ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre .... [continua]

    The Duke

    THE DUKE

    New Entry - 2020 .... [continua]

    AnneFrank - Vite parallele

    #ANNEFRANK - VITE PARALLELE

    Helen Mirren ripercorre, attraverso le pagine del diario, la vita di Anne Frank, con l'aiuto .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. James Cameron torna in veste .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella Città - Dal .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Il racconto dei racconti - Tale of Tales

    IL RACCONTO DEI RACCONTI - TALE OF TALES: UN GRANDE AFFRESCO IN CHIAVE FANTASTICA DEL PERIODO BAROCCO RACCONTATO DA MATTEO GARRONE ATTRAVERSO LE STORIE DI TRE REGNI E DEI LORO RISPETTIVI SOVRANI (SALMA HAYEK VINCENT CASSEL E TOBY JONES)

    N° 1 al Sondaggio 'CelluloidPortraits' ex aequo con 'Youth-La giovinezza' - THE BEST OF 'CINEMA SOTTO LE STELLE' (Cinema all'aperto - Estate 2015) - Dal 68° Festival del Cinema di Cannes (13-24 maggio 2015) - PREVIEW in ENGLISH by PETER DEBRUGE (www.variety.com) - RECENSIONE ITALIANA in ANTEPRIMA - Dal 14 MAGGIO

    "Ho scelto di avvicinarmi al mondo di Basile perché ho ritrovato nelle sue fiabe quella commistione fra reale e fantastico che ha sempre caratterizzato la mia ricerca artistica. Le storie raccontate ne Il Racconto dei Racconti descrivono un mondo in cui sono riassunti gli opposti della vita: l’ordinario e lo straordinario, il magico e il quotidiano, il regale e lo scurrile, il terribile e il soave".
    Il regista Matteo Garrone

    (Il racconto dei racconti - Tale of Tales; ITALIA/FRANCIA/REGNO UNITO 2014; Storico; 128'; Produz.: Archimede/Le Pacte/Recorded Picture Company in collaborazione con Rai Cinema con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC); Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Il racconto dei racconti - Tale of Tales

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Il racconto dei racconti - Tale of Tales

    Titolo in lingua originale: Il racconto dei racconti - Tale of Tales

    Anno di produzione: 2014

    Anno di uscita: 2015

    Regia: Matteo Garrone

    Sceneggiatura: Matteo Garrone, Edoardo Albinati, Ugo Chiti e Massimo Gaudioso

    Soggetto: Il soggetto del film (di Matteo Garrone, Massimo Gaudioso, Ugo Chiti ed Edoardo Albinati) è ispirato e liberamente tratto da Lo Cunto de li cunti di Giambattista Basile, geniale autore napoletano del XVII secolo le cui fiabe sono universalmente riconosciute come antesignane di tutta la letteratura fiabesca dei secoli successivi.

    Cast: Salma Hayek (Regina di Longtrellis - Segmento La regina)
    John C. Reilly (Re di Longtrellis - Segmento La regina)
    Christian Lees (Elias - Segmento La regina)
    Jonah Lees (Jonah - Segmento La regina)
    Alba Rohrwacher (Circense - Segmento La regina)
    Massimo Ceccherini (Circense - Segmento La regina)
    Laura Pizzirani (Madre di Jonah - Segmento La regina)
    Franco Pistoni (Negromante - Segmento La regina)
    Giselda Volodi (Dama di corte - Segmento La regina)
    Giuseppina Cervizzi (Dama di corte - Segmento La regina)
    Jessie Cave (Fenizia - Segmento La regina)
    Toby Jones (Re di Highhills - Segmento La pulce)
    Bebe Cave (Viola - Segmento La pulce)
    Guillaume Delaunay (L'orco - Segmento La pulce)
    Eric MacLennan (Medico - Segmento La pulce)
    Cast completo

    Musica: Alexandre Desplat

    Costumi: Massimo Cantini Parrini

    Scenografia: Dimitri Capuani

    Fotografia: Peter Suschitzky

    Montaggio: Marco Spoletini

    Effetti Speciali: Andrea Eusebi e Elio Terribili (effetti speciali); Bruno Albi Marini e Nicola Sganga (supervisori effetti visivi)

    Makeup: Diego Prestopino

    Casting: Jina Jay

    Scheda film aggiornata al: 06 Settembre 2015

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Un grande affresco in chiave fantastica del periodo barocco, raccontato attraverso le storie di tre regni e dei loro rispettivi sovrani.
    Sono tre storie diverse che si intrecciano, relative alla descrizione di tre regni con tre sovrani diversi, ciascuna con un protagonista diverso: Salma Hayek nel primo episodio, Vincent Cassel nel secondo e Toby Jones nel terzo.

