ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    New Entry - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Richard Jewell

    RICHARD JEWELL

    New Entry - USA: Dal 13 Dicembre .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Ottobre 2019) - New Entry - Film di .... [continua]

    Black Bird

    BLACK BIRD

    New Entry - Da Dicembre

    "Ero a una cena con Christian Torpe, lo ....
    [continua]

    Military Wives

    MILITARY WIVES

    New Entry - 14. Mostra del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    The Report

    THE REPORT

    New Entry - In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 .... [continua]

    Gli anni più belli

    GLI ANNI PIU' BELLI

    New Entry - Dal 13 Febbraio 2020

    "Con la sua meravigliosa canzone inedita ....
    [continua]

    Home Page > Flash News

    67. Mostra del Cinema di Venezia (1-11 Settembre 2010) - RITORNA IL 'PREMIO PERSOL 3-D' PER IL PIU' CREATIVO FILM DELL'ANNO. Primo premio di portata internazionale nel suo genere: Takashi Shimizu (presidente), Jim Hoberman e David Zamagni in Giuria

    30/08/2010 - Venezia, 30 agosto 2010 - Sarà presieduta dal regista giapponese Takashi Shimizu, uno dei più sorprendenti registi contemporanei di film horror - autore tra l'altro delle fortunatissime serie Ju-on (in Giappone) e The Grudge (a Hollywood), nonché del primo film asiatico live-action in 3-D, Senritsu meikyu 3D (Shock Labyrinth 3D) – e composta da uno dei più importanti critici e storici del cinema statunitensi, Jim Hoberman – senior critic di “The Village Voice”, docente alla newyorkese Cooper Union, autore di numerosi volumi di storia del cinema - e dal regista e filmmaker italiano 3-D David Zamagni – che insieme a Nadia Ranocchi con la Zapruder esplora da anni le possibilità del cinema stereoscopico – la Giuria della seconda edizione del Premio Persol 3-D per il 'Miglior Film 3-D stereoscopico dell’anno', alla 67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (1-11 settembre 2010).

    Il Direttore della Mostra, Marco Mueller, ha dichiarato: “Il cinema 3D ci regala un'esperienza sensoriale inedita, facendoci sentire molto più coinvolti nella proiezione rispetto ad un normale film a due dimensioni (2D). Quando questo accade sul serio, vale a dire quando l'ambiente del 3D è davvero efficace, le immagini ti arrivano in testa senza sforzo. E si può trattare di immagini che sanno interrogare la nostra posizione di spettatori (come, ad esempio, nei film degli Zapruder, Ken Jacobs e Armin Linke, tutti alla Mostra quest'anno). Resta dunque ancora tanto da verificare e sperimentare. Abbiamo comunque bisogno di metterci dietro alle spalle almeno un altro paio di anni pieni di nuovi film 3D firmati da cineasti che abbiano fatto propri gli strumenti espressivi del 3D. La tecnologia 3D non può essere etichettata come una trovata passeggera; per fortuna, il 3D è qui per restare”.

    Il Premio Persol 3-D è il primo premio internazionale nel suo genere, destinato a ricompensare il film che ha usato nel modo più creativo il 3D stereoscopico. Viene istituito per la prima volta nel 2009 alla 66. Mostra di Venezia e ha premiato con la sua edizione inaugurale THE HOLE 3D di JOE DANTE, una delle “sorprese” al box-office italiano di questa estate.

    Proprio in occasione della cerimonia di premiazione di THE HOLE 3D, erano state proiettate in Sala Grande, in anteprima mondiale, alcune scene dello stupefacente nuovo film di Takashi Shimizu, Senritsu meikyu 3D (Shock Labyrinth 3D), straordinario ingresso dell’horror nipponico nella terza dimensione, che il regista – e quest'anno presidente di giuria del Premio Persol 3-D - porta quest’anno alla 67. Mostra.

    Il Premio Persol 3-D 2010 sarà consegnato al Lido durante una cerimonia in Sala Perla (Palazzo del Casinò) alle 20.00 di venerdì 10 settembre, alla vigilia della premiazione ufficiale della 67. Mostra (1-11 settembre 2010), diretta da Marco Mueller e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta.

    Al termine della cerimonia verranno presentati Taikong xia 3D (Space Guy) di Zhang Yuan (Cina), il primo film 3D stereoscopico della Cina continentale, dove l'enfant terrible della Sesta generazione si confronta ora con l'animazione, e l'attesissimo film di Takashi Shimizu, Senritsu meikyu 3D (Shock Labyrinth 3D).

