ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Il 19 Ottobre in anteprima alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    The Aeronauts

    THE AERONAUTS

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Pavarotti

    PAVAROTTI

    New Entry - Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Scary Stories to Tell in the Dark

    SCARY STORIES TO TELL IN THE DARK

    Il 18 Ottobre alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    Military Wives

    MILITARY WIVES

    Il 18 Ottobre alla 14. Mostra del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    FILM di APERTURA alla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, .... [continua]

    Bombshell

    BOMBSHELL

    New Entry - Con Charlize Theron, Nicole Kidman, Margot Robbie e John Lithgow, il .... [continua]

    The Report

    THE REPORT

    In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - Dal .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Posti in piedi in Paradiso

    POSTI IN PIEDI IN PARADISO: CARLO VERDONE SI AFFIDA NUOVAMENTE ALLA COMMEDIA PER AFFRONTARE ARGOMENTAZIONI SERIE. QUESTA VOLTA E' IL CASO DEI MARITI SEPARATI

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle - RECENSIONE - NASTRI D'ARGENTO 2012: 'MIGLIOR COMMEDIA' (alla regia di CARLO VERDONE); 'MIGLIOR ATTRICE' (MICAELA RAMAZZOTTI); 'MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA' (MARCO GIALLINI)

    ''Credo che sia uno dei copioni piu' belli che abbia mai scritto. Il film ha una parte seria e una ironica ed e' ambientato a Roma con una parte finale a Parigi... Volevo fare un film divertente su un tema serio, guardando a maestri come Mario Monicelli che ci insegnano come l'ironia si riveli più efficace per dipingere realtà drammatiche... Per questo film non ho voluto far pendere l’ago della bilancia solo dalla parte maschile, dipingendo le donne come carnefici o soffermandomi troppo sulle sentenze, anche se ho notato che spesso i giudici sono molto molto severi nei confronti degli uomini... Il dolore più grosso per questi padri separati resta quello di non poter vedere i propri figli, ma c’è anche un problema economico non indifferente perché si è venuta a creare una nuova categoria di poveri. C’è poco da fare. Ovviamente questo problema sociale non è limitato al nostro paese''.
    Il regista, co-sceneggiatore e attore Carlo Verdone

    (Posti in piedi in Paradiso; ITALIA 2011; commedia; 119'; Produz.: Filmauro; Distribuz.: Filmauro)

    Locandina italiana Posti in piedi in Paradiso

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Posti in piedi in Paradiso

    Titolo in lingua originale: Posti in piedi in Paradiso

    Anno di produzione: 2011

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Carlo Verdone

    Sceneggiatura: Carlo Verdone, Pasquale Plastino e Maruska Albertazzi

    Cast: Carlo Verdone (Ulisse Diamanti)
    Micaela Ramazzotti (Gloria)
    Pierfrancesco Favino (Fulvio Brignola)
    Marco Giallini (Domenico Segato)
    Diane Fleri (Claire)
    Nicoletta Romanoff (Lorenza)
    Nadir Caselli (Gaia)
    Valentina D'Agostino (Marisa)
    Maria Luisa De Crescenzo (Agnese)
    Giulia Greco (Marika Segato)
    Gabriella Germani (Luisella)
    Roberta Mengozzi (Gilda)

    Musica: Gaetano Curreri e Fabio Liberatori

    Costumi: Tatiana Romanoff

    Scenografia: Luigi Marchione

    Fotografia: Danilo Desideri

    Montaggio: Antonio Siciliano

    Makeup: Alfredo Marazzi

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Posti in piedi in Paradiso racconta della vita di 3 uomini (Carlo Verdone, Pierfrancesco Favino e Marco Giallini) che sono accomunati dal fatto di essere stati appena lasciati e decidono di condividere casa. Pierfrancesco Favino è un critico di cinema una volta molto promettente, Carlo Verdone un produttore discografico che ha vissuto tempi migliori. Difficoltà economiche li spingeranno ad una convivenza forzata. Da questa loro convivenza scaturiranno numerose situazioni tragicomiche in cui sarà coinvolta, suo malgrado, anche un’eccentrica cardiologa…

    IN DETTAGLIO:

