ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Tolo Tolo

    TOLO TOLO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (6 Dicembre 2019) - Dopo quattro anni di attesa Checco .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    New Entry - Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile personaggio creato e interpretato da .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Alice in Wonderland

    ALICE IN WONDERLAND: LA MITICA FAVOLA 'ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE' DI LEWIS CARROLL RAGGIUNGE IL GRANDE SCHERMO PASSANDO PER TIM BURTON E UN CAST STELLARE CAPITANATO DAL CAPPELLAIO MATTO JOHNNY DEPP

    I più votati!!! Il n° 7 nella Top 20 di CelluloidPortraits 2017 - In DVD e BLU-RAY: Dal 1° GIUGNO

    "E' qualcosa che agisce a livello subconscio, sostiene Burton parlando del materiale di riferimento. E' per questo che tutte le grandi storie rimangono vive, perché trattano cose che probabilmente le persone non colgono consciamente. C'è sicuramente qualcosa in queste immagini ed è per questo che ne sono state realizzate così tante versioni... Come film, è sempre stato incentrato su una ragazzina passiva che vive una serie di avventure con dei personaggi strani, ma non c'è mai stata una grande profondità. Il tentativo di questa pellicola era prendere l'idea di queste storie e modellarle in qualcosa che non fosse un adattamento letterale del libro, ma che ne mantenesse lo spirito".
    Il regista Tim Burton

    "La combinazione di riuscire a interpretare il Cappellaio Matto, prendendo quello che Lewis Carroll aveva fatto e quella che è la visione di Tim, per poi aggiungere delle cose... è un sogno divenuto realtà".
    L'attore Johnny Depp

    (Alice in Wonderland USA 2010; Avventura fantasy; 108'; Produz.: Walt Disney Pictures/Team Todd/Tim Burton Productions/The Zanuck Company/Roth Films; Distribuz.: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia)

    Locandina italiana Alice in Wonderland

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    (See Flash Review by Todd McCarthy, "www.variety.com", here - Voice: 'Il giudizio della critica' - 'International Press')
    Trailer

    Titolo in italiano: Alice in Wonderland

    Titolo in lingua originale: Alice in Wonderland

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2010

    Regia: Tim Burton

    Sceneggiatura: Linda Woolverton

    Soggetto: Dalla favola di Lewis Carroll, Alice nel paese delle meraviglie con l'estensione al sequel Attraverso lo Specchio e quel che Alice vi trovò.

    Cast: Mia Wasikowska (Alice Kingsley)
    Johnny Depp (Il Cappellaio Matto)
    Anne Hathaway (La Regina Bianca)
    Helena Bonham Carter (La Regina Rossa)
    Crispin Glover (Il Fante di Cuori)
    Matt Lucas (I gemelli Pinco Panco e Panco Pinco)
    Michael Sheen (Voce del Bianconiglio)
    Stephen Fry (Voce dello Stregatto)
    Alan Rickman (Il Brucaliffo)
    Timothy Spall (Il Mastino Sanguinario)
    Barbara Windsor (Voce di Mally)
    Christopher Lee (Voce del Ciciarampa)
    Michael Gough (Voce di Dodo)
    Paul Whitehouse (Voce del Leprotto Marzolino)
    Imelda Staunton (Facce dei Fiori Parlanti)
    Cast completo

    Musica: Danny Elfman

    Costumi: Colleen Atwood

    Scenografia: Robert Stromberg

    Fotografia: Dariusz Wolski

    Montaggio: Chris Lebenzon

    Effetti Speciali: Ken Ralston (supervisore effetti visivi); Michael Lantieri (supervisore effetti speciali); Michael Dawson (supervisore effetti speciali Regno Unito)

    Makeup: Valli O'Reilly

    Casting: Susie Figgis

    Scheda film aggiornata al: 20 Luglio 2017

    Sinossi:

    PRELIMINARIA - I Personaggi:

    ALICE - è una donna diciannovenne che sta valutando il suo futuro. Uno spirito indipendente, si senta intrappolata nella visione ristretta delle donne nella Londra aristocratica vittoriana. Alice Kingsleigh è incerta su come equilibrare i suoi sogni con le aspettative delle altre persone. Il suo vero destino dipende da Sottomondo, un luogo che ha visitato per la prima volta da bambina (quando lo chiamava Paese delle Meraviglie), anche se non si ricorda dei suoi abitanti. Così, scivolando nella tana del coniglio, ritrova Sottomondo e i suoi amici d'infanzia, tra cui il Brucaliffo Absolem, lo Stregatto, Pinco Panco e Panco Pinco e, ovviamente, il Cappellaio Matto. Lei pensa sia tutto un sogno mentre si restringe e si allarga, cresce e diventa più piccola. Ma quando incontra alcuni residenti (non tanto amichevoli) di Sottomondo e le viene chiesto di difendere questa terra fantastica, non è sicura di essere all'altezza della situazione.

    IL CAPPELLAIO MATTO - non nasconde certo le sue emozioni, visto che i suoi continui cambi d'umore sono evidenti nel volto e nell'atteggiamento. Lui ha atteso con ansia il ritorno di Alice ed è probabilmente il suo unico vero amico, che crede in lei quando nessun altro lo fa. Non ha paura di nulla e farebbe di tutto per proteggerla, anche a costo della vita. Un tempo fabbricante di cappelli per la Regina Bianca, Il Cappellaio è stato vittima di un avvelenamento da mercurio, un effetto collaterale provocato dalla realizzazione di cappelli, e quindi non sta molto bene.

