ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Il sesso degli angeli

    IL SESSO DEGLI ANGELI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 21 Aprile .... [continua]

    Blonde

    BLONDE

    New Entry - Vietato ai minori di 17 anni - E' lo stesso regista .... [continua]

    The Palace

    THE PALACE

    New Entry - Mickey Rourke nel nuovo dramma di Roman Polanski .... [continua]

    Io e Lulù

    IO E LULU'

    New Entry - Debutto alla regia di Channing Tatum (con Red Carolin) per uno .... [continua]

    Black Phone

    BLACK PHONE

    New Entry - Ethan Hawke diretto di nuovo da Scott Derrickson (Sinister) per un .... [continua]

    Memory

    MEMORY

    New Entry - Liam Neeson sicario alla sua ultima missione ma, persino un assassino .... [continua]

    Secret Team 355

    SECRET TEAM 355

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Maggio 2022) -
    Spy Thriller per Jessica ....
    [continua]

    The Boys in the Boat

    THE BOYS IN THE BOAT

    New Entry - George Clooney torna alla regia con biopic sportivo degli anni Trenta.
    [continua]

    L'arma dell'inganno-Operazione Mincemeat

    L'ARMA DELL'INGANNO-OPERAZIONE MINCEMEAT

    Dal Bari Film Festival - Un'operazione pionieristica e cruciale per le sorti della Seconda guerra .... [continua]

    American Night

    AMERICAN NIGHT

    Nel thriller neo noir (opera prima) di Alessio Jim Della Valle protagonisti Jonathan Rhys Meyers, .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Il canto del cigno

    IL CANTO DEL CIGNO

    RECENSIONE - Dal 17 Dicembre

    "Credo che al cuore del film ci sia una lotta morale e che la sceneggiatura lo riveli quasi subito. Penso sia questa la sfida più grande per i personaggi. Spero che il film sia in grado di mostrare come Cameron sia spinto e tirato proprio da questo dilemma morale. Più ci avvicinavamo al cuore del lavoro, più diventava spaventoso e più grandi diventavano le domande che ci ponevamo. Una sorta di posta in gioco crescente…".
    Il regista e sceneggiatore Benjamin Cleary

    (Swan Song; USA 2021; Sci-Fi drammatico; 116'; Produz.: Anonymous Content, Apple, Concordia Studio, Know Wonder; Distribuz.: Apple TV+)

    Locandina italiana Il canto del cigno

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Il canto del cigno

    Titolo in lingua originale: Swan Song

    Anno di produzione: 2021

    Anno di uscita: 2021

    Regia: Benjamin Cleary

    Sceneggiatura: Benjamin Cleary

    Cast: Mahershala Ali (Cameron)
    Naomie Harris (Poppy)
    Glenn Close (Dr. Scott)
    Awkwafina (Kate)
    Adam Beach (Dalton)
    Lee Shorten (Rafa)
    Dax Rey (Hugo)
    Nyasha Hatendi (Andre)
    JayR Tinaco (Alex)
    Luke Camilleri (Rob)
    Jessica Hayles (Julie)
    Christine Laliberté (anziana signora sul treno)
    Shema Cayden (il giovane Cameron)
    Mikayla Lagman (Sammy)

    Musica: Jay Wadley

    Costumi: Cynthia Ann Summers

    Scenografia: Annie Beauchamp

    Fotografia: Masanobu Takayanagi

    Montaggio: Nathan Nugent

    Makeup: Zabrina Matiru (direzione)

    Scheda film aggiornata al: 09 Gennaio 2022

    Sinossi:

    Ambientato in un vicino futuro, Il canto del cigno è un viaggio potente ed emozionante raccontato attraverso gli occhi di Cameron (Mahershala Ali), marito e padre amorevole, cui è stata diagnosticata una malattia terminale; quando il suo medico (Glenn Close) gli prospetta una soluzione alternativa al fine di proteggere la sua famiglia dalla sofferenza, si troverà davanti a un bivio. Mentre Cam è alle prese con la scelta se alterare o meno il destino della sua famiglia, impara molto più di quello che avrebbe mai potuto immaginare sulla vita e sull’amore. Il film esplora quanto lontano arriviamo a spingerci e quanto siamo disposti a sacrificare, per rendere la vita delle persone che amiamo più felice possibile.

