ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Un altro giro

    UN ALTRO GIRO

    Dal 20 Maggio al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del .... [continua]

    Frammenti dal passato-Reminiscence

    FRAMMENTI DAL PASSATO-REMINISCENCE

    New Entry - Un thriller Sci-Fi come debutto alla regia di Lisa Joy (cognata .... [continua]

    No Sudden Move

    NO SUDDEN MOVE

    New Entry - USA: Dal 1° Luglio .... [continua]

    Mothering Sunday

    MOTHERING SUNDAY

    New Entry - In anteprima mondiale a Cannes 2021 .... [continua]

    Lei mi parla ancora

    LEI MI PARLA ANCORA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Pupi Avati torna dietro la macchina da .... [continua]

    Eternals

    ETERNALS

    New Entry - Angelina Jolie e Salma Hayek tra gli altri 'eroi', nel nuovo .... [continua]

    The Ice Road

    THE ICE ROAD

    New Entry - USA: Dal 25 Giugno .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Biutiful

    BIUTIFUL: IL REGISTA MESSICANO DI 'AMORES PERROS', '21 GRAMMI-IL PESO DELL'ANIMA' E 'BABEL' ALEJANDRO GONZALES INARRITU QUESTA VOLTA SCEGLIE JAVIER BARDEM PER PARLARE DI PATERNITA' A TUTTO TONDO E DI PERDITA, 'PERCHE' ALLA FINE NOI SIAMO ANCHE QUELLO CHE ABBIAMO PERSO'

    Dal 63. Festival del Cinema di CANNES PREMIO GOYA 2011 per la 'Migliore Interpretazione Maschile' a JAVIER BARDEM - RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 4 FEBBRAIO

    "Dopo aver girato il mondo con 'Babel', ho pensato di aver esplorato abbastanza linee multiple, strutture spezzate e racconti intrecciati. Ognuno dei film che ho fatto è stato girato in un linguaggio diverso, in un paese diverso, con diverse strutture e dimensioni. Alla fine di 'Babel' ero così esausto che, scherzando, dicevo che il mio film successivo avrebbe avuto un solo personaggio, una sola città, una struttura narrativa lineare e che sarebbe stato nella mia lingua… ed ecco qua! 'Biutiful' è tutto quello che non ho mai fatto prima: una storia lineare imperniata su un personaggio.
    Volevo catturare la semplice espressione di un’esistenza complessa. In qualche modo, 'Biutiful' è, di nuovo, su un tema che mi ossessiona da tutta la vita e che ossessiona il mio lavoro: è un film sulla paternità – sulla paura di perdere un padre, di essere padre e su quel momento in cui cominci a diventare il tuo proprio padre e i tuoi figli cominciano a diventare te. E’ sulla perdita – perché alla fine noi siamo anche quello che abbiamo perso. Il tema è lo stesso, ma diverso. In questo film volevo distruggere l’illusione e rivelare la verità attraverso l’inequivocabile impatto dell’intimità. Si, l’intimità come nuovo Punk... Dalla mia visita a Barcellona, il mio subconscio ha cominciato a dettarmi compulsivamente la storia. Mia figlia Maria Eladia mi ha detto che quando una civetta muore, sputa una palla di pelo dal becco. Quella notte ho sognato quest’immagine. E poi, tutto è cominciato in maniera diversa. Ho visto Uxbal pieno di contraddizioni: un uomo la cui vita è così intensa e complicata da non poter neanche morire in pace, un uomo che protegge gli immigrati dalla legge mentre lui stesso sfrutta il loro lavoro. Un uomo di strada che ha un dono spirituale e può parlare con i morti e guidarli verso la luce… ma per farlo vuole dei soldi; un padre di famiglia con il cuore spezzato e due figli che ama ma che non fa altro che rimproverare; un uomo da cui tutti dipendono ma che dipende anche lui da tutti; un uomo primitivo, semplice, misero, con un profondo contatto con il soprannaturale...
    ".
    Il regista Alejandro González Iñárritu

    (Biutiful SPAGNA/MESSICO 2010; drammatico; 128'; Produz.: Cha Cha Cha/Focus Features/Mod Producciones/Univesral Pictures; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana Biutiful

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Biutiful

    Titolo in lingua originale: Biutiful

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Alejandro González Iñárritu

    Sceneggiatura: Alejandro González Iñárritu, Armando Bo e Nicolás Giacobone

    Soggetto: Da una storia di Alejandro González Iñárritu.

