ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Misery non deve morire

    MISERY NON DEVE MORIRE

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Premio Oscar .... [continua]

    Cocaine: La vera storia di White Boy Rick

    COCAINE: LA VERA STORIA DI WHITE BOY RICK

    New Entry - La vera storia di Richard Wershe Jr, 'White Boy Rick' (Richie .... [continua]

    Dragon Trainer – Il mondo nascosto

    DRAGON TRAINER – IL MONDO NASCOSTO

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 31 Gennaio

    "Perennemente schivo, ....
    [continua]

    La favorita

    LA FAVORITA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - OSCAR 2019: 10 Nominations - 12 Nominations .... [continua]

    Bohemian Rhapsody

    BOHEMIAN RHAPSODY

    Ancora al cinema - VINCITORE di 2 GOLDEN GLOBES 2019 al 'Miglior Film .... [continua]

    Mia e il leone bianco

    MIA E IL LEONE BIANCO

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 17 Gennaio

    "Ho incontrato Gilles de ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Se la strada potesse parlare

    SE LA STRADA POTESSE PARLARE

    RECENSIONE - VINCITORE del GOLDEN GLOBE 2019 alla 'Migliore Attrice Non Protagonista' (Regina King) - 3 NOMINATIONS ai GOLDEN GLOBES 2019: Miglior Film; Miglior Attrice Non Protagonista; Migliore Sceneggiatura - New Entry - Dopo l’Oscar per il Miglior Film per Moonlight, Barry Jenkins torna sul grande schermo con una struggente storia d’amore - Dalla Festa del Cinema di Roma 2018; Dal Toronto Film Festival 2018 - Dal 24 Gennaio

    "Nell'estate del 2013 sono partito per l'Europa per scrivere un adattamento del romanzo di James Baldwin 'Se la strada potesse parlare' nella speranza di avere un giorno il privilegio e il permesso da parte della Baldwin Estate di realizzarne un lungometraggio cinematografico. Ogni decisione che ho preso per dare vita a questo progetto affonda le sue radici nella fedeltà al materiale originale, nella fedeltà alla visione di James Baldwin. Nel suo romanzo, i personaggi sono tratteggiati in un modo molto specifico, da Tish a Fonny fino alle persone a loro care e ai loro famigliari — Ernestine, gli Hunt e, naturalmente, i genitori di lei, Joseph e Sharon. Essendo la prima persona ad assumermi la responsabilità della trasposizione cinematografica di un romanzo di Baldwin nella sua lingua madre, il mio obiettivo è stato quello di raffigurare quei personaggi avvicinandomi il più possibile all'immaginario del loro autore. I due rapporti che costituiscono il fulcro del film — quello tra Tish e Fonny e quello tra Sharon e Joseph — sono caratterizzati da quell'incantevole poesia degli scambi interrelazionali che, per la gente di colore, funge da paraurti rendendo l'esistenza meritevole di essere sopportata, rendendo la promessa infranta del sogno americano degna degli sforzi necessari al suo perseguimento. Tradurre questi concetti — concetti tematici, intellettuali ed emozionali — per mezzo di interpreti e insieme ai collaboratori dietro la macchina da presa che da molto tempo definisco come la mia famiglia, è stato il modo migliore che mi è venuto in mente per rendere onore al mio autore preferito, James Baldwin. 'È stato l'amore a portarti qui'. La mia frase prediletta del magnifico romanzo di James Baldwin, che riflette lo spirito che ha portato tutti noi a realizzare 'Se la strada potesse parlare'".
    Il regista e sceneggiatore Barry Jenkins

    (If Beale Street Could Talk; USA 2018; Dramma romantico; 119'; Produz.: Annapurna Pictures, PASTEL, Plan B Entertainment; Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana Se la strada potesse parlare

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Se la strada potesse parlare

    Titolo in lingua originale: If Beale Street Could Talk

    Anno di produzione: 2018

    Anno di uscita: 2019

    Regia: Barry Jenkins

    Sceneggiatura: Barry Jenkins

    Soggetto: Tratto dall’omonimo romanzo If Beale Street Could Talk di James Baldwin.

