ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Star Wars: L'ascesa di Skywalker

    STAR WARS: L'ASCESA DI SKYWALKER

    Aggiornamenti freschi di giornata! (12 Dicembre 2019) - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Tra i più attesi!!! - Dopo anni di silenzio cinematografico Roberto Benigni torna al .... [continua]

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    Dal 19 Dicembre .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo corretto il lavoro di ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Ancora al cinema - Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Hitchcock

    HITCHCOCK: OCCHIO PUNTATO SUL MAESTRO DEL NOIR AMERICANO DOC, ALFRED HITCHCOCK (ANTHONY HOPKINS) E SUA MOGLIE (HELEN MIRREN) ALL'EPOCA IN CUI NASCEVA IL MITICO 'PSYCHO'. A FARE LA 'FAMIGERATA' DOCCIA - DA BRIVIDO AD ALTA TENSIONE! - OGGI C'E' SCARLETT JOHANSSON

    Happy Halloween 2016!!! - Happy Halloween 2016!!! Happy Halloween 2016!!! - Happy Halloween 2016!!! - Dal Dal XXII. Courmayeur NOIR InFestival (10-16 Dicembre 2012) - RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by JUSTIN CHANG (www.variety.com) - (Uscito al cinema il 4 Aprile 2013)

    "Chiedo il permesso di fare il nome di quattro persone che mi hanno dato il più grande affetto, apprezzamento, incoraggiamento, e una costante collaborazione. La prima di queste persone è una montatrice cinematografica, la seconda è una sceneggiatrice, la terza è la madre di mia figlia Pat [Patricia Hitchcock], e la quarta è una cuoca fenomenale che compie dei veri e propri miracoli in cucina. Il nome di tutte queste persone è uno solo: Alma Reville".
    Alfred Hitchcock

    "Ho sempre pensato che 'HITCHCOCK' dovesse essere la storia d’amore fra Alfred ed Alma. I due avevano un rapporto dinamico, complesso, contraddittorio, bello e doloroso, che non era solo un matrimonio, ma una collaborazione creativa. Ero davvero interessato al modo in cui queste due grandi personalità hanno vissuto insieme, creando nella lavorazione di PSYCHO, una prospettiva cinematografica completamente nuova. Se Alma non fosse stata al suo fianco, probabilmente Hitchcock non sarebbe stato così brillante né avrebbe mai girato 'PSYCHO'".
    Il regista Sacha Gervasi

    (Hitchcock; USA 2013; Biopic dramedy; 98'; Produz.: The Montecito Picture Company/Cold Spring Pictures/Fox Searchlight Pictures; Distribuz.: 20th Century Fox)

    Locandina italiana Hitchcock

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Hitchcock

    Titolo in lingua originale: Hitchcock

    Anno di produzione: 2013

    Anno di uscita: 2013

    Regia: Sacha Gervasi

    Sceneggiatura: Stephen Rebello e John J. McLaughlin

    Soggetto: Ispirato al romanzo di Stephen Rebello Alfred Hitchcock and The Making of Psycho (1990), che segue passo dopo passo la turbolenta creazione del celebre 'Psycho': l’interesse di Hitchcock nella personalità dell’omicida realmente esistito di nome Ed Gein, l’adattamento del romanzo incendiario di Robert Bloch, la scelta di Janet Leigh ed Anthony Perkins, la famigerata scena della doccia che ha cambiato l’iconografia del thriller moderno e la conseguente battaglia con i censori di Hollywood e la gestione dell’eredità del film. Non sorprende che tutto questo abbia preso forma non solo per volontà di Alfred ma anche grazie all’importante contributo di Alma.

    PRELIMINARIA - DAL ROMANZO AL GRANDE SCHERMO: l'ombra lunga di Alma Reville sulla vita e sulle opere di Alfred Hitchcock:

    Alfred Hitchcock, il maestro del brivido, la straordinaria icona cinematografica nota per aver ideato alcune delle sequenze più spaventose ed intriganti mai apparse sul grande schermo, nascondeva un segreto: una lunga ed intensa storia d’amore con una donna forte e decisa, sua moglie Alma Reville, nonché sua collaboratrice professionale.