    Cast: Javier Bardem (Uxbal)
    Maricel Álvarez (Marambra)
    Hanaa Bouchaib (Ana)
    Guillermo Estrella (Mateo)
    Eduard Fernández (Tito)
    Cheikh Ndiaye (Ekweme)
    Diaryatou Daff (Ige)
    Félix Cubero (Buròcrata)
    Rubén Ochandiano (Zanc)
    Manolo Solo (Médico)
    Karra Elejalde (Mendoza)

    Musica: Gustavo Santaolalla

    Costumi: Bina Daigeler e Paco Delgado

    Scenografia: Brigitte Broch

    Fotografia: Rodrigo Prieto

    Montaggio: Stephen Mirrione

    Casting: Eva Leira Yolanda Serrano

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Questa è la storia di un uomo in caduta libera.
    Sulla strada verso la redenzione, l’oscurità illumina la sua via.
    In comunicazione con la vita nell’aldilà, Uxbal è un eroe tragico e padre di due figli che sente il pericolo della morte, lotta contro una realtà corrotta e un destino che lavora contro di lui per perdonare, per amare e per sempre.

    Commento critico (a cura di SARA MESA)

    L’atteso ritorno di Iñárritu segna l’abbandono del suo consueto registro e il passaggio ad una narrazione meno frammentata. Per la prima volta senza l’inseparabile Guillermo Arriaga, il regista veste anche i panni dello sceneggiatore, componendo una storia decisamente più lineare e composta di quelle a cui ci aveva abituato. Abbandonato lo stile episodico, incentrato sullo sbalzo temporale e spaziale e sull’incrocio di vicende multiple, Iñárritu si dedica all’analisi dei sentimenti di un unico personaggio, sviscerandone le paranoie e le sofferenze che ne caratterizzano lo stile di vita 'schizofrenico'. Uxball infatti vive in perenne contraddizione tra la necessità di soddisfare i suoi bisogni e la vocazione del Salvatore, che lo spinge ad occuparsi delle persone che sfrutta per il suo tornaconto personale e a perdonare una moglie che l’ha deluso infinite volte. A complicare ulteriormente le cose si aggiunge il suo potere, che gli permette di entrare in contatto con i

    morti e sostituirsi a quel Dio che venera e teme in egual misura, perchè cosciente di compiere il più abominevole dei peccati facendosi retribuire per mettere a frutto il dono che egli gli ha concesso.

    La differenza tra bene e male non risulta mai netta nè al personaggio, nè allo spettatore, Uxball approfitta delle disgrazie altrui per sopravvivere, ma se non lo facesse nessuno si occuperebbe delle persone di cui abusano i suoi soci privi di scrupoli. La miseria sembra giustificare tutto, ognuno deve fare il possible per sopravvivere nelle condizioni in cui si trova. Così diventa lecito pagare un poliziotto perchè stia alla larga dai venditori ambulanti, garantendosi un guadagno personale, ma anche il sostentamento della famiglia di un immigrato clandestino che non avrebbe altre possibilità di lavoro e diventa altresì comprensibile rivolgersi al proprio marito in difficoltà per ottenere i soldi e le attenzioni necessari a non ricadere

    nella propria malattia.