    Synopsis:

    In the near future, Cameron Turner is diagnosed with a terminal illness. Presented with an experimental solution to shield his wife and son from grief, he grapples with altering their fate in this exploration of love, loss, and sacrifice.

    Set in the near future, "Swan Song" is a powerful, emotional journey told through the eyes of Cameron (Mahershala Ali), a loving husband and father diagnosed with a terminal illness who is presented with an alternative solution by his doctor (Glenn Close) to shield his family from grief. As Cam grapples with whether or not to alter his family's fate, he learns more about life and love than he ever imagined. "Swan Song" explores how far we will go, and how much we're willing to sacrifice, to make a happier life for the people we love

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Secondo la leggenda, il cigno resterebbe muto per tutta la vita e troverebbe la voce soltanto in punto di morte. Una testimonianza di tale credenza la si ritrova nel celebre dialogo filosofico di Platone, il Fedone, risalente al IV secolo avanti Cristo, secondo cui anche il più incapace dei cigni, in punto di morte, è capace di cantare “moltissimo e benissimo”. Ma non per il dolore e la sofferenza, come si tenderebbe a credere, bensì per la gioia di poter spezzare le catene che legano l’anima al corpo e raggiungere la vera luce. E questo perché ‘i cigni, sacri ad Apollo, al termine dei loro giorni, prevedendo il bene che troveranno nel ricongiungersi al loro dio, si rallegrano’. Ecco perché il canto del cigno è diventato sinonimo dell’ultima espressione degna di nota della carriera professionale od artistica di qualcuno.

    Una premessa fondamentale questa, per comprendere a fondo la riflessione esistenziale che

    pulsa come cuore al centro del corpo del film Swan Song, Il canto del cigno appunto, di Benjamin Cleary (premio Oscar per il corto Stutterer), regista, sceneggiatore e produttore irlandese qui al suo debutto in un lungometraggio. Con la sostanziale differenza che, mentre il cigno gioisce, incarnando la linfa più spirituale e poetica del ragionamento filosofico che sta alla radice di tutto, l’uomo si dimostra non solo molto più terreno, ma anche molto meno disposto a distaccarsi dalla vita e dagli affetti di questo mondo per proiettarsi verso l’origine della luce celeste. Ne è la reale dimostrazione il Cameron Turner di Mahershala Ali (Premio Oscar per Moonlight e Green Book), l’attore americano qui eccellente interprete protagonista di un malato terminale e del clone che lo sostituirà nella vita di tutti i giorni.

    E’ dunque la storia di un uomo che si trova davanti all’amletico dilemma: raccontare la verità della sua malattia

    terminale a moglie e figlio causando loro uno tsunami emotivo e pratico, od evitare il dramma accettando di farsi clonare? In un futuro non troppo lontano potrebbe non essere più una prospettiva fantascientifica e chiunque potrebbe trovarsi di fronte allo stesso dilemma di Cameron/Ali. Un’opportunità o una maledizione? Senza considerare il fattore etico. Non staremo qui a stilare autori più o meno noti che, in vario modo, hanno trattato la questione umano-non umano o pseudo umano e, come in questo caso, umano ricreato di tutto punto, memoria reale compresa nei minimi dettagli, al punto da far impallidire certi antefatti. Per inciso, Il canto del cigno non manca di omaggiare il principe degli antefatti in celluloide: Blade Runner, anche, e non solo, con la comparsa sulla scena di un origami.