    Il riconoscimento – che si lega a Persol, per il quinto anno sponsor della Mostra - verrà attribuito anche quest’anno alla più creativa tra le pellicole 3D distribuite in Italia (o presentate in anteprima in festival cinematografici italiani) fra l’11 settembre 2009 e il 10 settembre 2010.

    I film che concorrono per il Premio Persol 3D 2010 sono:

    - G-Force: Superspie in missione di Hoyt Yeatman (24/9/2009)

    - Planet 51 di Jorge Blanco, Javier Abad, Marcos Martínez (20/11/2009)

    - A Christmas Carol di Robert Zemeckis (3/12/2009)

    - Piovono Polpette di Phil Lord, Chris Miller (23/12/2009)

    - Avatar di James Cameron (15/1/2010)

    - Il richiamo della foresta in 3D di Richard Gabai (19/2/2010)

    - Alice in Wonderland di Tim Burton (3/3/2010)

    - Dragon Trainer di Dean DeBlois e Chris Sanders (26/3/2010)

    - Scontro tra Titani di Louis Leterrier (16/4/2010)

    - Oceani 3D di Jean-Jaques Mantello (30/4/2010)

    - The Final Destination 3D di David R. Ellis (21/5/2010)

    - Toy Story - Il mondo dei giocattoli 3D di John Lasseter (30/4/2010)

    - Toy Story 2 - Woody e Buzz alla riscossa 3D di John Lasseter, Ash Brannon, Lee Unkrich (7/5/2010)

    - Toy Story 3: la grande fuga di Lee Unkrich (7/7/2010)

    - U2 3D di Catherine Owens, Mark Pellington (24/5/2010)

    - Shrek e vissero felici e contenti di Mike Mitchell (25/8/2010)

    - Cani & Gatti - La vendetta di Kitty Galore di Brad Peyton (17/9/2010)

    - L'ultimo dominatore dell'aria di M. Night Shyamalan (24/9/2010)

    A questi si aggiunge un altro film 3-D, che avrà la sua prima mondiale Fuori Concorso alla 67. Mostra:

    - Tungngaan 3D (The Child’s Eye 3D) di Oxide e Danny Pang (Cina–Hong Kong).

    Il Premio Persol 3-D intende celebrare la nuova frontiera del linguaggio cinematografico, che sta attirando un sempre rinnovato interesse creativo di cineasti e produzioni, suscitando un amplissimo gradimento da parte del pubblico. Il 3-D stereoscopico di ultima generazione rappresenta una modalità di visione che sta riportando la sala cinematografica al centro dell’attenzione, e che ha fatto parlare di una svolta decisiva nella storia del cinema, una “terza rivoluzione cinematografica” (dopo il suono e il colore). Nel 2010 la stereoscopia sta registrando una forte accelerazione nella ricerca e nella produzione di dispositivi in 3D. In questo momento i più importanti autori e Studios si stanno infatti confrontando con il 3D stereoscopico, adattandolo sia all’animazione, sia al live-action, e sono sempre di più i titoli pensati e prodotti per il 3-D stereoscopico di ultima generazione.

    La Giuria del Premio Persol 3-D 2010Note biografiche

    Takashi Shimizu (regista, sceneggiatore, produttore, Giappone) – presidente. Nato nel 1972 a Maebashi, nella prefettura di Gunma, nonostante la sua giovane età Takashi Shimizu è uno dei più popolari registi di J-horror (horror nipponico caratterizzato da un peculiare utilizzo di temi e meccanismi narrativi, incentrato sul terrore psicologico e sulla costruzione della tensione attraverso un’attesa prolungata, e spesso contraddistinto dalla presenza di poltergeist, fantasmi ed elementi narrativi derivati da credenze popolari). Dopo aver studiato arti drammatiche, Shimizu si trasferisce a Tokyo dove studia alla Film School sotto la guida del regista di culto di horror giapponesi Kiyoshi Kurosawa. In breve Shimizu inizia a lavorare come aiuto regista e già dai primi corti emerge il suo talento, tanto che di lì a poco (siamo a fine anni ’90) inizia a lavorare per il circuito televisivo, per il quale realizza le due prime versioni della sua fortunatissima serie horror Ju-on: Ju-on e Ju-on 2 (entrambe del 2000). Sono qui già presenti in filigrana la costante tensione e le atmosfere claustrofobiche caratteristiche del suo cinema, che in meno di un decennio lo renderanno celebre in tutto il mondo. La storia è una variazione del classico tema della casa stregata, incrociato con il tradizionale tema narrativo giapponese dell’onryo, il fantasma che cerca vendetta. Il successo arriva proprio grazie a questa serie horror di culto, di cui nel 2002 scrive e dirige in Giappone il primo capitolo per il grande schermo. Già notissimo a livello mondiale, grazie all’intuito di Sam Raimi due anni più tardi Shimizu è chiamato a dirigere The Grudge, remake ibrido nippo-hollywoodiano della sua creatura horror. Il successo della serie è talmente grande da dare vita (fra il 2002 e il 2009) ad un totale di ben 7 versioni sceneggiate e dirette dal poliedrico regista, e nate dal suo concept di base: 3 realizzate in Giappone e 2 negli Stati Uniti, oltre ai primi due ormai leggendari episodi per la tv. Sempre da lui scritti e prodotti (ma diretti da altri) sono The Grudge 3 (2009), The Grudge: Old Lady in White e The Grudge: Girl in Black (2009). Nel frattempo, arrivano anche altri progetti, come l’horror vampiresco Marebito (2005) e Reincarnation (Rinne, 2005), terzo capitolo dell’esalogia “J-horror Theater” (J horâ shiatâ), nata sotto l’egida del produttore Taka Ichise, che sull’onda del successo di Ringu (1998) di Hideo Nakata – di cui viene girato nel 2002 il remake per il mercato americano, The Ring - chiede a sei registi horror giapponesi di creare un film ciascuno per un progetto comune. La serie, cominciata con Infection (Kansen, 2004) di Masayuki Ochiai e Premonition (Yogen, 2004) di Norio Tsuruta, prosegue infatti con Retribution (Sakebi, 2007) di Kiyoshi Kurosawa e Kaidan (2007) di Hideo Nakata.