    La città che fa da sfondo a queste disavventure prende il colore e le atmosfere degli animi che la popolano, risultando triste e grigia, come mai potrebbe sembrare Barcellona nella realtà. La Spagna che descrive Iñárritu è come il Messico che ci ha già mostrato: popolare, antica e decadente; perchè la povertà ha un’unica sfumatura, un unico panorama. L’autore si addentra nella metropoli per scoprirne i lati più nascosti, le periferie abbandonate, gli abitanti ignorati, e poco importa che in realtà ogni paese abbia delle peculiarità anche sotto questo profilo, perchè chiunque vive in una tale condizione di subalternità guarda il mondo allo stesso modo, a prescindere dal posto in cui si trovi. Il film ricorda così Amores Perros, dove la sgranatura dell’immagine, l’utilizzo della luce naturale e la ripresa continua delle stradine interne alla città rappresentano la frenesia e il disagio dei protagonisti. Abbandonata la patinatura

    e gli effetti di montaggio tipici delle sue incursioni hollywoodiane, Iñárritu recupera le intenzioni dei suoi esordi e si concentra sui dialoghi e le interpretazioni, trascurando forse troppo la regia. Alcuni passaggi appaiono disarmonici, come il momento in cui Uxball raggiunge il fratello in discoteca, volutamente disturbante, ma eccessivo nel suo distaccarsi dal resto della messa in scena. Così come le improvvise e brevissime incursioni nell’horror di stampo giapponese, superflue e fuori luogo. La recitazione degli attori però ne guadagna e supera gli standard, comunque sempre altissimi, del regista. Bardem, reduce dalla palma d’oro per il migliore attore a Cannes, conferma la sua incredibile bravura e si avvia a ricevere un’altra candidatura all’oscar, e gli attori comprimari si distinguono per una carica e una veridicità che solo i veri caratteristi sanno imprimere ai personaggi.

    Il tema della globalizzazione e del consumismo su cui il regista si concentrava in Babel, tornano

    qui attraverso lo studio della produzione e della vendita di materiale contraffatto e la massiccia presenza della tv, che accompagna i momenti di svago, ma anche di tensione. E’ proprio dalla tv che i contrabbandieri cinesi apprendono della tragedia avvenuta e realizzano ciò che hanno fatto, come a rimarcare che nella società del XXI secolo una cosa accade realmente solo quando diventa oggetto del notiziario.

    Da notare infine che Biutiful è l’ennesimo film prodotto oltre che dallo stesso Iñárritu, anche dagli amici e colleghi Alfonso Cuarón e Guillermo del Toro, che insieme a lui stanno dando vitalità e fama alla cinematografia messicana troppo a lungo trascurata. Grazie a loro essa sta diventando una grande fonte di incassi e di notorietà per il paese che tanto amano, dando prova di quanto la cultura possa fare per una nazione.

    Pressbook:

    PRESSBOOK di BIUTIFUL in ITALIANO
    PRESSBOOK di BIUTIFUL in INGLESE

    Links:

    • Alejandro González Iñárritu (Regista)

    • Javier Bardem

    1| 2

    Galleria Video:

    Biutiful - trailer

    Biutiful - trailer dietro le quinte (versione originale)

    Biutiful - trailer (versione inglese)

    Biutiful - trailer 2 (versione originale sottotitolata in inglese)

    Biutiful - trailer 2 HD (versione originale sottotitolata in inglese)

    Biutiful - trailer 2 HD 1080p (versione originale sottotitolata in inglese)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Valley of the Gods

    VALLEY OF THE GODS

    Dal 3 Giugno - L’uomo più ricco sulla terra. Un giovane scrittore in crisi. Un’ancestrale .... [continua]

    Comedians

    COMEDIANS

    Dal 10 Giugno - Gabriele Salvatores traspone sul grande schermo l'omonima e celebre pièce teatrale .... [continua]

    Una donna promettente

    UNA DONNA PROMETTENTE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: VINCITORE del Premio alla 'Miglior Sceneggiatura Originale' (Emerald .... [continua]

    A Quiet Place II

    A QUIET PLACE II

    Sequel del thriller/horror A Quiet Place - Un posto tranquillo (2018), di cui il regista .... [continua]

    Quelli che mi vogliono morto

    QUELLI CHE MI VOGLIONO MORTO

    Dal 3 Giugno in esclusiva digitale - RECENSIONE - Adattamento cinematografico del romanzo di Michael .... [continua]

    Crudelia

    CRUDELIA

    Craig Gillespie dirige Emma Stone nei panni di una giovane Crudelia De Mon. L'origin story, .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    Dal 20 Maggio al cinema in versione originale e dal 27 in italiano - RECENSIONE .... [continua]