ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Aggiornamenti freschi di giornata! (21 Ottobre 2019) - Il 21 Ottobre alla 14. .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - Dal .... [continua]

    Honey Boy

    HONEY BOY

    New Entry - Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella .... [continua]

    Drowning

    DROWNING

    New Entry - Il 20 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Aggiornamenti freschi di giornata! (21 Ottobre 2019) - Il 19 Ottobre in anteprima alla .... [continua]

    The Aeronauts

    THE AERONAUTS

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Pavarotti

    PAVAROTTI

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > La grande bellezza

    LA GRANDE BELLEZZA: NEL DICHIARATO OMAGGIO DI PAOLO SORRENTINO A FEDERICO FELLINI, TONI SERVILLO E' UN GIORNALISTA ULTRASESSANTENNE CHE, DELUSO DAL PRESENTE, RIVANGA MEMORIE DI UNA GIOVINEZZA MAI PERDUTA. CON LUI CARLO VERDONE, SABRINA FERILLI & CO.

    VERSIONE INTEGRALE con 30 minuti di scene inedite: il 27, 28 e 29 Giugno 2016 al cinema; (Il film era uscito in versione ridotta il 21 Maggio 2013) - Di nuovo al Cinema dopo l'OSCAR - VINCITORE dell'OSCAR 2014 come 'MIGLIOR FILM STRANIERO' e ai GOLDEN GLOBE 2014 come 'MIGLIOR FILM STRANIERO' - CELLULOIDPORTRAITS AWARD 2013: VINCITORE come 'MIGLIOR FILM DELL'ANNO' (anche 'MIGLIOR REGISTA' (PAOLO SORRENTINO) e 'MIGLIOR ATTORE' (TONI SERVILLO) - già CANDIDATO come 'Miglior Film Straniero' ai GOLDEN GLOBE 2014 - Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2013' - 66. Festival del Cinema di CANNES (15-26 Maggio 2013) IN CONCORSO - RECENSIONE

    "L’idea si è sedimentata in un tempo molto lungo, che inizia con le mie prime, timide incursioni romane, fatte da ragazzo, nella speranza di intraprendere da qualche parte l’avventura cinematografica. Raccoglievo appunti, note, piccoli aneddoti su persone, eventi che gravitavano intorno a Roma, ma erano materiali informi, sfilacciati, esili e insufficienti per poter diventare una storia. Il pensiero insistente di questo film si è rafforzato quando sono venuto a vivere a Roma. Poi, un giorno, è apparsa l’idea che mi consentiva di tenere tutto insieme: Jep Gambardella, un giornalista e scrittore dallo sguardo disincantato e sentimentale sulla sgangherata fauna del presente. Un’umanità variegata, contradditoria e anchilosata, elegante e volgare, squallida o proterva, della quale Gambardella riesce a cogliere una recondita bellezza. Scova, o prova a sorprendere, essendo parte in causa, la tenerezza che si cela dietro l’amorale. I vari personaggi sono stati ispirati molto spesso dalla realtà della Roma di oggi, ma sono stati poi ricreati nel gioco della fantasia. In questo senso, la citazione iniziale di Celine intende avvisare gli spettatori che assisteranno a un film dove il coefficiente di invenzione è alto e che attraverso l’invenzione, germogliata dalla realtà, si spera di riuscire a restituire una realtà altrettanto efficace ma cinematografica, coerente nella sua apparente disarmonia... Naturalmente, penso che il presente non sia solo il parto del contingente, ma anche il frutto della persistenza indefinita dei sentimenti, delle difficoltà e delle gioie dell’eterna commedia umana. Senza dubbio, la volgarità e una percezione di decadimento dilagano nel presente, il senso di vuoto attanaglia l’esistenza di una grande capitale, non esclusivamente Roma, ma le vite che vi si muovono dentro sono animate da dinamiche che tendono a ripetersi nel tempo. Gli smottamenti e gli slittamenti dell’animo umano sono impercettibili nei brevi periodi. Inoltre, mi sembrava allettante provare a raccontare come la volgarità, la decadenza, la sensazione del vuoto implica negli individui un atteggiamento duale: da un lato fa aleggiare la condanna morale, dall’altro esercita un’innegabile, ingestibile forza attrattiva. È un vecchio gioco che non smette mai di essere attuale e concreto".
    Il regista co-soggetista e co-sceneggiatore Paolo Sorrentino

