ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Si vive una volta sola

    SI VIVE UNA VOLTA SOLA

    Aggiornamenti freschi di giornata! (10 Dicembre 2019) - Un film corale e una storia .... [continua]

    Che fine ha fatto Bernadette?

    CHE FINE HA FATTO BERNADETTE?

    Tra i più attesi!!! - Dal 12 Dicembre .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    New Entry - Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile personaggio creato e interpretato da .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Una notte da leoni 3

    UNA NOTTE DA LEONI 3: L'ATTO FINALE!

    RECENSIONE ITALIANA in ANTEPRIMA e PREVIEW in ENGLISH by ANDREW BARKER (www.variety.com) - Dal 30 MAGGIO

    "Nel film c’è una bella dose di azione e commedia, furti, un road trip, ed anche un elemento misterioso, in quanto andiamo a toccare alcune cose che non avevamo mai affrontato prima ma che hanno sempre fatto parte del 'nascosto' dei due film precedenti. Un qualcosa che unisce il tutto e lo sigilla fino ad arrivare ad un finale che segue una sua logica".
    Il regista e co-sceneggiatore Todd Phillips

    "Abbiamo scoperto una serie di materiale incompiuto che unisce tutti e tre i film che ci ha fatto giungere ad una storia finale che non finisce di per se stessa, ma che mette fine a tutte e tre le storie. Succede qualcosa all’inizio, anche se in pochi ne hanno capito il significato, e questa cosa ritorna a perseguitare i ragazzi spingendoli su un sentiero che sarà, in molti modi, il viaggio più difficile e problematico mai vissuto."
    Il co-sceneggiatore Craig Mazin

    (The Hangover Part III; USA 2013; Commedia; 100'; Produz.: Green Hat Films/Legendary Pictures; Distribuz.: Warner Bros. Pictures Italia)

    Locandina italiana Una notte da leoni 3

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Una notte da leoni 3

    Titolo in lingua originale: The Hangover Part III

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2013

    Regia: Todd Phillips

    Sceneggiatura: Todd Phillips e Craig Mazin

    Soggetto: Jon Lucas & Scott Moore.

    Cast: Bradley Cooper (Phil)
    Melissa McCarthy (Cassie)
    Jamie Chung (Lauren)
    Zach Galifianakis (Alan)
    Justin Bartha (Doug)
    John Goodman (Marshall)
    Heather Graham (Jade)
    Ed Helms (Stu)
    Ken Jeong (Mr. Chow)
    Sasha Barrese (Tracy)
    Gillian Vigman (Stephanie)
    Jeffrey Tambor (Sid Garner)
    Max Napolitano (Ragazzo del Casino)
    Mike Epps (Black Doug)
    Mike Tyson (Se stesso)
    Cast completo

    Musica: Randall Poster e George Drakoulias (supervisori)

    Costumi: Louise Mingenbach

    Scenografia: Maher Ahmad

    Fotografia: Lawrence Sher

    Montaggio: Jeff Groth e Debra Neil-Fisher

    Makeup: Rebecca DeHerrera e Angel Radefeld

    Casting: Mindy Marin

    Scheda film aggiornata al: 17 Giugno 2013

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Questa volta, nessun matrimonio. Nessuna festa di addio al celibato. Niente potrebbe andare storto, ma... quando quel gruppo di spostati si mette in viaggio, tutto può succedere.

    IN DETTAGLIO:

    Sono passati due anni. Phil (Bradley Cooper), Stu (Ed Helms) and Doug (Justin Bartha) vivono tranquilli e senza particolari eventi che scuotano le loro esistenze. Hanno messo da parte i tatuaggi e distrutto tutte le prove. Le ultime notizie che hanno avuto di quello che provocava i disastri, Leslie Chow (Ken Jeong), sono che è rinchiuso in qualche oscura prigione tailandese e con lui fuori dalle scatole, gli altri ragazzi del gruppo hanno
    abbandonato le notti folli di Las Vegas, i rapimenti, le sparatorie e gli inseguimenti dei narcotrafficanti di Bangkok. L’unico scontento del branco di lupi è Alan (Zach Galifianakis). Senza aver trovato ancora un senso nella vita, la pecora nera del gruppo ha abbandonato le sue medicine ed ha dato libero spazio ai suoi impulsi naturali, il che per Alan significa non avere limiti, non avere filtri e non dare giudizi - fino a che una crisi personale lo costringe a cercare l’aiuto di cui ha più bisogno. E chi meglio dei suoi tre migliori amici per garantire che faccia le scelte giuste? Questa volta non c’è nessun matrimonio. Nessuna festa di addio al celibato. E allora cosa può mai andare storto? Ma quando c’è di mezzo il branco di lupi, non si può mai stare sicuri. Una notte da leoni 3 è l’epilogo di un’odissea incomparabile di confusione e di scelte
    sbagliate, in cui i ragazzi devono completare quello che avevano iniziato nel posto dove tutto è cominciato: Las Vegas. In un modo o nell’altro…tutto finisce lì.