    Cast: KiKi Layne (Clementine 'Tish' Rivers)
    Stephan James (Alonzo 'Fonny' Hunt)
    Colman Domingo (Joseph Rivers)
    Regina King (Sharon Rivers)
    Teyonah Paris (Ernestine Rivers)
    Michael Beach (Frank Hunt)
    Aunjanue Ellis (Sig.ra Hunt)
    Ebony Obsidian (Adrienne Hunt)
    Dominique Thorne (Sheila Hunt)
    Dave Franco (Levy)
    Diego Luna (Pedrocito)
    Pedro Pascal (Pedro Alvarez)
    Ed Skrein (Agente Bell)
    Brian Tyree Henry (Daniel Carty)
    Emily Rios (Victoria Rogers)
    Cast completo

    Musica: Nicholas Britell

    Costumi: Caroline Eselin

    Scenografia: Mark Friedberg

    Fotografia: James Laxton

    Montaggio: Joi McMillon, Nat Sanders

    Makeup: Doniella Davy (direzione); Adam Bailey e Regina de Lemos

    Casting: Cindy Tolan

    Scheda film aggiornata al: 15 Febbraio 2019

    Sinossi:

    In breve:

    Anni’70, quartiere di Harlem, Manhattan. Uniti da sempre, la diciannovenne Tish e il fidanzato Alonzo, detto Fonny, sognano un futuro insieme. Quando Fonny viene arrestato per un crimine che non ha commesso, Tish, che ha da poco scoperto di essere incinta, fa di tutto per scagionarlo, con il sostegno incondizionato di parenti e genitori. Senza più un compagno al suo fianco, Tish deve affrontare l’inaspettata prospettiva della maternità. Mentre le settimane diventano mesi, la ragazza non perde la speranza, supportata dalla propria forza interiore e dall’affetto della famiglia, disposta a tutto per il bene della figlia e del futuro genero.

    In dettaglio:

    Ambientato ad Harlem nei primi anni '70, Se la strada potesse parlare è una storia d'amore senza tempo, sia dell'indissolubile legame di una coppia, sia dell'abbraccio liberatorio di una famiglia afroamericana, raccontata attraverso gli occhi della diciannovenne Tish Rivers (l'attrice esordiente sul grande schermo KiKi Layne). Figlia e futura moglie, Tish ripercorre in dettaglio la passione, il rispetto e la fiducia che l'hanno legata al suo fidanzato artista Alonzo Hunt, noto con il soprannome Fonny (Stephan James). Legata da profonda amicizia fin dall'infanzia, la coppia sogna un futuro insieme, ma i loro progetti deragliano quando Fonny viene arrestato per un reato che non ha commesso. Tish sa che Fonny è innocente ed è consapevole del fatto che il suo buon amico Daniel Carty (l'attore, candidato ai premi Tony ed Emmy, Brian Tyree Henry) è solo di recente stato rilasciato a seguito di una ingiusta detenzione in carcere. Mentre la madre di Fonny (Aunjanue Ellis) si aggrappa alla devozione religiosa e suo padre (Michael Beach) lotta contro il sentimento di impotenza, il pragmatico padre di Tish, Joseph (Colman Domingo), e la sua grintosa sorella maggiore Ernestine (Teyonah Parris) non fanno mai mancare alla coppia il loro risoluto sostegno. Ancora più ansiosa di scagionare il nome di Fonny è Sharon (l'attrice premio Emmy Regina King), la madre di Tish, profondamente misericordiosa e pronta a mettersi in gioco per la felicità di sua figlia, del suo futuro genero e del nascituro figlio della coppia, la cui venuta al mondo sarà foriera di nuove gioie e nuove sfide. Di fronte all'imprevista prospettiva di diventare genitore e mantenere un posto di lavoro senza il partner al suo fianco, Tish è costretta a modificare la prospettiva sulla realtà della sua esistenza. Si reca regolarmente a trovare Fonny in prigione, cercando di tenerlo su di morale anche quando la vita in carcere esige il suo tributo. Via via che le settimane diventano mesi, Tish riafferma le sue
    speranze e la sua resilienza, facendo leva sulla sua forza interiore e su quella che le trasmette la sua famiglia.