    (La grande bellezza; ITALIA/FRANCIA 2013; Drammatico; 142'; Produz.: Indigo Film/Medusa Film/Babe Films/Pathé con il sostegno di Lazio Film Commission e Fonds Eurimages du Conseil de l'Europe; Distribuz.: Indigo Film/Medusa Film)

    Locandina italiana La grande bellezza

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: La grande bellezza

    Titolo in lingua originale: La grande bellezza

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2013

    Regia: Paolo Sorrentino

    Sceneggiatura: Paolo Sorrentino e Umberto Contarello

    Soggetto: Ideato e scritto dallo stesso Sorrentino con Umberto Contarello, il film è ambientato e interamente girato a Roma.

    Cast: Toni Servillo (Jep Gambardella)
    Carlo Verdone (Romano)
    Sabrina Ferilli (Ramona)
    Carlo Buccirosso (Lello Cava)
    Iaia Forte (Trumeau)
    Pamela Villoresi (Viola)
    Galatea Ranzi (Stefania)
    Massimo de Francovich (Egidio)
    Roberto Herlitzka (Cardinale Bellucci)
    Isabella Ferrari (Orietta)
    Franco Graziosi (Conte Colonna)
    Luca Marinelli (Andrea)
    Serena Grandi (Lorena)
    Sonia Gessner (Contessa Colonna)
    Pasquale Petrolo-in arte Lillo (Lillo De Gregorio)
    Cast completo

    Musica: Lele Marchitelli

    Costumi: Daniela Ciancio

    Scenografia: Stefania Cella

    Fotografia: Luca Bigazzi

    Montaggio: Cristiano Travaglioli

    Makeup: Maurizio Silvi

    Casting: Annamaria Sambucco

    Scheda film aggiornata al: 30 Giugno 2016

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Omaggio dichiarato a Federico Fellini, il film racconta la storia di un giornalista sessantenne che deluso dal presente, ricorda la sua giovinezza appassionata, ma ormai perduta.

    Jap Gambardella (Toni Servillo) è un giornalista di 65 anni. La sua vita si divide tra la Roma dell'alta cultura e quella delle feste mondane.

    IN DETTAGLIO:

    Dame dell’alta società, parvenu, politici, criminali d’alto bordo, giornalisti, attori, nobili decaduti, alti prelati, artisti e intellettuali veri o presunti tessono trame di rapporti inconsistenti, fagocitati in una babilonia disperata che si agita nei palazzi antichi, le ville sterminate, le terrazze più belle della città. Ci sono dentro tutti. E non ci fanno una bella figura. Jep Gambardella, 65 anni, scrittore e giornalista, dolente e disincantato, gli occhi perennemente annacquati di gin tonic, assiste a questa sfilata di un’umanità vacua e disfatta, potente e deprimente. Tutta la fatica della vita, travestita da capzioso, distratto divertimento. Un’atonia morale da far venire le vertigini. E lì dietro, Roma, in estate. Bellissima e indifferente. Come una diva morta.

    Nella VERSIONE INTEGRALE:

    A tre anni dall’uscita, arriva al cinema solo per tre giorni, il 27, 28 e 29 giugno, LA GRANDE BELLEZZA in VERSIONE INTEGRALE con trenta minuti di scene inedite.

    Tra le nuove scene quella in cui Jep Gambardella, disilluso scrittore e giornalista interpretato da Toni Servillo, incontra Giulio Brogi nel ruolo di un anziano regista che immagina di poter girare un ultimo film. Il “Maestro del cinema” racconta a Jep quello che definisce il suo primo “incanto”, l’accensione del primo semaforo installato a Milano tra piazza Duomo e via Torino: “Mi pare che fosse il 12 aprile 1925. Mio padre mi mise sulle spalle perché c’era una gran folla, ma capisce? Una folla, radunata per vedere un semaforo. Che bellezza! Che grande bellezza!”. E quella con Fiammetta Baralla nel ruolo della madre di Ramona (Sabrina Ferilli).

