ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (13 Ottobre 2019) - 14. Festa del Cinema di .... [continua]

    Charlie's Angels

    CHARLIE'S ANGELS

    Aggiornamenti freschi di giornata! (13 Ottobre 2019) - Il film è scritto, diretto e .... [continua]

    Military Wives

    MILITARY WIVES

    New Entry - 14. Mostra del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    Gli anni più belli

    GLI ANNI PIU' BELLI

    New Entry - Dal 13 Febbraio 2020

    "Con la sua meravigliosa canzone inedita ....
    [continua]

    Black Bird

    BLACK BIRD

    New Entry - Da Dicembre

    "Ero a una cena con Christian Torpe, lo ....
    [continua]

    The Report

    THE REPORT

    New Entry - In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > L'amore che resta

    L'AMORE CHE RESTA: ANCORA PIANETA ADOLESCENZIALE PER GUS VAN SANT DOPO 'PARANOID PARK'. MA I TONI SI FANNO ANCORA PIU' DARK

    Dal 64. Festival del Cinema di CANNES - 'Certain Regard' - Dal 7 OTTOBRE - ENGLISH PREVIEW by JUSTIN CHANG ("www.variety.com")

    "Jason (Lew) non è uno scrittore che fa dei calcoli. Il lavoro teatrale è incredibilmente bello, ma il cinema e il teatro sono molto diversi. Quando l’ha adattato in una sceneggiatura è emersa una storia ancora più forte. Tutto quello che rendeva speciale la piece è rimasto e sono stati introdotti elementi che l’hanno resa perfetta per il grande schermo".
    La produttrice Bryce Dallas Howard

    E’ stata la storia d’amore ad attrarre il mio interesse. Una storia d’amore che è una relazione nata fuori dalla famiglia in un momento in cui è impossibile per i membri che ne fanno parte accettare il dolore per la perdita di uno di loro”.
    Il regista Gus Van Sant

    (Restless; USA 2011; drammatico; 95'; Produz.: Columbia Pictures/Imagine Entertainment/360 Pictures; Distribuz.: Sony Pictures Releasing Italia)

    Locandina italiana L'amore che resta

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: L'amore che resta

    Titolo in lingua originale: Restless

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2011

    Regia: Gus Van Sant

    Sceneggiatura: Jason Lew

    Soggetto: Dalla piéce teatrale di Jason Lew.

    Cast: Mia Wasikowska (Annabel)
    Henry Hopper (Enoch)
    Ryo Kase (Hiroshi)
    Schuyler Fisk (Elizabeth)
    Jane Adams (Mabel )
    Lusia Strus (Rachel )
    Chin Han (Dr. Lee )

    Musica: Danny Elfman

    Costumi: Danny Glicker

    Scenografia: Anne Ross

    Fotografia: Harris Savides

    Montaggio: Elliot Graham

    Casting: Francine Maisler

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Una finestra dark aperta sul raggiungimento dell'età adulta in cui due adolescenti, estranei tra loro fin quando circostanze particolari non consentono loro di conoscersi e dar vita ad un amore profondo e duraturo. Due adolescenti appassionati dall'amore ma pure attratti dalla morte...

    IN DETTAGLIO:

    Annabel Cotton (MIA WASIKOWSKA) è una bella e dolce malata terminale di cancro che ama intensamente la vita e il mondo della natura. Enoch Brae (HENRY HOPPER) è un ragazzo che si è isolato dal mondo da quando ha perso i genitori in un incidente. Quando i due si incontrano a una cerimonia funebre, scoprono di condividere molto nella loro personale esperienza del mondo. Per Enoch, comprende il suo miglior amico, Hiroshi, (RYŌ KASE) fantasma di un pilota kamikaze giapponese. Per Annabel, la sconfinata ammirazione per Charles Darwin e l’interesse per come vivono le altre creature. Quando Enoch scopre che ad Annabel resta poco da vivere, si offre di aiutarla ad affrontare gli ultimi giorni con irriverente abbandono, sfidando il destino, la tradizione e la morte stessa.
    L’amore che li lega diventa sempre più forte, come la realtà del mondo che hanno sentito incombere su di loro. Coraggiosi, infantili, e assolutamente unici – affrontano senza paure quello che la vita ha in serbo per loro. Combattendo il dolore, la rabbia e la perdita con la giovinezza, l’allegria e l’originalità, questi due emarginati rovesciano il tavolo e giocano con le loro regole, ma il loro percorso inizia a scontrarsi con l’inesorabile scorrere del tempo, il ciclo naturale della vita sta per portarsi via Annabel...

    Restless (L'amore che resta) racconta la storia complicata e commovente di Annabel e Enoch, che finiscono con l’accettarsi così come sono. Dai rapporti che hanno con gli amici, la famiglia e tra loro imparano la lezione più grande di tutte – che ogni fine determina una rinascita e che l’amore è immortale.

    SHORT SYNOPSIS:

    The story of a terminally ill teenage girl who falls for a boy who likes to attend funerals and their encounters with the ghost of a Japanese kamikaze pilot from WWII.

