ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Thelma & Louise

    THELMA & LOUISE

    Festa della Donna 2021 - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - [continua]

    The Iron Lady

    'THE IRON LADY': E DOPO HELEN MIRREN CON LA REGINA ELISABETTA E' LA VOLTA DI MERYL STREEP CON LA 'DAMA DI FERRO' MARGARET THATCHER

    Festa della Donna 2021 - 62. Festival del Cinema di Berlino (9-19 Febbraio .... [continua]

    Big Eyes

    BIG EYES: NELL'INEDITA INCURSIONE DI TIM BURTON NEL GOSSIP DI CRONACA ROSA APPLICATA AL MONDO DELL'ARTE L'AUTENTICA PITTRICE AMY ADAMS E IL TRUFFALDINO FALSARIO CHRISTOPH WALTZ

    Festa della Donna 2021 - La proposta di 'CELLULOIDPORTRAITS' per la FESTA DELLA .... [continua]

    Still Alice

    STILL ALICE: IL DRAMMA NEL DRAMMA! QUANDO UNA MALATTIA COME L'ALZHEIMER COLPISCE UN MEDICO (JULIANNE MOORE)

    Festa della Donna 2021 - Dal 22 GENNAIO - GOLDEN GLOBE 2015 alla .... [continua]

    Una donna in carriera

    UNA DONNA IN CARRIERA

    Festa della Donna 2021 - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - PREMIO .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > La mia classe

    LA MIA CLASSE: NEL FILM DI 'VERA FINZIONE' DI DANIELE GAGLIANONE IL MAESTRO VALERIO MASTANDREA E UNA CLASSE INTERAMENTE COMPOSTA DA EXTRACOMUNITARI QUI NEL RUOLO DI SE STESSI A LEZIONE DI ITALIANO E DI VITA MIRATA ALL'INTEGRAZIONE IN UN PAESE STRANIERO

    Dalla 70. Mostra del Cinema di Venezia - Giornate degli Autori - RECENSIONE IN ANTEPRIMA - Dal 16 GENNAIO

    "Quando Valerio mi ha detto guardandomi negli occhi: ‘Gaglia, nel film ci devi essere anche tu’, l’ho mandato a quel paese. Ma poi ho capito che aveva ragione, che non potevo dire ad un altro che cosa il regista del film doveva dire e fare, dovevo letteralmente metterci la faccia. Fare questo film è stata un’esperienza unica: tutti i giorni ripetevo sul set che stavamo rischiando grosso ma per qualcosa che ne valeva la pena, perché il film o funzionava od era inguardabile. Non c’erano vie di mezzo. Mi ha accompagnato e dato coraggio, la riflessione di un poeta e scrittore russo del Novecento, Daniil Charms: le uniche poesie che vale la pena scrivere sono quelle con dei versi che se si prendono e si tirano contro una finestra, il vetro si deve rompere".
    Il regista, co-ideatore e co-sceneggiatore Daniele Gaglianone

    (La mia classe; ITALIA 2013; Drammatico; Produz.: Axelotil Film di Arcopinto/KimeraFilm/Relief con Rai Cinema; Distribuz.: Pablo c/o Axelotil Film)

    Locandina italiana La mia classe

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: La mia classe

    Titolo in lingua originale: La mia classe

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2014

    Regia: Daniele Gaglianone

    Sceneggiatura: Daniele Gaglianone e Gino Clemente

    Soggetto: Daniele Gaglianone e Gino Clemente da un'idea di Claudia Russo e Gino Clemente.

    Cast: Valerio Mastandrea (Il Maestro)
    Bassirou Ballde (Alunno)
    Mamon Bhuiyan (Alunno)
    Gregorio Cabral (Alunno)
    Jessica Canahuire Laura (Alunna)
    Metin Celik (Alunno)
    Pedro Savio De Andrade (Alunno)
    Ahmet Gohtas (Alunno)
    Benabdallha Oufa (Alunno)
    Shadi Ramadan (Alunno)
    Easther Sam Shujan Shahjalal (Alunna)
    Lyudmyla Temchenk (Alunna)
    Moussa Toure (Alunno)
    Issa Tunkara (Alunno)
    Nazim Uddin (Alunno)
    Cast completo

    Musica: Stefano Campus (suono in presa diretta)

    Costumi: Irene Amantini

    Scenografia: Laura Boni

    Fotografia: Gherardo Gossi

    Montaggio: Enrico Giovannone

    Casting: Davide Zurolo

    Scheda film aggiornata al: 29 Gennaio 2014

    Sinossi:

    IN BREVE:

    La mia classe è interpretato da extracomunitari nel ruolo di se stessi mentre imparano l’italiano dall’insegnante Valerio Mastandrea; a un certo punto però la realtà prende il sopravvento sulla finzione e la storia non può più proseguire secondo copione, ma prende una strada imprevista.