    IRACONDIA, LA REGINA ROSSA - è la tirannica monarca di Sottomondo, un misto della Regina di Cuori di Alice nel Paese delle meraviglie e della Regina Rossa di Attraverso lo specchio. Con la sua testa sproporzionata, il suo carattere irascibile e la propensione a urlare di tagliare la testa alla gente, lei governa i suoi sudditi per mezzo della paura. La sorella minore, la Regina Bianca, ha progetti sul trono e la corona che un tempo Iracondia le ha sottratto.

    MIRANA, LA REGINA BIANCA - è la sorella minore della Regina Rossa e mentre appare come un misto di dolcezza e luce, sotto la superficie si nasconde un briciolo di oscurità. Quando Alice torna a Sottomondo, la Regina Bianca le offre protezione, sebbene non sia spinta solo da ragioni altruistiche.

    ILOSOVIC STAYNE, IL FANTE DI CUORI - è a capo dell'Esercito della Regina Rossa. Alto due metri e venti, con un volto sfregiato da una cicatrice e una benda che copre l'occhio sinistro, Stayne è un personaggio arrogante e ingannevole, che esegue ogni ordine della Regina Rossa. E' l'unico in grado di tranquillizzare i suoi notevoli cambiamenti d'umore. Il suo lato più oscuro emerge tra le ombre dei corridoi del castello.

    PINCO PANCO e PANCO PINCO - sono dei gemelli rotondi che spesso appaiono in disaccordo tra loro e le cui chiacchiere confuse non hanno molto senso per gli altri. Quando Alice arriva a Sottomondo, lei li prende come guide. Innocenti e infantili, adorabili e dolci, hanno delle buone intenzioni, ma non sono di grande aiuto, perché parlano attraverso strane rime e indovinelli.

    IL BIANCONIGLIO - è sempre preoccupato di fare tardi, sempre di fretta e di corsa. Ha l'incarico di trovare Alice e di riportarla a Sottomondo, in modo che lei possa realizzare il suo destino, quindi appare alla festa in giardino per portarla verso la tana di coniglio.

    IL BRUCALIFFO - è il guardiano onnisciente e assoluto dell'Oracolo, un documento antico che rivela ogni evento importante (passato, presente e futuro) nella storia di Sottomondo. Alice viene portata dal Bianconiglio e dai gemelli a incontrare il Brucaliffo, in modo che lui possa sincerarsi che lei sia veramente l'Alice che ha visitato il Sottomondo da bambina e l'Alice che è destinata ad aiutarli. Loro trovano il brucaliffo blu sopra un fungo in una foresta di funghi, circondato da un fumo mistico. In diverse occasioni, il Brucaliffo sfida Alice a capire meglio se stessa, ponendole la difficile domanda: "Chi sei?".

    LO STREGATTO - è un gatto elegante, in grado di apparire e scomparire a piacimento. E' calmissimo, con una sensualità casuale e un ghigno seducente che dovrebbe mascherare la sua vigliaccheria. E' la testa staccata del gatto che compare per la prima volta ad Alice nella foresta di Tulgey, dopo che lei è stata attaccata dal perfido Grafobrancio. Lui le offre di purificarle le ferite sul braccio leccandolo, ma Alice declina, anche se gli consente di portarlo al ricevimento del tè del Cappellaio, in cui quest'ultimo accusa lo Stregatto di averli abbandonati il giorno in cui la Regina Rossa ha preso il controllo di Sottomondo. Utilizzando le sue doti e il cappello dl Cappellaio, lo Stregatto trova comunque il modo di redimersi.

    MALLY - è un topolino spadaccino di Sottomondo che indossa i pantaloni al ginocchio. Lei rifiuta di credere che il Bianconiglio abbia trovato l'Alice giusta, quella che può aiutare Sottomondo a tornare al suo autentico splendore, quindi è felicissima di punzecchiare Alice sulla caviglia quando lei insiste che sta semplicemente sognando, ma poi si fa valere quando Alice è minacciata da una creatura chiamata Grafobrancio. La sua lealtà verso il Cappellaio non ha eguali e non ha problemi a rischiare la vita pur di stargli accanto.

    IL DODO - è uno dei primi residenti di Sottomondo che Alice incontra in questo universo fantastico. Uno degli abitanti più antichi di Sottomondo, Dodo indossa degli occhiali e porta un bastone da passeggio. Tranquillo e saggio, pone termine alle discussioni dei suoi amici sulla vera identità di Alice, suggerendo di portarla dal Brucaliffo, anche più saggio di lui.

    IL CICIARAMPA - è alto come un dinosauro, con delle ali da rettile, degli artigli lunghi ed affilati e una coda. Questa feroce bestia è l'arma preferita della Regina Rossa e si metterà in mezzo tra Alice e il suo destino.

    IL LEPROTTO MARZOLINO (o BISESTILE) - ospita le cerimonie del tè del Cappellaio Matto nella sua residenza. Paranoico, ansioso e leggermente pazzo, arriccia spesso le sue zampe e le orecchie, mentre ha un debole per gettare teiere e altri oggetti. Inoltre, ama la cucina ed è uno dei pochi abitanti di Sottomondo riuscito a sfuggire alle grinfie della Regina Rossa.

    IL MASTINO SANGUINARIO - è costretto ad aiutare le forze della Regina Rossa, essendo impaurito per la sorte della moglie e dei suoi piccoli imprigionati nel caso non obbedisse agli ordini del Fante di Cuori. Dimostra di essere segretamente leale alla resistenza clandestina di Sottomondo, diventando sia un alleato di Alice che un ottimo mezzo di trasporto.