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    TONI SERVILLO CANGIANTE CARTINA TORNASOLE PER LA ROMA DI PAOLO SORRENTINO, TRA CONTEMPORANEITA' MALATA E STRUGGENTE AMARCORD. 'LA GRANDE BELLEZZA' E' ODE ALL'AMORE OFFUSCATO DAL CINISMO E PREGHIERA COLLETTIVA, QUELLA DI UN'UMANITA' DISAGIATA DA TUTTI I PUNTI DI VISTA. 'LA GRANDE BELLEZZA' RIVENDICA ANCHE, IN UN PERCORSO DINOCCOLATO TRA IL NOSTALGICO E IL MISTICO, IN UN VIAGGIO IN GRAN PARTE ONIRICO, UNA SPIRITUALITA' AUTENTICA AD AMPIO SPETTRO. DOPO 'THIS MUST BE THE PLACE', CON 'LA GRANDE BELLEZZA' SORRENTINO SEMBRA AVER ANCOR PIU' AFFILATO I FERRI DEL MESTIERE E NE E' USCITA UN'OPERA COLTA E RAFFINATISSIMA, QUANTO PUNGENTE, IRONICA E PROFONDA: UN PICCOLO CAPOLAVORO IN CELLULOIDE ITALIANO DAL RESPIRO MARCATAMENTE FELLINIANO

    Carlo Verdone, nel cast de La grande bellezza in veste di Romano, scrittore in crisi, frequentatore delle cerchie dei salotti della Roma 'bene' (si fa per dire!), non poteva centrare meglio un tocco di stile che senz'altro appartiene a Paolo Sorrentino

    (Il divo, This Must Be the Place) e che lo pone in relazione con la metafisica di Giorgio De Chirico. E' un concetto che scopriamo fondamentale proprio fin dai primi passi di questo intrigante 'viaggio' che muove per l'appunto da pindarici voli su pezzi d'arte pura a cielo aperto, fontane monumentali su cui si levano le note di una musica sacra inebriante, celebrate da un elegiaco gruppo di coriste. Quel che si dice, un alito eterno sulla città eterna, che vive la sua contemporaneità astrattiva e senz'anima di cui il blaterare meccanico della guida turistica straniera non è che un primo esempio. C'è poi chi ci guarda con pietosa compassione dai labirintici percorsi di un cimitero monumentale, prima che, con un colpo da maestro sull'onda del sensazionale contrasto, Paolo Sorrentino ci catapulti nella spelonca-giostra di un'umanità svuotata e degradata ai minimi termini per scelte d'interesse personale, sulle note roboanti di

    un vecchio successo di Raffaella Carrà e un incalzare di grancassa (e incursioni di tromba) che stride non poco con le precedenti melodie. Un parterre allestito ad hoc per l'ennesimo giro di 'manfrine' varie. La meticolosa cura nella ricerca musicale e fotografica sono solo un paio dei molti fiori all'occhiello de La grande bellezza.

    Toni Servillo, lo scrittore e giornalista Jep Gambardella il cui unico successo letterario risale a decenni e decenni prima che si perdesse nella totale mancanza di ispirazione e nel 'gigioneggiare' da una festa all'altra, è il nostro Virgilio in questo viaggio onirico della conoscenza e della riflessione, tra paradisiaci scorci di rara bellezza e vari gironi di anime dannate. Un Virgilio che con Servillo, eccelso interprete, si illumina di immenso. E come Virgilio, Jep/Servillo instilla (spesso tramite voce fuori campo mentre guarda silente dritto in macchina) perle di saggezza, di acume intellettivo, mostrando una certa rassegnata amarezza

