ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Nomadland

    NOMADLAND

    Aggiornamenti freschi di giornata! (21 Gennaio 2021) - VINCITORE del LEONE D'ORO alla .... [continua]

    Kitbag

    KITBAG

    New Entry - .... [continua]

    Untitled David O. Russell Project

    UNTITLED DAVID O. RUSSELL PROJECT

    New Entry - Un cast 'iperstellato' nel nuovo progetto ancora senza titolo di David .... [continua]

    Last Looks

    LAST LOOKS

    New Entry - Mel Gibson interpreta un ex poliziotto caduto in disgrazia. .... [continua]

    Women in the Castle

    WOMEN IN THE CASTLE

    New Entry - Daisy Ridley, Kristin Scott Thomas e Nina Hoss nei panni di .... [continua]

    Northman

    NORTHMAN

    New Entry - Nella saga di vendetta vichinga ambientata in Islanda all'inizio del X .... [continua]

    Lucy and Desi

    LUCY AND DESI

    New Entry - Javier Bardem e Nicole Kidman in coppia per ricreare la celebre .... [continua]

    West Side Story

    WEST SIDE STORY

    New Entry - Dal 10 Dicembre .... [continua]

    One Night in Miami

    ONE NIGHT IN MIAMI

    New Entry - Dalla 77. Mostra del Cinema di Venezia e dal [continua]

    Don't Look Up

    DON'T LOOK UP

    New Entry - Adam McKay chiama a raccolta un cast 'all star' tra cui .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > NORTH FACE - INTERVISTA al regista PHILIPP STÖLZL

    L'INTERVISTA

    NORTH FACE - INTERVISTA al regista PHILIPP STÖLZL

    23/08/2010 - Dal Festival del Film di Locarno 2008 il regista di NORTH FACE racconta come è nata e si è sviluppata l'idea di questo film.

    LA MONTAGNA È COME UNA SFINGE…

    Tu produci opere, giri video musicali e spot pubblicitari. Come hai avuto l’idea di fare un film sull’Eiger?

    P. STÖLZL: "Boris Schoenfelder, che ha avuto per primo l’idea del film, cercava un regista per il progetto e mi ha mandato il copione. La vicenda di Toni Kurz mi ha catturato subito. Innanzitutto per la storia intensa di queste quattro persone e la loro lotta brutale ed esistenziale per sopravvivere sulla montagna. Inoltre, mi affascinava un determinato aspetto storico: lo sfruttamento ideologico nell’era nazista dell’alpinismo. È un mix molto speciale che, a mio avviso, rende questa storia molto eccitante per il cinema".

    Cos’hai trovato particolarmente affascinante dello sfondo storico della storia?

    P. STÖLZL: "C’è qualcosa di esistenziale nei tentativi di scalata dei versanti delle montagne negli anni ’20 e ’30, imprese potenzialmente mortali. Giovani con poche prospettive di vita montavano in sella alle loro biciclette per scalare una montagna pericolosa – erano alla ricerca di un obiettivo da perseguire, un obiettivo qualsiasi. E se necessario, erano pronti a morire per raggiungerlo. Chiaramente, questo rispecchiava bene il canone della mitologia nazista ed era quindi sfruttato dal punto di vista ideologico, e considerato un atto eroico. Basta ascoltare Robert Ley, il capo del KdF (Kraft durch Freude = Forza attraverso la gioia): “I giovani tedeschi trovano la loro forza e virilità nella lotta con la montagna e imparano a morire!” E così via. Davano tutto per un’idea, un mito; sacrificavano la propria vita se necessario: questo flirt fatalistico con la morte eroica è l’aspetto dell’alpinismo che i nazisti trovavano più interessante. Dal punto di vista intellettuale, sarebbe bastato fare un ulteriore piccolo passo, e il Reich sarebbe marciato verso gli Urali".

    North Face è stato girato in condizioni estreme. Quali sono stati i problemi maggiori?

    P. STÖLZL: "Le riprese non sono mai facili, neanche in un bar: si porta il materiale, si illuminano le stanze, si truccano e si vestono gli attori. Si devono girare molte scene in pochissimo tempo… Ma in montagna tutto è doppiamente o triplamente difficile: anche la più semplice scena di dialogo è problematica, perché prima devi far indossare le imbracature a tutti. E poi bisogna raggiungere il set. Già per fare questo occorre mezza giornata. Poi bisogna sistemare le attrezzature – e a quel punto inizia a piovere. Eccetera, eccetera, eccetera… è frustrante. Non per niente Luis Trenker e i suoi colleghi passavano spesso anni interi a girare i loro film, prima che fossero finalmente terminati".

    Hai mai pensato: cavolo, in cosa mi sono cacciato?

    P. STÖLZL: "A dire il vero: sì. Soprattutto quando il tempo era brutto e dovevamo aspettare. È veramente terribile per una persona impaziente come me. In una scena, Toni Kurz e Andi Hinterstoisser sono in vetta al Berchtesgaden e ci serviva una giornata di sole. Doveva essere bello e luminoso, per fare contrasto col disastro nella neve che sarebbe avvenuto più in là nel film. Primo giorno: nebbia fitta. Aspettiamo tutto il giorno. Poi riscendiamo senza aver girato un metro di pellicola. Secondo giorno: ancora nebbia, ma ora con qualche sprazzo di sole della durata di due, forse cinque minuti. Così abbiamo girato le scene durante quegli sprazzi. Non è andata male, ma siamo stati costretti a lavorare così. Ma è stato tremendo per tutti, soprattutto per gli attori, dato che ovviamente non riuscivano a seguire il flusso di una scena. All’Eiger, ho toccato il fondo, ancora mi vengono i crampi e mi sento malissimo quando ci ripenso. Le riprese erano quasi terminate, avevamo le controfigure sul campo di ghiaccio e volevamo riprenderle dall’elicottero. Erano inquadrature che mi servivano indispensabilmente e con urgenza per il film. I produttori avevano erogato gli ultimi fondi. Ma faceva semplicemente troppo caldo e sull’Eiger c’era il rischio di valanghe.
    Riesco ancora a vedermi seduto al sole sul Kleine Scheidegg sotto il versante nord, assolutamente depresso. Avevamo tutto ciò che ci occorreva: due begli elicotteri rossi, le controfigure nei costumi, gli operatori – ma faceva troppo caldo. I soldi erano finiti, l’opportunità era passata. Credo che ogni film abbia una vita tutta sua, e che l’elemento fortuna sia molto più importante di quanto si voglia ammettere, ma quando si gira un film in montagna, si è molto più soggetti alla sorte".


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    The Prom

    THE PROM

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Meryl Streep e Nicole Kidman protagoniste e .... [continua]

    Let Them All Talk

    LET THEM ALL TALK

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Negli USA il film debutta su HBO Max il 10 .... [continua]

    The Midnight Sky

    THE MIDNIGHT SKY

    Tra i più attesi!!! - George Clooney torna a regia e recitazione con un .... [continua]

    Il concorso

    IL CONCORSO

    RECENSIONE - Keira Knightley e Gugu Mbatha-Raw protagoniste del film leggero e vivace di Philippa .... [continua]

    Made in Italy

    MADE IN ITALY

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - L'esordio alla regia dell'attore inglese James D'Arcy .... [continua]

    Uno di noi

    UNO DI NOI

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Diane Lane e Kevin Costner tornano a far coppia sul grande .... [continua]

    Elegia americana

    ELEGIA AMERICANA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Drammatico affresco in cui Ron Howard dipinge la crisi .... [continua]