    IL GRAFOBRANCIO - è una creatura disgustosa e puzzolente, con un corpo enorme e sporco, mentre ha il volto di un bulldog feroce, denti aguzzi compresi. Basta vedere i suoi lunghi artigli e Alice può ricordarsi dolorosamente del regno orribile della Regina Rossa.

    LA STORIA:

    All'età di sette anni Alice fa un viaggio nel Paese delle Meraviglie: una sorta di universo parallelo popolato da creature fantastiche e dove l'immaginazione sembra non avere confini. Tornata alla 'realtà' però, non ricorda più nulla della sua avventura. Dodici anni dopo la ritroviamo alla sua festa di fidanzamento con Hamish, il figlio ricco e stupido di Lord e Lady Ascott, che chiede ad Alice (Mia Wasikowska) di sposarlo durante un party vittoriano in giardino, in loro onore. Lei scappa senza fornire una risposta, seguendo un coniglio che ha notato tra l'erba, il Bianconiglio (voce di Michael Sheen). Un coniglio che, ovviamente, indossa un panciotto e porta un orologio da tasca, venuto a cercarla perché lei è la sola in grado di sconfiggere il Ciciarampa (voce di Christopher Lee), che domina l'impero della Regina Rossa (Helena Bonham Carter). Infatti la Regina Bianca (Anne Hathaway), è stata detronizzata dalla sua cattiva sorella, appunto, la Regina Rossa che, insieme al suo fedele servitore, il Ciciarampa, ha sconvolto il Regno. Seguendo Bianconiglio attraverso uno stagno, Alice lo vede scomparire nella sua tana, e improvvisamente si ritrova a cadere dietro di lui, attraversando uno strano passaggio, prima di atterrare in una sala rotonda con tante porte. Lei scopre una bottiglia con l'etichetta BEVIMI. Il suo contenuto la rimpicciolisce, mentre una torta con la parola MANGIAMI scritta sopra la fa crescere. Alice alla fine trova la strada attraverso una porta che la fa entrare in un luogo meraviglioso e fantastico chiamato Sottomondo, lo stesso luogo che ha visitato da ragazzina, sebbene non abbia ricordi delle sue precedenti avventure, se non nei suoi sogni. Lì incontra una serie di personaggi eccentrici, compreso un Topolino spadaccino, un Cappellaio Matto fuori di testa, uno Stregatto ghignante, un saggio Brucaliffo chiamato Absolem, la bellissima Regina Bianca e la sua odiosa sorella maggiore, la Regina Rossa, che si rivela essere la petulante dominatrice di Sottomondo. Per riportare la pace nel Paese delle Meraviglie, Alice dovrà trovare la spada che può arrestare il Ciciarampa. Durante la ricerca, Alice incontra gli abitanti di questo universo fiabesco e surreale: dai gemelli Pinco Panco e Panco Pinco (Matt Lucas) allo Stregatto (voce di Stephen Fry), dal Brucaliffo (Alan Rickman) al Cappellaio Matto (Johnny Depp).

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    IL FASCINO DELLA BURTONIANA ‘ALICE IN WONDERLAND’ NON RISIEDE TANTO NEL 3D QUANTO NELL’ANIMA E NEL CORPO ASSUNTI DALLE AMATE ‘GOTHIC VISIONS’ E DAL COTE’ VARIAMENTE FOLLEGGIANTE O STRAVAGANTE DEI PERSONAGGI. E LA METAFORA CORRE SUL FILO DELL’ETERNA LOTTA TRA IL BENE E IL MALE MA SOPRATTUTTO SU UNA CRUCIALE SCELTA DI VITA PER LA GIOVANE DONNA ALICE IN UNA SOCIETA’ IN PIENO OTTOCENTO UNIVOCAMENTE DECLINATA AL MASCHILE

    Questa volta il mitico castello icona della major Disney è qualcosa di più di un semplice logo di appartenenza: ed è ancor più che la metafora della casa di tutti i sogni o, se si preferisce, di tutte le favole da sogno. Emblematico dell’impareggiabile lustro del catalogo fantasy di produzione disneyana, in Alice in Wonderland di Tim Burton l’antico marchio di fabbrica Disney si riveste di un’inedita luce sinistra, alcova di personaggio e corte ancor più sinistri: la regale dimora della famigerata Regina

    Rossa, cui dà volto e anima follemente sconsiderati Helena Bonham Carter, rivisitata dal marito regista Burton secondo la prediletta declinazione ‘in freak’. Declinazione in effetti alquanto diffusa nel vocabolario burtoniano tanto che Alice in Wonderland non è che uno dei vari esempi. La deformazione, l’esasperazione della realtà eletta al nuovo rango di sogno iper-surrealista dai tratti innegabilmente e irrinunciabilmente gotici, rientra perfettamente nei motivi-firma della regia burtoniana. E a quanto pare il fenomeno non interessa solo i personaggi o le creature real-fantasy dai contorni stemperati alla fiamma di una melanconica, nostalgica decadenza, innaffiata di ‘british humour’, e aromatizzati al fumo di Londra. E’ come se Tim Burton osservasse la realtà con una lente d’ingrandimento invitandoci a condividere con lui le angolazioni più marginali per riuscire a farci scoprire sempre nuovi punti di vista: man mano diversamente deformati ma non per il gusto di un sortilegio gratuito ad effetto sterile, bensì

    per macroscopizzare, per l’appunto attraverso il filtro dell’esasperazione di dettagli sul piano esteriore, ciò che non va in un individuo o in un ambiente sul piano interiore, ricercando una sorta di rifrazione psico-moral-sociale.

