ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Avengers: Endgame

    AVENGERS: ENDGAME

    Dal 24 Aprile

    "È stato un esperimento davvero unico. Sono 10 anni di storytelling ....
    [continua]

    The Song of Names

    THE SONG OF NAMES

    New Entry - Clive Owen e Tim Roth protagonisti di una "storia poliziesca emotiva" .... [continua]

    Il professore e il pazzo

    IL PROFESSORE E IL PAZZO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - La prima volta insieme .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > Registi > Wes Anderson

    Il cinema di Wes Anderson

    The Wes Anderson Touch

    SCHEGGE DI STILE IN CELLULOIDE

    SCHEGGE DI STILE IN CELLULOIDE:

    Nonostante la sua insistenza per l’uso di tecniche tradizionali per le riprese di
    FANTASTIC MR. FOX, il regista, co-sceneggiatore e produttore texano WES ANDERSON (Bottle Rocket - Un colpo da dilettanti; Rushmore, The Royal
    Tenenbaums
    - I Tenenbaum; The Life Aquatic With Steve Zissou - Le avventure acquatiche di Steve Zissou; The Darjeeling Limited - Un treno per il Darjeeling e il cortometraggio Hotel Chevalier) ha potuto dirigere il film 24 ore al giorno da qualunque luogo grazie alla tecnologia moderna:

    "Un film come questo è un processo lungo e molto focalizzato sui dettagli. Ci sono migliaia di decisioni da prendere, molte più che in un film live action, perché tutto è da creare. Le decisioni da prendere sono più articolate, non riguardano un singolo momento ma un’inquadratura intera e tutto è più complicato. Metà del processo cinematografico, quindi, ha riguardato il modo in cui realizzare il film, come gestire tutte le informazioni e come assicurare di rappresentare sullo schermo ciò che volevamo, dal momento che avevamo ventinove unità che operavano contemporaneamente. È pazzesco: sono abituato a una sola unità e, generalmente, già una mi fa sentire completamente sopraffatto. Ma i nostri collaboratori sono stati veramente eccezionali e siamo riusciti a cavarcela... Ricevevo i giornalieri la sera tra le undici e mezzanotte, poi inviavo per e-mail a Londra le mie osservazioni sulle varie riprese. La mattina dopo, il team rivedeva i giornalieri con le mie note, dopodiché mi scrivevano o telefonavano per informarmi dei programmi per la giornata. A quel punto ognuno tornava al suo set per mettersi all’opera e, una volta realizzata una nuova ripresa, ricevevo per e-mail le immagini da esaminare e commentare. A questo punto lavoravamo sui filtri, scegliendo le lenti per le riprese. Prima preparavamo tutto, poi progressivamente affinavamo il lavoro. Avevamo
    anche un software che mi permetteva di guardare attraverso la macchina da presa di qualunque unità, così potevo intervenire dal vivo sul processo. Uno strumento molto efficace
    ".
    Wes Anderson

    Tecnologia si, ma la scelta stilistica si appunta sulla 'stop motion', ed è lui stesso a spiegare perchè:

    "Adoro l’aspetto di King Kong, il vecchio King Kong, con la pelliccia. E secondo me tutta la magia della 'stop motion' è dovuta al fatto che si vede il trucco. Ad esempio, nel film di Cocteau ‘La bella e la bestia’ (La belle et la bête), si capisce che gli effetti visivi sono realizzati con una persona dietro la parete che sporge il braccio tenendo una torcia, e poi il film scorre all’indietro, facendo così apparire la luce. Quegli effetti, dove vedi come sono creati, sono sempre stati magici e ipnotici per me. Con la 'stop motion', tutto il film mantiene questa impronta suggestiva".
    "Con 'GRAND HOTEL BUDAPEST', Wes ha creato una vera commedia acrobatica con travestimenti e fughe, e c'è sempre quel sottotono dolce amaro tanto distintivo. I suoi film hanno sempre questo tocco leggero idiosincratico, all’interno del quale vivono forti temi ed emozioni. È una miscela insolita che nessun altro può ripetere perché viene dall'interno di Wes, dal suo senso dell’umorismo e dalla sua personale percezione del mondo".
    L'attore Ralph Fiennes (Grand Budapest Hotel, 2014)

    <- torna alla pagina principale di Wes Anderson

    Torna a casa, Jimi! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    TORNA A CASA, JIMI! 10 cose da non fare quando perdi il tuo cane a Cipro

    RECENSIONE - Un padrone pronto a tutto per il suo amico a quattro zampe nel .... [continua]

    Shazam!

    SHAZAM!

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 3 Aprile

    "Per me la grande attrazione del personaggio ....
    [continua]

    Cafarnao - Caos e miracoli

    CAFARNAO - CAOS E MIRACOLI

    VINCITORE del Premio della Giuria a Cannes 2018 - Dall'11 Aprile

    "'Cafarnao' ....
    [continua]

    Book Club - Tutto può succedere

    BOOK CLUB - TUTTO PUO' SUCCEDERE

    RECENSIONE - Dal 4 Aprile

    "A Hollywood, nella società, c'è una fortissima discriminazione dell'età ....
    [continua]

    Dumbo

    DUMBO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 28 Marzo

    "L’idea di ....
    [continua]

    Bentornato Presidente

    BENTORNATO PRESIDENTE

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Il Presidente Peppino Garibaldi (Claudio Bisio) torna a .... [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    Ancora al cinema - VINCITORE agli OSCAR 2019 di 3 statuette: 'Miglior Film', .... [continua]