    IN ALTRE PAROLE:

    Un attore impersona un maestro che dà lezioni di italiano ad una classe di stranieri che mettono in scena se stessi. Sono extracomunitari che vogliono imparare l’italiano, per avere il permesso di soggiorno, per integrarsi, per vivere in Italia. Arrivano da diversi luoghi del mondo e ciascuno porta in classe il proprio mondo. Ma durante le riprese accade un fatto per cui la realtà prende il sopravvento. Il regista dà lo ‘stop’, ma l’intera troupe entra in campo: ora tutti diventano attori di un’unica vera storia, in un unico flm di ‘vera finzione’: La mia classe.

    IN DETTAGLIO:

    Ambientata nel quartiere multietnico del Pigneto a Roma, è la storia collettiva di una classe di emigranti e stranieri che imparano l’italiano. È una storia che si compone delle vicende individuali degli studenti e dell’insegnante: un racconto vero che nasce tra mura scolastiche non convenzionali. Un racconto vero? Certamente per le voci e i ricordi dei ragazzi che siedono sui banchi; diversamente vero per l’attore Mastandrea che si cala nel ruolo del loro insegnante; altrimenti vero per il regista e la troupe che entrano ed escono di scena in un incrocio di esperienze reali e di ricerca della verità nella finzione che si rivela essere l’autentico nucleo narrativo di questa storia. Più vera del vero.

    Commento critico (a cura di SARA MESA)

    La mia classe si apre con un ralenti sulla figura di Valerio Mastrandrea che passeggia pensieroso e triste per i corridoi della scuola in cui insegna e prosegue seguendo la figura in controluce di due carabinieri che si avvicinano ad un ragazzo sdraiato nell’angolo di una casa abbandonata. Questo è l’unico effetto cinematografico presente nel film, il quale si basa sull’utilizzo di inquadrature molto classiche – alternanza tra primo piano e campo medio e lungo – un montaggio essenziale e la messa a nudo della messa in scena. La macchina da presa diventa infatti un mero strumento al servizio della realtà, il cui unico scopo è quello di permettere ad un gruppo di immigrati che stanno cercando di imparare la lingua italiana, di raccontare la loro storia, che non è altro che la storia di quei migliaia di migranti che attraverso lunghe pene lasciano la loro casa e la loro

    famiglia alla ricerca della salvezza o di un futuro migliore.

    Valerio Mastrandrea è l’unico elemento di finzione del film, il resto del cast, se così si può chiamare, è composto da ragazzi che studiano veramente in quella scuola e che per loro stessa ammissione hanno imparato molto anche durante le riprese.
    Ogni giorno l’insegnante si concentra su un argomento, attraverso il quale ottiene il doppio risultato di far esercitare gli alunni con la lingua e di far emergere la loro opinione in merito a fatti che li coinvolgono quotidianamente. Il più interessante è quello riguardante il lavoro, in cui gli studenti improvvisano delle chiamate a ipotetici datori di lavoro, i quali propongono loro delle forme di accordo al ribasso. Da qui si sviluppano una serie di considerazioni relative al lavoro in nero e sotto pagato e alle esperienze che in questo senso li hanno visti protagonisti.

    Ogni passaggio, inclusi quelli più

    commoventi, in cui i protagonisti si mettono a nudo davanti alla telecamera, obbliga lo spettatore a domandarsi quanto la sofferenza di queste persone incida sulla sua vita, quanto è disposto a cambiare in prima persona per fare in modo di migliorare le cose. In fondo è lui stesso a creare le condizioni per cui una serie di fattori negativi incidano sulla loro esistenza.
    Questo ci dimostrano i membri della troupe del film quando di fronte ad uno dei protagonisti che perde il permesso di soggiorno non hanno altra scelta che eliminarlo dalle scene future. Ma è davvero cosi? Non si ha altra scelta? Se lo domanda spesso Valerio Mastrandrea, come attore e come insegnante, e la sofferenza che deriva da questo suo senso d’impotenza si trasforma in un male fisico che rimane sullo sfondo nei momenti in cui recita la sua parte.