    Commento critico (a cura di FRANCESCO ADAMI)

    Il racconto dei racconti è un lungometraggio diretto da Matteo Garrone, scritto Ugo Chiti e Massimo Gaudioso, ispirato dal libro di fiabe Lo cunto de li cunti di Giuseppe Basile. Il film è suddiviso in tre episodi che si alternano e si inseriscono in un unico racconto attraverso alcuni elementi di connessione che vengono ben delineati verso il finale del lungometraggio. La narrazione si apre sulla fiaba La Regina liberamente ispirata a La cerva fatata, nella quale la protagonista è la Regina di Selvascura interpretata da Salma Hayek. La Regina e il Re (John C. Rielly) cercano in tutti i modi di avere un figlio, ma la Regina ormai rattristata e rassegnata trova l'aiuto di un Negromante interpretato da Franco Pistoni, che le trova una risoluzione a patto di un sacrificio. La Regina dovrà mangiare il cuore di un drago marino, cucinato da una vergine, solo in questo modo

    potrà rimanere incinta, ma anche la povera donna che ha cucinato il cuore rimane incinta aspirando i vapori della pentola. Così nascono due gemelli, il nobile Elias e il figlio di una sguattera Jonah, rispettivamente interpretati da Christian e Jonah Lees: i due diventano inseparabili e questo fattore provocherà qualche disturbo nell'animo e nelle reazioni della Regina. La seconda fiaba è La pulce, ispirata all'omonima fiaba di Basile: protagonista è il Re di Altomonte (Toby Jones), una persona solitaria al cui fianco ha solo la figlia Viola (Bebe Cave), che vuole sposarsi e vivere l'amore, ma l'egoista padre desidera ardentemente trattenerla con sé per non sentirsi solo. Un giorno trova una pulce e ne fa in segreto il proprio animale domestico: ci gioca, le parla, la vede crescere a dismisura e la nutre con sangue e bistecche fino a farle raggiungere le dimensioni di un maiale. Alla morte dell’enorme insetto,

    il Re, lo fa scuoiare e decide di accontentare la figlia Viola, pertanto decreta di far ottenere in sposa la figlia, a colui che indovina a quale animale appartiene la pelle dell'animale. Da questo punto per Viola inizia un'avventura a tratti crudele e abominevole perché la persona che la prende in sposa non è quella che lei si aspettava e che nessuno poteva
    immaginare. La terza fiaba, Le due vecchie, è ispirata a La vecchia scorticata: protagonista di questa fiaba è Il Re di Roccaforte (Vincent Cassel), un re seduttore che
    organizza orge e conquista tutte le donne del suo regno. Il Re però un giorno si infatua della voce di una donna e pur non avendola vista in volto vuole conquistarla, quindi si reca presso l'abitazione della donna per convincerla a venire con lei al suo castello. Il Re non sa che in quella casa vivono due vecchie sorelle, Imma (Shirley

    Henderson) e Dora (Hayley Carmichael), pertanto le due sorelle dovranno inventarsi qualcosa per esaudire i desideri dell'insistente Re.
    Le tre fiabe sono collegate anche da alcuni personaggi che le invadono, ossia una famiglia di giullari e circensi, composta ed interpretata principalmente da Massimo Ceccherini e Alba Rohrwacher.

    Il film è completamente recitato in inglese, dato che Garrone ha voluto utilizzare una lingua moderna e internazionale, per rendere il film aperto ad un pubblico vasto e accessibile a molti. Non vi sono interpretazioni veramente sorprendenti, anche se tutti gli attori noti o meno si impegnano molto nel caratterizzare il loro personaggio: una nota di merito va al personaggio di Viola, interpretato da Babe Cave, che con il suo volto innocente che si trasforma in coraggioso e solido, rende convincente e ben strutturata l'interpretazione del suo personaggio. Altra attrice che merita una menzione particolare è Hayley Carmichael, aiutata da un elaborato trucco che

    le è di ausilio per entrare nella parte, rende il personaggio di Dora efficace e ben costruito, al quale non manca nessuna caratteristica rispetto agli altri personaggi interpretati da attori più noti.

    Le scenografie del film offrono un ruolo drammaturgico particolarmente elaborato. Spesso vi è anche un'alternanza tra l'oscurità delle vicende
    narrate e la luminosità dei borghi e dei castelli nei quali sono ambientati i tre regni delle fiabe. I castelli ed i luoghi nel quale sono state girate numerose sequenze del film, sono stati scelti accuratamente nel territorio italiano in particolare in città come Castel Del Monte, Gioia del Colle, Firenze, Roccascalegna, Sovana e Sorano. I
    costum di Massimo Cantini Parrini, sono ben curati e offrono una trasposizione cinematografica da fiaba veramente adeguata e veritiera, grazie anche all'esperienza del costumista in noti film come I Miserabili e Van Helsing. Il film presenta uno stile particolare, una sorta di mescolanza tra le

    linee narrative fiabesche ritmate tipiche dello stile americano ed inglese e quelle lente riflessive e drammatiche di un certo
    cinema italiano. Inoltre si invadono vari generi, il fantastico, l'horror, il drammatico, il tutto condito da numerose scene macabre e repellenti ed altre dai tratti cruenti.