    Ora per la prima volta, il film HITCHCOCK diretto da Sacha Gervasi, fa luce sulla loro relazione affascinante e complessa. E lo fa attraverso il racconto della loro avventura cinematografica più coraggiosa: la lavorazione dell’inquietante thriller PSYCHO, del 1960, che sarebbe stato il film più controverso del noto regista nonché il suo maggiore successo. Alla fine di questa produzione tumultuosa ed incredibile, nulla nel cinema sarebbe più stato lo stesso, l’opera nata dalla loro unione sentimentale e professionale che, cambiò per sempre il volto del cinema.

    Gervasi, insieme ad un cast che comprende i premi Oscar Anthony Hopkins e Helen Mirren, rispettivamente nei ruoli di Alfred e Alma, dà vita ad una storia ricca di sorprese, ironia, momenti comici, intriganti colpi di scena, sulla scia della tradizione hitchcockiana. Tuttavia il film si incentra non solo sulle ossessioni e sulle paure di due persone ma sull’amore incredibilmente tenace che influenzò l’arte di Hitchcock dietro le quinte.

    Cast: Scarlett Johansson (Janet Leigh)
    Toni Collette (Peggy Robertson)
    Anthony Hopkins (Alfred Hitchcock)
    Danny Huston (Whitfield Cook)
    Helen Mirren (Alma Reville)
    Jessica Biel (Vera Miles)
    James D'Arcy (Anthony Perkins)
    Michael Stuhlbarg (Lew Wasserman)
    Michael Wincott (Ed Gein)
    Kurtwood Smith (Geoffrey Shurlock)
    Richard Portnow (Barney Balaban)

    Musica: Danny Elfman

    Costumi: Julie Weiss

    Scenografia: Judy Becker

    Fotografia: Jeff Cronenweth

    Montaggio: Pamela Martin

    Effetti Speciali: Josh Hakian (supervisore)

    Makeup: Marsha Shearrill

    Casting: Terri Taylor

    Scheda film aggiornata al: 01 Novembre 2016

    Sinossi:

    Nei film di Alfred Hitchcock, caos, pericoli e crimini sinistri si annidano nell’ombra e incombono sulla vita dei suoi personaggi. Ma che dire della vita quotidiana di Hitchcock? Il grande regista ha abilmente coltivato un’immagine pubblica di se stesso, costruita sulla sua silhouette corpulenta e sul suo macabro senso dell’umorismo, con cui è riuscito a celare la sua vera personalità. Di conseguenza, per decenni il pubblico si è chiesto chi fosse realmente Hitchcock al di là della sua immagine pubblica.

    Il regista del film HITCHCOCK Sacha Gervasi, ritiene che l’identità di questo grande personaggio sia legata ad una donna. Ma non una delle famose bionde di Hitchcock, la cui algida ed eterea bellezza permea tutti i suoi film, bensì una donna di cui il mondo ha a lungo ignorato l’esistenza: sua moglie Alma che, da dietro le quinte ha influenzato profondamente le sue opere, penetrando le sue difese e diventando la sua silenziosa e modesta collaboratrice.

    Il film racconta l'impegno del regista Alfred Hitchcock nella realizzazione del film horror Psycho, del 1960. La storia è incentrata sul rapporto tra Hitchcock (Anthony Hopkins) e la moglie Alma Reville (Helen Mirren) in quel periodo.

    SHORT SYNOPSIS:

    A love story between influential filmmaker Alfred Hitchcock and wife Alma Reville during the filming of Psyco in 1959.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    UN FILM TECNICO DA OGNI PUNTO DI VISTA. L'HITCHCOCK DI SACHA GERVASI - LO SCENEGGIATORE DI SPIELBERG PER 'THE TERMINAL' - E DI STEPHEN REBELLO - AUTORE DEL ROMANZO CUI SI ISPIRA IL FILM DI CUI E' ANCHE CO-SCENEGGIATORE - TRADUCE QUESTO TRASVERSALE OMAGGIO AL MAESTRO DELLA SUSPENSE (QUI NATURALIZZATO IN UN ANTHONY HOPKINS INEVITABILMENTE 'CARICATURALE' PER QUANTO 'MISURATO') - NEL SEGNO DI UNA PARTNERSHIP NELLA VITA E NELL'ARTE CON LA MOGLIE ALMA (HELEN MIRREN AUTOREVOLE COME SEMPRE PUR SENZA RAGGIUNGERE LE VETTE DI 'THE QUEEN'): UNA INSOSPETTABILE - PER I PIU', A PARTE GLI ADDETTI AI LAVORI - DONNA FORTE, DETERMINATA E TALENTUOSA MANAGER A TUTTO TONDO DELLA CELLULOIDE, CON UN SENSO DEL BUSINNESS TALE DA RENDERSI INDISPENSABILE ALLEATA, MA SOLO DIETRO LE QUINTE DELL'ICONA PUBBLICA DEL MARITO

