ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    New Entry - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Richard Jewell

    RICHARD JEWELL

    New Entry - USA: Dal 13 Dicembre .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Ottobre 2019) - New Entry - Film di .... [continua]

    Black Bird

    BLACK BIRD

    New Entry - Da Dicembre

    "Ero a una cena con Christian Torpe, lo ....
    [continua]

    Military Wives

    MILITARY WIVES

    New Entry - 14. Mostra del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    The Report

    THE REPORT

    New Entry - In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 .... [continua]

    Gli anni più belli

    GLI ANNI PIU' BELLI

    New Entry - Dal 13 Febbraio 2020

    "Con la sua meravigliosa canzone inedita ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Mangia prega ama

    MANGIA PREGA AMA: JULIA ROBERTS DIVORZIATA E DEPRESSA IN GIRO PER IL MONDO PER RITROVARE SE STESSA IN TRE TAPPE FOCALI: ITALIA, INDIA ED INDONESIA. A BALI RITROVA L'AMORE CON JAVIER BARDEM

    PREVIEW by JUSTIN CHANG ("www.variety.com") e RECENSIONE ITALIANA - Dal 17 SETTEMBRE

    Ognuno di noi affronta un percorso, un momento nella propria vita nel quale sente l'esigenza di ridefinire ogni cosa e capire cosa si cerca. Il cammino di Liz è particolare, è visivo, una storia che ha un suo fascino, una storia universale, familiare a chiunque... Amo il modo in cui il libro affronta l'esperienza della vita, la ricerca di risposte e come nel nostro percorso di vita è possibile incontrare persone molto importanti. Credo che sia una storia realmente ricca di emozioni. È bello esserne parte...”.
    L'attrice Julia Roberts

    La bellezza del libro - il motivo per cui tutti abbiamo voluto prendere parte al progetto - è che la vicenda dice esci dal tuo guscio. L'idea mi affascina molto, è molto personale, perché spesso si è rigidi con le proprie scelte, ripetendo sempre le stesse azioni giorno dopo giorno. Per esempio, mi piace molto la scena girata a Roma in cui Julia passa un intero pomeriggio sul pavimento a mangiare. Prendere parte a questo progetto mi ha insegnato ad assaporare ogni singolo momento della mia vita”.
    Il regista e co-sceneggiatore Ryan Murphy

    (Eat Pray Love USA 2011; drammatico; 140'; Produz.: Columbia Pictures/Plan B Entertainment/Red Om Films; Distribuz.: Sony Releasing Pictures Italia)

    Locandina italiana Mangia prega ama

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    (See Flash Review by Justin Chang, "www.variety.com", here - Voice: 'Il giudizio della critica' - 'International Press' and 'Complete Review' in 'Commento critico')
    Trailer

    Titolo in italiano: Mangia prega ama

    Titolo in lingua originale: Eat Pray Love

    Anno di produzione: 2010

    Anno di uscita: 2010

    Regia: Ryan Murphy

    Sceneggiatura: Ryan Murphy, Jennifer Salt

    Soggetto: Tratto da romanzo bestseller (Libro di memorie) di Elizabeth Gilbert: Eat, Pray, Love: One Woman's Search for Everything Across Italy, India and Indonesia.

    Cast: Julia Roberts (Elizabeth Gilbert)
    Javier Bardem (Felipe)
    Viola Davis (Delia)
    Billy Crudup (Steven)
    James Franco (David)
    Richard Jenkins (Richard)
    Luca Argentero (guida turistica italiana)
    Joe Lipari (Gurugita Yogi)
    Arlene Tur (Armenia)

    Musica: Dario Marianelli (*)

    Costumi: Michael Dennison

    Scenografia: Bill Groom

    Fotografia: Robert Richardson

    Montaggio: Bradley Buecker

    Effetti Speciali: Daniel Acon (supervisore) e Adam Howarth (supervisore unità di Bali)

    Makeup: Bernard Flock e Amy Spiegel

    Casting: Francine Maisier

    Scheda film aggiornata al: 25 Novembre 2012

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Storia incentrata sulla figura di Elizabeth Gilbert che, a seguito di un doloroso divorzio da cui esce distrutta e depressa, decide di fare un lungo viaggio per ritrovare se stessa. Il suo viaggio avrà tre tappe focali: l'Italia, in cui a Roma ha modo di degustare prelibatezze da buongustai, l'India, in cui riscopre la propria spiritualità, e l'Indonesia, dove a Bali ritrova l'amore dopo aver conosciuto Felipe (Javier Bardem).

