ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Comedians

    COMEDIANS

    New Entry - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    Casa della notte

    CASA DELLA NOTTE

    New Entry - Dal Sundance Film Festival 2020 in prima mondiale - Rebecca .... [continua]

    Swan Song

    SWAN SONG

    New Entry - .... [continua]

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    New Entry - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Another Round Remake

    ANOTHER ROUND REMAKE

    New Entry - Leonardo DiCaprio acquisisce i diritti per il remake americano dell'originale danese .... [continua]

    The Nest - L'inganno

    THE NEST - L'INGANNO

    New Entry - Dal 14 Maggio on demand su: Sky Primafila, Chili, Google Play, .... [continua]

    Blacklight

    BLACKLIGHT

    New Entry - Liam Neeson torna a collaborare con il regista Mark Williams dopo .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - VINCITORE di 3 Premi: 'Miglior Film'; 'Miglior Regia' (Chloé Zhao), 'Miglior .... [continua]

    The Song of Names - La musica della memoria

    THE SONG OF NAMES-LA MUSICA DELLA MEMORIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal SAN SEBASTIÁN 2019 - Clive Owen .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > London Boulevard

    LONDON BOULEVARD: DEBUTTO ALLA REGIA SULL'ONDA DEL GANGSTER THRILLER PER WILLIAM MONAHAN (SCENEGGIATORE PREMIO OSCAR PER 'THE DEPARTED-IL BENE E IL MALE'), LA' DOVE I DUE AMANTI COLIN FARRELL E KEIRA KNIGHTLEY DEVONO VEDERSELA CON UNO DEI PIU' MALVAGI BOSS CRIMINALI DI LONDRA (RAY WINSTONE)

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 10 GIUGNO

    (London Boulevard; USA 2011; Gangster Thriller; 104'; Produz.: GK Films; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana London Boulevard

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: London Boulevard

    Titolo in lingua originale: London Boulevard

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2011

    Regia: William Monahan

    Sceneggiatura: William Monahan

    Soggetto: Tratto dall’omonimo romanzo di Ken Bruen, London Boulevard.

    Cast: Colin Farrell (Mitchel)
    Keira Knightley (Charlotte)
    David Thewlis (Jordan)
    Anna Friel (Briony)
    Ben Chaplin (Billy)
    Ray Winstone (Gant)
    Eddie Marsan (Bailey)
    Sanjeev Bhaskar (Dr. Raju)
    Stephen Graham (Danny)
    Ophelia Lovibond (Penny)

    Musica: Sergio Pizzorno

    Costumi: Odile Dicks-Mireaux

    Scenografia: Martin Childs

    Fotografia: Chris Menges

    Montaggio: Dody Dorn, A.C.E e Robb Sullivan

    Casting: Nina Gold

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    Un criminale di South London appena uscito di prigione, cerca di cambiare vita lavorando come factotum per una giovane ricca, quanto solitaria, attrice. Ma liberarsi del passato, purtroppo, non è così semplice….
    London Boulevard incarna un gangster thriller, sexy, elegante, pieno di ironia e di intrighi, con Colin Farrell e Keira Knightley nel ruolo dei due amanti in lotta contro uno dei più malvagi boss criminali di Londra.

    Dopo tre anni passati dietro alle sbarre, Mitchel (Colin Farrell) esce dalla Prigione di Pentonville pieno di buone intenzioni. Quando il suo vecchio amico Billy (Ben Chaplin) - un gangster di basso livello in cerca di qualcuno che lo aiuti in un lavoro - lo incontra, subito dopo il suo rilascio, Mitchel decide di unirsi a lui in cambio di un posto dove vivere. Mentre è ancora impegnato a fare i conti col suo passato, Mitchel conosce Charlotte (Keira Knightley), una star del cinema che si nasconde da orde di giornalisti e fotografi in un palazzo a Holland Park. Toccato dalla sua bellezza e dalla sua vulnerabilità, Mitchel presto assume il ruolo di suo protettore, respingendo paparazzi aggressivi, molestatori e altri malintenzionati e sventando il piano di Billy, intenzionato a rapinare la casa di Charlotte per rubare le sue costose opere d’arte e le sue macchine vintage. Mentre l’attrazione tra i due cresce e il loro rapporto si fa sempre più profondo, Mitchel e Charlotte pianificano di rifarsi una vita a Los Angeles. Ma Mitchel ha già colpito l’attenzione del potente e spietato boss mafioso Gant (Ray Winstone), che lo vede come una potenziale risorsa di grande valore per il suo business. Quando Mitchel respinge una lucrativa offerta di lavoro, Gant decide di trascinarlo in una rete di estorsione e omicidi. Man mano che gli stratagemmi di Gant si fanno sempre più malvagi, appare chiaro che questi preferirebbe vedere il giovane morto piuttosto che libero. Sapendo che nessuna delle persone a lui care è al sicuro dall’ira di Gant, inclusa Charlotte e la sua inquieta sorella Briony (Anna Friel), Mitchel decide di tentare una mossa drastica per cercare di rimediare alla situazione una volta per tutte.