    Dietro un grande uomo, un grande artista, non di rado c'è una grande donna che dall'ombra di un dietro le quinte,

    sostiene ed illumina l'unica icona di dominio pubblico che compare sul proscenio dell'immenso palcoscenico della vita e dell'arte. Beh, a quanto pare Alfred Hitchcock non ha fatto eccezione! D'ora in avanti, quando pensiamo alla grande rivoluzione in seno all'iconografia del thriller moderno che ha apportato un film come il celebre Psycho, non sarà più il solo Hitchcock a venirci in mente ma quella donna di mezza età, nè bionda, nè troppo bella, tutta efficienza creativa, un vero e proprio vulcano di consigli, di premure e critiche, instillate di momento in momento, giorno dopo giorno, come gocce di pura verità, di acuminata intuizione e sagacia tattica, capaci di arginare le quotidiane esternazioni di vulnerabilità del consorte. Una vulnerabilità qui tradotta in fragilità, ossessioni e debolezze (per le bionde muse dei suoi film tanto quanto per cibo e alcool) portate allo scoperto dalla dimensione privata di un uomo corpulento di cui tutti

    abbiamo conosciuto e apprezzato l'arte, senza stare troppo a pensare a quale gioco di squadra appartenesse. Un Hitchcock inedito dunque, eppure non troppo coinvolgente.

    L'Hitchcock di Sacha Gervasi - sceneggiatore di Steven Spielberg per 'The Terminal' e regista del documentario dolce-amaro su una band heavy metal con irrinunciabili sogni di gloria Anvil! The Story of Anvil - e di Stephen Rebello - autore del romanzo Alfred Hitchcock and The Making of Psycho (1990) cui si ispira il film di cui è anche il co-sceneggiatore - si avvia sulle note pirotecniche dello humour nero tipicamente britannico che ha da sempre contraddistinto lo spirito hitchcockiano, trasmessoci non di rado anche con i siparietti, preludio e conclusione, per i suoi film di serie televisive declinate sul noir. L'Hitchcock di Gervasi apre e chiude difatti seguendo quell'imprinting stilistico, nel segno dell'omaggio classico al grande maestro, o, per essere più esatti, alla grande partnership hitchcockiana (Alfred-Alma),

    ma lo spirito artistico a noi più noto si disperde ben presto dietro la messa in scena delle dinamiche interattive da menage matrimoniale - e patrimoniale - sull'onda di velleità innovative sul piano creativo da parte del maestro, di contro alle esigenze di suonare le stesse corde da parte delle produzioni cinematografiche. E malgrado il calibro dei due interpreti chiamati in causa per far rivivere sul grande schermo i coniugi Hitchcock, con Anthony Hopkins nelle vesti di Alfred - trucco e parrucco e una certa calibratura votata alla misura che scarta dalla mera imitazione non gli evitano un sentore vagamente 'caricaturale' - ed Helen Mirren in quelle della moglie-manager Alma - ruolo che declina con assoluta padronanza professionale ma che non coinvolge certo come la regina Elisabetta in The Queen - il film finisce per assumere le sembianze di un didascalico 'documentario' della turbolenta creazione di un film come Psycho,

    in quanto film di rottura per l'epoca, e dell'altrettanto turbolento, non certo ordinario - sia pure in maniera sottesa, insidiosa, priva di plateali scenate per una reciproca, serpeggiante, gelosia - menage matrimoniale dei coniugi-colleghi Hitchcock. Mentre si seguono, passo dopo passo, l’interesse di Hitchcock alla personalità dell’omicida realmente esistito di nome Ed Gein, l’adattamento del prorompente romanzo di Robert Bloch, la scelta degli interpreti Janet Leigh ed Anthony Perkins, tutto volge ad evidenziare il ruolo centrale svolto da Alma/Mirren in seno alle difficoltà in corso d'opera della celebre pellicola, ma forse la carne al fuoco diventa troppa: così ci si dilunga sugli intoppi di produzione del 'making of di Psycho', in cui dominano connotazioni tecniche, mentre si stringono tempi e modi che vanno a sacrificare l'espressione piena della star Janet Leigh (la madre di Jamie Lee Curtis che ha peraltro aiutato Scarlett Johansson per una corretta rievocazione) nonché della musa

