ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Tolo Tolo

    TOLO TOLO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (6 Dicembre 2019) - Dopo quattro anni di attesa Checco .... [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile personaggio creato e interpretato da .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Torneranno i prati

    TORNERANNO I PRATI: IL PRIMO FILM ITALIANO REALIZZATO IN 4K SI DEVE AD ERMANNO OLMI CON UN RACCONTO DELLA DURATA DI UNA NOTTE SUL FRONTE NORD EST NELL'ANNO 1917

    RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 6 NOVEMBRE

    "Cento anni di storia che si allontanano sempre più nel passato mentre il fiume del tempo avanza sotto i ponti del progresso che inesorabilmente sbiadisce ogni altra memoria. Tuttavia ci sono momenti in cui una data sul calendario, un titolo di giornale, una fotografia, smuovono ricordi sopiti che si chiamano tra loro, irrompono nel nostro tempo da protagonisti e giustamente pretendono d’essere riconosciuti e risarciti del loro valore speso per noi: primo fra tutti, la vita. Mio padre aveva 19 anni quando venne chiamato alle armi. A quell'età,
    l'esaltazione dell'eroicità infiamma menti e cuori soprattutto dei più giovani. Scelse l’Arma dei bersaglieri, battaglioni d'assalto, e si trovò dentro la carneficina del Carso e del Piave, che segnò la sua giovinezza e il resto della
    sua vita. Ero bambino quando lui raccontava a me e a mio fratello più grande, del dolore della guerra, di quegli istanti terribili in attesa dell'ordine di andare all’assalto e sai che la morte è lì, che ti attende sul bordo della trincea. Ricordava i suoi compagni e più d’una volta l’ho visto piangere. Della 1a Guerra Mondiale non è rimasto più nessuno di coloro che l’hanno vissuta e nessun altro potrà testimoniare con la propria voce tutto il dolore di quella carneficina. Rimangono gli scritti: quelli dei letterati e quelli dei più umili dove la verità non ha contorni di retorica
    ".
    Il regista e sceneggiatore Ermanno Olmi

    (Torneranno i prati; ITALIA 2014; Drammatico; 80'; Produz.: CinemaUndici/Ipotesi Cinema con RAI Cinema in associazione con Banca Popolare di Vicenza/Renato Ragosta Team Holding s. r. l. /Nonino Distillatori S.p.a. in collaborazione con Edison S.p.a.; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Torneranno i prati

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Torneranno i prati

    Titolo in lingua originale: Torneranno i prati

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Ermanno Olmi

    Sceneggiatura: Ermanno Olmi con la collaborazione di Maurizio Zaccaro

    Soggetto: Tutto ciò che si narra in questo film è realmente accaduto. E poiché il passato appartiene alla memoria, ciascuno lo può evocare secondo il proprio sentimento.

    Cast: Claudio Santamaria (Il maggiore)
    Alessandro Sperduti (Il tenentino)
    Francesco Formichetti (Il capitano)
    Andrea Di Maria (Il conducente di mulo)
    Camillo Grassi (L'attendente)
    Niccolò Senni (Il dimenticato)
    Domenico Benetti (Il sergente)
    Andrea Benetti (Il caporale)
    Andrea Frigo (Il soldato comandato)
    Franz Stefani (Il soldato salvato)
    Igor Pistollato (Il soldato volontario)
    Carlo Stefani (Il soccorritore)
    Giorgio Vellar (La vedetta)
    Roberto Rigoni Stern (La vedetta)
    Davide Rigoni (Il cappellano militare)
    Cast completo

    Musica: Paolo Fresu; Francesco Liotard (suono)

    Costumi: Andrea Cavalletto (con l'amichevole supervisione di Maurizio Millenotti)

    Scenografia: Giuseppe Pirrotta

    Fotografia: Fabio Olmi

    Montaggio: Paolo Cottignola

    Makeup: Dalia Colli; Daniela Tartari (acconciature)

    Scheda film aggiornata al: 19 Novembre 2014

    Sinossi:

    Siamo sul fronte Nord-Est, dopo gli ultimi sanguinosi scontri del 1917 sugli Altipiani. Nel film il racconto si svolge nel tempo di una sola nottata.
    Gli accadimenti si susseguono sempre imprevedibili: a volte sono lunghe attese dove la paura ti fa contare, attimo dopo attimo, fino al momento che toccherà anche a te. Tanto che la pace della montagna diventa un luogo dove si muore.

