ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Nest - L'inganno

    THE NEST - L'INGANNO

    New Entry - Dal 14 Maggio on demand su: Sky Primafila, Chili, Google Play, .... [continua]

    Those Who Wish Me Dead

    THOSE WHO WISH ME DEAD

    New Entry - Adattamento cinematografico del romanzo di Michael Koryta diretto da Taylor Sheridan .... [continua]

    I See You

    I SEE YOU

    New Entry - Helen Hunt protagonista in un horror per Adam Randall (iBoy, Level .... [continua]

    Fatman

    FATMAN

    New Entry - I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Nella commedia di Eshom e .... [continua]

    Morgan

    MORGAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un essere artificiale a rischio pone un .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]

    Radioactive

    RADIOACTIVE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Il film di Marjane Satrapi è dedicato .... [continua]

    Dopo il matrimonio

    DOPO IL MATRIMONIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Nel remake americano dell'omonimo dramma scandinavo (2006) .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - 6 Nominations: Miglior film; Miglior regista (Chloé Zhao); Miglior attrice (Frances .... [continua]

    Il processo ai Chicago 7

    IL PROCESSO AI CHICAGO 7

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - In streaming online su Netflix dal 16 .... [continua]

    Home Page > Ritratti in Celluloide > L'intervista > GLI AMICI DEL BAR MARGHERITA - INTERVISTA a LUCIO DALLA

    L'INTERVISTA

    GLI AMICI DEL BAR MARGHERITA - INTERVISTA a LUCIO DALLA

    29/03/2009 - LUCIO DALLA e la sua Dark Bologna

    Che cosa è stato il bar Margherita a Bologna, che ricordi ne ha?

    “Quel locale di via Saragozza è stato un epicentro, un punto di riferimento di una certa borghesia di una tipica città di provincia (sia pure capoluogo) come Bologna, il cui nucleo sociale era attraversato però da varianti assolutamente popolari per cui vi si formava un linguaggio che andava dal medio verso l’alto ma anche dal medio verso il basso: è stato il concentrato di una serie di iniziative legate anche al linguaggio, allo slang bolognese, perché ogni tipologia di società che frequentava quel bar dava il suo contributo a modi di dire e di fare che poi rappresentavano un ‘imprintig’ per l’intera città. Io non l’ho frequentato nello stesso periodo di Pupi Avati ma un pò dopo, data la piccola differenza d’età tra di noi, ma era cresciuto in quel contesto ad esempio Tobia Righi, un mio grande amico un po’ meno giovane di me che è poi diventato il mio amministratore e che mi ha sempre raccontato le vicende speciali che lo hanno legato a quegli anni irripetibili descritti nel film: quando Pupi, gratificandomi moltissimo, mi ha chiesto di occuparmi della colonna sonora mi sono sentito perciò non solo adatto ma anche autorizzato a ‘musicalizzarlo’.”

    Che tipo di lavoro ha realizzato?

    “Si tratta di musica interamente inedita, tranne la canzone dei titoli di coda “Dark Bologna” che ho cantato e suonato cambiando leggermente il testo per adattarlo ai primi anni ’50 (si parlava ad esempio di autostrade che all’epoca non esistevano); poi c’e uno skat che è un momento portante nel racconto..tutti i vari momenti di sonorizzazione sono stati concordati di comune accordo con Pupi che conosce bene la musica. Mi sono sentito subito ispirato, ho scritto piuttosto in fretta, è venuto fuori tutto molto “di getto” e lavorare intorno al film ha rappresentato per me una coperta per quando c’è freddo, il piacere e l’uso che ho fatto di questa esperienza è stato davvero rigenerante al di là del profondo legame di sempre con Avati che conosce bene la musica e che ha concordato con me i vari momenti di sonorizzazione.”

    Che cosa le è piaciuto di più?

    “Ho trovato la storia fin dall’inizio molto divertente ma anche sociologicamente esatta nell’evidenziazione di tutti i retromondi sociali che c’erano all’epoca e che sfociavano in questo bar dove si incontravano e scontravano – ma in modo amichevole - le varie tipologie dei frequentatori. È un film secondo me particolarmente riuscito sia nella scrittura che nella cinematografia, una delle caratteristiche vincenti di sempre di Pupi è quella di saper raccontare una storia apparentemente piccola facendola diventare grande ed universale. È una prerogativa del cinema essere una volta lente e un’altra caleidoscopio e Avati è un vero, grande illusionista”.

    Che rapporto si è instaurato tra voi?

    “Siamo amici da quasi 50 anni: Pupi racconta scherzando che quando all’inizio degli anni ’60 lui suonava il clarinetto in un’orchestra jazz di Bologna e si accorse che ero arrivato io che a suo parere ero molto più bravo di lui aveva pensato seriamente di farmi fuori ‘fisicamente’, perchè il confronto sarebbe stato inevitabile ed inesorabile... Lui continua a ripetere che la mia improvvisa apparizione sulle scene musicali bolognesi gli procurò ansia ed invidia ma in realtà si trattava di un confronto aperto con i propri desideri. In un bar ad esempio c’è chi vuol essere il migliore e primeggiare nei vari settori, c’è il tipo che fischia meglio, il genio del biliardo e quello più bravo a raccontare aneddoti: Pupi nei primi anni ’60 immaginò forse che io arrivassi a limitarne la fantasia, il sogno e la creatività e così col tempo si è materializzato questo suo racconto paradossale completamente inventato (che ogni volta arricchisce di nuovi particolari) per cui una volta avrebbe pensato seriamente di ‘sbarazzarsi di me per sempre’ scaraventandomi giù dall’alto della Sagrada Familia di Barcellona.”

    Non eravate il Mozart e il Salieri di Bologna, quindi...

    “Ma per carità... In realtà io da ragazzino andavo ad ascoltarlo suonare ed ero un suo fan e poi quando col tempo anche lui ha iniziato ad ammirarmi mi ha fatto molto piacere: poi col tempo io ho fatto il musicista per tutta la vita e lui ha smesso ma Pupi non ha mai saputo quanto lo abbia invidiato io per i suoi film, e quanto darei per essere un regista bravo come lui...”

    LA REDAZIONE

    Dal >Press-Book< de Gli amici del Bar Margherita


     
    1

    <- torna all'elenco delle interviste

    Blood Father

    BLOOD FATHER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 69. Festival del Cinema di .... [continua]

    The Song of Names - La musica della memoria

    THE SONG OF NAMES-LA MUSICA DELLA MEMORIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal SAN SEBASTIÁN 2019 - Clive Owen .... [continua]

    Era mio figlio

    ERA MIO FIGLIO

    New Entry - RECENSIONE .... [continua]

    Land

    LAND

    Dal Sundance Film Festival 2021 - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Debutto alla regia per .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: 6 Nominations: 'Miglior Film Drammatico'; 'Miglior Attore in .... [continua]

    Sound of Metal

    SOUND OF METAL

    RECENSIONE - Oscar 2021: 6 Nominations: 'Miglior Film Drammatico; 'Miglior Attore Protagonista' a Riz .... [continua]

    The Mauritanian

    THE MAURITANIAN

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Golden Globes 2021 - VINCITORE di 1 Golden Globe ('Migliore .... [continua]