ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sorry We Missed You

    SORRY WE MISSED YOU

    Aggiornamenti freschi di giornata! (14 Dicembre 2019) - Da 72. Cannes - Dal .... [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Tra i più attesi!!! - Dopo anni di silenzio cinematografico Roberto Benigni torna al .... [continua]

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    Dal 19 Dicembre .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo corretto il lavoro di ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Ancora al cinema - Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > L'ULTIMO LUPO - INTERVISTA (PARTE 1a) al regista JEAN-JACQUES ANNAUD

    L'INTERVISTA

    L'ULTIMO LUPO - INTERVISTA (PARTE 1a) al regista JEAN-JACQUES ANNAUD

    27/03/2015 - L'ULTIMO LUPO - INTERVISTA (PARTE 1a) al regista JEAN-JACQUES ANNAUD:

    Com’è cominciata quest’avventura che risale a circa 7 anni fa?

    "Tutto è cominciato quando una delegazione di cinesi è venuta a incontrarmi a Parigi. Prima di tutto bisogna sottolineare che Il totem del lupo (edito da Mondadori) è stato un fenomeno letterario sconvolgente in Cina. Uscito nel 2004, il romanzo è scampato alla censura. Mascherato sotto uno pseudonimo, l'autore, era di fatto sconosciuto. Il suo libro autobiografico si svolgeva nella lontanissima Mongolia Interna, nel 1967, all'inizio della rivoluzione culturale. Le autorità non ci hanno fatto praticamente caso, se non fosse che la storia ha riportato alla luce molte cose. Il percorso d'iniziazione di un giovane alla scoperta della campagna remota e la sua conversione alla vita da nomade in un luogo così selvaggio, avevano, decenni dopo, una risonanza particolare in un paese, come la Cina, alle prese con dei terribili problemi ambientali e con l'inquinamento".

    L’uscita del romanzo è stata come una presa di coscienza del pericolo ambientale…

    "L'impatto sulla società è stato colossale società è stato colossale. 'Il totem del lupo' è diventato il successo letterario più importate dopo il 'Libretto rosso' di Mao. I lettori hanno scoperto l'esistenza di questi luoghi magnifici e puri della Mongolia Interna, che oggi è fortemente minacciata".

    Ma torniamo alla domanda iniziale: com’è arrivato questo progetto nelle sue mani?

    "Avevo sentito parlare del libro quando uscì tradotto in francese e ne avevo letto qualche pagina, è stato lo stesso modo in cui mi ero avvicinato a 'Il nome della Rosa' quando, anni prima, lessi degli estratti del romanzo. Mi resi conto, allora, che i temi sviluppati ne 'Il totem del lupo' mi erano familiari. Il giovane studente Chen Zhen catapultato in piena campagna nel 1967 mi ha ricordato il giovane uomo che ero stato io in quello stesso anno, quando partii alla scoperta del Camerun e mi approcciavo a girare il mio primo film, 'Bianco e nero' a colori. L'idea di questo giovane istruito che s'innamorava di un luogo così improbabile, allevando un cucciolo di lupo in mezzo a un branco di pecore, non era altro che il ricordo di alcune tematiche ben radicate nella mia vita e nel mio lavoro. È stato allora che, le persone che poi sono diventate i miei produttori e i miei collaboratori, arrivarono nel mio ufficio, a Rue Lincoln a Parigi. Mi proposero di adattare il romanzo per il grande schermo. Gli ricordai che io non ero proprio ‘benvoluto’ dalle autorità cinesi, ma loro dissero 'La Cina è cambiata. E poi siamo persone pragmatiche: 'abbiamo bisogno di lei'. Accettai la loro offerta di andare a Pechino. Arrivato in Cina mi resi conto che i miei film erano molto diffusi in tutto il paese, che avevano trovato posto tra le poche produzioni straniere che non erano censurate. Per assurdo, però, il mio film più visto in assoluto 'L’amante' è, ad oggi, ancora vietato".

    Il viaggio in Cina è stato fatto di nascosto oppure alla luce del sole?