    Ma ad ogni buon conto, in ‘Wonderland’ Alice ci deve arrivare. E quel che preme mettere in luce in primissima istanza a Tim Burton, oltre il collegamento con le origini della fiaba, è una concretissima, e in vero rispondente alla realtà dell’epoca, denuncia sociale, inquadrata nella canonica cornice di pieno Ottocento, univocamente declinata al maschile: là dove il matrimonio poteva essere innanzitutto un affare sull’onda di un’arguta combinazione, per un avvenire assicurato, almeno sul piano socio-economico. Se poi il futuro partner (il promesso di Alice) altro non si fosse rivelato che un ridicolo fantoccio, pallone gonfiato dell’aria fatua di se stesso - nonché delle convenzioni formali esasperate ad hoc per accrescerne la portata risibile - poco sarebbe

    importato, almeno ai numerosi intervenuti per lo show gratuito di una promessa preconfezionata, fatta eccezione naturalmente per la malcapitata direttamente interessata (ovvero Alice). E’ questo il nervo portante del burtoniano Alice in Wonderland, sintesi liberamente ispirata a entrambi i classici di Lewis Carroll Alice nel paese delle meraviglie (1865) e Attraverso lo specchio (1871). Il suo quasi casuale ritorno nel ‘sottomondo’ da giovane ragazza in età da marito - secondo i comuni parametri dell’epoca - è l’occasione che sotto metafora tradisce pregi e difetti della società reale, un modo alternativo per specchiarsi, una surreale pausa di riflessione per la scelta di un destino più consapevole e non dettato dalla scia delle convenzioni o da impellenze altrui.

    Più interessante e fluida la prima parte del film, in cui scenari, è proprio il caso di dirlo, da sogno (non mancano schegge di autocitazionismo con le con piante-scultura potate a forma di animale

    che rimandano a Edward mani di forbice oltre che numerosi altri richiami ad altre discipline tra cui all’artista colombiano Botero per Pinco Panco e Panco Pinco) sono il parto tutto burtoniano di una sorta di ‘quadro nel quadro’ qui traducibile nei termini di ‘visione nella visione’: un esempio è il ricordo del Cappellaio Matto appuntato nel passato momento in cui si trovava al servizio della Regina Bianca (personaggio per la verità di scarso spessore e glamour, interpretato epidermicamente da Anne Hathaway) icona metafora del bene, rimarcato esteriormente da un look imperniato sulla dominante cromatica del bianco, di contro alla nefasta sorella (Helena Bonham Carter con insistite velleità di tagliare la testa a chicchessia): due opposti originati da un unico ceppo genetico ma anche - metafora nella metafora - simboli elettivi di un dualismo insito nell’essere umano dotato da sempre di libero arbitrio. Quello che porterà finalmente Alice a fare la

    sua scelta di vita personale. E il ricordo corre sul filo di incendio, rovina e devastazione, provocati da invidia e iracondia, quel lato oscuro controbilanciato dalla saggezza del brucaliffo (un omaggio allo Yoda di Star Wars) e dalla gara di solidarietà che di lì a poco soccorrerà la nostra Alice nelle varie difficoltà incontrate strada facendo per sentieri improbabili se non ai confini della realtà e dell’immaginazione che d’altra parte il tocco magico burtoniano traduce in una dimensione altra ‘più reale del reale’ e persino ‘più umana dell’umano’. La sequenza in cui i personaggi alla corte ‘forzata’ della tirannica Regina Rossa si liberano delle protesi posticce indossate per assecondare il folle egocentrismo della famigerata sovrana, assimilandosi alla sua identità deformata (freak), è il momento da manuale della svolta che preannuncia il l’imminente capovolgimento delle cose. Persino il Grafobrancio, feroce guardiano della spada bigralace (figlia legittima de La spada nella roccia)

    arriverà a dimostrare ad Alice la propria gratitudine per la restituzione dell’occhio perduto in battaglia, deponendo definitivamente ogni velleità di combattimento e di ostacolo alla finale ascesa del Bene.

    Quanto poi al ballo della ‘deliranza’ - cui si potrebbe guardare con un certo sospetto ad una lettura superficiale, epidermica - ammiccato disinvoltamente per pochi istanti, più che esibito con insistita convinzione dal Cappellaio Matto Johnny Depp, ci pare di potervi intravedere la libera traduzione di un fugace omaggio alla cosiddetta ‘urban dance’, espressione creativa di ultima generazione figlia di certi nuovi linguaggi metropolitani scaturiti dalla danza hip hop, attualmente in voga sulla scena internazionale con protagonisti come il collettivo newyorkese ‘World Soul’, i maestri francesi del jazz-rock ‘Stormy Brothers’ fino a ‘Mr. Wiggles’, considerato una leggenda vivente in materia di creazioni artistiche del settore. La raffinata cifra stilistica del team Burton-Depp, trasparente dalla tessitura generale, ci porterebbe a far

    puntare l’ago della bilancia in tale direzione piuttosto che far pensare ad una improbabile caduta di stile.

