ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    New Entry - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Richard Jewell

    RICHARD JEWELL

    New Entry - USA: Dal 13 Dicembre .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Ottobre 2019) - New Entry - Film di .... [continua]

    Black Bird

    BLACK BIRD

    New Entry - Da Dicembre

    "Ero a una cena con Christian Torpe, lo ....
    [continua]

    Military Wives

    MILITARY WIVES

    New Entry - 14. Mostra del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    The Report

    THE REPORT

    New Entry - In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 .... [continua]

    Gli anni più belli

    GLI ANNI PIU' BELLI

    New Entry - Dal 13 Febbraio 2020

    "Con la sua meravigliosa canzone inedita ....
    [continua]

    Home Page > Flash News

    68. Mostra del Cinema di Venezia (31 Agosto-10 Settembre 2011) - MARCO BELLOCCHIO 'LEONE D'ORO ALLA CARRIERA 2011'

    08/05/2011 - Venezia, 8 Maggio 2011 - E’ stato attribuito al regista italiano MARCO BELLOCCHIO – una delle personalità più influenti del cinema italiano degli ultimi decenni e uno tra i maggiori autori del cinema contemporaneo – il LEONE D’ORO ALLA CARRIERA della 68. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia) (31 agosto - 10 settembre 2011).

    La decisione è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, su proposta del Direttore della Mostra Marco Mueller.

    Nella presentazione al Cda della proposta di LEONE D’ORO ALLA CARRIERA 2011, il Direttore della Mostra Marco Mueller ha scritto tra l'altro: «Seguire il cinema di Marco Bellocchio ti porta, in ogni suo nuovo film, sempre verso altre destinazioni da quelle che ci sembrava di aver raggiunto e scoperto. Camminatore instancabile, traghettatore di idee, esploratore del confine instabile tra se stesso, il cinema e la storia, ha utilizzato come mappa, per orientarsi, il mondo che comincia oltre i confini della realtà visibile (e nell'inconscio). E ha così trovato i modi di espressione più vitali e 'giusti' - per raccontare l'urgenza di saperi, individuali e collettivi, indeboliti, o svaniti».

    A seguire la cerimonia di consegna del LEONE D’ORO ALLA 68. MOSTRA – nella Sala Grande del Palazzo del Cinema – sarà presentata la nuova versione di NEL NOME DEL PADRE (1971) di MARCO BELLOCCHIO: non un restauro, ma una nuova opera inedita e “attuale”, realizzata dal regista a partire dai materiali del film stesso. Un singolare Director's Cut che – per la prima volta – invece di durare parecchi minuti di più, risulta più corto rispetto alla prima edizione: 90’ per questa nuova versione “redux” di NEL NOME DEL PADRE, contro i 105’ del film uscito in sala nel 1971.

    MARCO BELLOCCHIO ha commentato a riguardo: «Non è stata un'idea fissa (niente di persecutorio) eppure in tutti questi anni (quaranta) mi è tornata in mente, a intervalli vari, anche lunghissimi, l'idea, la convinzione che Nel nome del padre non avesse ancora trovato la sua forma definitiva. Ne è la prova il fatto che dopo la prima proiezione pubblica (Festival di New York, 1971) Nel nome del padre è ritornato in moviola altre tre volte, quattro con quest'ultima revisione. Per una necessità (che in passato non vedevo, per paura di essere politicamente ambiguo o soltanto per un difetto di visione di insieme?) di liberare le immagini, nel senso di alleggerirle di quella pesantezza ideologica che le schiacciava, le soffocava... Immaginare liberamente era allora inconcepibile. Per cui tante immagini piene di parole che giudicavano, spiegavano, ripetevano le spiegazioni, citavano, sono cadute. Molta cultura, figlia di quegli anni, magari irrisa, in quest'ultima versione è stata almeno contenuta a favore della storia, dei personaggi, degli affetti più semplici e diretti. Ho tagliato, accorciato, non ho aggiunto nulla. Le 'invenzioni' politiche nel film non mancano, assolutamente legittime (basti pensare alla lotta di classe tra servi e preti, del tutto inesistente nella mia esperienza di collegiale), ma forse manca quella passione, esaltazione, fede, cecità che aveva posseduto sinceramente Eisenstein quando faceva i suoi film di propaganda, che però erano e sono dei capolavori... Evidentemente ancora in quegli anni mi sentivo in obbligo di non tradire una sinistra rivoluzionaria in cui avevo brevemente militato... Liberare le immagini è stato privilegiare sempre quanto di lieve, di caldo, di paradossale, di surreale, di crudele anche, senz'essere gratuitamente sadico, di sarcastico, di irridente l'ipocrisia delle istituzioni... Beninteso il film, per quei pochi che si ricorderanno della prima versione italiana (che è poi la seconda versione), non è cambiato nei contenuti o nei significati, non è stato addolcito in alcun modo, non è meno violento, si può dire soltanto che in questa versione definitiva 'Nel nome del padre' fa pensare un po' meno a Brecht e un po' di più a Vigo».

