la famiglia di Bob Marley ha autorizzato l’utilizzo dei propri archivi privati.

    Cast: Bob Marley (se stesso reportage d'archivio)
    Ziggy Marley (se stesso)
    Jimmy Cliff (se stesso)
    Cedella Marley (se stessa)
    Rita Marley (se stessa)
    Cindy Breakspeare (se stessa)
    Danny Sims (se stesso)
    Chris Blackwell (se stesso)
    Lee Perry (se stesso)
    Bunny Wailer (se stesso)
    Lee Jaffe (se stesso)
    Constance Marley (se stessa)
    Neville Garrick (se stesso)
    The Wailers (loro stessi)
    Diane Jobson (se stessa)

    Fotografia: Alwin Küchler e Mike Eley

    Montaggio: Dan Glendenning

    Effetti Speciali: Glenn Freemantle (suono)

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    Shangri-La Entertainment e Tuff Gong Pictures hanno prodotto, in associazione con la Cowboy Films, questo film fondamentale su una delle icone del XX° secolo più importanti e più amate: Bob Marley. La sua musica e il suo messaggio di amore e redenzione sono conosciuti in tutto il mondo e la sua storia è stata finalmente riportata in vita grazie al lavoro e al talento di Kevin Macdonald. Il fascino universale di Bob Marley, il suo impatto sulla storia della musica e il suo ruolo di profeta politico e sociale restano ineguagliati. La sua musica e il suo messaggio trascendono le barriere culturali, linguistiche e religiose, echeggiando ancora oggi in tutto il mondo, con la stessa forza di quando lui era ancora in vita. Solo pochissimi musicisti hanno avuto un impatto così forte sulla cultura e Bob Marley, nonostante la breve vita, è tra questi.

    SYNOPSIS:

    Bob Marley's universal appeal, impact on music history and role as a social and political prophet is both unique and unparalleled. The definitive life story of the musician, revolutionary, and legend, from his early days to his rise to international super-stardom. Made with the support of the Marley family, there is rare footage, incredible performances and revelatory interviews with the people that knew him best.

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    In un’annata ricca di documentari sulla musica e i suoi artisti era quasi doveroso un ritratto su Bob Marley, una delle sue figure più importanti del Novecento. Rappresentante per eccellenza della musica raggae, la sua vita e la sua arte viene raccontata dal cineasta Kevin Macdonald, come al solito sempre più interessante come documentarista (un capolavoro La morte sospesa) che come autore di film di fiction (escludendo L’ultimo re di Scozia), con grande cura e attenzione ai particolari, attraverso pregiate e interessanti immagini di repertorio che si coniugano, attraverso un montaggio eccellente di Dan Glendenning, con i racconti di coloro che furono più vicino al musicista, dalla moglie Rita a due dei suoi undici figli, Ziggy e Cedella, dalla compagna Cindy Breakspeare (ex Miss Mondo) a quelli di lavoro. Marley, frutto della relazione fra un inglese avanti con gli anni e una giovanissima e bellissima donna giamaicana, fu segnato sin

    dalla sua nascita, in circostanze per l’epoca scandalose, l’unione fra un uomo bianco e una donna di colore. Nella nascita stessa di Marley e nella sua opera possiamo riscontrare il terribile ricordo della supremazia inglese e la violenta e sanguinaria schiavitù del quale fu vittima il popolo giamaicano, una schiavitù forse peggiore di quella statunitense. Il piccolo Bob fu emarginato in molti sensi, attraverso l’infanzia povera, il colore della sua pelle, le sue idee, dal suo stesso padre, che abbandonò lui e la madre che era ancora piccolissimo. Ma dal ritratto che fa il regista di quest’uomo leggendario fuoriesce soprattutto la grande forza e l’estremo rigore che mise nel suo lavoro, l’amore per il calcio, il suo rapporto con il gruppo Wailers, la sua fedeltà alla cultura rastafariana e il grande senso di appagamento che questo generò in lui, ma soprattutto esce fuori il ritratto di un uomo che combatté

    contro il cancro e la grande dignità con la quale affrontò la malattia, le cure olistiche in Germania (commovente la testimonianza di un’infermiera tedesca ormai molto anziana che porta alla luce un ritratto anomalo del nostro protagonista), fino alla sua ineluttabile fine l’11 maggio 1981, a soli 36 anni, quando la chemioterapia gli aveva portato via anche i suoi mitici capelli rasta. St. Ann in Giamaica, il luogo che gli diede i Natali fu anche il posto che amò di più e nel film viene ritratto attraverso le immagini del passato e quelle del presente, che si mescolano fra il ritratto di una popolazione ricca di cultura popolare e musicale e quella di un posto devastato dalla povertà eppure di una purezza straordinaria. Luoghi con i quali Marley si identificò e con i quali si scontrò. La politica corrotta di quegli anni Sessanta e Settanta era un limite da abbattere

    e l’Africa, la culla che aveva dato i veri Natali ai suoi avi, una meta da raggiungere. Una sorta di liquido amniotico a cui ritornare e che era necessario aiutare a rendere libero, dal dominio bianco e dalle dittature, attraverso la musica e la lotta, storico ad esempio il suo concerto in Zimbabwe all’alba della sua indipendenza. Esce così fuori un film su più linee temporali e narrative, ricco di un’analisi storica e sociologica del periodo, incisivo nel ritrarre la spiritualità del Bob Marley persona e del Bob Marley artista. Senza dimenticare le sue luci e le sue ombre, così come l’indifferenza del pubblico afro-americano, la sue debolezze e il suo rigore, Macdonald compie un ritratto sospeso fra realtà e mito lasciando alla sua musica la vera testimonianza. In fondo cosa più di “Is This Love”, “No Woman, No Cry”, “Could You Be Loved” riesce a definirlo?

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Lucky Red e Maria Rosaria Giampaglia (QuattroZeroQuattro).

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ITALIANO di MARLEY

    Links:

    • Kevin MacDonald (Regista)

    • LA MIA CLASSE - INTERVISTA al regista DANIELE GAGLIANONE, all'attore VALERIO MASTANDREA, al resto del cast e al produttore GIANLUCA ARCOPINTO (A cura dell'inviata SARA MESA) (Interviste)

    Altri Links:

    - Sito ufficiale

    1 | 2

    Galleria Video:

    Marley - trailer (versione originale sottotitolata)

    Marley - clip 'Dalla parte di Dio' (versione originale sottotitolata)

    Marley - clip 'La porta senza ritorno' (versione originale sottotitolata)

    Marley - clip 'Il reggae' (versione originale sottotitolata)

    Marley - clip 'Londra 1975, il concerto' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    La vita che verrà - Herself

    LA VITA CHE VERRÀ - HERSELF

    Dalla 15. Festa del Film di Roma - Selezione Ufficiale 2020 e Alice nella .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    Dal 3 Giugno - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Comedians

    COMEDIANS

    Dal 10 Giugno - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    A Quiet Place II

    A QUIET PLACE II

    Sequel del thriller/horror A Quiet Place - Un posto tranquillo (2018), di cui il regista .... [continua]

    Quelli che mi vogliono morto

    QUELLI CHE MI VOGLIONO MORTO

    Dal 3 Giugno in esclusiva digitale - RECENSIONE - Adattamento cinematografico del romanzo di Michael .... [continua]

    Crudelia

    CRUDELIA

    Craig Gillespie dirige Emma Stone nei panni di una giovane Crudelia De Mon. L'origin story, .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    Dal 20 Maggio al cinema in versione originale e dal 27 in italiano - RECENSIONE .... [continua]