ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Home Page > Photo Gallery > The Lighthouse

    THE LIGHTHOUSE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - 1 Nomination agli Oscar 2020 per la 'Miglior Fotografia' (Jarin Blaschke) - Da Cannes 72. - Quinzaine des Réalizateurs - Dal 21 Ottobre direttamente in Home Video

    "Abbiamo costruito realmente tutti gli edifici che si vedono in 'The Lighthouse', girando sulla punta nord della Nuova Scozia, in Canada, su un’isola vulcanica. Abbiamo costruito un faro funzionante di venti metri la cui luce poteva essere vista anche a dieci chilometri di distanza. Era un posto davvero spietato, molto duro, e il vento era implacabile. Drastico? Forse, ma non avremmo avuto la credibilità senza tutti questi elementi, perché a un certo punto tutto è divenuto reale… L'atmosfera è sempre la mia priorità in un film. Le forme, le sensazioni, gli odori, la texture. Il bianco e nero e la pellicola da 35 mm erano una certezza fin da subito, dal momento in cui lo chiamavamo 'Una storia di fantasmi ambientata in un faro'. Sono molto più fiero di questo film che di 'The Witch' perché è stato molto più coerente con le mie idee iniziali... Ho girato in 35mm, in bianco e nero. È un negativo molto tattile, puoi vedere tutti i pori dei volti degli attori. 'The Lighthous' non doveva sembrare un vecchio film ma fa riferimento a quel genere. Il formato quadrato, poi, è stato ottimo per le riprese dei fari e abbiamo realizzato una lente speciale per creare una patina cromatica. Per la lingua, invece, io e mio fratello abbiamo letto molti testi d’epoca per capire come la gente parlava. Ovviamente 'Moby Dick' è stata un’ottima lettura e la lingua di Melville ci ha influenzato. Il dialetto di Willem era quello di un contadino del Maine mentre quello di Robert era il dialetto di un marinaio. Ho usato anche un vecchio libro di Sarah Orne Jewett sulle storie e sui dialetti come fonte"
    Il regista e co-sceneggiatore Robert Eggers


    Vai alla scheda completa del Film The Lighthouse

    The Turning

    THE TURNING

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dall'11 Agosto

    "Mi è piaciuto interpretare ....
    [continua]

    Volevo nascondermi

    VOLEVO NASCONDERMI

    Nuova uscita il 19 Agosto - Dalla Berlinale 2020: VINCITORE dell'Orso d'Argento al .... [continua]

    Onward - Oltre la magia

    ONWARD - OLTRE LA MAGIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 19 Agosto

    "Dopo 'Monsters University', volevo fare qualcosa di ....
    [continua]

    Tenet

    TENET

    Dal 26 Agosto - "Partiremo dal punto di vista di un film di spionaggio, ma .... [continua]

    High Life

    HIGH LIFE

    Robert Pattinson, Mia Goth e Juliette Binoche protagonisti in un'avventura Sci-Fi diretta da Claire Denis .... [continua]

    The Old Guard

    THE OLD GUARD

    Dalla regista Gina Prince-Bythewood, Charlize Theron e Kiki Layne guidano un gruppo segreto di mercenari .... [continua]

    Lei mi parla ancora

    LEI MI PARLA ANCORA

    New Entry - INIZIO RIPRESE dal 3 Agosto 2020 - Pupi Avati torna dietro .... [continua]