    Ulisse (CARLO VERDONE), Fulvio (PIERFRANCESCO FAVINO) e Domenico (MARCO GIALLINI) sono tre padri separati costretti a versare quasi tutto quello che guadagnano in alimenti e spese di mantenimento per ex mogli e figli. Un tempo stimati professionisti, tutti e tre vivono ora in grandi difficoltà economiche e si ritrovano a sbarcare il lunario come possono. Ulisse, un ex discografico di successo, vive nel retro del suo negozio di vinili e arrotonda le scarse entrate vendendo “memorabilia” su e-bay. Ha una figlia, Agnese (MARIA LUISA DE CRESCENZO), che vive a Parigi con la madre Claire (DIANE FLERI), un’ex cantante. Fulvio, ex critico cinematografico, scrive di gossip e vive presso un convitto di religiose. Anche lui ha una bambina, di tre anni, che non vede quasi mai a causa del pessimo rapporto con l’ex moglie Lorenza (NICOLETTA ROMANOFF). Domenico, in passato ricco imprenditore, è oggi un agente immobiliare che dorme sulla barca di un amico e, per mantenere ben due famiglie, fa il gigolo con le signore di una certa età. Ha un rapporto conflittuale con i due figli più grandi ed è perennemente in ritardo con gli alimenti da versare alla sua ex moglie e all’ex amante Marisa (VALENTINA D’AGOSTINO), da cui ha avuto un’altra figlia. Dopo un incontro casuale, durante la ricerca di una casa in affitto, Domenico realizza di avere incontrato due poveracci come lui e propone ad Ulisse e Fulvio di andare a vivere insieme per dividere le spese di un appartamento. Inizia così la loro convivenza e la loro amicizia. Una sera, dopo uno dei suoi “tour de force” amatori, Domenico si sente male. Preoccupati, Ulisse e Fulvio chiamano il pronto intervento. Arriva Gloria (MICAELA RAMAZZOTTI), una cardiologa che, mollata su due piedi poco prima dal fidanzato, si presenta ai tre in uno stato pietoso. Tra lei ed Ulisse nasce fin da subito una particolare sintonia. Insomma un incontro perfetto tra due disastri nelle relazioni sentimentali. Anche Fulvio ha un incontro folgorante, con Gaia (NADIR CASELLI), una starlette tanto bella ed attraente quanto superficiale ed arrivista. Purtroppo la situazione economica dei tre amici peggiora sempre di più! Dopo una serie di avventure tragicomiche, per i tre uomini giunge il momento di fare i conti con le proprie responsabilità. In loro aiuto arriveranno i figli. Nonostante il trauma della lontananza dai rispettivi padri e un rapporto spesso tormentato, saranno loro la chiave di volta che consentirà a Ulisse, Fulvio e Domenico di riprendere in mano la propria vita e di intravedere finalmente uno spiraglio di "Paradiso"...

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    C'E' CRISI, C'E' CRISI, C'E' CRISI... LA' DOVE QUELLA ECONOMICA DIVENTA CONSEQUENZIALE A QUELLA DI COPPIA, FAMILIARE E UMANA... CE LA RACCONTA, ALLA SUA MANIERA, SEMPRE LEGGERA MA CON QUALCHE AFFONDO IN PIU' NEL FERTILE TERRENO DELLA RIFLESSIONE, CARLO VERDONE, QUI IN 'POSTI IN PIEDI IN PARADISO' UNA SORTA DI GRILLO PARLANTE CHE NON SA E NON VUOLE RINUNCIARE AL RISCATTO UMANO, PER QUANTO PIU' IDEALISTA E VELATO DALLA SPERANZA CHE DALLA CONCRETEZZA DELLA REALTA'. UN RISCATTO CHE VERDONE APRE CON LA STESSA CHIAVE (I FIGLI) USATA DA CLOONEY PER IL SUO 'PARADISO AMARO' MA, AVENDO PRESO STRADE DIVERSE PER ARRIVARE A QUEL RISCATTO, LO SPIRAGLIO VERDONIANO HA TUTTA L'ARIA DI UN MIRAGGIO. DIVERTENTE E BEN COSTRUITO, D'ALTRA PARTE, SCORRE VELOCE IL PERCORSO CHE PREPARA ALL'APPRODO DEL RISCATTO CON L'OTTIMO TRIO VERDONE-FAVINO-GIALLINI ED IL RADIOSO SOSTEGNO DI MICAELA RAMAZZOTTI, 'SVAMPITA-ASSENNATA'