    IN ALTRE PAROLE:

    Liz Gilbert (Julia Roberts) ha tutto ciò che una donna moderna può sognare – un marito, una casa e una carriera di successo – ma come tante altre donne, è insoddisfatta, confusa ed è alla ricerca di cosa effettivamente desidera dalla vita. Appena divorziata, trovandosi ad un bivio, Liz decide di allontanarsi dal suo mondo rischiando tutto e, per dare un cambiamento radicale alla sua vita, intraprende un viaggio intorno al mondo, un percorso per ritrovare se stessa. Nel suo viaggio in Italia riscopre il piacere di mangiare; in India arricchisce la sua spiritualità e, inaspettatamente, a Bali ritrova il suo equilibrio interiore grazie al vero amore... Mangia, Prega, Ama è la prova di come non esista un solo modo di amare la vita e girare il mondo.

    Commento critico (a cura di JUSTIN CHANG - www.variety.com)

    The food looks great, but the romance is undercooked, and God remains strictly a bit player in "Eat Pray Love." While far from an unpleasant experience as it whisks Julia Roberts through Italy, India and Indonesia (tourist boards, rejoice), director Ryan Murphy's superficial take on Elizabeth Gilbert's phenomenally successful memoir is an exotic junk-food buffet that offers few lasting pleasures or surprises, let alone epiphanies. Sony release should do well with a sizable and underserved audience of older femmes, though Gilbert's more discriminating readers may find themselves reaching for pillows and Pepto-Bismol by the end of this overlong voyage.

    A successful New York writer racked with guilt and depression after a painful divorce, Gilbert sought recovery by spending a year abroad in pursuit of culinary pleasure, spiritual enlightenment and, though she could hardly have predicted it at the time, romantic fulfillment. Published in 2006, her account of her journey was

    greeted with an Oprah's Book Club endorsement and a lengthy stint on the New York Times bestseller list; the backlash from some quarters was equally rabid, as readers derided Gilbert's foodie excess, her New Age navel-gazing and, most unfairly, the economic privilege (her travels were financed by an advance book deal) that made her therapeutic odyssey possible.

    But whatever its flaws and indulgences, Gilbert's book is a work of honest introspection, graced with a felicitous prose style many cuts above the chick-lit norm -- qualities conspicuously absent from the film, despite its best efforts to reproduce her warm, witty voice in streams of narration. Adapting an episodic self-help tome is no easy task, and as scripted by Murphy and Jennifer Salt, "Eat Pray Love" is a bloated, nearly 2 1/2-hour film with a dearth of dramatic incident. Result reps an awkward compromise between the author's personal vignettes and the commercial

    imperatives of a bigscreen romance, anchored by a heroine whose resemblance to Gilbert is crushed by Roberts' larger-than-life personality.

    After being brought to her knees one night in tearful, desperate prayer, thirtysomething Liz (Roberts) decides it's time to break things off with Stephen (Billy Crudup), her pleasant but rudderless husband of eight years. The divorce proceedings are bitterly dragged out, and not even a passionate rebound fling with a hunky younger actor (James Franco) can dispel Liz's toxic cloud of misery.