    hitchcockiana Vera Miles (ridotta qui ad uno sciapo cameo con Jessica Biel). Un panorama di fronda finché non si raggiunge la ripresa sul set della famigerata sequenza con la doccia: qui, sorprendentemente, la rievocazione di Gervasi sul set è da Oscar! Sull'onda della insoddisfazione di Hitchcock/Hopkins per la resa emozionale della ripresa, tanto da spingerlo ad intervenire personalmente, lo si dipinge, quasi in preda ad una trasmutazione genetica, come un direttore d'orchestra invasato, mentre lo spettatore visualizza che cosa anima in lui tanto impeto al culmine dell'emozione, spaventando a dovere l'interprete Janet/Johansson mentre lui si guadagna finalmente la riuscita ottimale della sequenza in questione. Qui, in effetti, il film di Gervasi raggiunge un apice imprevisto, che ci coglie di sorpresa, con potenti schegge di una visionarietà con cui tratteggia qua e là l'elaborazione creativa del Maestro riguardo al film Psycho in corso d'opera: idee ed immagini per le quali sente

    sempre il bisogno dell'approvazione della moglie Alma.

    Non sempre le ricerche d'archivio hanno prodotto i frutti sperati ed è ovvio che Sacha Gervasi abbia confidato nel proprio intuito creativo quando si è trovato in mancanza di dati oggettivi, ma in questo suo 'ritratto semi-immaginario', quando nel matrimonio qualcosa scricchiola, i due coniugi Hitchcock ritrovano la sintonia proprio sul piano della creazione artistica e la tormentata insicurezza del maestro - fino ad oggi insospettata in termini così pronunciati - si dilegua come nebbia al sole. Ma per quanto Gervasi i sia industriato per rischiarare di una nuova luce questa figura femminile rimasta nell'ombra dietro il primo piano del consorte, detentore dell'osannata immagine pubblica, non se l'è evidentemente sentita di azzardare fino in fondo e togliere la leadership al suo Hitchcock, la cui voce fuori ed in campo è la sola a riecheggiare nell'aria in prima persona, aprendo e chiudendo il

    privato sipario di una vita che, in un modo o nell'altro, ha saputo farsi arte.

    Secondo commento critico (a cura di JUSTIN CHANG, www.variety.com)

    "Hitchcock" is a diverting but dramatically insipid account of how the Master of Suspense took his biggest gamble and delivered his greatest success with "Psycho." Focusing less on the production of that 1960 masterpiece than the strain it purportedly caused the director's relationship with his long-suffering wife, Alma Reville, this behind-the-scenes bonbon offers an easily digestible menu of dishy one-liners and capable performances. But while international and ancillary prospects look decent, the film buffs likely to constitute the bulk of Fox Searchlight's audience will be left unsatisfied by the picture's lack of density, texture or insight into its ostensible subject.

    An intriguing change of pace for helmer Sacha Gervasi after his winning 2008 docu "Anvil! The Story of Anvil," this Nov. 23 release arrives in theaters just a month after the airing of HBO's "The Girl," an unflattering portrait of Alfred Hitchcock's troubled dealings with star Tippi Hedren during production on

    "The Birds" and "Marnie." While it similarly references the helmer's attempts to manipulate the blonde leading ladies who tickled his fancy, the comparatively frothy "Hitchcock" offers a more sympathetic, even comedic assessment of the man behind the portly silhouette.

    Following the 1959 success of "North by Northwest," Hitchcock (Anthony Hopkins), annoyed by press coverage suggesting he should quit while he's ahead, decides to tackle something bold and different: an adaptation of Robert Bloch's suspense novel "Psycho" (or, as pronounced in the helmer's British drawl, "Psy-choowww"). Bloch's sordid tale of transvestism, incest and matricide strikes almost everyone as a tasteless choice of material for a world-class director, and when Paramount head Barney Balaban (Richard Portnow) refuses to finance the picture, Hitch opts to pony up the relatively low $800,000 budget himself, in exchange for a cut of the profits.

    Despite her own reservations, especially when they're forced to mortgage the house,

    Alma (Helen Mirren), always her husband's closest confidante and often uncredited collaborator, lends him her customarily wry support. At the same time, she seeks another creative outlet fine-tuning a screenplay by longtime friend and "Strangers on a Train" scribe Whitfield Cook (Danny Huston), baldly depicted here as a cad with more charisma than talent.

