ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    L'uomo che sussurrava ai cavalli

    L'UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Robert Redford qui .... [continua]

    Kramer contro Kramer

    KRAMER CONTRO KRAMER

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - VINCITORE di [continua]

    La guerra dei Roses

    LA GUERRA DEI ROSES

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Un avvocato (Danny .... [continua]

    The Turning

    THE TURNING

    New Entry - Dal 4 GIUGNO .... [continua]

    Jurassic World: Dominion

    JURASSIC WORLD: DOMINION

    New Entry - Nel terzo episodio della saga Jurassic World Chris Pratt torna a .... [continua]

    La sfida delle mogli

    LA SFIDA DELLE MOGLI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Anon

    ANON

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - "Alla base del film c'è l'idea secondo .... [continua]

    Le cose che non ti ho detto

    LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (30 Maggio 2020) - Dal TIFF 2019 - Dal .... [continua]

    Storia di un matrimonio

    STORIA DI UN MATRIMONIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 76. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Home Page > Flash News

    80 anni Warren Beatty, playboy comunista di Hollywood. 'L'eccezione alla regola' esce in sale italiane a fine aprile

    31/03/2017 - Oggi è ancora "l'uomo della busta" per tutti gli appassionati di cinema che lo hanno visto, sul palco degli Oscar, al centro della più colossale gaffe nella storia dell'Academy; fino a ieri è stato il magnifico seduttore di Hollywood il cui nome è stato accostato a oltre 100 tra le più belle donne del mondo, ma anche uno dei più amati e multiformi talenti della "grande fabbrica dei sogni"; domani sarà ancora d'attualità perché il suo nuovo film, L'eccezione alla regola esce nelle sale italiane a fine aprile e già fa discutere nonostante i non brillanti risultati americani.

    Si parla qui di Warren Beatty (al secolo Henry Warren Beaty, e nessuno ha mai sciolto il mistero della "T" caduta nel cognome d'arte), nato a Richmond il 30 marzo 1937, che spegne 80 candeline più che ben portate sulla sua torta di compleanno. La sua vita artistica potrebbe andare sotto il segno della frase "Volevo essere un genio" che condividerebbe volentieri con Orson Welles, l'unico altro cineasta americano ad essere stato simultaneamente candidato all'Oscar per il miglior film, la migliore regia, la produzione e l'interpretazione. Diversamente dal regista di "Quarto potere" però, il suo "Reds" (1981) gli regalò solo la statuetta come migliore regista, ma può comunque vantare un record di nomination, 53 da produttore e 14 in prima persona oltre all'Oscar alla carriera come miglior produttore.

    Fratello minore di Shirley McLaine (con cui non ha mai diviso il set, né da attore, né da regista), figlio d'arte per parte di madre, che era stimata insegnante di recitazione, aveva il talento nel sangue ed esordì in televisione già nel '57, ad appena 20 anni, con ruoli da giovane seduttore. Ma l'approdo al cinema fu fragoroso, a fianco di Nathalie Wood nel 1961 con "Splendore nell'erba" di un pigmalione assoluto come Elia Kazan. Doveva avere come partner la sorella, ma i produttori scelsero diversamente per non generare scandalo, facendo interpretare a due fratelli il ruolo degli amanti, e Beatty li ripagò andando a letto, con grande clamore, con la sua partner. Non si disse lo stesso per Vivien Leigh che, nello stesso anno, lo illuminò di vivida luce in "La primavera romana della Signora Stone", ma quel ruolo gli valse l'etichetta del playboy che "ama e lascia".

    Con maestri come John Frankenheimer, Arthur Hiller, George Stevens seppe affinare lo stile e vide crescere in fretta il suo valore contrattuale, ma deve a Arthur Penn e "Gangster Story" (1967) la sua promozione a divo, un immortale Clyde al fianco di quella Bonnie (Faye Dunaway) che solo poche settimane fa era con lui sul palco dell'Oscar. Dopo i successi di critica con Robert Altman ("I compari", 1971) e Alan J. Pakula (Perché un assassinio", 1974) e il trionfo al box office con "Shampoo" di Hal Ashby (1975) divenne l'icona di una nuova Hollywood, ribelle e sbarazzina, che lasciava campo libero al suo talento inquieto ed ironico. Ma quelle esperienze avevano anche temprato la sua passione creativa, spingendolo presto a infrangere la "parete invisibile" fino all'altro lato della cinepresa. Forte del sodalizio con un maestro di teatro e scrittura come Buck Henry, eccolo debuttare da regista e protagonista in "Il paradiso può attendere" (1978) che lo porta subito a una doppia nomination all'Oscar. Tre anni dopo si getta nell'avventura di "Reds" che riunisce il suo talento e la sua passione politica nel tratteggiare la figura di John Reed, il sognatore americano che fu testimone e partecipe della rivoluzione d'ottobre all'ombra di Lenin. Al fianco di Warren Beatty sul set c'è questa volta Diane Keaton, una delle donne con cui ha davvero diviso la vita e l'arte, proprio come Leslie Caron (negli anni '60), Julie Christie (al tempo de "I compari"), Madonna (negli anni '90), Annette Bening (sua moglie anche oggi, e madre dei suoi quattro figli).