    Realizing her constant sniveling isn't getting her anywhere (or endearing her to viewers), Liz resolves to start over and, appropriately enough for a journey of self-discovery, spend four months in each of those three "I" countries. Her whirlwind tour begins in Rome, where she learns Italian and binges on gelato and pasta (her first bite of spaghetti is so heavenly it's set to an aria from Mozart's "Magic Flute");

    then to a Hindu ashram in India, where she cultivates the disciplines of meditation and silence; and finally to the Indonesian island of Bali, where she allows herself to be courted by swarthy Brazilian divorcee Felipe (Javier Bardem). Everyone she meets along the way turns out to be a veritable fount of folksy wisdom, whether it's Balinese medicine man Ketut (Hadi Subiyanto, delightful) or a tough-love type Liz befriends at the ashram, the drolly named Richard From Texas (Richard Jenkins, bringing flashes of gruff wit to a comic-relief role).

    Murphy, currently earning accolades as showrunner on TV smash "Glee," has again tackled a popular memoir (after 2006's "Running With Scissors") with indifferent results. Largely dumping Gilbert's eloquent, freewheeling ruminations on the nature of God, Murphy simply cherry-picks the warmest, fuzziest moments from his source material, then flattens them with sentimental beats, easy laughs and a few outright falsifications (in the

    film's rejiggered history of events, Liz and Felipe actually meet cute after a car accident). Even with the usual allowances for creative latitude, there's something unusually phony about such fudging in a movie that's ostensibly about the quest for inner truth.

    Though Roberts is nearly a decade older than Gilbert was at the time (Bardem, by contrast, is a decade too young for the 52-year-old Felipe), the actress can still hold a closeup effortlessly, and she looks terrific in a succession of Third World-chic outfits designed by Michael Dennison. But aside from a few shots of her sitting with her legs crossed, "Eat Pray Love" shows little interest in Liz's inner life or Roberts' ability to explore it. Instead, Murphy seems to have directed the thesp to behave like a typically shrill, snappish, self-analyzing romantic-comedy heroine, prone to throwing back her head and letting loose that inimitable Roberts cackle; when

    Ketut orders Liz to smile during meditation, you want to tell him not to encourage her.

    Like most cinematic travelogues, the film boasts no shortage of pleasing sights and sounds, with scenic locations nicely decked out by production designer Bill Groom and lensed by d.p. Robert Richardson; editor Bradley Buecker gives the Italian food montages a deft, teasing flair. Dario Marianelli's score provides melodious connective tissue for a soundtrack swollen with opera, Neil Young and various locale-appropriate tunes.

    Secondo commento critico (a cura di ENRICA MANES)

    PRELIMINARIA:

    (*) Nel comporre la colonna sonora il musicista Dario Marianelli ha ideato uno 'score' assai originale con un mix di brani inediti e altri tratti dal repertorio di Neil Young, Gato Barbieri, João Gilberto, solo per citare alcuni dei musicisti presenti nel film. Ovviamente è una musica che sottolinea l’evoluzione emotiva del personaggio e attinge alle tradizioni musicali dei paesi visitati dalla protagonista.

    COMMENTO CRITICO:

    Un film in tre fasi, tre momenti di vita e tre rivelazioni, come una prova per capire di più cosa la vita chiede da noi e cosa chiediamo noi al quotidiano; quanto ci soddisfa e quanto invece lasciamo alle spalle.

    Un salto verso l’ignoto e verso luoghi nuovi dello spirito come della mente che passano però attraverso i bisogni umani a tutto tondo: mangia, prega, ama.

    Un film che però sembra una cosa ma che diventa altro, la cui ricchezza sta certamente nel cogliere le atmosfere, i rumori,

    i colori, i caotici ritmi di scenari e di città diverse, quando ben altra cosa si può dire invece dei ritmi narrativi, talvolta esasperati un tantino troppo mentre si dilungano facendo perdere la cognizione del tempo.

    Per carità, il tema trainante è un messaggio positivo e questo è tutto l’intento, salvo poi cadere nello stereotipo in cui la filosofia, oltre che indiana e buddista è anche un po’ svedese -in barba al personaggio di Sofi (Tuva Novotny) che di svedese non ha proprio nulla - alla Per Gessle, “äta, iobba, sova, do” , come dalle strofe di Gå&Fiska, (magia, lavora, dormi….), la pausa presa dal tran tran quotidiano e dalla paura, l’insoddisfazione sopita da un bel piatto di pasta e da lente ballate brasiliane.