    Sembra quasi che George Clooney (Paradiso amaro) e Carlo

    Verdone (Posti in piedi in Paradiso) siano approdati per telepatia sulla stessa isola poco felice, attraverso le rispettive - ovviamente differenti eppure in qualche modo simili - tragedie personali dei loro personaggi, per approdare, dopo un percorso variamente accidentato, ad aprire ognuno la porta del proprio riscatto personale, incarnato dai figli. Le nuove generazioni che 'salvano' o, per meglio dire 'recuperano', i propri genitori 'smarriti' per strada. Bellissima e poetica chiave di svolta che vede d'altra parte Clooney in vantaggio su Verdone sul piano della concretizzazione reale. Ma il nostro Carlo nazionale, com'è sua consuetudine, anche questa volta si è accordato con la sua irrinunciabile primadonna, protagonista assoluta per la maggior parte del suo film: la commedia all'italiana, non del tutto privata di affondi riflessivi nella cifra inaugurata con Io, loro e Lara, indice della maturità artistica verdoniana più consolidata, là dove il 'caratterismo' sopravvive tra le righe di un

    languore dolce amaro che ha fatto la storia del grande cinema comico con il 'fil rouge' che a partire da Charlie Chaplin è arrivato fino ad Alberto Sordi. E proprio come l'artista all'opera su un ciclo di affreschi di ampia portata, il 'sondaggio' verdoniano sull'amore e le sue trappole, con tutti i pregi ed effetti collaterali sull'onda di colorite girandole di errori umani, approda ora, con Posti in piedi in Paradiso, sul patetico pianeta di un trio di individui di sesso maschile auto declassati dalle stelle alle stalle, ognuno dalle stesse rispettive 'intemperanze', diciamo così, del proprio ego, e fondamentalmente dall'incapacità di crescere responsabilmente, malgrado l'età avanzata, magari rinunciando a qualcosa di effimero travestito da sostanziale.

    Così Carlo Verdone si appresta ad avviare l'opera con le presentazioni d'obbligo seguendo una pista lineare, priva di dissestamenti rilevanti, collocata al centro di un reticolo a maglia larga da cui occhieggiano flashback alternati,

    istruttivi sull'identità dei personaggi prima della caduta libera dai rispettivi podi vincenti, prima di proseguire sul montaggio alternato di situazioni e circostanze dei nostri, comicamente colorite da gag che vanno puntualmente ad alleggerire il dramedy di fatto. Come resistere alla narcisistica tentazione di partire da se stesso? Con l'ex discografico Ulisse, ridotto a vivere nel retro bottega del suo negozio di vinili vintage, Verdone si riserva difatti un'entrata in scena scoppiettante che chiama subito la risata. Si passa poi all'ex critico cinematografico Fulvio (Pierfrancesco Favino) scalato di marcia sul gossip con rigurgiti di orgoglio ferito, alloggiato presso un convitto di religiose e infine all'ex ricco imprenditore Domenico (Marco Giallini) - il 'Segato' di cognome non è tutt'altro che casuale - spudorato agente immobiliare, gigolò con il vizio del gioco nel tentativo di rimpolpare le dissanguate finanze, 'rifugiato' sulla barca di un amico. Un trio di personaggi tanto opposti e antitetici

    - quanto ottimamente consolidati in un irresistibile e ben oleato team i loro interpreti - destinato da un'imprevista 'convivenza' condizionata dalla bancarotta a far di necessità virtù per sbarcare il lunario. Ed ecco che il cocktail delle 'miserabilia' umane verdoniano è quasi al completo. Tre padri separati e ormai sfigati anche sul piano professionale, con troppi conti da pagare tra alimenti e spese di mantenimento per ex mogli e figli, eppure non ancora pronti a recitare il 'mea culpa'. All'orizzonte un manipolo di donne agguerrite a reclamare puntualmente le mensilità loro dovute, a parte una, in emblematica rappresentanza delle 'sfigate' in rosa: una cardiologa un tantino svampita che risponde al nome di Gloria, di cui veste i panni una radiosa Micaela Ramazzotti.

