ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Duke

    THE DUKE

    New Entry - 2020 .... [continua]

    AnneFrank - Vite parallele

    #ANNEFRANK - VITE PARALLELE

    Helen Mirren ripercorre, attraverso le pagine del diario, la vita di Anne Frank, con l'aiuto .... [continua]

    Zombieland-Doppio colpo

    ZOMBIELAND-DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Aggiornamenti freschi di giornata! (13 Novembre 2019) - Dal 14 Novembre .... [continua]

    A Special Relationship

    A SPECIAL RELATIONSHIP

    New Entry - Rachel Weisz indossa i panni di Elizabeth Taylor in un biopic .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. James Cameron torna in veste .... [continua]

    Il segreto della miniera

    IL SEGRETO DELLA MINIERA

    Dal 31 Ottobre

    "Il segreto della miniera è un’opera bella e preziosa che, attraverso ....
    [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Alice nella Città - Dal .... [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Lo Hobbit: un viaggio inaspettato

    LO HOBBIT: UN VIAGGIO INASPETTATO: UNO SGUARDO SESSANTA ANNI INDIETRO RISPETTO A 'IL SIGNORE DEGLI ANELLI'

    RECENSIONE ITALIANA IN ANTEPRIMA e PREVIEW in ENGLISH by PETER DEBRUGE (www.variety.com) - Dal 13 DICEMBRE

    "In una caverna sotto terra viveva uno hobbit. Non era una caverna brutta, sporca, umida, pieni di resti di vermi e di trasudo fetido, e neanche una caverna arida, spoglia, sabbiosa, con dentro niente per sedersi o da mangiare: era una caverna hobbit, cioè comodissima...".
    Lo scrittore J.R.R. Tolkien (ne Lo hobbit)

    "Quando girammo ‘Il Signore degli Anelli’ ero sicuro che sarebbe stata un’esperienza irripetibile. È stato un periodo indimenticabile e importante, ma alla fine nessuno di noi pensava che saremmo tornati nella Terra di Mezzo. Eppure la realizzazione della trilogia ‘Lo hobbit’ non è stata da meno. Così ora posso dire di aver avuto un’esperienza irripetibile per ben due volte".
    Il regista, co-sceneggiatore e produttore Peter Jackson

    (The Hobbit: An Unexpected Journey; USA/NUOVA ZELANDA 2012; Avventura Fantasy; 169'; Produz.: Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)/New Line Cinema/3Foot7/WingNut Films; Distribuz.: Warner Bros Pictures Italia)

    Locandina italiana Lo Hobbit: un viaggio inaspettato

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    SEE SHORT SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: Lo Hobbit: un viaggio inaspettato

    Titolo in lingua originale: The Hobbit: An Unexpected Journey

    Anno di produzione: 2012

    Anno di uscita: 2012

    Regia: Peter Jackson

    Sceneggiatura: Peter Jackson, Philippa Boyens, Guillermo del Toro e Fran Walsh

    Soggetto: Dal romanzo The Hobbit di J.R.R. Tolkien.

    Cast: Elijah Wood (Frodo Baggins)
    Martin Freeman (Bilbo Baggins)
    Cate Blanchett (Galadriel)
    Christopher Lee (Saruman)
    Ian Mckellen (Gandalf)
    Ian Holm (Bilbo vecchio)
    Andy Serkis (Gollum)
    Lee Pace (Re Thranduil)
    Richard Armitage (Thorin Oakenshield)
    Billy Connolly (Dain Ironfoot)
    Aidan Turner (Kili)
    Mikael Persbrandt (Beorn)
    James Nesbitt (Bofur)
    William Kircher (Bifur/Tom Troll)
    Graham McTavish (Dwalin)
    Cast completo

    Musica: Howard Shore

    Costumi: Bob Buck, Ann Maskrey e Richard Taylor

    Scenografia: Dan Hennah

    Fotografia: Andrew Lesnie

    Montaggio: Jabez Olssen

    Effetti Speciali: Steve Ingram (supervisore)