    Ci mancava solo il contatto epistolare via internet, come nelle migliori commedie ed ecco servito un piatto sopraffino in cui il rischio costante è lo stereotipo, il crinale

    vicino e a portata di mano quanto la romanità, l’italianità, i panni stesi nei vicoli, la pennichella dopo il pranzo e la cena, la casa della mamma e la famiglia, matrimoni e crisi di coppia e la visione romantica da Baedeker, con tanto di viaggio di formazione in Italia fatto a posta per giovani donne in crisi, come da tradizione ottocentesca.

    E dire che la voce fuoricampo è una guida che spesso illumina, ma altrettanto va a cozzare contro le immagini, fatta eccezione per i paesaggi e le vedute romane, i cortili, i palazzi, le scoperte di qualcosa che era e che non è più, come le rovine, dalle quali è sempre possibile costruire qualcosa.

    Eppure ci si perde nei dialoghi un po’ inutili e un po’ già visti e sentiti, neanche tanto ricercati e che forse nel doppiaggio perdono buona parte della magia.

    Ciò che salva è l'icona Julia, la Roberts

    perfetta, ora serafica ora tormentata, speciale per questo genere di storie e di ruoli, o lo spigliato Javier Bardem nei panni di un'eccentrica e tenera guida brasilera.

    E salva il tema, perché la ricerca della semplicità è a portata di mano, se solo lo si vuole. Il dono di noi stessi, la pace interiore, fare per gli altri e… ricorda: “se vuoi arrivare al castello, devi prima passare il fossato”.

    Links:

    • Julia Roberts

    • James Franco

    • Javier Bardem

    • Richard Jenkins

    • Viola Davis

    • Billy Crudup

    • Luca Argentero

    • 'MANGIA PREGA AMA': LA 'PREVIEW' di 'VARIETY' (Anteprime)

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Mangia, prega, ama - trailer

    Mangia, prega, ama - trailer HD

    Mangia, prega, ama - trailer (versione originale) - Eat, Pray, Love

    Mangia, prega, ama - trailer HD (versione originale) - Eat, Pray, Love

    Mangia, prega, ama - clip 'Mangia'

    Mangia, prega, ama - clip 'Prega'

    Mangia, prega, ama - clip 'Ama'

    Mangia, prega, ama - clip 'Mangia, prega, ama'

    Il giudizio della critica

    The Best of Review

    International Press

    JUSTIN CHANG, "www.variety.com" In 'Flash':

    "The food looks great, but the romance is undercooked, and God remains strictly a bit player in 'Eat Pray Love'. While far from an unpleasant experience as it whisks Julia Roberts through Italy, India and Indonesia (tourist boards, rejoice), director Ryan Murphy's superficial take on Elizabeth Gilbert's phenomenally successful memoir is an exotic junk-food buffet that offers few lasting pleasures or surprises, let alone epiphanies. Sony release should do well with a sizable and underserved audience of older femmes, though Gilbert's more discriminating readers may find themselves reaching for pillows and Pepto-Bismol by the end of this overlong voyage".

    Italian Press

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Le verità

    LE VERITA'

    Già Film d' Apertura alla 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - .... [continua]

    Gemini Man

    GEMINI MAN

    Dramma d'azione Sci-Fi diretto da Ang Lee (I Segreti di Brokeback Moutain, Vita di Pi), .... [continua]

    Non succede, ma se succede...

    NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE...

    Charlize Theron e Seth Rogen per la prima volta insieme nella commedia di Jonathan Levine .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dopo Django .... [continua]

    Yesterday

    YESTERDAY

    Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 Settembre .... [continua]

    Rambo: Last Blood

    RAMBO: LAST BLOOD

    Trentasette anni dopo il primo film, arriva il quinto capitolo del franchise cult con cui .... [continua]