ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Nato il quattro luglio

    NATO IL QUATTRO LUGLIO

    HAPPY 4 Luglio!!! - New Entry - Nel capolavoro di Oliver Stone sulla .... [continua]

    Independence Day

    INDEPENDENCE DAY

    HAPPY 4 Luglio!!! - 20° Anniversario: in arrivo il 10 Giugno 2016 le .... [continua]

    Independence Day - Rigenerazione

    INDEPENDENCE DAY - RIGENERAZIONE: ROLAND EMMERICH DA' UN SEGUITO AL PRIMO 'INDIPENDENCE DAY'

    HAPPY 4 Luglio!!! - RECENSIONE ITALIANA e PREVIEW in ENGLISH by GUY LODGE .... [continua]

    Gli anni più belli

    GLI ANNI PIU' BELLI

    Tra i più attesi!!! - Ritorno al cinema: dal 15 Luglio - RECENSIONE .... [continua]

    Home Page > Cinema & Pittura > Pontormo/Pontormo un amore eretico

    Pontormo / Pontormo un amore eretico

    Pontormo

    Considerato con Bronzino e Rosso Fiorentino uno dei geni del manierismo, il noto pittore toscano Jacopo Carrucci detto il Pontormo (Pontorme, Empoli 1494 – Firenze 1556) avvia la propria formazione passando per diverse botteghe di artisti: da Leonardo da Vinci a Piero di Cosimo e Mariotto Albertinelli. Con il 1512 lo troviamo per l’appunto insieme al giovane Rosso Fiorentino, nella bottega di Andrea Del Sarto, ma l’anno successivo Pontormo è già artista formato del tutto indipendente, come testimonia il dipinto con l’Arme di Leone X sul portico della SS. Annunziata a Firenze, tale da destare l’ammirazione di Michelangelo Buonarroti. Fatta eccezione per un paio di trasferte nella capitale, motivato dal desiderio di studiare per l’appunto i capolavori michelangioleschi a Roma, Pontormo non si allontana dalla sua Firenze, godendo peraltro della protezione dei Medici.

    E’ per primo Giorgio Vasari con le sue Vite sui pittori a ritrarre del Pontormo il profilo di un artista dalla personalità alquanto tormentata e persino nevrotica, il solo abitante, per scelta, in una casa piuttosto strana. Ma la conferma dei caratteri di questo profilo giunge dall’artista stesso, per l’esattezza dagli scarni e pur impressionanti appunti, prevalentemente indirizzati su cibo e lavoro, raccolti nel suo Diario tra il 1554 e il 1556. documento estremamente essenziale, “registro scarnissimo” sui brani pittorici che Pontormo andava affrescando per il Coro di S. Lorenzo a Firenze, prodigo invece di particolari per ciò che passava per l’apparato digerente dell’artista, e ancor più insistente sulle sue diffuse e sempre più frequenti sensazioni ipocondriache… (Segue).



    Bibliografia :
    Luciano Berti (a cura di-), L’opera completa del Pontormo, Milano 1973, Rizzoli Editore; A.A.V.V. La Nuova Enciclopedia dell’Arte Garzanti, Milano 1986; Elisabetta Marchetti Letta, Pontormo. Rosso Fiorentino, Antella (Firenze) 1994, Scala; Pontormo & Rosso la “maniera moderna” in Toscana 1494-1994 : A.A.V.V., Il Pontormo a Empoli, Venezia 1994, Marsilio editore; A. A. V.V., La maniera moderna in Toscana. Il Pontormo le opere di Empoli, Carmignano e Poggio a Caiano, Venezia 1994, Marsilio editore.

    Un Anticonformista nell'ARTE e nella VITA il PONTORMO di GIOVANNI FAGO

    "E' un'opera sulla libertà di pensiero, il ritratto di un artista che è antitetico ai personaggi di oggi, non competitivo, è persona che risponde solo alla propria coscienza, ed è quindi un anticonformista... Qua ndo tutti cercano di dissuaderlo da testimoniare a favore di Anna non si tirò indietro affermando che è necessario gridare forte la verità e non chinare il capo davanti ai soprusi. Che messaggio potrebbe essere per noi più attuale?... La sfortuna di essere contemporaneo di Michelangelo non gli impedì di cercare la sua verità nell'arte"
    Giovanni Fago

    (Italia, 2004; Dramma biografico storico-artistico romanzato; 102'; AB Film Distributors e Eagle Pictures)

    Titolo in italiano: Pontormo un amore eretico

    Titolo in lingua originale: Pontormo un amore eretico

    Anno: 2004

    Regia: Giovanni Fago

    Sceneggiatura: Marisa Calò, Massimo Felisatti e Giovanni Fago

    Soggetto: Marisa Calò e Massimo Felisatti

    Cast: Joe Mantegna (Pontormo);
    Galatea Ranzi (Anna);
    Toni Bertorelli (Priore S. Lorenzo);
    Laurent Terzieff (Inquisitore);
    Sandro Lombardi (Anselmo);
    Vernon Dobtcheff (Riccio);
    Giacinto Palmarini (Battista);
    Massimo Wertmüller (Bronzino);
    Alberto Bognanni (Cosimo I);
    Andy Luotto (Mastro Rossino);
    Lea Karen Gramsdorff (moglie di Bronzino)


    Musica: Pino Donaggio

    Costumi: Lia Morandini

    Scenografia: Amedeo Fago

    Fotografia: Alessio Gelsini

    >> Visualizza la scheda completa del film <<

    Bombshell - La voce dello scandalo

    BOMBSHELL - LA VOCE DELLO SCANDALO

    Al cinema: le uscite della settimana 29 Giugno-5 Luglio: (dal 1° Luglio) - RECENSIONE .... [continua]

    Inception

    INCEPTION: MODERNISSIMO THRILLER AMBIENTATO NEI MEANDRI DELLA MENTE UMANA

    10° Anniversario: nuova uscita al cinema: il 17 Luglio 2020 - RECENSIONE IN ANTEPRIMA .... [continua]

    Onward - Oltre la magia

    ONWARD - OLTRE LA MAGIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Luglio .... [continua]

    High Life

    HIGH LIFE

    Robert Pattinson, Mia Goth e Juliette Binoche protagonisti in un'avventura Sci-Fi diretta da Claire Denis .... [continua]

    The Turning

    THE TURNING

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dall'11 Agosto

    "Mi è piaciuto interpretare ....
    [continua]

    Tenet

    TENET

    Dal 26 Agosto

    "Partiremo dal punto di vista di un film di spionaggio, ma ....
    [continua]

    Resistance - La voce del silenzio

    RESISTANCE - LA VOCE DEL SILENZIO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Storia della salvezza di migliaia di orfani ai tempi dell'Olocausto e .... [continua]