    nel constatare che certe cose o persone nella vita non cambiano mai e di come spesso non ci accorgiamo neppure di quanto di più bello e di buono abbiamo intorno. O di cattivo: vedi l'esempio dell'enigmatico, impenetrabile quanto apparentemente al di sopra di ogni sospetto, 'vicino' di casa di Jep. Si parla di persone e persone ma anche di arte e arte. Se è già tutto un programma la performance live dell'artista concettuale, l'intervista di Jep è davvero esilarante sull'onda di un'ironia sferzante senza pietà, così come tristemente commovente si leva la sofferta 'creazione' in pubblico della bambina. Esibizioni, salotti in cui mettersi o mettere a nudo amici che non hanno il coraggio di essere tali e dire senza peli sulla lingua quel che può far male ma almeno ha il sapore autenticamente amaro, senza l'edulcorante dell'ipocrisia, vero della lealtà: vedi la sequenza in cui Jep (Servillo) contraddice punto per

    punto Stefania (Galatea Ranzi) e il suo autoritratto falsato. E ancora 'salotti' speciali, surrogati clandestini di cliniche autorizzate per iniezioni di botulino a 700 E. a botta, quando va bene. La serialità celebrata con l'incalzante richiamo digitale della 'paziente' di turno in fila per l'intervento di una frazione di secondo, rende memorabile la sequenza.

    Un viaggio nella fauna umana della Roma di oggi, passeggiando per le sue strade e stradelle di periferia con Jep/Servillo, con qualche incursione 'amarcord' negli anni perduti nella Roma di ieri, seguendo un tratteggio mai lineare né scontato, semmai a tratti roboante e lussureggiante nell'inesauribile campionario delle splendide scenografie, con lo sguardo sempre più incantato verso la 'vera bellezza' (quanti giardini con sculture esplorati con occhio sorpreso e ricolmo di commossa gratitudine!) e sempre più consapevole e nostalgico negli anni della maturità - la rivendicazione della nostalgia come valore aggiunto di Romano/Verdone sul palcoscenico della sua, ultima

    perché 'Roma (lo) ha molto deluso', performance teatrale, è uno dei motivi forti - finché il viaggio e la ricerca del se della nostra linea guida non si inoltra sul binario della spiritualità. E anche qui Sorrentino non manca di rimarcare il suo distinguo, tra la spiritualità verbale cui non seguono vie di fatto (vedi il personaggio del Cardinale Bellucci vestito da Roberto Herlitzka) e quella spiritualità autenticamente elettiva resa protagonista con l'ingresso in scena della Santa Sorella, con esplicito riferimento a Madre Teresa di Calcutta, colei che non rilascia più interviste perché ha 'sposato la povertà, e la povertà non si racconta, si vive', colei che si nutre di radici perché 'le radici sono importanti'. Ed ecco che di fronte a tante domande, le nebbie del nostro Jep/Servillo iniziano a fendersi in più punti per raggiungere la meta di questo viaggio che indica la via per un cambio di

    rotta in ogni ambito di appartenenza sociale e personale, mentre implora una redenzione possibile dal basso dell'incontrovertibile limite umano, là dove c'è sempre 'il trucco', come in un buon numero di magia. E' sul palpito di una raffinata metafora che si chiude uno dei più felliniani (La dolce vita, 8 1/2, Amarcord) film che il cinema italiano odierno ci abbia mai consegnato, un piccolo capolavoro in celluloide di rara e 'grande bellezza'. Come osservato da Sabrina Ferilli (qui calata nel ritratto 'sospeso' di Ramona), La grande bellezza di Paolo Sorrentino, "il suo racconto, è una sorta di affresco lirico, un poema". E di questi tempi, per noi italiani, non è un riscatto di poco conto.

    Perle di sceneggiatura

    Jep (Servillo): "Tu che lavoro fai?"
    Orietta (I. Ferrari): "Io sono ricca"
    Jep (Servillo): "Bellissimo lavoro!"

    Romano (Carlo Verdone): "Che cosa avete contro la nostalgia? E' l'unico svago per chi non crede nel futuro!"

