ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Ricomincio da me

    RICOMINCIO DA ME

    Aggiornamenti freschi di giornata! (20 Ottobre) - Film di APERTURA in Prima Mondiale al .... [continua]

    Flatliners - Linea mortale

    FLATLINERS-LINEA MORTALE

    New Entry - In teoria si sarebbe dovuto trattare di un reboot del film .... [continua]

    Blade Runner 2049

    BLADE RUNNER 2049

    Il più atteso!!! - Nel sequel del capolavoro di Ridley Scott diretto da Denis .... [continua]

    Blade Runner

    IL PRIMO 'BLADE RUNNER' (1982): E FU SUBITO 'CULT-MOVIE'

    HARRISON FORD - 75th Birthday Celebration!!!

    I più votati!!! Il ....
    [continua]

    Blade Runner: The Director's Cut

    NEL 'X ANNIVERSARIO' DI 'BLADE RUNNER' (1982) RIDLEY SCOTT PROPONE LA SUA PERSONALE VERSIONE

    "Queste costruzioni (i robot) non imitano gli umani: per molti aspetti fondamentali esse in realtà .... [continua]

    Blade Runner: The Final Cut

    DOPO LA CELEBRAZIONE DEL 'XXV ANNIVERSARIO' DI 'BLADE RUNNER' (1982) CON 'THE FINAL CUT' (2007) TORNA DI NUOVO AL CINEMA (IL 6 e 7 MAGGIO 2015) IN ESCLUSIVA NEI CIRCUITI 'THE SPACE'. ED E' GRAN FESTA!!!

    Il 6 e il 7 MAGGIO 2015 in esclusiva nei The Space Cinema - Dalla .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE - INTERVISTA alla giovanissima attrice GLORIA COLSTON

    L'INTERVISTA

    FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE - INTERVISTA alla giovanissima attrice GLORIA COLSTON

    20/04/2017 - FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE di HUGO GÉLIN - INTERVISTA alla giovanissima attrice GLORIA COLSTON

    Come sei entrata a far parte del progetto?

    "Mia madre aveva visto un annuncio al quale abbiamo risposto perché corrispondevo al profilo richiesto: la produzione cercava una ragazzina mulatta bilingue, tra gli 8 e i 12 anni. Siccome vivo negli Stati Uniti non potevo fare un provino, così ho recitato una scena del film che ho registrato e poi ho spedito il video".

    E poi?

    "La produzione mi ha contattata per chiedermi di venire a Parigi: ci sono venuta con mio padre e ho incontrato Omar Sy, Hugo Gélin e Michaël Laguens, il direttore casting. Poi mi hanno richiamata per dirmi che avevo avuto la parte!"

    Cosa ti è piaciuto della sceneggiatura?

    "Che si ride e si piange allo stesso tempo: per tutto il tempo si alternano risate e tristezza. Si passa perciò attraverso mille emozioni diverse. L'ho adorata!"

    Come descriveresti Gloria?

    "È una ragazzina che vive col padre e che non ha capito bene perché sua madre non vive con loro. Fa un sacco di domande… per le quali non ci sono molte risposte. È allegra perché suo padre la vizia e con lui si diverte sempre. D'altra parte non va spesso a scuola ma passa le sue giornate sul set della serie televisiva in cui suo padre lavora come stunt, e questo mi sembra fantastico! In parte mi riconosco in questo personaggio: mi diverto un sacco, anche se vivo con entrambi i miei genitori".

    Riesci a comprendere il comportamento di sua madre?

    "Ha una parte molto difficile. Pensa di non essere in grado di occuparsi di una bambina e così la lascia al padre. Non è molto bello quello che fa, ma lei si sentiva persa e non sapeva cosa fare… Credo che dipenda anche dal fatto che è molto giovane. Ma in fondo, ha fatto bene. Perché non sappiamo cosa sarebbe successo se avesse deciso di crescere lei la bambina".