    Commento critico (a cura di GABRIELE OTTAVIANI)

    La prima guerra mondiale, nel millesimo in cui ricorre il centesimo anniversario dal suo scoppio, causa di sconvolgimenti epocali in Europa e non solo, che hanno segnato la vera e propria fine di un mondo, con le sue caratteristiche, le sue regole, i suoi codici, scritti e non, è ovviamente un tema forte, del quale, per certi versi, non ci si può esimere dal parlare: il nuovo film di Ermanno Olmi, Torneranno i prati - bel titolo, abbastanza lirico, che rimanda al “tornerà un altro inverno” di martiniana memoria, ma al tempo stesso un po’ retorico: il tema del ricordo, della rimozione, del dolore, dell’impossibilità di far capire cose che si sono vissute a chi non ne è stato direttamente partecipe fa capolino troppo presto - non è però semplicemente l’equivalente cinematografico di quello che potrebbe essere, in letteratura, un componimento d’occasione. È infatti anche qualcosa di più: e, sfortunatamente,

    qualcosa di meno.

    Ispirato ai ricordi tramandatigli del padre, che combatté la Grande Guerra, e questo spiega certe indolenze narrative, e al potente racconto La paura di Federico De Roberto, cosa che dà una ragione a certe altre pecche, ha un impatto sonoro e visivo fortissimo, molto bello e interessante. I problemi cominciano quando gli attori parlano. La sceneggiatura sarebbe anche solida, la durata congrua – anche se gli ottanta minuti sembrano non passare, e non è un buon segno – nonostante tutto, e quando il manipolo di sventurati, fotografati assai bene nel pozzo nero della disperazione di trincea, parla in dialetto risulta credibile, ma i dialoghi in italiano sono inascoltabili. Non è infatti pensabile che dei soldati si esprimessero in quel modo, sembrano recitare a pappagallo, non so, stralci delle Confessioni d’un italiano di Ippolito Nievo misti a qualche verso che più retoricamente ridondante non si potrebbe di Carducci,

    vate per eccellenza (e pensare che era quello che sosteneva che se si può dire una cosa con una parola anziché con dieci è meglio usarne una sola: interessante dissociazione tra pensiero e azione, non c’è che dire…): peccato, perché tra l’altro è un piacere rivedere al lavoro insieme Claudio Santamaria e Alessandro Sperduti, che erano stati fratelli in quel gioiello della tv di Stato (qualche volta i miracoli accadono) di qualche anno fa che è Le cose che restano, di Gianluca Maria Tavarelli, con Lorenzo Balducci, Paola Cortellesi, Daniela Giordano ed Ennio Fantastichini, seguito ideologico (gli autori, Rulli e Petraglia, sono i medesimi) de La meglio gioventù.

    Perle di sceneggiatura

    "La guerra è una brutta bestia che gira il mondo e non si ferma mai"
    Toni Lunardi, pastore

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano 01 Distribution e Viviana Ronzitti (Kinoweb)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di TORNERANNO I PRATI
    ENGLISH PRESSBOOK of TORNERANNO I PRATI

    Links:

    • Ermanno Olmi (Regista)

    1 | 2

    Galleria Video:

    Torneranno i prati - trailer

    Torneranno i prati - featurette 'La stampa incontra il regista Ermanno Olmi sul set'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e lan McKellen recitano .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (5 Dicembre 2019) - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Western Stars

    WESTERN STARS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tratto dall’omonimo album uscito nell’estate del .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Midway

    MIDWAY

    Quelli che... ci fermano a TRAILER e CLIP - Al pubblico l'ardua sentenza - .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella .... [continua]