ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Era mio figlio

    ERA MIO FIGLIO

    New Entry - RECENSIONE .... [continua]

    Morgan

    MORGAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un essere artificiale a rischio pone un .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]

    Radioactive

    RADIOACTIVE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Il film di Marjane Satrapi è dedicato .... [continua]

    Dopo il matrimonio

    DOPO IL MATRIMONIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Nel remake americano dell'omonimo dramma scandinavo (2006) .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - 6 Nominations: Miglior film; Miglior regista (Chloé Zhao); Miglior attrice (Frances .... [continua]

    Archive - Non mi lasciare

    ARCHIVE - NON MI LASCIARE

    New Entry - RECENSIONE - In Streaming su piattaforma digitale

    Sulle montagne del ....
    [continua]

    Ithaca - L'attesa di un ritorno

    ITHACA - L'ATTESA DI UN RITORNO: IL DEBUTTO ALLA REGIA DI MEG RYAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - In Home Video Italia 2017

    1942 ....
    [continua]

    I Care A Lot

    I CARE A LOT

    Golden Globes 2021: VINCITORE di 1 Golden Globe su 1 Nomination alla 'Migliore Attrice .... [continua]

    Notizie dal mondo

    NOTIZIE DAL MONDO

    Golden Globes 2021 - 2 Nominations: 'Migliore Attrice Non Protagonista' a Helena Zengel e .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > La Damigella d'Onore

    L'INTERVISTA

    La Damigella d'Onore

    07/09/2004 - Press Conference & Dintorni

    La Demoiselle d’Honneur/La damigella d’onore (Regia: Claude CHABROL)

    Claude CHABROL, Laura SMET

    FEDELE ALLA SCRITTURA CON POCHI, ESSENZIALI E SOTTILI, TOCCHI DI ORIGINALITA’. E IL NOIR E’ SERVITO

    Claude Chabrol (Madame Bovary, Betty, L’inferno, Il buio nella mente, Grazie per la cioccolata, solo per citare qualche esempio tra i più recenti), si conferma un Maestro nell’elaborazione del genere giallo, e il parallelo con Alfred Hitchcock sorge, e non solo da oggi, legittimo e spontaneo, e ci si chiede se negli anni a venire resterà un punto di riferimento importante per il noir alla francese secondo Chabrol. La nostra domanda raccoglie conferme: “Ciò che adoro in Hitchcock, e che ho anche utilizzato in questo caso, è la sua capacità di presentare in modo rapido e chiaro i personaggi secondari. Mi ricorderò sempre in uno dei suoi ultimi film, Frenzy, il personaggio della coppia che sale dal balcone e vedendo questa coppia si capiscono delle cose… Sono persone che non hanno nessun’altra importanza nella storia ma che finiscono per arricchirla, con qualche tocco qua e là e personalmente ho utilizzato molto di questo nel mio film. Cioè i personaggi secondari che portano al contempo un po’ di verità e di spessore, perché esistono. Ed è per questo che ho voluto dagli attori l’esperienza, per questi ruoli, perché mi sembrava di dover dar loro l’importanza anche agli occhi dello spettatore ed è un modo per mettere lo spettatore nella direzione giusta rispetto al film”. Naturalmente per questa storia c’è un testo di riferimento che il regista ha fondamentalmente rispettato senza tradimenti: “A dire il vero - dichiara Chabrol - sono rimasto abbastanza fedele al libro, avevo già tratto da questo autore un altro mio film, La Cérémonie/Il buio nella mente, e in tal caso, pur rimanendo sempre fedele alla scrittura avevo apportato senz’altro trasformazioni maggiori di quanto non abbia fatto con La damigella d’onore, dove la mia principale preoccupazione è stata quella di trasporre il romanzo inglese in un’ambientazione francese. Un’idea particolare non presente nel libro l’ho avuta con il dettaglio dell’abito azzurro da damigella d’onore usato come pretesto per la protagonista per andare a ricercare Philippe (Benoît Magimel)…non c’è alcuna suspense in realtà, ma si prova una sorta di angoscia misteriosa che sale, forse perché si perde la ragione nel senso stretto del termine…e con l’altro problema di trovare giovani attori validi per il film sono stato fortunato”. Gli attori sono fondamentali per una storia e Chabrol li studia a dovere per poter far tesoro di ogni loro naturale connotazione comportamentale, sfruttando anche circostanze di quotidianità al di fuori del set: “Con gli attori pranzo, ed è un ottimo sistema per studiarli, per osservare la loro gestualità, le loro attitudini comportamentali…sono cose che emergono in un pasto e che sono importanti…L’ideale per un regista, è che gli attori facciano ciò che sogna di veder realizzato senza doverlo chiedere e io ho avuto questa fortuna con Laura Smet e Benoît Magimel…”.
    Chabrol è un meticoloso regista affascinato dal suo lavoro, un’entusiasta delle sue ricerche di approfondimento per il set, in cui tornano alcuni leiv-motif: oltre alla madre, nel caso specifico di questo film (quella mai conosciuta dalla protagonista Senta, quella di Philippe che li vede coinvolti in un legame profondo), vi è l’incarnazione del male affidata a una giovane donna e la presenza di casi-limite. Si tratta di psicologie umane dominanti, casi-limite che a un certo punto passano alla violenza e diventano patologici, elementi che Chabrol trova chiavi di particolare interesse, rispetto alla normalità, per far capire e per tenere incollato alla sedia lo spettatore, così come la predilezione per un’ambientazione di provincia, terreno fertile per presentare un caleidoscopio di possibilità umane senz’altro più interessante rispetto ad una grande città, come ad esempio Parigi, dove l’incomunicabilità regna sovrana.

    (a cura di PATRIZIA FERRETTI)


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: 6 Nominations: 'Miglior Film Drammatico'; 'Miglior Attore in .... [continua]

    Land

    LAND

    Dal Sundance Film Festival 2021 - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Debutto alla regia per .... [continua]

    Il processo ai Chicago 7

    IL PROCESSO AI CHICAGO 7

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - In streaming online su Netflix dal 16 .... [continua]

    Sound of Metal

    SOUND OF METAL

    RECENSIONE - Oscar 2021: 6 Nominations: 'Miglior Film Drammatico; 'Miglior Attore Protagonista' a Riz .... [continua]

    The Mauritanian

    THE MAURITANIAN

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Golden Globes 2021 - VINCITORE di 1 Golden Globe ('Migliore .... [continua]

    Greyhound: Il nemico invisibile

    GREYHOUND: IL NEMICO INVISIBILE

    RECENSIONE - I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Tom Hanks scrive, interpreta e produce un .... [continua]

    Fino all'ultimo indizio

    FINO ALL'ULTIMO INDIZIO

    RECENSIONE - Golden Globe 2021 - 1 Nomination al 'Migliore Attore Non Protagonista' in .... [continua]