    "Quando sono atterrato a Pechino sono stato subito accompagnato al comune per incontrare il sindaco, un 'fan' del libro molto preoccupato per la scarsa affluenza di turisti in città a causa dello smog. Sono partito la sera stessa per la Mongolia Interna, accompagnato da Jiang Rong, l'autore del romanzo e grande estimatore di Stendhal, da sua sorella, che lavora per una grande società americana, dal marito della donna, economista molto famoso per le sue idee rivoluzionarie, e dal compagno di avventure di Jiang Rong, che aveva condiviso con lui il primo viaggio in Mongolia ed è diventato il 'pittore della Mongolia', anche lui grande ammiratore di Meillet, Corot e dei pre-impressionisti della Scuola di Barbizon. Con noi venne anche il presidente dell'emittente TV di Pechino, un funzionario pubblico dinamico e affabile accompagnato da sua moglie, un'ex ballerina. Fu un soggiorno di 3 settimane nei luoghi della storia, ai piedi delle montagne dove era stato trovato il cucciolo di lupo, sulle rive del lago gelato dove si immersero i loro cavalli, vicino agli allevatori che non hanno dimenticato nulla di quella storia. In seguito ci ha raggiunto un direttore della fotografia originario della steppa più profonda, insieme con la sua compagna, una star della musica pop mongola. Ci siamo divertiti e abbiamo scherzato tra di noi. L’alcool di latte di giumenta fermentato crea quel giusto mix che fa nascere grandi amicizie! Alla fine di ogni pasto i commensali si lanciavano in arringhe appassionate, sull'indispensabilità che la Cina dia una svolta per preservare i suoi paesaggi naturalistici e le sue specie animali".

    Converrà con me che questo discorso sembra assurdo agli occhi di un occidentale…

    "Certamente mi sono imbattuto in un gruppo un po' particolare, che aveva però lo scopo finale di ribaltare l'opinione pubblica che in quegli anni stava cambiando. Gli abitanti delle città stavano soffocando, non potevano uscire senza mascherina. Dovevano utilizzare i loro cellulari per localizzare la via di casa. Ai bambini erano vietate le attività all'aria aperta per il pericolo estremo di contrarre malattie polmonari. La gente che vive in campagna s'intossicava a causa delle acque inquinate o, peggio ancora, veniva cacciata per fare spazio alla cementificazione. Tutto ciò viene riportato quotidianamente dalle tv e dalle radio di tutto il paese. Non si tratta di fare bella figura, si tratta di una questione di sopravvivenza. In questo senso sì, la Cina si sente in dovere di fare dei cambiamenti. Anche se nuove direttive tentano di bloccare l'accesso a informazioni considerate negative e antipatriottiche. Da lontano non abbiamo mai la stessa percezione di quando si sta sul posto e si condivide la vita quotidiana con la gente. Lì ho scoperto un paese e un popolo che non immaginavo. Sono stato accolto a braccia aperte. Con i miei attori e la troupe si è creato un bellissimo rapporto. Ho lavorato con grande libertà. Naturalmente ero in una posizione privilegiata ma quello che mi è piaciuto più di tutto è stata la loro franchezza disarmante. Per esempio la prima sera a cena mi hanno detto queste parole: 'quello che lei sa fare noi non lo sappiamo fare. Almeno per ora. La guarderemo attentamente per apprendere il più possibile così che poi impareremo e non avremo più bisogno di lei!'. Tutti si sono messi a ridere alzando in alto i bicchieri!"

    Questa libertà di cui parla è probabilmente dovuta al fatto che molti dei suoi film sono stati visti in Cina. In che modo questa libertà ha aiutato nella realizzazione de L’Ultimo lupo?

    "Solitamente bisogna aspettare mesi prima che l'ufficio del cinema dia il proprio consenso alla sceneggiatura di un film. La nostra è stata scritta in Francia insieme con Alain Godard e poi conclusa a Pechino da me dopo la scomparsa di Alain. Il giorno che ho consegnato la sceneggiatura alla China Film Group, ho ricevuto le note di lettura come accade negli Stati Uniti, ma con un'amabilità tutta orientale. Tre scene del film sembravano essere problematiche. Inviai una lettera chiedendo la possibilità di girarle comunque e di giudicarle una volta realizzate. La proposta fu accettata così. Queste scene sono rimaste nel film e sono esattamente come le avevo scritte. Tuttavia, la scena in cui si intravede il seno di una delle pastorelle è stata segnalata come 'a rischio' perché potrebbe turbare il pudore cinese. Ho rimpiazzato quei due secondi con le immagini, più rispettose, del corpo visto da lontano, di alcune giovani donne mongole. Ho anche corretto due parole nei dialoghi. Credo di essere un miracolato della censura!".

    Lei era in Cina al momento della visione del film?