    Makeup: Michele Barber, Ricci-Lee Berry, Anna de Witt, Nancy Hennah, Flora Moody e Claire Rutledge

    Casting: Victoria Burrows, Amy e John Hubbard, Liz Mullane e Miranda Rivers

    Scheda film aggiornata al: 15 Gennaio 2013

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Bilbo Baggins, zio di Frodo Baggins, vive una vita tranquilla e pacifica nella Contea, almeno fino a quando Gandalf il Grigio non bussa alla sua porta per proporgli un'avventura che gli cambierà la vita...

    IN DETTAGLIO:

    La storia racconta il viaggio del protagonista Bilbo Baggins, coinvolto in un’epica ricerca per reclamare il Regno Nanico di Erebor governato dal terribile drago Smaug. Avvicinato dal mago Gandalf il Grigio, Bilbo si ritrova al seguito di tredici nani capeggiati dal leggendario guerriero Thorin Oakenshield. Il viaggio li conduce per terre piene di pericoli e avventure, abitate da Goblin e Orchi, implacabili Warg e Ragni Giganti, esseri mutanti e stregoni.
    La loro meta principale è raggiungere l’Est e le aride Montagne Nebbiose, ma prima dovranno sottrarsi ai tunnel dei Goblin, dove Bilbo incontra una creatura che gli cambierà la vita per sempre… Gollum.
    Qui, da solo con Gollum, sulle rive del lago seminterrato, l’ignaro Bilbo Baggins non solo si scoprirà così astuto e coraggioso al punto da sorprendere persino se stesso, ma riuscirà a impossessarsi del “prezioso” anello di Gollum che possiede qualità inaspettate ed utili… un semplice anello d’oro, legato alle sorti della Terra di Mezzo in modo così stretto che Bilbo non può neanche immaginare.

    SHORT SYNOPSIS:

    Bilbo Baggins, a Hobbit, journeys to the Lonely Mountain accompanied by a group of dwarves to reclaim a treasure taken from them by the dragon Smaug.

    Commento critico (a cura di FRANCESCA CARUSO)

    L’attesa trasposizione cinematografica de Lo Hobbit di J. R. R. Tolkien esce oggi nelle sale italiane. A realizzarla è stato Peter Jackson che, dopo lo straordinario esito della trilogia de Il Signore degli Anelli, si è rimesso a lavoro per raccontare come tutto ha avuto inizio.
    Bilbo Baggins è il protagonista di un viaggio avventuroso e inaspettato, che lo conduce verso la liberazione del Regno dei nani di Erebor dal malvagio drago Smaug. Bilbo, un gruppo di tredici nani e il mago Gandalf il Grigio dovranno affrontare i temibili goblin e gli orchi. Inoltre lo hobbit incontrerà Gollum, entrando in possesso del suo tesoro. La meta da raggiungere è, però, lontana e piena di insidie.

    La sceneggiatura è stata scritta da Fran Walsh, Philippa Boyens, Guillermo del Toro e dallo stesso Peter Jackson, che è anche produttore del film. Per la realizzazione de Lo Hobbit il regista si è avvalso dei suoi

    collaboratori di sempre: dal direttore della fotografia Andrew Lesnie al compositore Howard Shore, dallo scenografo Dan Hannah ad Andy Serkis, il quale oltre a interpretare Gollum, è il regista di seconda unità di Jackson. Le riprese sono state effettuate presso gli studi di Wellington, a Miramare, e gli esterni in Nuova Zelanda. Come Il Signore degli Anelli questo film è anch’esso diviso in tre capitoli, girati contemporaneamente.