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano lo Studio PUNTO&VIRGOLA e INTERNOS Web Communication

    Pressbook:

    PRESSBOOK Completo in ITALIANO de LA GRANDE BELLEZZA

    Links:

    • Paolo Sorrentino (Regista)

    • Galatea Ranzi

    • Carlo Verdone

    • Sabrina Ferilli

    • Roberto Herlitzka

    • Toni Servillo

    • Giorgio Pasotti

    • Luca Marinelli

    • LA GRANDE BELLEZZA - INTERVISTA all'attore TONI SERVILLO (Interviste)

    • LA GRANDE BELLEZZA - INTERVISTA al regista PAOLO SORRENTINO (Interviste)

    • LA GRANDE BELLEZZA - INTERVISTA all'attore CARLO VERDONE (Interviste)

    • LA MIA CLASSE - INTERVISTA al regista DANIELE GAGLIANONE, all'attore VALERIO MASTANDREA, al resto del cast e al produttore GIANLUCA ARCOPINTO (A cura dell'inviata SARA MESA) (Interviste)

    • CELLULOIDPORTRAITS AWARD 2013 - MIGLIOR FILM DELL'ANNO 2013!!!!!!: 'LA GRANDE BELLEZZA' di PAOLO SORRENTINO (Speciali)

    • BAFTA 2014 - I VINCITORI: TRIONFA '12 ANNI SCHIAVO'. LA GRANDE BELLEZZA di PAOLO SORRENTINO 'MIGLIOR FILM STRANIERO' (Speciali)

    • OSCAR 2014 - FINALMENTE I VINCITORI!!! E 'LA GRANDE BELLEZZA' TRIONFA come 'MIGLIOR FILM STRANIERO' (Speciali)

    • La grande bellezza (DVD)

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    La grande bellezza - trailer

    La grande bellezza - trailer 2

    La grande bellezza - clip 'Maestro di cinema' (scena tagliata)

    La grande bellezza - scene tagliate

    La grande bellezza - featurette 'Backstage'

    La grande bellezza - featurette 'La colonna sonora 'My Heart's in the Highlands' cantata dal soprano Else Torp'

    La grande bellezza - featurette 'The Lamb' tratto dalla colonna sonora del film

    La grande bellezza - featurette 'The Beatitudes' tratto dalla colonna sonora del film

       TRAILER UFFICIALE della VERSIONE INTEGRALE in Lingua Originale ITALIANA de LA GRANDE BELLEZZA

    Il giudizio della critica

    The Best of Review

    "Première" – Frédéric Foubert:

    "I virtuosistici movimenti di camera che troncano il respiro e fanno sgranare gli occhi, la sensazione paralizzante di un montaggio pop, un pensiero che si manifesta con un ritmo quasi allucinatorio. Fin dalle prime immagini di 'La Grande Bellezza', si capisce che ci siamo! […] Questa altezza della visione estetica, questa disperazione crepuscolare, danno a 'La Grande bellezza' l’impronta di una 'summa filmica', del testamento di un vecchio maestro, salvo che il 'vecchio maestro' in questione ha 42 anni".

    International Press

    "Variety" - Jay Weissber:

    "Una intensa e spesso sorprendente festa cinematografica che onora Roma in tutto il suo splendore e superficialità".

    "The guardian" - Peter Bradshaw:

    "La grande bellezza, come la grande tristezza, può significare amore, sesso, arte o morte, ma soprattutto significa Roma, e il film vuole annegare nell’insondabile profondità della storia e della mondanità romana".

    "Hollywood Reporter" - Deborah Young:

    "Fortunatamente il regista Paolo Sorrentino sa fare di meglio che imitare il gigantesco Fellini e 'La grande bellezza' è molto più di un inchino riverente, ripartendo da dove 'La dolce vita' ci ha lasciati 53 anni fa".

    "Screen International" – Lee Marshall:

    "Certamente questa miscela di satira sociale e di malinconia esistenziale, questa ricerca della poesia anche ridicolizzando la poesia stessa è stato già fatto da Fellini, ma 'La Grande bellezza' è una straordinaria esperienza cinematografica".

    Italian Press

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Il mio profilo migliore

    IL MIO PROFILO MIGLIORE

    Dalla Berlinale 2019 - Juliette Binoche si sente libera di sondare un personaggio sofisticato e .... [continua]

    The Informer - Tre secondi per sopravvivere

    THE INFORMER - TRE SECONDI PER SOPRAVVIVERE

    Dal 17 Ottobre .... [continua]

    Joker

    JOKER

    VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - Ecco .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Ancora al cinema - Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Ancora al cinemaDa -Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]