ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Star Wars: L'ascesa di Skywalker

    STAR WARS: L'ASCESA DI SKYWALKER

    Aggiornamenti freschi di giornata! (12 Dicembre 2019) - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    Pinocchio

    PINOCCHIO

    Tra i più attesi!!! - Dopo anni di silenzio cinematografico Roberto Benigni torna al .... [continua]

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    Dal 19 Dicembre .... [continua]

    Il terzo omicidio

    IL TERZO OMICIDIO

    Dal 19 Dicembre

    "In primo luogo, volevo rappresentare in modo corretto il lavoro di ....
    [continua]

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Ancora al cinema - Il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, l'indimenticabile .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > ADELE E L'ENIGMA DEL FARAONE - INTERVISTA al regista LUC BESSON (A cura dell'inviata FRANCESCA CARUSO)

    L'INTERVISTA

    ADELE E L'ENIGMA DEL FARAONE - INTERVISTA al regista LUC BESSON (A cura dell'inviata FRANCESCA CARUSO)

    05/10/2010 - Roma, 30 Settembre 2010 - La Conferenza Stampa del film ADELE E L'ENIGMA DEL FARAONE si è tenuta all’Hotel Eden a Roma, presente all’incontro il regista LUC BESSON

    Ci può parlare della fascinazione che prova per l’eroina da Nikita fino a quest’ultimo film?

    LUC BESSON: "Le debolezze degli uomini e i punti di forza delle donne è di questo che mi piace parlare nei miei film. Adèle, poi, è un’eroina del tutto speciale, diversa dalle precedenti. È determinata a salvare la sorella, non salva il mondo. Se le avessero chiesto altro forse sarebbe rimasta a fumare una sigaretta tranquilla nella sua vasca da bagno. Inoltre mi piacciono le donne, che conoscono il valore della vita rispetto agli uomini".

    La Francia ha un patrimonio fumettistico notevole, perché secondo lei è poco sfruttato cinematograficamente?

    L. BESSON: "Posso dire solo che per me non c’è grande differenza tra un film tratto da un romanzo o da un fumetto, in entrambi i casi ci metto del mio, non rimango legato a una inquadratura descritta in un libro o descritta da un immagine. Non c’è differenza dall’essere ispirati dall’uno o dall’altro".

    Quale collaborazione c’è stata con Jacques Tardi?

    L. BESSON: "Tardi è molto geloso della sua Adèle, ho trascorso molto tempo dietro alla realizzazione di questo progetto e Tardi lo ha apprezzato. Gli ho fatto leggere la sceneggiatura, ma poi me ne sono occupato da solo, senza ricevere alcun tipo di suggerimento da parte sua".

    Cosa è stato difficile rendere dal fumetto al film in termini cinematografici?

    L. BESSON: "Ho cercato di rispettare lo spirito, i colori e l’anima del fumetto, ma il racconto è diverso. Una storia per essere raccontata deve poter vivere di vita propria rispetto al mezzo da cui è stata tratta. Ho cercato di fare un film divertente e allo stesso tempo molto curato e l’ho fatto in modo serio. Ho ribaltato i clichè e l’ho reso sofisticato per quanto riguarda l’immagine a livello di inquadratura".

    Come si è trovato con l’attrice protagonista?

    L. BESSON: "Louise Bourgoin è stata perfetta, una gran lavoratrice che non si stancava mai di ripetere una scena più e più volte per ottenere il risultato migliore".

    Ci sarà un seguito delle avventure di Adèle?

    L. BESSON: "Non si sta pensando a un altro film. Quella dei sequel è una tentazione a cui cerco di resistere, come è accaduto per Léon, che mi viene chiesto di fare da 15 anni. Se dovesse esserci un’altra storia migliore della prima, forse…".

    Perché ha scelto di ambientare la storia nella Parigi del 1911?

    L. BESSON: "In quel periodo la città di Parigi è la più bella che ci potesse essere. È prima dello scoppio della guerra, che ha portato stravolgimenti e niente è stato più come in passato. È l’ultima epoca leggera e di grande spensieratezza, piena di invenzioni che si susseguono l’una all’altra".


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    Che fine ha fatto Bernadette?

    CHE FINE HA FATTO BERNADETTE?

    Tra i più attesi!!! - Dal 12 Dicembre

    "È un ritratto davvero complesso ....
    [continua]

    L'inganno perfetto

    L'INGANNO PERFETTO

    RECENSIONE - Dal Torino Film Festival 2019 - I leggendari attori Helen Mirren e .... [continua]

    Qualcosa di meraviglioso

    QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO

    RECENSIONE - Dal 5 Dicembre .... [continua]

    Un giorno di pioggia a New York

    UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK

    Elle Fanning, Jude Law, Rebecca Hall e Selena Gomez nella nuova commedia di Woody Allen .... [continua]

    Frozen II - Il segreto di Arendelle

    FROZEN II - IL SEGRETO DI ARENDELLE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 27 Novembre

    "Elsa è un personaggio affascinante con la ....
    [continua]

    Le Mans '66 - La grande sfida

    LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 14 Novembre

    "'Le Mans ’66 – ....
    [continua]

    Parasite

    PARASITE

    Ancora al cinema - VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del .... [continua]