ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Substance

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Luglio 2024) - Da Cannes 77. - Un 'Body Horror' ..

    Ghost-Fantasma

    'Celluloid Portraits Vintage' - Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg Retrò - Jerry Zucker ..

    Felice Estate!

    ..

    Felice Estate!

    ..

    Felice Estate!

    ..

    Felice Estate!

    ..

    Sotto il cielo delle Hawaii

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Cameron Crowe dirige un cast All-Star per una rom-com con ..

    La memoria dell'assassino

    Dal 4 Luglio - Dal Toronto Film Festival 2023 - Michael Keaton si mette dietro ..

    Hit Man - Killer per caso

    Dal 27 Giugno - Designato 'Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – ..

    Il diritto di uccidere

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Helen Mirren, colonnello militare dell'intelligence, conduce un'operazione remota con droni ..

    Home Page > Movies & DVD > I padroni della notte

    'I PADRONI DELLA NOTTE': UN'ESPLORAZIONE OLTRE IL DRAMMA POLIZIESCO

    "Si tratta di un film chiaramente radicato in un genere specifico e familiare: il poliziesco. Ma normalmente il poliziesco si concentra sulla procedura, riuscendo a trovare il cattivo. Io volevo fare qualcosa di molto più concentrato sul personaggio e sulle emozioni. Il genere stesso è essenzialmente un punto di partenza per raccontare la storia di un uomo intrappolato dal suo destino, il suo fato inevitabile e le emozioni complesse e fonte di conflitti interiori che sono causate dall’amore, dalla perdita e dal tradimento... La capacità di un uomo di cambiare il proprio destino è molto più limitata di quanto ci piace credere. Altri fattori svolgono un ruolo importante nella vita – il flusso della storia, la cultura, gli eventi esterni, l’istinto e l’amore. Questo è ciò che volevo esplorare".
    Lo sceneggiatore e regista James Gray

    (We Own the Hight USA 2007; Thriller drammatico; 117'; Produz.: 2929 Productions/Industry Entertainment; Distribuz.: BIM)

    Locandina italiana I padroni della notte

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Titolo in italiano: I padroni della notte

    Titolo in lingua originale: We Own the Hight

    Anno di produzione: 2007

    Anno di uscita: 2007

    Regia: James Gray

    Sceneggiatura: James Gray

    Cast: Joaquin Phoenix (Bobby Green)
    Mark Wahlberg (Joseph Grusinsky)
    Eva Mendes (Amada Juarez)
    Robert Duvall (Bert Grusinsky)
    Alex Veadov (Vadim Nezhinski)
    Tony Musante (Cap. Jack Shapiro)

    Musica: Wojciech Kilar

    Costumi: Michael Clancy

    Scenografia: Ford Wheeler

    Fotografia: Joaquin Baca-Asay

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    "Bobby Green ha deciso di non seguire le orme paterne. Gestisce El Caribe, un leggendario locale di Brooklyn. Si è cambiato il cognome e tiene nascosto il suo legame con una lunga serie di affermati poliziotti di New York. Per Bobby ogni sera è una festa, sia che parli con i suoi amici o i suoi clienti, sia che balli con la sua bellissima ragazza portoricana Amada, in una nuvola di fumo e disco-music.
    Ma siamo nel 1988 e a New York il mercato della droga è in forte crescita. Bobby cerca di mantenere le distanze dal gangster russo che vende droga fuori dal suo locale – un gangster a cui stanno dando la caccia Joseph, il fratello di Bobby e suo padre, leggendario capo della polizia".

    Dal >Press-Book< di I padroni della notte.

    Commento critico (a cura di ENRICA MANES)

    Le luci e le atmosfere della città anni ’80 irrompono con una sensazione estremamente tattile, palpabile, e sembra quasi di toccare, di sfiorare la stoffa del divano dorato su cui è sdraiata Amada (Eva Mendes), icona della spigliata ragazza sexy perfettamente ‘Eighties’, mentre Heart of Glass dei Blondie riempie le orecchie, poi la sala sottostante del lussuoso night club alla moda, popolato, avvolto dal fumo e dai colori.

    Immagini di retate, un bianco e nero da istantanea che ricorda il Noir, e insieme prove di una lotta che si sussegue da tempo immemorabile, fra “padroni della notte”, giustizia e malavita insieme, poi le luci e le atmosfere della città anni ’80 irrompono con una sensazione estremamente tattile, palpabile, e sembra quasi di toccare, di sfiorare la stoffa del divano dorato su cui è sdraiata Amada (Eva Mendes), icona della spigliata ragazza sexy perfettamente ‘Eighties’, mentre Heart of Glass dei