    Commento critico (a cura di JUSTIN CHANG (www.variety.com))

    At once delicate and clumsy, tender and twee, "Restless" wraps the pain of grief and impending mortality in the balm of a teenage love story. Working in a more accessible, less poetic vein than that of "Paranoid Park," his most recent excursion into the emotional lives of troubled adolescents, director Gus Van Sant draws enough low-key sweetness and charm from his young actors to offset some of the more self-consciously cutesy aspects of this quietly death-obsessed scenario. Teens and younger arthouse auds rep Sony Classics' obvious target, though commercial returns ultimately look to be as modest as the picture itself.

    On paper, the central figures in Jason Lew's screenplay are so eccentrically conceived as to suggest refugees from a Sundance Lab explosion, or perhaps the protagonists of a more conventionally romantic "Harold and Maude." Enoch (Henry Hopper) is a youth who compulsively attends the funerals of people he doesn't know; it's

    at one of these that he meets and befriends Annabel (Mia Wasikowska), who tells him she works with cancer patients, but turns out to be gravely ill herself.

    Soon, Enoch brings Annabel to the graves of his parents, who died a few years ago in a car crash, leaving him in the care of his kind, long-suffering aunt Mabel (Jane Adams). He also introduces her to his imaginary friend, Hiroshi (Ryo Kase), who proves to be one surprisingly friendly ghost, considering his past life as a kamikaze pilot. Already haunted by the untimely deaths of the two people closest to him and about to be stricken by another, Enoch encourages Annabel to adopt a fun, irreverent attitude toward her own encroaching demise, something this free-spirited, independent-minded young woman takes to with little persuasion.

    And so, as these smart, sensitive kids act out faux death scenes, mock the usual sympathetic platitudes

    and, in the film's most amusing scene, debate the advisability of "Romeo and Juliet"-style seppuku, "Restless" becomes a story of young love blossoming astride an abyss. That it works at all is no small credit to the natural warmth and vivacity that emanate from Wasikowska even at her most restrained. Looking pallid and composed, her hair cut Jean Seberg-short (incidentally making her a dead ringer, sorry, for Romanian actress Anamaria Marinca), Annabel describes herself as a "naturalist," and her fascination with wildlife and her idolatry of Charles Darwin underscore the film's ostensibly unsentimental view of life and death. Notwithstanding the kamikaze pilot, by far the film's most problematic and insistently quirky element, the possibility of a Great Beyond is never broached even once.

    Which is not to imply that "Restless" is made of particularly strong stuff. Indeed, the actors' genially engaging rapport can only do so much to disguise the

    fact that the film is a consummate grief-coping fantasy, and Wasikowska's Annabel, however vivid and moving a presence, is ultimately a therapeutic construct for the benefit of the film's young hero (played likably enough by newcomer Hopper). She's there to help him accept and move on, and thus serves to steer the film toward the maudlin agenda that Enoch and Annabel earlier would have flouted.

    Under the circumstances, Van Sant's generally subdued formal approach represents a significant boon. Few current directors are able to shuttle as deftly between mainstream storytelling conventions and the more rarefied demands of art cinema, and he locates a relatively happy medium here, astutely resisting the temptation to underline his characters' idiosyncrasies in too arch or aggressive a manner. What might have been insufferably precious now feels, if not entirely fresh or persuasive, at least gently amusing and at times genuinely affecting. How it will play

    to those who have experienced the death of a loved one, particularly from terminal cancer, will certainly vary; as many are as likely to be left cold as deeply moved by the steady accretion of tears in the closing passages.

    Ace d.p. Harris Savides deploys a slightly washed-out yet burnished palette, making the 35mm images look as if they've been coated in pale honey; as befits its modest ambitions, the film has neither the polish of Van Sant's studio efforts nor the visual boldness of his more minimalist outings, though the well-chosen rural Oregon locations have a loveliness all their own. Score by Danny Elfman and soundtrack tunes are somewhat overindulged, though they're designed less to crank up emotion than to draw the viewer into the characters' state of mind; the diversity of the soundtrack, which includes the Beatles, Pink Martini, Nico and Sufjan Stevens, conveys a sense of timelessness

    borne out by the refreshing absence of cell phones and social-media technology.

    (Pic is dedicated to the memory of the lead thesp's father, Dennis Hopper).

    Perle di sceneggiatura

    Hiroshi il Fantasma (Ryo Kase): "Abbiamo così poco tempo per dire tutto quello che vorremmo. Abbiamo così poco tempo per tutto".

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di L'AMORE CHE RESTA

    Links:

    • Gus Van Sant (Regista)

    • Mia Wasikowska

    1

    Galleria Video:

    L'amore che resta - trailer

    L'amore che resta - trailer HD

    L'amore che resta - trailer (versione originale) - Restless

    L'amore che resta - trailer HD (versione originale) - Restless

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Le verità

    LE VERITA'

    Già Film d' Apertura alla 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - .... [continua]

    Gemini Man

    GEMINI MAN

    Dramma d'azione Sci-Fi diretto da Ang Lee (I Segreti di Brokeback Moutain, Vita di Pi), .... [continua]

    Non succede, ma se succede...

    NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE...

    Charlize Theron e Seth Rogen per la prima volta insieme nella commedia di Jonathan Levine .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dopo Django .... [continua]

    Yesterday

    YESTERDAY

    Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 Settembre .... [continua]

    Rambo: Last Blood

    RAMBO: LAST BLOOD

    Trentasette anni dopo il primo film, arriva il quinto capitolo del franchise cult con cui .... [continua]