    Ed è così che tra autocommiserazioni, esilaranti e talora surreali situazioni e numeri vari, si attraversa il climax, indice della toccata e fuga sul fondo del barile dei

    nostri disastrati - climax che sembra peraltro strizzare l'occhio al Point Break-Punto di rottura di Kathryn Bigelow pattinando sulla parodia - con l'improbabile 'proposta indecente' di una rapina di marca 'robinhoodiana', dove i nostri, indossando bruttissime maschere, non caveranno un ragno da un buco. I necessari e gustosi preamboli che portano dritti al nocciolo della questione con velleità di risoluzione. E la risoluzione arriva, un pò all'acqua di rose però, plausibile solo a metà e con un potenziale che potrebbe essere materia per un altro film, giacché il seme viene gettato ma le possibilità di fruttificare - soprattutto a questi lumi di luna - si preannunciano scarne. E' vero che questi padri e uomini disastrati alla fine sembreranno finalmente cresciuti e responsabilizzati sull'onda di una sorta di catarsi filiale - almeno riusciranno a distinguere l'effimero dal sostanziale - ma domina l'irrisolto. Se dal canto loro le nuove generazioni non avranno

    la possibilità di costruirsi un futuro di fattibile e dignitosa conduzione autonoma (il laureato con lode riuscirà a trovare qualcosa di diverso dal lavoretto-tampone in libreria o si deve credere che troverà sussistenza con la vincita del padre? E la disastrata figlia cleptomane?) il 'mano nella mano' non potrà valere come seria via d'uscita. Perciò sembra più la speranza di marca romantico-buonista a sostenere questo finale che il pragmatismo di una realtà di fatto ben più amara. Eh si perché anche la preoccupazione del padre Ulisse (Verdone) di come la figlia diciassettenne incinta potrà cavarsela con il partner coetaneo (e con il padre di lui cassaintegrato) rimane, tutt'altro che intenzionata a dissolversi sul romantico sguardo verso l'ammaliante panorama parigino. Ulisse si mostra speranzoso ma a noi non resta che condividere la sua concreta, iniziale preoccupazione!

    Commenti del regista

    "Abbiamo cercato di circoscrivere le parti comiche alla convivenza, in questo scontro tra tre sconosciuti. Uscendo dalla casa entrano in gioco i rapporti con mogli, figli, avvocati, e la comicità si stempera per abbracciare la realtà. Questo equilibrio tra risate e riflessione era comunque già presente nella scrittura. E anche per il finale, non ho cercato un paravento. È un finale molto sincero in cui si delega alle nuove generazioni l’andamento del futuro, in qualche modo. Anche loro sono in difficoltà ma incredibilmente più maturi e 'forti' dei loro genitori... Nel film il mio personaggio suggerisce immediatamente l’aborto alla figlia rimasta incinta ma lei replica in modo 'moderno' che lo vuole tenere. Non è un presa di posizione pro o contro, l’aborto: mi piaceva mostrare una ragazza giovane ma intelligente, con questo tipo di idea. La stessa saggezza femminile si ritrova nel personaggio interpretato da Micaela Ramazzotti, poco credibile come cardiologa ma decisiva nel consigliarmi al momento giusto".

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di POSTI IN PIEDI IN PARADISO

    Links:

    • Carlo Verdone (Regista)

    • Marco Giallini

    • Pierfrancesco Favino

    • Carlo Verdone

    • Micaela Ramazzotti

    • Diane Fleri

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Posti in piedi in Paradiso - trailer

    Posti in piedi in Paradiso - trailer HD

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla Festa del Cinema di Roma .... [continua]

    Il mio profilo migliore

    IL MIO PROFILO MIGLIORE

    Dalla Berlinale 2019 - Juliette Binoche si sente libera di sondare un personaggio sofisticato e .... [continua]

    The Informer - Tre secondi per sopravvivere

    THE INFORMER - TRE SECONDI PER SOPRAVVIVERE

    Dal 17 Ottobre .... [continua]

    Joker

    JOKER

    VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Jesus Rolls - Quintana è tornato

    JESUS ROLLS - QUINTANA E' TORNATO

    In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - Ecco .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Ancora al cinema - Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Ancora al cinemaDa -Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - .... [continua]