    Secondo commento critico (a cura di ANTONIO CINTI)

    Un buco nel terreno, una caduta nel vuoto di una bambina bionda con un vestito azzurro, ecco cosa ci si immagina quando si parla di Alice nel paese delle meraviglie. Con questo pensiero nella mente mi sono messo a pensare al mio incarico, al film che mi era stato affidato. Quante domande mi facevo pensando ai film che Tim Burton aveva girato nella sua carriera: Nightmare Before Christmas, La sposa cadavere, poi? Edward mani di forbice! E’ vero, un film che mi ha fatto riflettere e che rispecchia una favola, di certo è un regista con i fiocchi ma cosa ne sa di Alice nel paese delle meraviglie? Cosa sarà saltato fuori da uno che lavora con altri sistemi di grafica? Eppure ho accettato, sentivo che c’era da capire qualcosa di nuovo, cioè che un film può andare oltre la sua forma.

    A questo punto c’è da premettere che non si

    tratta dell’Alice della favola o del suo seguito ma di qualcosa di successivo, infatti, troviamo qui un’Alice di diciannove anni, molto più grande e matura, dove i suoi sogni sono svaniti a causa di una vita difficile, e con essi i ricordi di ciò che gli è capitato da bambina: il viaggio in quello che chiamava “il paese delle meraviglie”.

    Tornando alla radice del discorso, Tim Burton ha detto: “Mi trovo impossibilitato ad indicare un film al quale far riferimento per comprendere la natura della mia produzione, perché non saprei proprio quale menzionare. È più o meno un nuovo territorio per me". A questo punto mi sono chiesto cosa mi sarei dovuto aspettare e la risposta è stata: nulla, accetta l’incarico e vivi il film, come hai sempre fatto, non importa se è un film importante o meno, vivilo senza pregiudizi.
    Posso dire solo una cosa: è stato fantastico. Questo incredibile regista

    si è lanciato in qualcosa che credeva nuovo 'manovrandolo' come un veterano.

    In principio si nota il sistema di luci “gotico” che è tipico della regia di Burton, così come il rossetto rosso sulle labbra di una bambina dà una sensazione di cinema muto, regalando espressività e sentimento al personaggio, facendolo diventare icona in tutto il film, un segno di riconoscimento.
    Iniziando il viaggio, si ritrovano tutti i personaggi che hanno accompagnato la ragazza in passato, nella nostra fantasia e nei nostri ricordi, ma qui esce il genio. Burton ha tirato fuori la parte psicologica di tutti, estraendo e mostrando la loro umanità: ed ecco che Pinco Panco e Panco Pinco non sono dei folli che raccontano favole strambe, ma si mostrano con una propria intelligenza, dimostrando preoccupazione nel proteggere la ragazza. Il leprotto bisestile è pazzo ma prova la vera paura e il bianconiglio ha un vero motivo per avere fretta

    e non solo per una frase scritta su di un foglio. E così vale per la mazza fenicottero che chiede scusa al riccio palla per un colpo non volontario e via così. Tuttavia, ciò che ho trovato più incredibile è stato il cappellaio matto. Sì, è così come si vorrebbe vedere, ma il suo lato eroico è qualcosa che parrebbe portare fuori binario, eppure non è così. Chiunque si trovi a vedere questa pellicola avrà davanti agli occhi quei personaggi in una veste nuova che non farà tuttavia rimpiangere i vecchi stereotipi, anche trovandolo a combattere con una spada.

    C’è da mettere in evidenza il fatto che un bambino, portato al cinema dicendo di andare a vedere Alice, può non cogliere immediatamente la differenza tra l’ambiente nuovo e i colori dell’animazione, soprattutto per la violenza che in alcune occasioni affiora ma, nonostante tutto può goderne senza troppi problemi se accompagnato da

    un genitore capace di spiegare e narrare.

    Giungendo al lato pratico della pellicola, possiamo vedere come i colori, gli effetti speciali, le luci e via dicendo, siano stati inseriti in maniera impeccabile, facendo sembrare tutto realtà, se non fosse per le creature, per così dire 'aliene', non si noterebbe il fatto di non essere più nel mondo reale. I sistemi di ripresa, gli attori assoldati - i volti di Pinco Panco e Panco Pinco sono di attori reali, inseriti digitalmente su sagome e questo vale anche per tanti altri personaggi - è come se fossero nati apposta per quel ruolo. L’interpretazione del cappellaio, più di tutte, è qualcosa che porta oltre. E’ come se Johnny Depp fosse parte della mente di Burton, come se fossero in simbiosi, ciò che uno vuole, l’altro crea, come se si prendessero cura l’uno dell’altro, in poche parole: un non protagonista più protagonista del protagonista. Non

    intendo dire che Mia Wasikowska non sia stata brava, la sua interpretazione è stata magistrale, da vera protagonista e suscita nello spettatore un certo senso di realtà riguardo ai sentimenti umani, soprattutto quando nega a se stessa qualcosa che non crede vero, come se dipeso dall’orgoglio umano, ma l’interpretazione di un personaggio immaginario portato al reale è qualcosa di fantastico, soprattutto quando lo si descrive con gesti come i suoi. Inoltre c’è da rilevare il lato cavalleresco di questo personaggio, capace di sacrificare la sua vita per il prossimo e di piangere per loro.

    Un altro personaggio di spicco è lo stregatto, dotato dei suoi lati fantasiosi ma di stati d’animo reali, portato a provare paura e a cercare la redenzione per un errore commesso, senza rinunciare al lato spiritoso della sua presenza: solo le sue fusioni con l’ambiente circostante valgono il biglietto.