    Gloria sembra più matura di suo padre…

    "Sì, gli fa un po' da mamma ed è lei a comandare in un certo senso. Ed è normale comandare un padre, quando lui è un po' ragazzino e non si comporta da adulto! In effetti è più un amico che un padre".

    Non è stato troppo emozionante trovarsi di fronte Omar Sy?

    "All'inizio sì. Ma lui è come sullo schermo: sorride e scherza sempre. Inoltre è un padre e perciò è stato bravo a prendersi cura di me su set. Eravamo molto complici perché non smettevamo un attimo di prenderci in giro. Mi sembrava di conoscerlo da tanto tempo. Faceva dei trucchi di magia, ma non è molto bravo come mago".

    Che ne pensi di Clémence Poésy?

    "Ho lavorato meno con Clémence che con Omar e Antoine, anche se lei è molto presente nel film. In realtà le scene tra lei e me sono state girate in un periodo di tempo molto breve. Insomma non ci siamo frequentate molto. Per cui il nostro rapporto è stato meno forte di quello che ho avuto con Omar, al quale sono stata accanto tutti i giorni per quattro mesi!"

    E Antoine Bertrand?

    "È un grosso orsacchiotto! Non appena lo vedi ti viene voglia di coccolarlo. Scherza tutto il tempo: fra Antoine e Omar, non facevamo che ridere. E abbiamo dovuto interrompere spesso le riprese perché le battute piovevano di continuo. Ho avuto uno splendido rapporto con lui".

    Come dirige i suoi attori Hugo Gélin?

    "È molto gentile e si è preso cura di me. Voleva che fossi naturale e che non imparassi a memoria le mie battute. Tutte le mattine leggevo i miei dialoghi, ma non cercavo di impararli a memoria. La mattina facevamo una piccola riunione per calarci nel contesto della scena che avremmo girato, Hugo ci spiegava quello che avremmo fatto e mi diceva che non voleva che recitassi il testo come se fosse una poesia".

    Avete provato?

    "Sì, per alcune scene precise. La sequenza dei pirati, per esempio, in cui Omar è mascherato e ha una spada, o quella del ballo, per via della coreografia. Comunque le riprese erano organizzate in modo che l'atmosfera fosse sempre divertente. Ovviamente c'era da lavorare, ma tutto è stato come un gioco, veloce e facile per me. A fine giornata non avevo l'impressione di aver lavorato. Il vero aspetto positivo è che la troupe ha davvero previsto tutto perché lavorassimo in condizioni molto piacevoli. Non è mai stato pesante. Anche per le scene più difficili, Omar scherzava per farmi rilassare e poi partiva con un dialogo più serio".

    Cosa hai pensato quando hai visto il film finito?

    "Ho pianto! Ho anche notato che delle scene che hanno richiesto anche tre giorni di riprese, sullo schermo durano appena 10 secondi. Alla fine sono felice che la mia prima esperienza di attrice sia stata per un film così bello".

    LA REDAZIONE


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    Thor: Ragnarok

    THOR: RAGNAROK

    Dal 25 Ottobre .... [continua]

    Vittoria e Abdul

    VITTORIA E ABDUL

    Dalla 74. Mostra del Cinema di Venezia (30 Agosto-9 Settembre 2017) - Fuori Concorso .... [continua]

    La ragazza nella nebbia

    LA RAGAZZA NELLA NEBBIA

    New Entry - Per il suo debutto alla regia, lo scrittore Donato Carrisi, che .... [continua]

    L'uomo di neve

    L'UOMO DI NEVE

    Tra i più attesi!!! - Martin Scorsese cede il timone della regia allo svedese .... [continua]

    Madre!

    MADRE!

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Da Venezia 74. - Dal 28 Settembre
    [continua]

    L'inganno

    L'INGANNO

    Ancora al cinema - Premio 'MIGLIOR REGIA' al 70. Festival del Cinema di .... [continua]

    Valerian e la città dei mille pianeti

    VALERIAN E LA CITTA' DEI MILLE PIANETI

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 21 Settembre

    Dal fumetto al grande ....
    [continua]