    SHORT SYNOPSIS:

    This time, there's no wedding. No bachelor party. What could go wrong, right? But when the Wolfpack hits the road, all bets are off.

    Commento critico (a cura di ROSS DI GIOIA)

    Phil (Bradley Cooper), Stu (Ed Helms) e Doug (Justin Bartha) hanno cercato di mettersi il passato alle spalle. Due anni infatti sono passati da quegli eventi “oscuri” di tatuaggi e scimmie invadenti, di notti folli e rapimenti, di sparatorie e inseguimenti dei narcotrafficanti per le strade di Bangkok, che hanno segnalato la loro memoria recente… Perso ogni contatto con Mr. Leslie Chow (Ken Joeng) - vero epicentro di quei disastri nel sudest del mondo -, l’unica cosa che i tre sanno per certo è che Chow è rinchiuso in una prigione thailandese e che difficilmente ne verrà fuori. Ma Phil, Stu e Doug, come da consuetudine, non avevano fatto i conti con Alan (Zach Galifianakis), la pecora nera del branco, il quale continua a rimpiangere le scorribande con Mr. Chow e in qualche modo gli è rimasto vicino anche se solo epistolarmente. Un “rifiuto” quello di Alan che lo ha

    convinto ad abbandonare le sue medicine e da lì anche il senso della misura in ogni cosa che lo circonda. Quando la famiglia si convince a prendere provvedimenti e i suoi amici di sempre lo caricano in macchina, il branco finalmente riunito parte alla volta di una clinica in Arizona. Ma il viaggio dura poco: intercettati da Marshall (John Goodman), Doug finisce per essere rapito. E per riaverlo indietro, Phil, Stu ed Alan accettano la condizione imposta loro: trovare e catturare Mr. Chow e i lingotti d’oro che ha sottratto…

    Terzo e ultimo (parrebbe) capitolo di una piccola saga tragicomica che ha fatto sfracelli nei botteghini di tutto il mondo (Italia compresa), lo sceneggiatore e regista Todd Phillips perde di vista la miccia che aveva fatto deflagrare quel suo Una notte da leoni e cerca invano di “giustificare” questo atto conclusivo. L’idea dell’addio al celibato (il primo capitolo) e successivamente del

    matrimonio di Stu (il secondo capitolo), aveva in sé il germe della storia compiuta che poi veniva arricchita da una chiave narrativa furbissima ed efficace: ricostruire pezzo per pezzo un disastro compiuto la sera prima e di cui non si aveva più memoria l’indomani. Stavolta, però, si abdica in favore di una vicenda che sarà forse più cinematografica e magari anche più “pregna” di svolte narrative, ma allo stesso tempo latita di comicità e di quel guizzo di originalità che aveva divertito e stupito. Non a caso, infatti, pur senza voler rilevare troppo, questo terzo capitolo finisce esattamente come la trilogia era iniziata… Promuovendo a personaggio principale Mr. Chow, Phillips ha cercato quindi di mischiare le carte e di imprimere l’ennesima accelerata. Ma ha fallito il bersaglio. Ne viene fuori un film timidamente divertente e notevolmente confuso, dove i lampi di genialità (su tutti il viaggio della giraffa che apre

    il film…) e l’irresistibile Alan, poco possono di fronte ad uno spettatore che, complici i primi due capitoli, sono diventati fin troppo esigenti.

    Secondo commento critico (a cura di ANDREW BARKER, www.variety.com)

    Five minutes into “The Hangover Part III,” a giraffe is gruesomely decapitated by a freeway overpass. While this unfortunate event is ultimately tangential to the film’s plot, it nonetheless marks its best shot at leaving a lasting legacy, with the phrase “beheading the giraffe” perhaps someday supplanting “jumping the shark” as the cliche of choice to mark a franchise’s official descent into pitiable pointlessness. Nearly bereft of laughs, this final “Hangover” should nonetheless generate lucrative business due to simple brand recognition and a desire to see the old gang one last time as they dutifully, distractedly wind down the clock.