    Jim Hoberman (critico e storico del cinema, USA). Dopo un Master of Fine Arts alla Columbia University, Hoberman inizia a collaborare con il settimanale newyorkese “The Village Voice”, dove si specializza nell’analisi del cinema sperimentale e di ricerca. Non a caso, la prima recensione che porta la sua firma - pubblicata nel 1977 – è incentrata sul debutto alla regia di David Lynch, Eraserhead - La mente che cancella (Eraserhead, 1976). Accanto alla sua posizione (dal 2009) di Senior Film Critic di “The Village Voice”, Hoberman collabora regolarmente con alcune delle più prestigiose testate statunitensi come “Film Comment”, “The New York Times” e “Virginia Quarterly Review”. Docente di storia del cinema dal 1990 alla newyorkese Cooper Union for the Advancement of Science and Art, Hoberman ha tenuto lezioni di cinema alla Harvard University e alla New York University. Alla carriera accademica e di giornalista, Hoberman ha affiancato anche numerosi volumi di scritti e ricerche sul cinema. I principali di questi sono: The Magic Hour: Film at Fin de Siècle (Temple University Press, 2003), The Dream Life: Movies, Media, and the Mythology of the Sixties (The New Press, 2003), On Jack Smith's Flaming Creatures: (and Other Secret-flix of Cinemaroc) (Granary Books/Hips Road, 2001), The Red Atlantis: Communist Culture in the Absence of Communism (Temple University Press, 1999), 42nd Street (BFI Publishing, 1993), Bridge of Light: Yiddish Film Between Two Worlds (New York: The Museum of Modern Art/Schocken Books, 1992), Vulgar Modernism: Writing on Film and Other Media (Temple University Press, 1991), Dennis Hopper: From Method to Madness (Walker Art Center, 1988), Home Made Movies: Twenty Years of American 8Mm & Super-8 Films (Anthology Film Archives, 1981) e Midnight Movies (1983) di cui è co-autore con Jonathan Rosenbaum.

    Nella classifica dei migliori film della storia, pubblicata nel 2002 dal mensile britannico “Sight & Sound”, Hoberman ha indicato come sua prima scelta Flaming Creatures di Jack Smith (1963) seguito da The Girl from Chicago di Oscar Micheaux (1932), L'uomo con la macchina da presa di Dziga Vertov (Chelovek s kino-apparatom, 1929), Il lamento sul sentiero di Satyajit Ray (Pather Panchali, 1955) e La regola del gioco di Jean Renoir (La Règle du jeu, 1939).

    Nel 2008 il San Francisco International Film Festival gli ha assegnato il prestigioso Mel Novikoff Award, riconoscimento “al lavoro di un’istituzione o persona che abbia contribuito a migliorare negli spettatori la comprensione e la conoscenza del cinema internazionale”.