    Le scene più forti, come quella del suicidio di un

    ragazzo egiziano o dell’arresto di un altro, vengono mitigate attraverso l’esposizione della messa in scena; d’improvviso viene squarciato il velo della finzione e si vedono i tecnici che sistemano i cavi elettrici sul pavimento, la segretaria d’edizione che guarda il monitor e il regista che spiega all’attore come deve arrotolare la cintura dei pantaloni in modo che ne esca un cappio convincente.
    La sostanziale assenza di colonna sonora, presente attraverso una sola canzone che viene effettivamente ascoltata per intero dagli studenti durante un compito, la luce che segue il naturale corso del giorno e le riprese continuative, seppur montate, contribuiscono a rendere tutto più reale e vicino ad un’esperienza diretta dei fatti narrati.

    E’ evidente che uscendo dalla proiezione di questo film non bisogna chiedersi se ci è piaciuto, ma se ci piace il modo in cui il nostro paese e noi stessi ci relazioniamo alle persone straniere e cosa siamo in

    grado di fare per cambiare le cose, ammesso che ce ne sia la volontà.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Pablo c/o Axelotil Film, Studio PUNTOeVIRGOLA e Inter Nos Web Communication.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO de LA MIA CLASSE

    Links:

    • Valerio Mastandrea

    • LA MIA CLASSE - INTERVISTA al regista DANIELE GAGLIANONE, all'attore VALERIO MASTANDREA, al resto del cast e al produttore GIANLUCA ARCOPINTO (A cura dell'inviata SARA MESA) (Interviste)

    1

    Galleria Video:

    La mia classe - trailer

    La mia classe - clip 1

    La mia classe - clip 2

    La mia classe - clip 3

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Volver - Tornare

    VOLVER-TORNARE

    Festa della Donna 2021 - I Bellissimi di CelluloidPortraits
    "'Volver' è un gioco ....
    [continua]

    Million Dollar Baby

    MILLION DOLLAR EASTWOOD

    Festa della Donna 2021 - “La cosa che mi ha interessato è che non .... [continua]

    The Help

    THE HELP: DAL CASO LETTERARIO DI KATHRYN STOCKETT ALLA CELLULOIDE DI TATE TAYLOR, PRENDE NUOVA VITA UNA CORAGGIOSA DENUNCIA SOCIALE NELLA PURITANA AMERICA DEGLI ANNI SESSANTA, QUANDO ALLE DOMESTICHE DI COLORE ERA RISERVATO UN TRATTAMENTO TUTT'ALTRO CHE PARITARIO E DIGNITOSO. STORIA DI UN CAMBIAMENTO INIZIATO DA UN SUSSURRO!

    Festa della Donna 2021 - RECENSIONE - 4 NOMINATION agli OSCAR 2012 - .... [continua]

    Il diritto di contare

    IL DIRITTO DI CONTARE

    Festa della Donna 2021 - Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: [continua]

    Suffragette

    SUFFRAGETTE: NELL'EPOCALE LOTTA PER I DIRITTI DELLE DONNE LA LEADER DEL MOVIMENTO DELLE SUFFRAGETTE MERYL STREEP E CAREY MULLIGAN MOGLIE E MADRE CORAGGIOSA

    Festa della Donna 2021 - In occasione della Festa della Donna e dell’ [continua]

    Un matrimonio all'inglese

    UN MATRIMONIO ALL'INGLESE

    Festa della Donna 2021 - Dal III. Festival Internazionale del Film di Roma - .... [continua]

    Hysteria

    HYSTERIA: LA STORIA MAI RACCONTATA DI UNA SINGOLARE SCOPERTA VITTORIANA NEGLI ANNI OTTANTA DELL'OTTOCENTO. I PRODIGI DELL'ELETTRICITA' E DELLA 'FRIZIONE' AMOROSA DECLINATI IN 'LIGHT COMEDY' CON MAGGIE GYLLENHAAL, HUGH DANCY E RUPERT EVERETT

    Festa della Donna 2021 - RECENSIONE - Dal Toronto Film Festival e dal .... [continua]