    (SEGUE... nella rubrica 'EVENTI' di 'CELLULOIDPORTRAITS')

    LA REDAZIONE

    Nota: Si ringrazia l'Ufficio Stampa de 'La Biennale di Venezia'.

    Flash News recenti

    15/10/2019 - Consegnate Chiavi Firenze a Richard Gere. Da sindaco Nardella durante cerimonia nel Salone dei Cinquecento [leggi...]

    15/10/2019 - 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) - Elio Germano è 'L'uomo senza gravità'. In sala dal 21-23 ottobre e dal 1 novembre su Netflix [leggi...]

    14/10/2019 - Incassi: Joker ancora 're' supera 15 mln. Esordisce secondo 'Gemini Man', quinto 'Brave ragazze' con Angiolini [leggi...]

    13/10/2019 - 'Joker' domina ancora il box office Usa. Batte i nuovi arrivati, 'La famiglia Addams' e 'Gemini man' [leggi...]

    13/10/2019 - 'Gli Anni Più Belli' di Gabriele Muccino - il brano inedito di Claudio Baglioni 'Gli Anni Più Belli' diventa il nuovo titolo del film di Gabriele Muccino che sarà nelle sale per San Valentino 2020 [leggi...]

    13/10/2019 - Box Office: 'Joker' Eyes Huge $60M 2nd Weekend; 'Addams Family' Beating 'Gemini Man' [leggi...]

    12/10/2019 - Addio all'attore Carlo Croccolo. La notizia su sua pagina FB. Aveva 92 anni. Napoli in lutto [leggi...]

    12/10/2019 - Addio all'attore Robert Forster. Nomination agli Oscar nel 1997 per 'Breaking Bad' di Tarantino [leggi...]

    11/10/2019 - Ozon, la mia storia di preti e pedofilia. In sala 'Grazie a Dio'. Regista, racconto fragilità degli uomini [leggi...]

    11/10/2019 - 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) - Premio speciale a Travolta. Il premio gli sarà consegnato il 22/10. Monda, 'struggente' [leggi...]

    Le verità

    LE VERITA'

    Già Film d' Apertura alla 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - .... [continua]

    Gemini Man

    GEMINI MAN

    Dramma d'azione Sci-Fi diretto da Ang Lee (I Segreti di Brokeback Moutain, Vita di Pi), .... [continua]

    Non succede, ma se succede...

    NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE...

    Charlize Theron e Seth Rogen per la prima volta insieme nella commedia di Jonathan Levine .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dopo Django .... [continua]

    Yesterday

    YESTERDAY

    Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 Settembre .... [continua]

    Rambo: Last Blood

    RAMBO: LAST BLOOD

    Trentasette anni dopo il primo film, arriva il quinto capitolo del franchise cult con cui .... [continua]