    Il film è girato in digitale con Arri Alexa XT con l'ausilio del formato Raw, perciò se ne consiglia una visione in digitale e non in pellicola per poter visionare l'alta definizione e la corretta elaborazione colorimetrica del lungometraggio. Un film fiabesco dai singolari tratti narrativi che offre una visione innovativa e moderna delle narrazioni di Basile, facendo rivalorizzare la tradizione letteraria italiana in un contesto internazionale.

    Secondo commento critico (a cura di PETER DEBRUGE, www.variety.com)

    'GOMORRAH' DIRECTOR MATTEO GARRONE SERVES UP ANOTHER SERIES OF INTERWOVEN NEAPOLITAN EPISODES, THIS ONE HAILING FROM FAIRY-TALE PIONEER GIAMBATTISTA BASILE.

    In this era of fairy-tale prequels, sequels and spinoffs, how often do we encounter stories of wicked queens, licentious kings and captive princesses in which we don’t already know what happens next? That’s the thrill of Matteo Garrone’s “Tale of Tales,” a lavishly realized and long-overdue adaptation of three stories from 17th-century Neapolitan scribe Giambattista Basile’s “Pentamerone,” which predates and even inspired many of the classics in heavy rotation today, from Rapunzel to Cinderella. Whereas Walt Disney mostly overlooked Basile, the brothers Grimm were big fans, and the sheer volume of bloodshed, off-color coupling and dark comedy clearly puts Garrone’s film in the category of adult-skewing fairy tales (but not that sordid subgenre of softcore exploitation movies that issued from Italy in the ’70s), which seems likely to

    result in the director’s largest international showing yet, aided by its cast of familiar faces and English-language script.

    Garrone’s decision to shoot in English seems curious for such a culturally specific project as this. After all, Basile’s “Pentamerone” represents a compendium of folk narratives believed to have been circulating in Naples during his lifetime (though a great many he probably invented outright). The poet’s five-volume collection aggregated 50 fantastical stories — full of ogres, witches and assorted creatures — in his native Neapolitan language, reflecting the region’s local attitudes via its mix of bawdy humor and cautionary violence, only to be given over to this motley mix of accents for export purposes.

    After a series of contemporary features inspired by real-life events — his masterwork being the 2008 organized-crime opus “Gomorrah,” which won the Grand Prix at Cannes — Garrone leaps back in time to a period of fickle monarchies, in which

    the rulers of three neighboring kingdoms have their impulses put to the test when magic enters the picture. In the domain of Longtrellis, a red-bearded king (John C. Reilly) and his melancholic queen (Salma Hayek) are living unhappily ever after, given her inability to bear children, until an ominous figure offers them a dangerous bargain. Next door in Highhills, a nitwitted king (Toby Jones) fixates on an unusually talented flea, allowing it to distract him from the task of finding his daughter a suitable husband. And just around the corner in Strongcliff, the oversexed crown (Vincent Cassel) falls madly in love with an old crone, mistakenly assuming that her beautiful voice, heard from afar, would be an accurate predictor of her physical appearance.

    Though these three royal families can occasionally be spotted visiting one another for funerals or coronations, they otherwise keep to themselves, supporting an interwoven structure in which Garrone

    is able to cycle among the three stories at will. Luckily, each is fairly compelling in its own right, and though the overall package tends to run a little longer than necessary, it’s more engaging than it might have been had it stacked the episodes one after the other.

    As it happens, this isn’t the first time Garrone has juggled multiple Neapolitan stories: In “Gomorrah,” the director aggressively cut back and forth among five separate strands, which makes “Tale of Tales” feel downright classical by comparison. Meanwhile, the director’s intervening project, “Reality,” served as a bridge of sorts, spinning one man’s obsession with TV celebrity into a grand moral fable. With this project, because few readers are up to speed these days on Basile’s work, Garrone and his co-writers are free to lift what they like from the poet and invent the rest. They’ve certainly remained true to the spirit of

    the source material, which deemed rape and murder to be suitable subjects for kids.