    Quando "Reds" esce nelle sale, il tempo della "caccia alle streghe" è finito da tempo e il regista/attore/produttore si gode fama e gloria pur con l'etichetta del "comunista a Hollywood": passione politica che in verità non gli è mai appartenuta, nonostante una dichiarata militanza nel Partito Democratico, l'amicizia personale con i fratelli Kennedy, l'impegno a fianco del candidato presidente McGovern. Dal 1990, l'anno del coloratissimo "Dick Tracy", Beatty ha potuto solo di rado dirigere i film che voleva e, non per caso, si è identificato nel senatore di "Bullworth" (1998) da cui traboccano disincanto e rimpianto verso la stagione del sogno e della fiducia in una nuova frontiera della politica. Ha avuto tutto, da attore è diventato un'icona, a Hollywood si è costruito una carriera da tycoon illuminato. Eppure la sua carriera è costellata di rifiuti sanguinosi, dal Michael Corleone del "Padrino" che era già suo (rifiutò per l'eccessiva crudeltà del personaggio) ai ruoli che cedette a Robert Redford permettendogli di affermarsi: "Butch Cassidy", "La stangata" e forse soprattutto "Come eravamo", con quel personaggio di Hubbel Gardiner, bello, ricco, famoso e infelice che gli calzava a pennello e non sarà mai suo.

    (ANSA CINEMA)

    Flash News recenti

    31/05/2020 - Le scelte dei festival, tra stop e nuove formule. Chi rinvia, migra online o punta 'all'ibrido', da Venezia a Ny [leggi...]

    30/05/2020 - Netflix salta i festival, nessun film a Venezia. Gigante streaming non parteciperà al calendario della stagione [leggi...]

    28/05/2020 - Apple batte Netflix, si aggiudica prossimo Scorsese. DiCaprio e De Niro di nuovo assieme sul set, prima volta da 1993 [leggi...]

    28/05/2020 - Cannes 2020 - Cannes: il 3 giugno Fremaux annuncia i film selezionati. 'Tre Piani' di Moretti destinato a Croisette forse sarà a Venezia [leggi...]

    28/05/2020 - Sabato di agitazione permanente per cultura e spettacolo. In 13 città protesta dei lavoratori 'convocateci dal vivo' [leggi...]

    28/05/2020 - Dagli Orsi in Sicilia al dottor 'Dolittle'. Tante occasioni da non perdere per il cinema da casa [leggi...]

    28/05/2020 - Tom Cruise, il film nello spazio ha un regista. Doug Liman. Progetto sempre più concreto dopo lancio Space X [leggi...]

    28/05/2020 - Doug Liman regista per film Tom Cruise nello spazio. Annuncio alla vigilia lancio Space X di Elon Musk [leggi...]

    27/05/2020 - Nastri d'Argento 2020 - Candidature ai Nastri, è 'testa a testa' tra Favolacce e Pinocchio. In pole position Muccino, Ozpetek, Martone e Marcello [leggi...]

    26/05/2020 - Toni Servillo Nastro d'argento alla carriera. Perfezionista, dai film di Sorrentino a esordio Igort [leggi...]

    L'uomo invisibile

    L'UOMO INVISIBILE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Se fai un film su un personaggio ....
    [continua]

    Un amico straordinario

    UN AMICO STRAORDINARIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Credo che Fred (Rogers) abbia detto una ....
    [continua]

    The Rhythm Section

    THE RHYTHM SECTION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Questa 'spy story' al femminile doveva arrivare .... [continua]

    Figli

    FIGLI

    Esce di nuovo on demand dall'11 Maggio su SkyCinema e NowTV - RECENSIONE - Paola .... [continua]

    Il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI

    Disponibile on demand dal 14 maggio su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten .... [continua]

    Underwater

    UNDERWATER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 30 GENNAIO .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di .... [continua]