ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Home

    HOME

    New Entry - Kathy Bates affronta l'inedito ruolo di un'ex criminale che tornando a .... [continua]

    Midnight in the Switchgrass

    MIDNIGHT IN THE SWITCHGRASS

    New Entry - Bruce Willis di nuovo alle prese con un thriller d'azione nelle .... [continua]

    Silent Night

    SILENT NIGHT

    New Entry - Keira Knightley protagonista nel film d'esordio di Camille Griffin .... [continua]

    Home Page > Flash News

    71. Cannes - Godard, viaggio nel cinema sconfina in Guernica. Protagonista del '68 torna al festival

    11/05/2018 - CANNES - Quasi un film testamento che parla di guerra, di morte, di persone, di terra, di sogni e che non rinuncia alla speranza. Jean Luc Godard, il grande vecchio della Nouvelle Vague, 87 anni, che è stato protagonista delle barricate del '68 e che proprio in quell'anno insieme a Francois Truffaut e Claude Berri guidò la protesta degli autori, auspicando maggiore libertà nel cinema, interrompendo la proiezione del film di Carlos Saura Peppermint Frappé, inducendo alcuni giurati alle dimissioni (Polanski, Vitti, Malle) e portando così il vento del maggio di Parigi sulla Croisette riuscendo nell'intento di bloccare il festival dopo 9 giorni, torna a Cannes.

    Le Livre d'image era un'occasione troppo ghiotta per la rassegna, un modo così affatto rituale di celebrare il 1968 50 anni dopo, proprio con quel grande protagonista di allora, diventato icona del cinema francese, intellettuale dei più raffinati seppure discusso, regista di film amati come Pierrot le fou per citare uno su tutti.

    Il film è in competizione per la Palma d'oro, l'attesa alta come sempre per i suoi film se non altro per discuterli, con lunghe file fuori dal Grand Theatre Lumiere e applausi finali. Il regista, che qui è stato alcune volte senza mai vincere il massimo premio (nel 2014 ebbe il premio della giuria per Adieu au langage), riprende la sua originale Histoire(s) du cinema degli anni '90 per proseguire quell'affresco filosofico composto di collage, un montaggio infinito di spezzoni di film della storia del cinema, citazioni continue dalle origini del muto ad oggi (inclusi Pasolini e Fellini), quasi un vagare sincopato. Un film che si conclude, dopo sequenze spettacolari di bombardamenti, fiamme, uomini in difficoltà, guerre, praticamente un film horror, con un'ardente speranza, sottolineata da un gioioso can can della Belle Epoque.

    Le speranze restano speranze, le aspettative sempre più vaste del tempo a disposizione ma restano esse stesse immutabili, sono utopie e parlo a me stesso, dice la voce di Godard sul finale, una voce che fin lì ha accompagnato lo spettatore in questo viaggio terribile, quasi fosse una sorta di Guernica cinematografica, in cui la civiltà sembra sprofondare grazie alla miopia dei potenti, mentre le persone dice vogliono solo vivere in pace. Godard lo spiegherà il 12 maggio collegandosi in facetime alla conferenza stampa, dal paesino in Svizzera, Rolle, in cui vive da decenni. Almeno secondo quanto annunciato dalla direzione del festival.

    Del film, senza una vera storia ma piuttosto un'orgia di immagini e suoni e voci, restano potenti le immagini ricolorate, polarizzate, deformate, pittoricamente forti. E poi la questione araba, le immagini del paradiso perduto, del Maghreb di pescatori e vita quotidiana pacifica per raccontare l'Arabia dei suoi occhi prima che la guerra del Golfo e la rapacità predatoria sconvolgesse tutto ancora fino a oggi. Uno spunto finale tratto dal libro di Albert Cossery Une ambition dans le désert che racconta di come dal fallimento diplomatico strategico di un tale Ben Kadem, primo ministro dell'emirato di Dofa durante la guerra del petrolio, un gruppo di ribelli fece nascere un fronte di liberazione e decise di diventare martiri dell'islam. Il film è così immaginifico che i produttori di Casa Azul e Ecran Noir sembra lo vogliano proporre come un'esibizione artistica, un'interattiva esperienza per la quale, scrive Variety, sarebbero in trattative con il Beaubourg di Parigi, il museo Arte Reina Sofía sempre a Parigi e la National Gallery di Singapore.

    (ANSA CINEMA)

    Flash News recenti

    03/08/2020 - 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica : 2-12 settembre 2020 - Il nuovo Almodovar e Regina King fuori concorso. 'The Human Voice' da Cocteau interpretato da Tilda Swinton [leggi...]

    02/08/2020 - Fellini: sindaco Chianciano, gli dedichiamo mese avvenimenti. 'Spero davvero ripartenza nostro Comune' [leggi...]

    31/07/2020 - E' morto il regista Alan Parker. 76 anni, firmò 'Fuga di mezzanotte', 'Mississippi Burning', 'Evita' [leggi...]

    29/07/2020 - 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica : 2-12 settembre 2020 - Venezia poco glam, meno divi nell'anno del covid. La divina Blanchett, Helen Mirren, tanti italiani e forse Greta [leggi...]

    29/07/2020 - 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica : 2-12 settembre 2020 - A Pupi Avati il Premio Bresson 2020. Gli sarà conferito durante la Mostra del Cinema a Venezia [leggi...]

    29/07/2020 - 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica : 2-12 settembre 2020 - Venezia 'miracolosa', edizione d'autore e donna. Barbera, c'è panico nel cinema, ci vuole più coraggio [leggi...]

    28/07/2020 - 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica : 2-12 settembre 2020 - Nomadland in condivisione con Toronto, Telluride e New York. Frances McDormand nel terzo film di Chloé Zhao presentato 11/9 a Lido [leggi...]

    27/07/2020 - 'Volevo nascondermi' con Germano in sala dal 19 agosto. Giorgio Diritti: 'Ligabue è stanco di stare nascosto' [leggi...]

    26/07/2020 - Addio Olivia de Havilland, ultima diva di Hollywood. Melania di 'Via col Vento' aveva 104 anni, vinse due premi Oscar [leggi...]

    26/07/2020 - Isabelle Huppert, con Caravaggio torno in Italia. L'attrice nel film di Placido con la figlia e Scamarcio [leggi...]

    The Turning

    THE TURNING

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dall'11 Agosto

    "Mi è piaciuto interpretare ....
    [continua]

    Volevo nascondermi

    VOLEVO NASCONDERMI

    Nuova uscita il 19 Agosto - Dalla Berlinale 2020: VINCITORE dell'Orso d'Argento al .... [continua]

    Onward - Oltre la magia

    ONWARD - OLTRE LA MAGIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 19 Agosto

    "Dopo 'Monsters University', volevo fare qualcosa di ....
    [continua]

    Tenet

    TENET

    Dal 26 Agosto - "Partiremo dal punto di vista di un film di spionaggio, ma .... [continua]

    High Life

    HIGH LIFE

    Robert Pattinson, Mia Goth e Juliette Binoche protagonisti in un'avventura Sci-Fi diretta da Claire Denis .... [continua]

    The Old Guard

    THE OLD GUARD

    Dalla regista Gina Prince-Bythewood, Charlize Theron e Kiki Layne guidano un gruppo segreto di mercenari .... [continua]

    Lei mi parla ancora

    LEI MI PARLA ANCORA

    New Entry - INIZIO RIPRESE dal 3 Agosto 2020 - Pupi Avati torna dietro .... [continua]