    La scelta delle ambientazioni inoltre, senza contare i colori,

    hanno avuto una motivazione più che spiegabile. Un esempio è la capigliatura del cappellaio, arancione anziché bianca. Nel passato i cappelli erano fabbricati utilizzando mercurio per trattare il feltro, il quale procurava danni cerebrali e una colorazione arancione ai capelli senza contare l’avvelenamento cui portava chi li fabbricava. Ecco perché Lewis Carroll (autore di Alice) partorì questo personaggio che, paradossalmente, nella società del diciannovesimo secolo non era una figura rara da trovare e Burton ha saputo cogliere questa sfumatura, senza contare i dettagli che ha evidenziato con cura tale da renderli visibili agli occhi di tutti. Basterà notare i cambi d’abito di Alice, cosa che nei film di altre produzioni difficilmente si nota, qui è d’obbligo poiché la ragazza cambia spesso dimensione e i vestiti non cambiano con lei, lasciandola nuda in più occasioni.

    Da notare inoltre i tipi di ripresa che, a volte, si basano su schemi fotografici, portandosi su

    primissimi piani che in genere non sono utilizzati su pellicola. Per riportare un altro esempio sul cappellaio, ci sono momenti in cui si utilizza il primissimo piano (inquadrando solo dal naso alla bocca, portandolo fuori centro su uno sfondo sfocato). Io ho studiato fotografia e me ne sono accorto, gli altri potrebbero non farci caso ma questo schema rende evidente uno stato d’animo basandosi su un’espressione facciale. Depp è perfetto per questo genere di ripresa, incute preoccupazione solo a vederlo.
    Un altro dettaglio cui viene dato risalto in questa produzione è il sottomondo, nella sostanza identico alla realtà: le due dimensioni nel film si amalgamano tra loro sia nella struttura dei posti visitati che nelle realtà stessa dei personaggi.

    Un'ultima cosa che mi piace far osservare è il segno che Alice si porta … no, lascio a voi la possibilità di vedere ciò che ho notato, so che molti afferreranno il concetto

    e diranno “caspita, hai visto che …”

    Un ultimo sguardo lo porrei sul sistema di registrazione 3D, di alta qualità oserei dire a causa della sua peculiarità non comune ma creata con un sistema unico al mondo. Il Disney Digital 3-D non va confuso con il RealD o altri sistemi di proiezione 3-D, poiché è esclusivamente un metodo di produzione dei film, non di proiezione, questo dà la possibilità di avere una resa migliore dell’effetto tridimensionale senza contare la vastità dei sistemi che lo possono riprodurre sia in Video che in audio 3-D.

    In poche parole, per questo film è stato dato il meglio e nonostante non si tratti di produzioni pubblicizzate all’inverosimile come Avatar o altri film campioni d’incassi (molti non hanno ancora capito se sia il rifacimento cinematrografico del cartone Disney oppure no e questo gioca a sfavore), questo non ne diminuisce la “stazza” cinematografica che rimane di alto livello.

    Sicuramente un film che va visto e goduto, non solo dai fan di Depp o Burton ma da chiunque voglia vedere una pellicola nuova, non ripetitiva, in grado di ricreare tutta la magia di una fiaba.

    Un punto a sfavore se mi è concesso dirlo, è una piccola discrepanza di fusione tra 3-D e realtà nel punto in cui il cappellaio afferra Alice rimpicciolita e cerca di nasconderla, dove l’immagine della ragazza rallenta e diventa scattosa dando una brutta impressione di distacco o di finto, sicuramente un’inezia che non impedirà certo il gusto di un intrattenimento pieno offerto da questo magnifico film.
    Ognuno può trovare un modo suo personale di fruizione per questa nuova 'Alice' ma mi permetterei di dare solo un consiglio di approccio alla visione: sfruttate il 3-D e guardatevi attorno. La ripresa lo fa per conto proprio e spazia spesso su quello che è il sottomondo e i suoi

    scenari, tuttavia ci sono dettagli che non si possono cogliere se non osservando attentamente, come la crescita lenta dei funghi in certe riprese fisse o i fiori che si muovono nel sottobosco.

    Per concludere, non importa che genere vi piaccia, andate a vedere questo film, ne vale veramente la pena.

    Perle di sceneggiatura

    Il Cappellaio Matto (JOHNNY DEPP): "La gente vede la follia nella mia colorata vivacità e non riesce a vedere la pazzia nella loro noiosa normalità".

    Commenti del regista

    - "Ha una parte importante nella cultura popolare (il racconto di Carroll). Che tu abbia letto la storia o meno, conosci comunque certe immagini e hai alcune idee a riguardo. E' una storia veramente popolare... Quello che mi è piaciuto della versione della storia è che Alice si trova in un'età a metà strada tra l'adolescenza e la fase adulta, quando sta cambiando come persona. Molti giovani come lei non sono popolari nella loro cultura e nella loro epoca. Alice è una persona che non rientra perfettamente nella struttura della società vittoriana. E' decisamente più interiore".