    Once the highest-grossing R-rated comedy ever made, the first “Hangover” was one of the best surprises of 2009; a thoroughly modern callback to the great politically incorrect bro comedies of the 1980s, enlivened with a novel narrative twist. A 2011 sequel reeked of laziness, reprising the original’s every beat with

    mechanical obligation, yet it still managed to squeeze out some quality gags. “Part III,” however, takes the opposite path to even worse results. Ditching the hangovers, the backward structure, the fleshed-out characters and any sense of debauchery or fun, this installment instead just thrusts its long-suffering protagonists into a rote chase narrative, periodically pausing to trot out fan favorites for a curtain call.

    At times it’s debatable whether “The Hangover Part III” should even be considered a comedy at all, as it more often plays like a loopily plotted, exposition-heavy actioner. Despite a career-long devotion to low-brow comedy, director Todd Phillips displays a deft touch for the various jail breaks, heists and car chase sequences that arise here, while the film’s attempts at basic comic banter wither on the vine. One wonders how he would fare directing a straight genre project in which he could use dark humor to spice

    up the action beats, rather than the other way around.

    But as for the film at hand, it focuses on goonish outcast Alan (Zach Galifianakis), then kicks into gear as he accidentally jumps the … or rather, beheads a giraffe and sparks a subsequent highway pileup, the aftermath of which causes the death of a minor character. One of the more subtle subversions of the whole “Hangover” trilogy is its notion that any real-life person who embodied the old “wild and crazy guy” comic archetype would actually be a terrifying psychopath, and that theme reaches its logical conclusion here, as the assembled returning characters stage an intervention. Wolfpackers Phil (Bradley Cooper), Stu (Ed Helms) and Doug (Justin Bartha) convince Alan to check into a psychiatric treatment facility in Arizona by promising to drive him there themselves.

    No sooner have they reached the desert than they’re run off the road by

    a gang of pig-masked thugs commanded by crime boss Marshall (John Goodman). For reasons too confusing and irrelevant to relate, the Wolfpack’s first Las Vegas bacchanal four years ago somehow allowed the effeminate Chinese gangster Mr. Chow (Ken Jeong) to steal a truckload of Marshall’s gold bricks. Taking Doug hostage, Marshall gives the remaining trio three days to find both Chow (sprung from a Thai prison in the pic’s prologue) and the purloined gold, entailing a journey to Tijuana and then back to Vegas.

    That the plot is convoluted and ridiculous isn’t really a problem, but by playing things completely chronologically — and worse, soberly — this film’s shenanigans feel witlessly arbitrary in a way that the previous installments avoided. Another key failing is the film’s centerstage placement of characters who work best on the fringes, like Alan and (especially) Chow. As unhinged as they were, both earlier “Hangover” films

    managed to keep the focus on Cooper and Helms, whose characters bore at least passing resemblance to actual adults, while Galifianakis and Jeong brought in desultory rushes of cartoonish anarchy. Reverse those proportions, however, and the proceedings become unpalatably frenzied, akin to being served a full plate of wasabi with a sushi garnish.

    Having recently proved he can tackle roles of far greater sophistication, Cooper seems the most disengaged among the cast, and several of his disdainfully delivered lines can’t help but feel like meta-commentary on the whole affair — “who gives a fuck?” and “what the fuck are we watching?” in particular. Goodman brings surprisingly little to his heavy role, although fellow newcomer Melissa McCarthy, playing a deliciously vile Vegas pawn-shop owner, steals the one scene here that could be spliced into the original film without a loss in quality.

    Tech credits are topnotch throughout, with special plaudits going

    to lenser Lawrence Sher and second-unit d.p. Josh Bleibtreu for crafting some genuinely elegant compositions where lesser work probably would have sufficed. Elaborate old-school aerial stunt work shot over Las Vegas Boulevard and on a (convincing) replica of the Caesars Palace facade leaves a strong impression.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringrazia Antonio Viespoli (Warner Bros. Pictures Italia) e Silvia Palermo (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ITALIANO di UNA NOTTE DA LEONI 3

    Links:

    • John Goodman

    • Bradley Cooper

    • Ed Helms

    • Ken Jeong

    • Melissa McCarthy

    • Jamie Chung

    Altri Links:

    - Pagina Facebook
    - Pagina Twitter

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Una notte da leoni 3 - trailer

    Una notte da leoni 3 - trailer (versione originale) - The Hangover Part III

    Una notte da leoni 3 - clip 'Alan e Mr Chow'

    Una notte da leoni 3 - clip 'Un aiuto per Alan'

    Una notte da leoni 3 - featurette 'Dietro le quinte con il cast'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    RECENSIONE - Dal Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (9 Dicembre 2019) - RECENSIONE - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Western Stars

    WESTERN STARS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tratto dall’omonimo album uscito nell’estate del .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Midway

    MIDWAY

    Quelli che... ci fermano a TRAILER e CLIP - Al pubblico l'ardua sentenza - .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella .... [continua]