    Vi diremo piuttosto di un montaggio basculante che alterna i rigurgiti di memoria, nostalgici, di chi ne assapora l’imminente perdita, e di

    colui invece, che, al culmine dello smarrimento, li ha appena acquisiti e sa di dover dare loro un degno seguito. E fin qui, con la mediazione del medico di Glenn Close, molto asettico e zen tanto quanto la metafisica clinica-laboratorio futuribile di cui è a capo, le dinamiche sono credibili e funzionanti. L’architettura si inclina invece pericolosamente fino ad incrinarsi quando l’ago della bilancia, in un’ottica quasi sadica, decide di puntare verso una sorta di 'Grande Fratello', in cui il protagonista, osserva come il suo clone se la cava con la moglie Poppy (Naomie Harris) e il suo figlioletto. Così, come stridente ed illogica, si profila la diretta conoscenza del reale Cameron e del suo clone che, per convenzione, viene chiamato Jack, prima che sia definitivamente pronto a prendersi interamente carico dell’identità di Cameron. Ne nasce un comprensibile conflitto condito in salsa melodrammatica. Salsa che per la verità, dilaga qua

    e là per tutto il film, e non solo per l’interpretazione un po' troppo leziosa di Naomie Harris come moglie di Cam, in attesa del secondo figlio e già traumatizzata dalla morte precoce del fratello gemello. Lutto che ha peraltro pesato nella comunione di coppia, tanto che, moglie e marito, si sono a lungo rifugiati ognuno nella rispettiva dimensione di artista (disegno e musica).

    Il canto del cigno, memore di una pista in celluloide lunga kilometri, percorsa nel tempo sull’argomento, vuol essere dunque l’ennesimo tentativo di riflessione sulla vita e sulla morte, sulla caducità della natura umana e su un futuribile riscatto attraverso l’intelligenza artificiale, immaginata sempre più interscambiabile con l’originale umano, inclusa la dotazione di coscienza. La questione dell’anima è decisamente più complessa e, guarda caso, al cinema non è mai contemplata. Operazione di cui già si intravedono peraltro gli effetti collaterali, non propriamente ortodossi. Come è ovvio che

    sia, la tecnica può portarsi molto oltre, la sua gestione invece, può consegnare sul piatto di portata, un conto salatissimo da pagare. Inaccettabile! O forse si?! Esattamente come restare spettatore inerme di una vita che non è più la tua e mai lo potrà più essere. L’uomo sarà mai davvero pronto per un passaggio del testimone di questo genere? Potrà mai rappresentare un’autentica consolazione lo scenario qui proposto di una sorta di staffetta per la vita? Infine, quale etica potrà mai sostenere tutto questo?

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)









    trailer ufficiale:

    Links:

    • Glenn Close

    • Naomie Harris

    • Mahershala Ali

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Il canto del cigno - trailer

    Il canto del cigno - trailer (versione originale) - Swan Song

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Doctor Strange nel Multiverso della Follia

    DOCTOR STRANGE NEL MULTIVERSO DELLA FOLLIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA (No spoiler) - Dal 4 Maggio

    "Lo stesso scrittore, Michael Waldron, ....
    [continua]

    Finale a sorpresa - Official Competition

    FINALE A SORPRESA - OFFICIAL COMPETITION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla Mostra del Cinema di Venezia .... [continua]

    Equals

    EQUALS

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 72. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Strangerland

    STRANGERLAND

    Dal Sundance Film Festival 2015 - RECENSIONE - In TV Domenica 1° Maggio 2022 su .... [continua]

    The Northman

    THE NORTHMAN

    Nella saga di vendetta vichinga ambientata in Islanda all'inizio del X secolo, Alexander Skarsgård, Nicole .... [continua]

    The Weather Man - L'uomo delle previsioni

    THE WEATHER MAN - L'UOMO DELLE PREVISIONI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 3 Marzo .... [continua]

    The Lost City

    THE LOST CITY

    Sandra Bullock, Brad Pitt, Channing Tatum e Daniel Radcliffe nella commedia romantica di Aaron e .... [continua]