    "No, ero tornato a Parigi convinto del fatto che i miei collaboratori potessero gestire la situazione. Dopo tre settimane ero molto preoccupato che alla versione cinese avrebbero tagliato scene intere! Preoccupazione aggiuntiva: esiste in Cina una commissione che vigila sul rispetto delle specificità regionali. Sono 56 le minoranze etniche che vivono in Cina, per un totale di circa 200 milioni di persone. Io sono il primo a pensare che bisogna rispettare le minoranze ma, a parte 4 consiglieri assunti per aiutarmi a non fare errori, ero angosciato di non aver fatto abbastanza per mostrare la cultura e le abitudini mongole! Bè, prima di ricevere il via libera finale, devo dire che il mese di luglio del 2014 è stato piuttosto adrenalinico!"

    Che cosa pensa della concorrenza con i film cinesi?

    "Nel mondo cinematografico odierno credo che la Cina sia per la Francia più un possibile alleato che un concorrente. La concorrenza, in Cina, è americana e non è neanche di buona qualità. I film hollywoodiani che hanno accesso a quello che diventerà a breve il più grande mercato cinematografico del mondo, sono i classici blockbuster, i più prevedibili e i più spettacolari. I professionisti cinesi sono alla continua ricerca di scambio, sono sempre di più gli incontri con i produttori degli altri paesi".

    Com’è visto in Cina L’Ultimo Lupo? Come un film cinese fatto da un francese o come un film francese realizzato anche con soldi cinesi?

    "In Canada 'La guerra del fuoco' è un film canadese, in Germania 'Il nome della Rosa' è un film tedesco. Visto dall'Africa 'Bianco e nero a colori', che ha vinto l'Oscar per la Costa d’Avorio, è un film africano. 'L’ultimo lupo' è un film cinese, ma è anche il mio film".

    L’ostacolo della lingua, o meglio, delle lingue è stato difficile da affrontare con gli attori?

    "Su un set tutti parliamo la stessa lingua: la lingua del cinema. Dai tecnici agli attori ognuno sa quello che deve fare e quando deve farlo. L’unico problema quando non si parla la lingua nella quale stai girando, in questo caso il mongolo e il mandarino, è di giudicare la corretta pronuncia delle parole e dei diversi accenti. Mi sono circondato di specialisti delle due diverse lingue per evitare gli errori del testo e della pronuncia".

    Visto che ha parlato dei suoi attori, sono tutti professionisti?

    "Per le comparse abbiamo ingaggiato allevatori e dei cavallerizzi del posto. Ma tutti quelli che hanno un ruolo con delle battute, anche poche parole, sono professionisti. Solo i tre protagonisti sono però delle vere star Han, l'etnia dominante in Cina. Gli altri provengono dai quattro angoli più nascosti della Mongolia Interna, selezionati attraverso un casting che mi ha fatto percorrere decine di migliaia di chilometri per incontrarli".

    Parliamo degli aspetti tecnici del film. Alcune sequenze hanno una grandezza dantesca in termini di comparse, animali, azioni e scenografia. Il budget si aggira intorno ai 40 milioni di dollari, una grossa somma tradotta in moneta cinese. Non le è stato negato niente?

    "Ho avuto la fortuna di beneficiare della volontà dell'industria cinematografica cinese di migliorarsi e di elevarsi di livello. Produttori, registi, attori, tecnici tutti hanno uno sguardo molto critico nei confronti del loro lavoro. Su 400 film prodotti all'anno, tra questi ci sono dei veri gioielli. L'industria cinematografica cinese di oggi mi fa pensare all'Italia degli anni '60, la grande epoca del Peplum all'italiana e degli spaghetti western, dove il sistema cinematografico doveva fare i conti con le produzioni di scarsa qualità, circondati da cinema alto diretto da grandi registi".

    Per quanto riguarda le macchine con cui ha girato, le è stato dato tutto quello di cui aveva bisogno?