    Dalla loro pubblicazione i libri di J.R.R. Tolkien non sono mai andati fuori commercio, il mondo e i personaggi da lui creati sono senza tempo e riescono a catturare l’immaginazione di chiunque e a qualsiasi età. L’idea de Lo Hobbit nasce da una favola che Tolkien si è inventato per i suoi figli. In quello che è poi diventato un romanzo, l’autore abbozza già le grandi tematiche di cui parlerà ne Il Signore degli Anelli, esprimendo anche il suo amore per la Natura e

    il fascino per l’avventura.

    Nel protagonista saranno in molti a identificarsi: Bilbo è una persona qualunque, comune, che ama fare una vita semplice all’interno del suo villaggio, dal quale non si è mai allontanato. Gli viene data l’occasione di scoprire il mondo oltre il suo giardino e di vivere un’avventura che lo cambierà per sempre. Il giovane hobbit è una persona ordinaria che vivrà momenti straordinari e sarà ciò che nessuno dei suoi compagni crede possa essere: un eroe, mostrando un coraggio che pensava di non possedere.

    Per la seconda volta Jackson ha raccolto la sfida di trasportare sul grande schermo lo splendido universo descritto da Tolkien su carta. Questo primo capitolo - forse risentendo delle eccessive aspettative in esso riposte - non coglie e non esprime quella magia e quell’atmosfera ricercata. Dopo una prima presentazione dei personaggi, il regista ha dato ampio spazio alle battaglie: tra i nani e gli orchi,

    poi tra i nani e i goblin, e ancora uno scontro con gli orchi. La parte più interessante e più coinvolgente è l’incontro tra Bilbo e Gollum, ricco di tensione e rivelazioni, che da sola vale tutto il film. Molto bella la battaglia finale e l’epilogo, che proietta lo spettatore verso una nuova e più grande impresa.

    Lo Hobbit rimane un film da vedere per l’avventura, per le battaglie e per curiosità: se si è vista la trilogia de Il Signore degli Anelli non si resisterà al desiderio di sapere cosa è successo sessant’anni prima.

    Secondo commento critico (a cura di PETER DEBRUGE, www.variety.com)

    Gandalf Ian McKellen Bilbo Martin Freeman Thorin Richard Armitage Balin Ken Stott Dwalin Graham McTavish Bifur William Kircher Bofur James Nesbitt Bombur Stephen Hunter Fili Dean O'Gorman Kili Aidan Turner Oin John Callen Gloin Peter Hambleton Nori Jed Brophy Dori Mark Hadlow Ori Adam Brown Old Bilbo Ian Holm Frodo Elijah Wood Elrond Hugo Weaving Galadriel Cate Blanchett Saruman Christopher Lee Gollum Andy Serkis Radagast Sylvester McCoy Great Goblin Barry Humphries Thror Jeffrey Thomas Thrain Mike Mizrahi Tom Troll William Kircher Bert Troll Mark Hadlow William Troll Peter Hambleton Necromancer Benedict Cumberbatch

    Fulfilling just a fraction of J.R.R. Tolkien's "There and Back Again" subtitle, "The Hobbit" alternately rewards and abuses auds' appetite for all things Middle-earth. While Peter Jackson's prequel to "The Lord of the Rings" delivers more of what made his earlier trilogy so compelling -- colorful characters on an epic quest amid stunning New Zealand scenery -- it doesn't

    offer nearly enough novelty to justify the three-film, nine-hour treatment, at least on the basis of this overlong first installment, dubbed "An Unexpected Journey." The primary advance here is technical, as Jackson shoots in high-frame-rate 3D, an innovation that improves motion at the expense of visual elegance.

    Though international B.O. success seems all but assured for a franchise that has already commanded nearly $3 billion in worldwide grosses, splitting the source material into multiple pics here mimics a frustrating trend among lucrative fantasy adaptations, from the two final "Harry Potter" films to the bifurcated "Twilight Saga" finale, stringing fans along with incomplete narratives. Whereas "The Lord of the Rings" naturally divided into the three books, "The Hobbit" contains scarcely enough story to support a single feature, as those who recall Rankin/Bass' 1977 animated made-for-TV version know all too well.