    - Nella videogallery altre dichiarazioni del regista

    Commenti dei protagonisti:

    - JOHNNY DEPP (Il Cappellaio Matto): "Ho sempre visto il Cappellaio come una figura tragica. Per molti aspetti è una vittima. Il mercurio ha sicuramente avuto il suo impatto, ma c'è un elemento tragico in questa particolare versione che ha un peso importante nel personaggio... Penso veramente che Lewis Carroll sarebbe entusiasta, perché il film è fatto con grande rispetto ed è profondamente legato al materiale originale. Questa storia di Carroll, assieme ai personaggi, grazie alla visione di Tim Burton diventa veramente bellissima... E' stata una vera sfida trovare qualcosa di diverso e inquadrare il Cappellaio Matto in termini cinematografici. Una delle cose di cui ho parlato subito con Tim, era l'idea che lui fosse puro, nel senso che si capisce immediatamente quello che prova, tanto che i vestiti, la pelle, i capelli e tutto il resto riflettono le sue emozioni. Così, quando splende, c'è questo effetto luminoso per cui tutto prende vita, come un fiore che sboccia in maniera molto rapida. Le sue emozioni sono evidenti".

    - ANNE HATHAWAY (La Regina Bianca): "Lei possiede gli stessi geni della Regina Rossa. Ama decisamente il lato oscuro, ma ha paura di spingersi troppo oltre, tanto da far apparire tutto molto leggero e felice. Lei vive in questo luogo, piena di paura di non riuscire a controllarsi... Una delle ragioni per cui i personaggi di Lewis Carroll funzionano così bene al cinema è perché sono straordinariamente fantasiosi e non c'è un unico modo di interpretarli. Visto che Lewis Carroll gioca con le parole e i concetti, e che i personaggi puntano sull'immaginazione, ritengo che ci siano tante interpretazioni quante immaginazioni nel mondo. Dipende dal tuo punto di vista".

    - MIA WASIKOWSKA (Alice): "Tutti hanno un'idea di Alice ed era importante eliminare questo fardello, rendendola un'adolescente normale, mentre allo stesso tempo si mantenevano alcuni aspetti originali del personaggio. E' eccitante portare questi personaggi e storie a un'altra generazione".

    - HELENA BONHAM CARTER (La Regina Rossa): "Lei ha dei problemi emotivi. Non ci mette nulla a perdere la pazienza e i suoi scatti d'ira sembrano quelli di un bambino di due anni... Non governa con giustizia e giudizio, ma con il terrore. Io taglio la testa alla gente, è la mia soluzione per ogni problema".

    - CRISPIN GLOVER (Il Fante di Cuori): "Sono l'elemento che bilancia la Regina Rossa. Lei spesso reagisce in maniera brusca alle cose che fa la gente e quindi il mio personaggio deve essere molto diplomatico".

    - MATT LUCAS (I gemelli Pinco Panco e Panco Pinco): "Penso che i gemelli non abbiano mai incontrato prima d'ora un essere umano normale. Quando arriva Alice, è oggetto della loro curiosità. In questo mondo, Alice è quella strana, mentre tutto il resto è normale. Un brucaliffo che parla è normale, mentre una ragazza è strana".

    - MICHAEL SHEEN (voce del Bianconiglio): "E' un personaggio caloroso ma, allo stesso tempo, può risultare veramente confuso e rigido con Alice. Lui è un po' estremo, dotato di un'energia nervosa, sempre con la sensazione di essere in ritardo, tanto che il tempo è molto importante per lui. Ma dimostra anche un grande coraggio quando necessario".

    - Nella videogallery altre dichiarazioni degli attori protagonisti

    Altre voci dal set:

    - LINDA WOOLVERTON (sceneggiatrice): "Lewis Carroll aveva una mente notevole e questi libri vanno oltre il tempo e lo spazio. I personaggi sono assurdi e divertenti e in ognuno di noi c'è qualcosa di loro: la Regina rossa per i suoi scatti d'ira; la meraviglia di Alice in tutto quello che vede intorno a lei; e la tragedia del Cappellaio Matto. E' un materiale perfetto per fare grande cinema... La storia si svolge quando Alice ha 19 anni e sta per sposarsi, un passo di cui non è sicura. E' passato del tempo e la Regina Rossa domina tutto questo territorio. Così, le persone di 'Sottomondo' hanno bisogno di Alice... 'Sottomondo' è lo stesso territorio fantastico che Alice ha visitato da bambina. Tuttavia, lei ha confuso il termine 'Sottomondo', pensando che loro avessero detto 'Paese delle meraviglie'. Ora, come una ragazza sul punto di diventare adulta, Alice torna e scopre che il vero nome è 'Sottomondo'... 'Sottomondo' fa parte della Terra, ma si trova sotto il nostro mondo. L'unico modo di arrivarci è cadere dentro una tana di coniglio".

    - SUZANNE TODD (produttrice): "Linda (Woolverton) è arrivata con un'idea magnifica. Tutto combacia perfettamente, è una sorta di allegoria politica, perché questi residenti non sono pazzi, ma in realtà sono dei rivoluzionari. Così, mi ha colpito per ogni aspetto e la Disney sembrava il luogo giusto per lavorarci. Inoltre, c'era solo un regista possibile, Tim Burton, e noi volevamo assolutamente averlo... Tim Burton, a modo suo, è un Walt Disney moderno. Non c'è nessun altro come lui. E Alice era importante per Tim, l'idea di questo personaggio e del suo viaggio, in cui si sposta per capire chi è realmente".

    - KEN RALSTON (supervisore effetti visivi): "I realizzatori hanno optato per un mix di tanti diversi tipi di tecniche, qualcosa che ci fornisse un aspetto unico per il film. Ed è basato su quello che era necessario per il film, quello che gli ambienti avevano bisogno per raccontare al meglio la storia, così come sull'aspetto dei personaggi... Ritengo che il film fornisca un'esperienza decisamente viscerale, eccitante e quasi tattile del 3D che esiste in questi mondi strani. Io vorrei mettere il pubblico in mezzo a queste stranezze e farle accadere, lasciare che i personaggi siano coinvolti in questo viaggio, una cosa molto divertente".