    Loosely based on Stephen Rebello's terrifically exhaustive 1990 book "Alfred Hitchcock and the Making of 'Psycho,'" the screenplay by John J. Laughlin (a co-writer on "Black Swan") is understandably hard-pressed to accommodate every fascinating aspect of the pic's production history. Still, it's disappointing that the film never gets beyond a superficial re-creation. What relevant details there are tend to get rattled off like bullet points, as when a Production Code censor (Kurtwood Smith) testily informs us that no American movie before "Psycho" has dared to show a toilet being flushed.

    Considerable time is spent addressing the

    director's strained relations with actress Vera Miles (Jessica Biel) and his tender rapport with his new star, Janet Leigh (Scarlett Johansson), who fondly notes that, whatever Hitch's flaws, "compared to Orson Welles, he's a sweetheart." By contrast, Anthony Perkins (James D'Arcy) gets just a few fidgety lines and a coy, smirking reference to the actor's sexuality, and the film only glancingly acknowledges key contributors such as scribe Joseph Stefano (Ralph Macchio) and title designer/pictorial consultant Saul Bass (Wallace Langham). Cinephiles and academics may take issue with numerous other omissions (one never catches even a glimpse of the Universal lot's Bates Motel set, for example).

    More egregious than any factual deviation, however, is the film's bizarre suggestion that Hitchcock's headaches were caused not merely by studio and censor interference, but by his own personal demons, stemming from his irrational suspicion that Alma may be having an affair. A series of pointless

    dream/fantasy interludes show Hitchcock consorting with Ed Gein (Michael Wincott), the serial killer who served as the real-life inspiration for Norman Bates, as if only someone a little nutty himself could have made a great film out of "Psycho." Similarly, the famous shower scene, the making of which could furnish its own movie, has been ludicrously dramatized so as to emphasize the helmer's alleged emotional instability on the set.

    The result is a film that essentially contradicts the reality that "Psycho's" limited means, far from exposing the director's incompetence, in fact revealed the extent of his mastery. As such, "Hitchcock" offers almost zero insight into the peculiar workings of creative genius, or into the rich, taboo-shattering legacy of the film whose making it documents.

    The upshot of Gervasi and Laughlin's conception is that the Alfred-Alma marriage was sorely tested by the demanding production but wound up saving it in the

    end. However facile this thesis, it does have the benefit of two lead actors who bring endearing shades of humanity to scenes of the Hitchcocks on the set and in their little-seen home. Mirren has the advantage of not only playing the less widely recognized figure, but also embodying the drama's moral compass; whether scolding her husband for his gluttonous appetite, or telling him off in the film's one riveting scene, she makes poignantly clear that Alma's frustrations with Hitchcock are inextricable from her devotion to him.

    Outfitted with facial prosthetics, blue contact lenses and a hairpiece, always gulping rather than sipping a glass of wine, Hopkins does a droll impersonation of the director's iconic stiff posture and sinister tones, and he takes particular delight in his wickedly deadpan asides (on actor John Gavin: "Plywood is more expressive"). Yet while he looks more like Hitchcock than Toby Jones did in

    "The Girl," Hopkins doesn't quite match that actor's insinuating impact; physical likeness is only half the battle here.

    Despite their own so-so resemblances to their real-life counterparts, Johansson and Biel have effective moments, while Michael Stuhlbarg cuts an admirable figure as the young Lew Wasserman, Hitchcock's agent and defender. Pic manages a reasonable evocation of late '50s/early '60s Hollywood but still looks somewhat underrealized, and the occasional use of Bernard Herrmann's screeching violins only accentuates the blandness of the film's main score.

    Commenti del regista

    A proposito del film 'PSYCHO':

    "Il film tratta l’aspetto primordiale e inconscio che esiste in tutti gli esseri umani. Tutti noi abbiamo problemi con i nostri genitori, tutti noi lottiamo con il bene e il male, tutti noi temiamo la morte. Il film esplora il lato più oscuro della natura umana. Aggiungete a tutto questo Anthony Perkins che accoltella la gente travestito da vecchia signora, follia omicida e hotel misteriosi. E con questi ingredienti ecco un un film di grande intrattenimento che, a distanza di 52 anni, ancora elettrizza il pubblico... La resistenza a 'PSYCHO' ha reso Hitchcock ancora più determinato nella sua impresa e in questo senso è anche la storia di un’emarginazione. Anthony (Hopkins) ed io abbiamo parlato molto per prepararci su questo argomento. Anthony si è molto divertito a considerare questa storia come la vicenda di qualcuno che ha raggiunto la massima notorietà ma che con questo film diventa improvvisamente un emarginato".