    Tolkien's delightful yet easier-going novel, written with young readers in mind, recounts

    the relatively simple tale of how Bilbo Baggins ("The Office's" Martin Freeman, affable as ever) traveled with dwarves to face the dragon Smaug and, in so doing, came to acquire the fabled ring.

    A mythologically dense, CG-heavy prologue details how Smaug raided the dwarf stronghold of Erebor, taking possession of the Arkenstone, a glowing gem of ambiguous power. Conjured by Jackson and returning co-writers Fran Walsh and Philippa Boyens (credited along with Guillermo del Toro, who at one point planned to direct) for the sake of spectacle, this unnecessary pre-title sequence recalls setpieces from the second and third "Lord of the Rings" movies, as if to assure fans they can expect more of the same -- and sure enough, "The Hobbit" offers familiar run-ins with orcs, trolls, goblins and even Gollum before interrupting the adventure halfway to its destination, the Lonely Mountain, to make room for the next installment.

    But

    Bilbo's "unexpected journey" is awfully slow to start. The film first locates him in Bag End, the cozy home in the Shire where the eleventy-one-year-old halfling hero (played briefly by Ian Holm and accompanied by Elijah Wood's Frodo) narrates the adventure that first brought Hobbits into the affairs of Middle-earth's more bellicose species. That tale begins six decades earlier, when the wizard Gandalf (Ian McKellen) appears with a challenge for the younger Bilbo (Freeman), leaving a magic sign that brings a swarm of dwarves to the reluctant hero's door.

    With names like Balin and Dwalin (Ken Stott and Graham McTavish), Oin and Gloin (John Callen and Peter Hambleton) and Fili and Kili (Dean O'Gorman and Aidan Turner), the 13 dwarves are virtually indistinguishable apart from their facial hair -- though one needn't be Galadriel (Cate Blanchett's future-seeing Elf queen) to recognize O'Gorman as a Kiwi heartthrob in the offing. In

    the absence of clearly defined characteristics, the unwieldy lot make Snow White's companions seem downright three-dimensional.

    Speaking of 3D, the technique adds a level of dynamism to Andrew Lesnie's swooping camerawork, which once again cuts from the closest of closeups to the widest of wide shots, in addition to plunging down and around elaborate enemy encampments, such as the underground Goblin-town, where spindly rope bridges teeter over gaping chasms. But 3D also complicates the forced-perspective tricks Jackson used in the earlier films, making for odd, eye-boggling moments, especially in the crowded Bag End scene, where Gandalf somewhat unconvincingly towers among characters half his size.

    More disconcerting is the introduction of the film's 48-frames-per-second digital cinematography, which solves the inherent stuttering effect of celluloid that occurs whenever a camera pans or horizontal movement crosses the frame -- but at too great a cost. Consequently, everything takes on an overblown, artificial quality

    in which the phoniness of the sets and costumes becomes obvious, while well-lit areas bleed into their surroundings, like watching a high-end homemovie. (A standard 24fps projection seems to correct this effect in the alternate version of the film being offered to some theaters, but sacrifices the smoother motion seen in action scenes and flyover landscape shots.)

    After Bilbo finally accepts his calling 40 minutes into the picture, such technical distractions virtually disappear as Jackson draws auds into his familiar world, particularly the troll-infested forest of Mirkwood and the film's darker, more expressionistic realms. Recognizing the limitations of their source material, Jackson and his co-writers pilfer freely from Tolkien's other writings, including appendices to "Lord of the Rings" that reveal such details as where Gandalf goes during his long disappearances.