    Blondie riempie le orecchie, poi la sala sottostante del lussuoso night club alla moda, popolato, avvolto dal fumo e dai colori.
    Quei luoghi dove tutto pare possibile, a portata di mano e dove i sogni sono soldi sonanti, affari, gioielli patacca, pellicce e capi raffinati.
    James Gray, riesce, con dettaglio archetipico, a immergere lo spettatore dentro le notti psichedeliche e ovattate anni ’80 ricreandone abiti, oggetti Cult, ambienti, con la capacità di presentare, in maniera assolutamente efficace attraverso il contrasto dei loro macrocosmi, ciascun protagonista (Bobby, Joaquin Phoenix; il fratello Joseph, MarkWahleberg e il padre, Robert Duvall) e, nell’incontro, mostrarne lo scontro tra moralità e potere e generare un concetto di “padrone della notte” che diviene scambievole ed ambiguo nelle notti brave della New York borderline.
    A metà fra noir e saga familiare, la vicenda si costruisce attorno alle figure dei due fratelli Bobby e Joseph Grusinsky, l’uno manager di

    night club, l’altro poliziotto graduato e alle prese con una fresca promozione ed il padre, anch’esso poliziotto come da tradizione di famiglia.
    Si gioca sottilmente su due temi portanti che vedono da una parte mafia russa e caccia all’uomo e dall’altra il concetto di famiglia e di padre.
    Mentore di Bobby è infatti un facoltoso boss della mafia russa, padre putativo del ragazzo nel pieno della sua carriera; punto di riferimento di Joseph è il padre poliziotto che vede come disonore la presenza del figlio che sta “dall’altra parte” della legge.
    Uno scontro che però è destinato ad attenuarsi fino a scomparire in un intreccio di rapporti familiari e di pacificazioni, ricostruiti mano a mano che la successione degli eventi tende a stringere le maglie della vita e della morte verso la risoluzione finale, in un recupero di temi cari al regista fin dai suoi esordi (Little Odessa, 1994).
    Si attinge dal noir e

    dalla saga familiare de Il Padrino, in una trama fitta e giocata in sordina in cui le scene di azione pura sono poche, le ambientazioni alla luce del sole altrettanto rare, (il funerale del Capo Bert Grusinsky), e sempre ovattate da un grigiore incombente.
    Si versa poco sangue per lasciare spazio alla psicologia dei singoli che si uniscono per portare a compimento la loro missione personale; da contrasto personale, confidenziale, riservato, la storia passa a lotta contro il nemico comune e riconosciuto, in una riscoperta dei valori familiari che è il punto di contatto ed orgoglio rinnovato di appartenenza.

    Ottime le premesse di contenuto e la capacitĂ  di mantenere un livello alto di attenzione nello spettatore, unendo una vicenda densa alla qualitĂ  di ambientazioni ed interpretazioni; tuttavia da un punto di vista tecnico si sarebbe potuto forse osare di piĂš, giocando con angolazioni e piani sequenza ed attingendo proprio da

    quelle cifre conoscitive di scelta di inquadrature, punti di vista e movimenti di macchina che dal noir attingono le radici.
    Al regista il merito di unire generi compositi e di creare, con una convincente amalgama di indagine e suspense psicologica, una trama avvincente e ben congegnata, capace soprattutto di penetrare la personalità dei protagonisti, di tirare fuori il meglio dai tre attori giovani e promettenti (Phoenix, Whalberg, Mendes) e riconfermare gli “anziani” (Duvall).
    Buona la regia e le riprese, che tuttavia solo nella prima parte del film sono capaci di ricreare al meglio l’atmosfera e catturare i particolare che hanno fatto un’epoca, mentre verso la fine si perdono alcuni colpi di ritmo e di montaggio.
    Resta un po’ amaro l’epilogo, e non solo per la trama che attinge dal destino dell’ineluttabile e per nulla catartico-liberatorio, ma anche per aver voluto mettere un po’ di ordine al caos di schieramenti opposti criminal-familiari

    attraverso la scena tanto archetipica quanto scontata dell’auditorium con spettatori e commozione generale.

    Links:

    • James Gray (Regista)

    • Eva Mendes

    • Joaquin Phoenix

    • Mark Wahlberg

    • Robert Duvall

    • C'ERA UNA VOLTA A NEW YORK - INTERVISTA all'attrice protagonista MARION COTILLARD (Interviste)

    1

    Galleria Video:

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Twisters

    Dal 17 Luglio ..

    L'ultima vendetta

    Da Venezia 80. - Orizzonti Extra - Liam Neeson in cerca di redenzione dopo ..

    Padre Pio

    Da Venezia 79. - Il regista americano Abel Ferrara (da tempo residente a Roma) ..

    Era mio figlio

    Dal 18 Luglio - VINCITORE del Premio del Pubblico a Venezia 80.-Giornate degli ..

    Cult Killer

    In Anteprima al Filming Italy Sardegna Festival 2024 - Antonio Banderas ed Alice Eve ..

    Fly Me To The Moon - Le due facce della luna

    Una storia d'amore ambientata negli anni Sessanta, durante la corsa allo spazio tra gli Stati ..

    Inside Out 2

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 19 Giugno

    "... personalmente provo molta ansia, come penso ..