    Commento critico (a cura di ERMINIO FISCHETTI)

    Qualcuno ha giustamente fatto notare come il plot e il titolo stesso di questo film suggerissero un riferimento al capolavoro di Billy Wilder, Sunset Boulevard ovvero Viale del tramonto. Ovvio non ci vuole un genio per capirlo, che di base la storia di un ex-galeotto che diviene la guardia del corpo di una diva (in questo caso non al tramonto) con tanto di maggiordomo tuttofare, ex attore fallito e sessualmente ambiguo potessero lasciar ricordare qualcosa di già sfruttato. Lasciando correre circa questa ispirazione neanche velata da parte di William Monahan, che vuole emulare lo stesso Billy Wilder nel percorso di carriera, da semplice sceneggiatore a sceneggiatore e regista, la pellicola in realtà è più un omaggio alla 'swinging London' dei mitici anni Sessanta, con tanto di musica ed ambientazione che riporta lo spettatore ai luoghi più rappresentativi di quell’epoca. Ma il film è ambientato ai giorni nostri e di magico

    possiede molto poco. Anche per questo aspetto Monahan non vola certo basso nel voler citare il cinema degli autori di quel periodo, come Schlesinger e Roeg, e certe inquadrature che richiamano opere di immortale memoria come Blow Up del nostro Antonioni. Gli ingredienti per farne un buon film ci sono tutti: la base di un romanzo cult come quello di Ken Bruen, i temi del sottobosco criminale, il mondo del successo, un’attrice perseguitata, le location cool, ma il risultato è tutt’altro che soddisfacente.

    London Boulevard vuole essere un noir con aspirazioni di emulazione al cinema classico e di genere. Alla fine però resta un’opera di mediocre fattura nella quale il difetto maggiore risulta proprio la sceneggiatura stessa, piena di buchi, incapace di costruire personaggi con una loro circolarità; addirittura i protagonisti sono inutili, il personaggio dell’attrice, interpretato da una incapace Keira Knightley, insopportabile verso se stessa già a 26 anni,

    diviene solo un pretesto narrativo, un elemento di funzione ornamentale alla storia. Tutti stanno a bofonchiare ed esaltare Monahan perché ha vinto l’Oscar per la sceneggiatura di The Departed, il film che ha finalmente visto consacrare dall’Academy Martin Scorsese allo stesso modo in cui quattordici anni prima lo aveva fatto con Al Pacino per Scent of a Woman: attraverso un remake mediocre e un premio che ha il sapore di riparare ai torti passati! Detto questo, non dimentichiamo che Monahan è anche colui che ha partorito perle di sceneggiature della bruttezza di Le crociate, Nessuna pietà e Fuori controllo! E poi la carriera di Billy Wilder è più un’eccezione che una regola; infatti, in genere, bisogna diffidare sempre dai film diretti dagli sceneggiatori, sono opere sbilanciate, piatte e prive di struttura. E forse quel poco che c’è di buono in questo London Boulevard si comprende benissimo non essere opera dello

    sceneggiatore americano: in pratica l’aspetto estetico del film è improntato dalla fotografia (molto bella) del veterano Chris Menges, e l’unico personaggio ad avere una sua circolarità, per quanto spesso fine a se stessa, è l’attore fallito/maggiordomo di David Thewlis.

    Perle di sceneggiatura

    Penny (Ophelia Lovibond): "Avrei da offrirti un lavoro. Sei un tipo pratico?"
    Mitchell (Colin Farrell): "In che senso, con il martello o cose simili?".

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ITALIANO di LONDON BOULEVARD

    Links:

    • Colin Farrell

    • Keira Knightley

    • David Thewlis

    • Ophelia Lovibond

    • Ray Winstone

    • Stephen Graham

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    London Boulevard - trailer

    London Boulevard - trailer HD

    London Boulevard - trailer HD 1080p

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021 - VINCITORE di 2 Premi: al 'Miglior Attore' .... [continua]

    Rifkin's Festival

    RIFKIN'S FESTIVAL

    RECENSIONE - Woody Allen torna a mettere le mani in pasta su riflessioni esistenziali di .... [continua]

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del Premio al 'Miglior Film Internazionale' (dedicato .... [continua]

    The Invisible Woman

    THE INVISIBLE WOMAN: RALPH FIENNES TORNA ALLA REGIA CON UN DRAMMA NEL QUALE INTERPRETA CHARLES DICKENS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - La segretissima storia d'amore di Charles Dickens .... [continua]

    Honest Thief

    HONEST THIEF

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Liam Neeson rapinatore di banche pronto a .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]

    Morgan

    MORGAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un essere artificiale a rischio pone un .... [continua]