    With few exceptions, these insights bog down a tale already overtaxed by a surfeit of characters. The film introduces Radagast

    (Sylvester McCoy), a comical brown wizard with an ordure-streaked beard, and an unsatisfying subplot involving a Necromancer that's clearly an early form of Sauron, out of place in this story. It also makes room for cumbersome reunions -- or "preunions," perhaps -- with Galadriel, Elrond (Hugo Weaving) and Saruman (Christopher Lee) in the elf city of Rivendell, hinting at the greater roles they will play in "The Lord of the Rings."

    The pic stands on firmer footing when inventing all-new elements to suit the screen, such as a perilous cliffside passage complicated by the fact the mountains themselves appear to be doing battle, like giant stone Transformers. A fresh subplot pitting dwarf captain Thorin (Richard Armitage, nobly trying to match Viggo Mortensen's smolder) against a battle-scarred and vengeance-bent orc helps disguise the fact that this particular road trip has no immediate villain.

    Still, Jackson and his team seem compelled to

    flesh out the world of their earlier trilogy in scenes that would be better left to extended-edition DVDs (or omitted entirely), all but failing to set up a compelling reason for fans to return for the second installment. The film hints at a looming run-in with Smaug, but makes clear that this mission serves more to win back the dwarves' lost kingdom than to protect the fate of Middle-earth. Bilbo's arc, therefore, consists of proving his value to a mission that doesn't concern him personally.

    In keeping with the child-friendly tone of the source book, "The Hobbit" is more comical, features a couple of amusing songs, and doesn't dally on funerals the way "The Lord of the Rings" did. But it's no kinder on small bladders or impressionable eyes, running every bit as long and violent as Jackson's initial trilogy.

    While it would have been fascinating to see del Toro's

    take on "The Hobbit," there's something to be said for continuity. Few film series have achieved the consistency of look and feel maintained across these Middle-earth-set stories, and once the adventure gets going, Jackson reminds auds of his expertise at managing action on a scale that would have made David Lean wish he'd had CGI in his toolbox.

    That connection is clearest in the character of Gollum, once again performed by Andy Serkis, who loses his precious ring to Bilbo in an unmistakably schizophrenic game of riddles. Below-the-line contributions, including those of composer Howard Shore and the entire production and costume design teams, support the illusion that we never left Middle-earth.

    Pressbook:

    PRESSBOOK in ITALIANO de LO HOBBIT: UN VIAGGIO INASPETTATO
    DOPPIAGGIO ITALIANO di LO HOBBIT: UN VIAGGIO INASPETTATO

    Links:

    • Peter Jackson (Regista)

    • Cate Blanchett

    • Ian Holm

    • Christopher Lee

    • Andy Serkis

    • Ian Mckellen

    • Elijah Wood

    • Martin Freeman

    • Benedict Cumberbatch

    • Hugo Weaving

    • Billy Connolly

    • Lee Pace

    • Mikael Persbrandt

    • Richard Armitage

    • Aidan Turner

    • Lo Hobbit: un viaggio inaspettato (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10

    Galleria Video:

    Lo Hobbit: un viaggio inaspettato - trailer 2

    Lo Hobbit: un viaggio inaspettato - trailer

    Lo Hobbit: un viaggio inaspettato - trailer HD

    Lo Hobbit: un viaggio inaspettato - trailer (versione originale) - The Hobbit: An Unexpected Journey

    Lo Hobbit: un viaggio inaspettato - clip 'L'arrivo dei Nani'

    Lo Hobbit: un viaggio inaspettato - clip 'L'incontro tra Bilbo e Gollum'

    Lo Hobbit: un viaggio inaspettato - clip 'Stai bene ragazzo?'

    Lo Hobbit: un viaggio inaspettato - clip 'Quello non è un lupo'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 Ottobre 2019) .... [continua]

    Attraverso i miei occhi

    ATTRAVERSO I MIEI OCCHI

    Kevin Costner presta la voce al cane Enzo, protagonista in questa storia che scommette su .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni Servillo in coppia nel nuovo .... [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 anni dalla sua terrificante permanenza .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - RECENSIONE - Dal .... [continua]