    Altre voci dal set:

    Il produttore Alan Barnette:

    "Ciò che ci ha colpito del libro è che dietro l’intelligenza di Hitchcock, si scorge un individuo complesso e vulnerabile estremamente legato ad Alma. Presi singolarmente erano un po’ improbabili, ma insieme erano imbattibili".

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano 20th Century Fox e Orazio Bernardi (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di HITCHCOCK

    Links:

    • Sacha Gervasi (Regista)

    • Scarlett Johansson

    • Helen Mirren

    • Anthony Hopkins

    • Michael Stuhlbarg

    • Jessica Biel

    • Danny Huston

    • Michael Wincott

    • Toni Collette

    • Kurtwood Smith

    • James D'Arcy

    • Richard Portnow

    • ALCUNE TARANTINIANE QUESTIONI … (Parte II) (CineSpigolature)

    • ALMA REVILLE (Personaggi)

    • La Damigella d'Onore (Interviste)

    • 63a Mostra (Lido di Venezia 30 agosto-9 settembre 2006) PRESS CONFERENCE & DINTORNI: INLAND EMPIRE di DAVID LYNCH (Interviste)

    • INTERVISTA INEDITA AL REGISTA ADRIANO APRA' (A cura di MARCELLO CELLA) (Interviste)

    • INTERVISTA INEDITA AL REGISTA VITTORIO DE SETA (2°) (A cura di MARCELLO CELLA) (Interviste)

    • RACCONTI DA STOCCOLMA: INTERVISTA al regista ANDERS NILSSON (A cura di CATERINA D'AMBROSIO) (Interviste)

    • TI AMERO' SEMPRE - INTERVISTA allo scrittore e regista PHILIPPE CLAUDEL (Interviste)

    • AMABILI RESTI - INTERVISTA al regista e co-sceneggiatore PETER JACKSON e all'attrice SAOIRSE RONAN (A cura dell'inviato ERMINIO FISCHETTI) (Interviste)

    • SHUTTER ISLAND - INTERVISTA al regista MARTIN SCORSESE e all'attore LEONARDO DI CAPRIO (A cura dell'inviata SONIA CINCINELLI) (Interviste)

    • BURIED - SEPOLTO: INTERVISTA al regista RODRIGO CORTÉS (A cura dell'inviata SUSANNA D'ALIESIO) (Interviste)

    • FROZEN - INTERVISTA al regista ADAM GREEN (Interviste)

    • SONO IL NUMERO QUATTRO INTERVISTA all'attore ALEX PETTYFER (Interviste)

    • THE ARTIST - INTERVISTA al regista MICHEL HAZANAVICIUS (Parte 1) (Interviste)

    • JULIETA - INTERVISTA al regista PEDRO ALMODOVAR (A cura di ALFONSO RIVERA, 'Cineuropa') (Interviste)

    • IL RITORNO AL GRANDE SCHERMO DI DEMI MOORE A CAVALLO DI UN THRILLER DAL SAPORE HITCHCOCKIANO (Anteprime)

    • BURIED-SEPOLTO: PER ESORCIZZARE LE PROPRIE PAURE, PROPRIO COME FACEVA HITCHCOCK (Anteprime)

    • 67. Festival del Cinema di Cannes (14-25 Maggio 2014) - GRACE DI MONACO: NICOLE KIDMAN RITRAE LA LEGGENDARIA PRINCIPESSA DI MONACO GRACE KELLY, GIA' ANCHE MUSA DI ALFRED HITCHCOCK. Il film di OLIVIER DAHAN apre la 67. edizione del Festival del Cinema di Cannes e sarà al cinema dal 15 Maggio (Anteprime)

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Hitchcock - trailer

    Hitchcock - trailer (versione originale)

    Hitchcock - featurette 'Remembering Hitchcock' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Che fine ha fatto Bernadette?

    CHE FINE HA FATTO BERNADETTE?

    Aggiornamenti freschi di giornata! (11 Dicembre 2019) - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    RECENSIONE - Dal Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    RECENSIONE - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]