    David Zamagni (regista, Italia)

    Regista e filmmaker, vive e lavora a Roncofreddo (FC). Iscritto al DAMS di Bologna dal 1991 al 2000 entra a far parte della compagnia teatrale Motus prima come attore e successivamente come co-autore. Nel 1998 fonda con Nadia Ranocchi il Zapruder filmmakersgroup, formato da tre giovani filmmakers (a Zamagni e Ranocchi si unisce Monaldo Moretti) impegnati nella zona interstiziale fra arti visive, performative e cinematografiche, dando origine a una produzione che si caratterizza per un approccio indipendente e interamente artigianale. E proprio la raffinata qualità artigianale di Zapruder ha dato vita alla singolare esperienza di dispositivi e ambienti performativi che sono allo stesso tempo teatro incorporeo e cinema incarnato o, come lo definisce il gruppo, “cinema da camera”. Dal 2005 Zapruder esplora le possibilità dell'anaglifia e della stereoscopia attraverso una serie di cortometraggi e installazioni che recuperano le tecniche del cinema 3-D, progettando e costruendo sia i dispositivi di ripresa stereoscopica sia quelli di visione. Oltre a una costante presenza nei cartelloni dei principali festival europei di cinema e arte, nei quali ha raccolto consensi e numerosi premi (fra cui: Werkleitz Award al 48° Oberhausen Short Film Festival 2002, Premio Iceberg 2002, Premio Riccione TTV Performing Arts on Screen 2006), il gruppo collabora con varie compagnie impegnate nel teatro di ricerca italiano (Motus, Fanny & Alexander e Romeo Castellucci/Societas Raffaello Sanzio). Dopo aver presentato alla 66. Mostra il film sperimentale e tridimensionale Cock-Crow, Zamagni è presente anche nel programma della 67. Mostra nella sezione Fuori Concorso con il suo ultimo lavoro diretto con Nadia Ranocchi, All Inclusive 3D (Italia/Austria). Quest’anno il Zapruder filmmakersgroup ha vinto il premio Furla 2010 e a luglio, nel contesto di Santarcangelo 40. Festival del Teatro in piazza, ha ottenuto il Premio "Lo Straniero", riconoscimento attribuito dalla rivista mensile omonima fondata e diretta da Goffredo Fofi, e dedicata ai percorsi "eretici" nell'arte, nella cultura, nella scienza e nella società.

    LA REDAZIONE

    Nota: Si ringrazia l'Ufficio Stampa de La BIennale di Venezia.

    Flash News recenti

    15/10/2019 - Consegnate Chiavi Firenze a Richard Gere. Da sindaco Nardella durante cerimonia nel Salone dei Cinquecento [leggi...]

    15/10/2019 - 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) - Elio Germano è 'L'uomo senza gravità'. In sala dal 21-23 ottobre e dal 1 novembre su Netflix [leggi...]

    14/10/2019 - Incassi: Joker ancora 're' supera 15 mln. Esordisce secondo 'Gemini Man', quinto 'Brave ragazze' con Angiolini [leggi...]

    13/10/2019 - 'Joker' domina ancora il box office Usa. Batte i nuovi arrivati, 'La famiglia Addams' e 'Gemini man' [leggi...]

    13/10/2019 - 'Gli Anni Più Belli' di Gabriele Muccino - il brano inedito di Claudio Baglioni 'Gli Anni Più Belli' diventa il nuovo titolo del film di Gabriele Muccino che sarà nelle sale per San Valentino 2020 [leggi...]

    13/10/2019 - Box Office: 'Joker' Eyes Huge $60M 2nd Weekend; 'Addams Family' Beating 'Gemini Man' [leggi...]

    12/10/2019 - Addio all'attore Carlo Croccolo. La notizia su sua pagina FB. Aveva 92 anni. Napoli in lutto [leggi...]

    12/10/2019 - Addio all'attore Robert Forster. Nomination agli Oscar nel 1997 per 'Breaking Bad' di Tarantino [leggi...]

    11/10/2019 - Ozon, la mia storia di preti e pedofilia. In sala 'Grazie a Dio'. Regista, racconto fragilità degli uomini [leggi...]

    11/10/2019 - 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) - Premio speciale a Travolta. Il premio gli sarà consegnato il 22/10. Monda, 'struggente' [leggi...]

    Le verità

    LE VERITA'

    Già Film d' Apertura alla 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - .... [continua]

    Gemini Man

    GEMINI MAN

    Dramma d'azione Sci-Fi diretto da Ang Lee (I Segreti di Brokeback Moutain, Vita di Pi), .... [continua]

    Non succede, ma se succede...

    NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE...

    Charlize Theron e Seth Rogen per la prima volta insieme nella commedia di Jonathan Levine .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dopo Django .... [continua]

    Yesterday

    YESTERDAY

    Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 Settembre .... [continua]

    Rambo: Last Blood

    RAMBO: LAST BLOOD

    Trentasette anni dopo il primo film, arriva il quinto capitolo del franchise cult con cui .... [continua]