    In the Longtrellis tale, Hayek’s character sends her husband off to slay a sea monster, believing this will be the cure her barren condition. The king has been instructed to cut out the beast’s heart, which must then be cooked by a virgin and devoured by the queen — which she does with gusto, forgoing utensils and digging in with her teeth, a blood-drenched carnivore at the center of an otherwise white dining room. Grimmer than Grimm, this particular episode could just as easily be a precursor to W.W. Jacobs’ “be careful what you wish for” parable “The Monkey’s Paw.” However, while one could probably predict that her desires have unforeseen consequences, the particulars must be seen to believed.

    Court amusements provide a recurring motif here, and over in Highhills, the king himself looks almost jester-like before his

    subjects. Princess Violet (Bebe Cave), on the other hand, demonstrates a natural intelligence and ferocious independence lost on her bobble-headed father. When the king discovers a special flea, he dedicates his full attention to raising the little bugger, which swells to the size of a coffee bean at first, and later grows as big as a baby triceratops — rendered cuter than one might expect by the pic’s hit-and-miss visual-effects team. When it comes time to marry off Violet, he distractedly promises her hand to the first ogre that comes along. In Basile’s version, Violet is rescued by an old woman (Alba Rohrwacher) and her sons (among them Italian comic Massimo Ceccherini), though the writers have modernized things and empowered their distressed damsel in the process.

    Far and away the most contemporary of the tales, however, is the one set in Strongcliff, whose decadent king spends his time hunting game and

    deflowering his female subjects. In a post-orgy haze, he wanders the streets, where a stranger’s singing sets his heart racing: the seducer seduced by an unseen voice, mistaking its source for someone more to his usual standards than the old hag, Dora (Hayley Carmichael, under heavy makeup), to whom it actually belongs. He must have her, but she is shrewd, arranging to visit the king in darkness — and suffering the consequences when he discovers her true appearance.

    Though it cleverly addresses the world’s ongoing obsession with youth and beauty (a theme also explored by fellow Italian director Paolo Sorrentino in the concurrent Cannes entry “Youth”), serving up a couple of turns so twisted one can’t help but laugh out loud, this last story doesn’t quite hold up to the standard set by the other two: If broken off and told alone, the episode would surely cave in on itself. And

    yet, the macabre final image, of the singer’s sister (Shirley Henderson) striving to match Dora’s good fortune, feels worthy of a “Twilight Zone” zinger.

    As engaging as all three tales can be, they’ve lost whatever didactic dimension they once held. That liberates audiences from trying to extract a moral message, but also leaves the stories feeling less potent as social allegories. In Longtrellis, albino “twins” born to different mothers discover that their bond is stronger than blood. In Highhills, the royal family manages to find a happy ending on exceptionally grisly terms. And in Strongcliff, it’s anyone’s guess what the takeaway was supposed to be.

    Taken together, the parables serve primarily to entertain — an effect that has as much to do with Garrone’s command of the cinematic language as it does the content itself. Backed by producer Jeremy Thomas, that great enabler of lavish period epics, Garrone has created a sumptuous

    world within the available means. The digital flourishes don’t always work (several CG-“enhanced” landscapes and a phony-looking tightrope rescue sequence border on eyesores), but Peter Suschitzky’s sweeping camera makes the most of gorgeous practical costumes and sets, while Alexandre Desplat’s score elevates the entire experience and further unifies the disparate threads. One can’t help be reminded of Pasolini’s “Trilogy of Life” with such a project, and though the material is tamer (but only just) and less poetic, Garrone’s technique runs circles around that of his predecessor.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di IL RACCONTO DEI RACCONTI - TALE OF TALES

    Links:

    • Matteo Garrone (Regista)

    • Alba Rohrwacher

    • Vincent Cassel

    • John C. Reilly

    • Massimo Ceccherini

    • Toby Jones

    • Salma Hayek

    • Stacy Martin

    • Bebe Cave

    • Il racconto dei racconti - Tale of Tales (BLU-RAY + DVD)

    Altri Links:

    - Pagina Facebook

    1 | 2

    Galleria Video:

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - trailer 2

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - trailer

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - spot TV

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Spettacolo a corte'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Una bella voce'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Viola, fermati!'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Jonah in pericolo'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Il pasto della pulce'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Viola fugge'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'La giovane nel bosco'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Elias e la regina nel labirinto'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Il Drago marino'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Il desiderio del re'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - clip 'Baccanale'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - featurette 'Backstage: Il pipistrello'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - featurette 'Backstage: Il carro circense'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - featurette 'Backstage: I gemelli'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - featurette 'Backstage: L'orco'

    Il racconto dei racconti-Tale of Tales - featurette 'Backstage: Le vecchine'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Novembre 2019) - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ....
    [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Attraverso i miei occhi

    ATTRAVERSO I MIEI OCCHI

    Kevin Costner presta la voce al cane Enzo, protagonista in questa storia che scommette su .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni Servillo in coppia nel nuovo .... [continua]