ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Le streghe

    LE STREGHE

    Le streghe sono tornate e questa volta hanno una nuova Strega Suprema (Anne Hathaway). Nel .... [continua]

    Kajillionaire - La truffa è di famiglia

    KAJILLIONAIRE - LATRUFFA E' DI FAMIGLIA

    VINCITORE come 'Miglior Film' ad Alice nella città della Festa del Cinema di .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > Attori > Cate Blanchett

    Il cinema di Cate Blanchett

    The Cate Blanchett Touch

    SCHEGGE DI STILE IN CELLULOIDE

    "Cate è una delle più grandi attrici del mondo. Ha una marcia in più. Il film richiedeva una quantità infinita di profondità. Molte attrici sarebbero state in grado di esprimere il senso di frustrazione, disperazione e pianto come Cate, eppure lei è l’unica a saper trasmettere sullo schermo quell’ enorme senso di profondità che ti risucchia dentro. Basta lasciarsi coinvolgere dalla sua interpretazione; questo è il suo dono".
    Woody Allen, Blue Jasmine, 2013)
    "Cate (Blanchett) ha una straordinaria combinazione di talento, controllo, comprensione, intelletto e emozione. Queste qualità – insieme ad un’incredibile disciplina – le permettono di spostarsi agilmente tra le diverse parti del personaggio che interpreta. Non l’ho mai vista non lavorare sulla parte. Lei lavora tutto il tempo. Se ha due minuti di pausa, ascolta le sue battute al registratore e ci pensa. E’ imbattibile".
    Il regista Shekhar Kapur (Elizabeth, 1998 e Elizabeth: The Golden Age, 2007)
    Alla IIa Ediz. di Cinema. Festa Internazionale di Roma (18-26 ottobre 2007) con ELIZABETH: THE GOLDEN AGE di Shekhar Kapur. Già COPPA VOLPI per la 'MIGLIORE INTERPRETAZIONE FEMMINILE' alla 64a Mostra di Venezia per il ruolo di Bob Dylan nel film di Todd Haynes (I'M NOT THERE - IO NON SONO QUI).
    CATE BLANCHETT si conferma regina del grande schermo con la sovrana per eccellenza, Elisabetta I, giunta al suo secondo atto con Elizabeth: The Golden Age del superbo regista indiano Shekhar Kapur: opera di maturità professionale anche per la Blanchett che qui buca letteralmente lo schermo sondando una rosa di registri introspettivi che vanno a tratteggiare la viscerale dimensione di uno dei personaggi più complessi, drammatici e lirici mai interpretati prima. Il sontuoso scenario storico-poetico l’avvolge e la sostiene in una rivisitazione estremamente moderna e profonda soprattutto sul piano umano, di gran lunga superiore alla tessitura di base del I atto (Elizabeth, 1998).
    (P. FERRETTI, www.celluloidportraits.com)
    CATE BLANCHETT è Marion al fianco dell'inedito Robin Hood calzato da RUSSELL CROWE nel ROBIN HOOD di RIDLEY SCOTT.
    (Le sue dichiarazioni nella scheda film)
    CATE BLANCHETT è ancora Galadriel in LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG di PETER JACKSON mentre mantiene le vesti di Jasmine in BLUE JASMINE di WOODY ALLEN:

    "Jasmine è in ‘caduta libera’, e deve lasciarsi alle spalle tutte le sue certezze, e le sue aspettative. Sta per percorrere un cammino oscuro ed ignoto, trasferendosi da una parte della costa all'altra, passando da uno status ad un altro, e da una classe sociale ad un' altra... Per avere un buon lavoro e spianarsi la propria strada nella vita, bisogna essere in grado di affrontare gli ostacoli ed i sacrifici che la vita ti infligge, e non so se Jasmine sarebbe stata in grado di farlo. Per lei rimboccarsi le maniche e sporcarsi le mani per un lavoro, probabilmente non rappresentava il massimo nel suo immaginario ideale... 'Jasmine è predisposta ad essere una fantasista, o sono le circostanze che la portano ad essere una fantasista?’ Esistono delle personalità più fragili, che non si sanno imporre nella vita reale; e Jasmine probabilmente è tra queste".
    Cate Blanchett
    CATE BLANCHETT è Claire Simone - ispirata alla reale Rose Valland, un’impiegata della galleria Jeu de Paume a Parigi, una donna che custodisce la chiave del nascondiglio in cui è ammassata una raccolta unica di migliaia di tesori e beni d’arte di valore incalcolabile - in MONUMENTS MEN di GEORGE CLOONEY:

    "La storia analizza la seconda guerra mondiale da una prospettiva differente. Questi uomini furono spinti da un ideale superiore. Ciò significa che molte delle opere che ammiriamo nei grandi musei del mondo e che diamo per scontate tornarono ai loro luoghi di origine grazie a questi eroi che compirono una missione quasi impossibile. È la storia incredibile del più improbabile gruppo di soldati: i 'Monuments Men', che raggiunsero il fronte per chiedere ai generali impegnati in prima linea di interrompere i bombardamenti su una chiesa o in un’area, in modo da sottrarre alla distruzione una vetrata, una scultura, un affresco. C’è da domandarsi come siano riusciti a salvare anche un solo oggetto d’arte. Il loro fu uno straordinario gesto di altruismo disinteressato, compiuto al solo scopo di preservare la storia".
    Cate Blanchett
    CATE BLANCHETT è Lady Tremaine in CENERENTOLA di KENNETH BRANAGH:

    "Ci sono tante storie che fanno credere ai bambini di essere eroi capaci di superare ogni difficoltà, che il mondo è un posto perfetto. Ma le storie classiche, come Cenerentola, ci ricordano che il mondo può essere un posto crudele, in cui servono tanto coraggio e tenacia per sopravvivere".
    Cate Blanchett
    CATE BLANCHETT è Carol Aird in CAROL di TODD HAYNES:

    "Credo che il piacere di lavorare su un lavoro tratto da un romanzo di Patricia Highsmith derivi dal fatto che la vita interiore dei personaggi è estremamente ricca; la Highsmith è una vera maestra nel tratteggiare personaggi che dimostrano, in un certo senso, che qualsiasi adulto nasconde un segreto... Carol è una persona che può sembrare distante e controllata, ma io credo che sia sempre sul punto di crollare. Non si sente a suo agio— come Therese del resto — nel suo circolo sociale o nella sua epoca. Credo che entrambe vengano colte di sorpresa dall'intensità del legame che le unisce. Scoprono di essere decisamente più interessate ad una particolare persona piuttosto che a far parte di uno specifico gruppo di persone... Si rischia di perdere il controllo e questo contribuisce ad alimentare quel genere di eccitazione... Se mi buttassi a capofitto in una cosa come questa, potrei farmi male in modo diverso da una ragazza più giovane di me. Therese è semplicemente il prodotto della sua età e del suo ambiente. In Carol c'è una specie di malinconia, di pensierosità, un timore particolare che Therese semplicemente non ha o non capisce".
    Cate Blanchett
    CATE BLANCHETT è Mary Mapes in TRUTH - IL PREZZO DELLA VERITA' di JAMES VANDERBILT:

    "Sono rimasta inorridita dal livello di attacchi subiti da Mary. Erano i tempi dell’avvento dei blog, e assistere alla distruzione di una persona per mezzo di quei blog è stato terrificante. Nei video, lei sta molto sulla difensiva. E poi incontrare di persona questa donna così vivace, intelligente e vitale, con il suo incredibile senso dello humour, è stato davvero stupefacente".
    Cate Blanchett
    Cate Blanchett è Bernadette Fox in Che fine ha fatto Bernadette? di Richard Linklater:

    "Rick (Linklater) ama davvero il processo creativo degli attori. Tutti i suoi film parlano delle dinamiche che accadono tra le persone nella vita reale, e ha un modo di lavorare molto rilassato, ma è assolutamente meticoloso sul ricreare il mondo in cui colloca i personaggi e vuole davvero portarli in vita - e Maria Semple ha scritto alcuni personaggi davvero straordinari... È uno sguardo molto divertente e doloroso su una donna che si trova in un momento di caos, in procinto di affrontare un enorme cambiamento nella sua
    vita. Tutte le negatività che vengono fuori da ciò che pensavi di essere, dovendo affrontare chi sei veramente, per passare poi a chi potresti diventare. E così troviamo Bernadette e la sua famiglia in quel momento di crisi. Penso che stia attraversando un momento di caos, perché non si può sfuggire a ciò che si pensa di essere, e ci si deve confrontare con chi si è in realtà prima di poter andare avanti - e ciò accade spesso nella mezza età. E Maria Semple, e penso anche Rick nella sua sceneggiatura, ha scritto qualcosa di esilarante e molto specifico, ma anche abbastanza doloroso e spesso imbarazzante... mi identifico con Bernadette. La cosa difficile come attrice è che devi sviluppare una corazza relativamente spessa, perché i tuoi fallimenti sono pubblici, ma non vuoi neanche interporre degli artifici tra te e la telecamera o tra te e il pubblico, o tra te e le altre persone con cui lavori. Devi essere sempre aperta. E se hai ottenuto uno o due di quelli che sono percepiti generalmente come successi, senti come se ci fosse un'attesa attorno a quello che fai. Penso che sia qualcosa di Bernadette con cui posso identificarmi, dopo aver vinto un MacArthur Genius Grant e aver costruito due edifici eccezionali e unici, c'è un crescente senso di aspettativa su ciò che farà dopo, e quello che fa dopo è... niente. Per questo è molto più facile sparire, ma molto difficile riemergere
    "
    Cate Blanchett

    <- torna alla pagina principale di Cate Blanchett

    Bansky-L'Arte della ribellione

    BANSKY-L'ARTE DELLA RIBELLIONE

    USCITA ANNULLATA - New Entry - Storia di Banksy, dalle origini in una sottocultura .... [continua]

    The Specials-Fuori dal comune

    THE SPECIALS-FUORI DAL COMUNE

    USCITA ANNULLATA - 15. Festa del Cinema di Roma, 15-25 Ottobre 2020 - Alice .... [continua]

    The Secret - Le verità nascoste

    THE SECRET - LE VERITA' NASCOSTE

    RECENSIONE - Nel thriller di Yuval Adler (Bethlehem, The Operative) Noomi Rapace (trilogia 'Millennium') torna .... [continua]

    La vita straordinaria di David Copperfield

    LA VITA STRAORDINARIA DI DAVID COPPERFIELD

    RECENSIONE - Dal London Film Festival 2019 - Rilettura inedita del celebre romanzo dickensiano, attraverso .... [continua]

    Greenland

    GREENLAND

    Gerard Butler torna a lavorare con il regista Ric Roman Waugh, dopo il successo di .... [continua]

    Tenet

    TENET

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Tra i più attesi!!! - Di nuovo al .... [continua]

    Bird Box

    BIRD BOX

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Sandra Bullock, Sarah Paulson e John Malkovich, .... [continua]