    "Il primo giorno di riprese ho fatto preparare le telecamere 3D e mi sono reso conto che non solo erano mal messe, ma che nessuno sapeva come utilizzarle. Ho provato a stento a trattenere la rabbia. Spiegai che non potevamo girare il film in quelle condizioni… tentai di girare la scena con quelle macchine in stato precario. Dopo la pausa pranzo però mi dissero che in realtà gli assistenti avevano fatto una finta manovra e che niente era stato registrato. La metà dei miei amici francesi voleva tornarsene a casa. Il capo operatore di macchina si è chiuso nella sua roulotte a piangere. Ci siamo incaponiti e siamo riusciti a portare a casa la scena complicatissima dell'attacco a cavallo. A quel punto eravamo a Novembre. Quando tornai a gennaio, trovai una sorpresa: due telecamere nuove di zecca provenienti da Monaco, allineate dietro di loro c'erano una quindicina di persone, componenti della squadra di regia, appena tornati dalla Germania dove avevano seguito un corso per l'utilizzo delle telecamere. Un anno dopo la squadra regia è diventata la più preparata con la quale io abbia mai lavorato. Per il resto, alle volte abbiamo dovuto fare i conti con la realtà locale. I ventilatori ad esempio… erano indispensabili per la scena in cui c'era la bufera di neve. In Cina è vietato l'utilizzo del carburante per aerei ed era impossibile pensare di utilizzare il motore di un aereo per creare quell'effetto. Abbiamo dovuto utilizzare dei vecchi ventilatori elettrici da studio, degli aggeggi da 400 chili ciascuno montati su delle piccole rotelle che avevo visto negli anni ‘60, quando visitai gli studi cinematografici dell'Unione Sovietica. Una cinquantina di Marcantoni con mantello verde e cappello di pelliccia, si sono impegnati per rimorchiare, spingere e trasportare queste macchine del vento in cima alla collina, tirando i cavi su per chilometri di pendii ghiacciati. Il tutto cantando, scherzando e ridendo… Al tempo stesso però avevo a disposizione dei materiali di lusso ultra moderni, come ad esempio dei proiettori ultrapotenti da 1000KW appesi in cima a delle gru telescopiche, in grado di schiarire la luce notturna in piena tempesta su delle superfici grandi come campi da calcio".

    Qual è lo status sociale delle persone di cui parla?

    "Sono assunti e pagati annualmente, come erano i tecnici della SFP in Francia un tempo… Hanno la garanzia di un impiego, la garanzia di mangiare lo stufato disgustoso e la zuppa fredda della cucina, lavorano 7 giorni su 7. Hanno anche la possibilità di vivere l'emozione di lavorare nello spettacolo e la certezza di vedere il loro salario aumentato del 20% ogni anno. (Sul foglio di impiego c'è scritto l'orario di inizio riprese ma non quello di fine riprese, che è a discrezione del regista. Registi, attori e tecnici sono abituati a questi ritmi e, quasi sempre, dormono nei camion in mezzo ai cavi delle prese elettriche...)"

    Quanti eravate sul set?

    "480 tecnici, 200 cavalli, circa un migliaio di pecore, 25 lupi e una cinquantina di addestratori e massaggiatori che si occupavano di loro. C'erano anche delle guardie armate e alcuni fattori del luogo con l'idea che avrebbero potuto prendere in prestito qualche nostro lupo per farlo accoppiare con i loro cani".

    Immagino che la struttura costruita per questi animali sia stata mastodontica…

    "Per ospitare i lupi abbiamo costruito 5 basi lungo il percorso, oltre che camion speciali adibiti al trasporto degli animali nelle varie location del film. Come tutti gli animali selvatici, i lupi soffrono molto lo stress dopo 20 chilometri di trasporto. In prossimità di ogni zona di riprese, c'era una di queste basi che occupava poco più di un ettaro, circondata da una palizzata di 4 metri di altezza per un metro e 50 di profondità. I lupi scavano molto in profondità. Queste strutture avevano bisogno di guardiani, acqua, elettricità, di calore e di cibo. Per tutti questi aspetti è stata utilizzata una buona parte di budget".

    Domanda necessaria: come si fa a far correre in parallelo lupi e cavalli, senza che ai primi venga voglia di azzannare i secondi?

    "I lupi adorano la carne di cavallo e i cavalli non hanno alcuna voglia di fargli da spuntino. Queste scene sono state davvero complicate da girare e molto pericolose perché giravamo in movimento, di notte, su dei quod instabili e in piena tempesta di neve… Andrew Simson, l'addestratore capo, non avrebbe mai lasciato che i suoi animali corressero i rischi che abbiamo corso noi!"

    (FINE 1a PARTE)


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    Che fine ha fatto Bernadette?

    CHE FINE HA FATTO BERNADETTE?

    Tra i più attesi!!! - Dal 12 Dicembre

    "È un ritratto davvero complesso ....
    [continua]

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    RECENSIONE - Dal Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    RECENSIONE - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]