    - Nella videogallery altre dichiarazioni del supervisore degli effetti speciali

    - Nelle pagine della galleria fotografica sono riportati alcuni esempi illustrati del processo di realizzazione attraverso il quale gli artisti della Imageworks hanno dato vita ad alcuni personaggi e all'ambientazione del film

    Bibliografia:

    Sito ufficiale: "www.disney.it/Film/alice/"
    Fanclub su Facebook: "www.facebook.com/AliceinWonderlandItalia"
    Fanclub su MySpace: "www.myspace.com/wonderland"

    Links:

    • Tim Burton (Regista)

    • Michael Sheen

    • Johnny Depp

    • Anne Hathaway

    • Imelda Staunton

    • Christopher Lee

    • Helena Bonham Carter

    • Alan Rickman

    • Eleanor Tomlinson

    • Crispin Glover

    • Timothy Spall

    • Mia Wasikowska

    • IL GRANDE E POTENTE OZ - L'ILLUSIONE DIETRO ALL'ILLUSIONISMO (Saggio tecnico a cura dell'inviato FRANCESCO ADAMI) (CineSpigolature)

    • ALICE IN WONDERLAND - INTERVISTA alla costumista COLLEEN ATWOOD (Interviste)

    • ALICE IN WONDERLAND - INTERVISTA all'attrice HELENA BONHAM CARTER (Interviste)

    • CARS 2 - INTERVISTA all'attrice SOPHIA LOREN (doppiatrice di Mamma Topolino) (Interviste)

    • ALICE IN WONDERLAND - Alcune curiosità sulla lavorazione del film (Dietro le quinte)

    • ALICE IN WONDERLAND. UN MONDO, ANZI, UN ‘SOTTOMONDO’, DEL TUTTO SPECIALE, SENZA TEMPO, FANTASMAGORICO EPPUR REALE, ANZI, ‘REAL 3D’ (Speciali)

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11

    Galleria Video:

    Alice in Wonderland - trailer.flv

    Alice in Wonderland - trailer 2.flv

    Alice in Wonderland - trailer (versione originale).flv

    Alice in Wonderland - Johnny Depp parla del suo personaggio il Cappellaio Matto.flv

    Alice in Wonderland - J.Depp, A.Hathaway, la produttrice S.Todd e il supervisore effetti speciali K.Ralston descrivono alcuni aspetti innovativi del film.flv

    Alice in Wonderland - intervista a J. Depp, H. Bonham Carter, A. Hathaway e M. Wasikowska.flv

    Alice in Wonderland - le protagoniste ci raccontano qualcosa in più sui loro personaggi.flv

    Alice in Wonderland - il video di Avril Lavigne 'Alice (Underground)' tratto dall'album 'Almost Alice'.flv

    Alice in Wonderland - il video in HD di Avril Lavigne 'Alice (Underground)' tratto dall'album 'Almost Alice'.flv

    Alice in Wonderland - intervista con T.Burton, J.Depp, H.B.Carter, A.Hathaway e Mia Wasikowska.flv

    Alice in Wonderland - nuova intervista con T.Burton, il supervisore effetti speciali K.Ralston, J.Depp, H.B.Carter, A.Hathaway e Mia Wasikowska.flv

    Alice in Wonderland - altra intervista con i protagonisti.flv

    Alice in Wonderland - Johnny Depp parla ancora del Cappellaio Matto in una cornice di immagini inedite

    Alice in Wonderland - featurette tratta dagli extra del DVD di Alice in Wonderland - Mia Wasikowska e la costumista Colleen Atwood parlano dei costumi del personaggio di Alice (versione originale - Finding Alice - Alice's Costumes)

    Alice in Wonderland - clip 'La tana del bianconiglio'

    I momenti più divertenti del Flash Mob delle meraviglie ospitato a Milano nel pomeriggio del 27 febbraio, tra Piazza del Duomo e Corso Vittorio Emanuele. I protagonisti del popolare racconto di Lewis Carroll hanno preso vita e trasformato un tranquillo pomeriggio di passeggiate, visite culturali e shopping in un esclusivo TEA PARTY

    Il giudizio della critica

    The Best of Review

    International Press

    TODD MCCARTHY ("www.variety.com"):

    "'You've lost your muchness', Johnny Depp's Mad Hatter remarks to his newly shrunken teenage friend, and much the same could be said of Tim Burton in the wake of his encounter with a Victorian-era heroine of imaginative powers even wilder than his own. Quite like what one would expect from such a match of filmmaker and material and also something less, this 'Alice in Wonderland' has its moments of delight, humor and bedazzlement. But it also becomes more ordinary as it goes along, building to a generic battle climax similar to any number of others in CGI-heavy movies of the past few years. A humongous Disney promo effort and inevitable curiosity about the first post-'Avatar' 3D extravaganza will pull wondrous early B.O. numbers, although long-term forecast could become clouded by the imminent arrival of further high-profile kid-friendly features".

    Italian Press

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e lan McKellen recitano .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (7 Dicembre 2019) - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Western Stars

    WESTERN STARS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tratto dall’omonimo album uscito nell’estate del .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Midway

    MIDWAY

    Quelli che... ci fermano a TRAILER e CLIP - Al pubblico l'ardua sentenza - .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella .... [continua]