    Short Synopsis:

    A woman in Harlem embraces her pregnancy while she and her family struggle to prove her fiancé innocent of a crime.

    Baldwin's novel "follows Tish, a newly engaged Harlem woman who races against the clock to prove her lover's innocence while carrying their first born child. It's a celebration of love told through the story of a young couple, their families, and their lives

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Non è certo una questione di tema, che per l'appunto è di grande rilievo. E per di più con un occhio del passato puntato sul presente, mai del tutto epurato da problematiche rimaste in sospeso, non del tutto risolte, soprattutto in specifiche aree geografiche. E non si tratta neppure di recitazione, corretta, seppure non certo straripante: si accetta il Golden Globe alla Migliore Attrice Non Protagonista Regina King per il pathos irradiato sul problema familiare legato alla giovane figlia. E’ piuttosto una questione di testo e soprattutto di regia che ha ceduto alla cifra melò, incastrandovi i personaggi protagonisti. Anzi, diremmo che ne ha fatto proprio uno stemma di bandiera, fiaccando storia e personaggi e ottenendo il risultato opposto a quella che era l’intenzione. I flashback basculanti nel montaggio alternato tra presente e passato - il problema in questione si protrae ahimé negli anni - e una esasperante insistenza sul

    rapporto tra i due fidanzatini in una storia raccontata dalla giovane stessa in voice over, indorano la pillola di tematiche di per sé roventi, scottanti, purtroppo frequenti soprattutto nel quartiere di Harlem nella Manhattan anni Settanta, dove il razzismo era al suo apice sociale e dove la giustizia era una parola troppo grossa per essere declinata in maniera ortodossa. Finire in galera per un reato non commesso e compromettere il proprio futuro e quello familiare non era un caso raro. E stuzzicare in modo volgare o cafone una ragazza di colore in pubblico da parte di un poliziotto bianco, era una cattiva consuetudine. Si deve ammettere che non mancano scene a carattere sociale degne di nota, ma rischiano di galleggiare fino ad affogare, in un mare di dannosa melassa. Un magma lento che sfianca.

    Dopo aver vinto l'Oscar con Moonlight, Barry Jenkins porta sullo schermo uno dei libri più noti e

    apprezzati di James Baldwin, If Beale Street Could Talk, così nasce Se la strada potesse parlare. Storia d’amore tra la diciannovenne Tish (Kiki Layne al suo debutto sul grande schermo) e Alonzo ‘Fonny’ (Stephen James). Le rispettive famiglie alle spalle dei due ragazzi non potrebbero essere più diverse. E non è una questione di colore (sono tutti afroamericani) ma di apertura mentale e di livello di intelligenza. Al sopraggiungere della precoce ed inaspettata gravidanza di Tish, la sorella gioisce per lei, la madre Sharon (Regina King) matura la sorpresa con la comprensione solidale mentre prepara il terreno per comunicarlo al marito e padre della figlia. I problemi arrivano quando si deve darne notizia alla famiglia di Fonny, composta dalla madre bigotta e ottusa oltre ogni limite, un padre manesco e due sorelle fondamentalmente cretine. Lo scontro è inevitabile e poco manca che non finisca in rissa. Ma la cosa che

    traduce in inferno l’idillio amoroso tra i due giovani è la falsa accusa di stupro ai danni di una ragazza bianca di cui viene incolpato Fonny. Inutile il calvario finanziario e operativo della famiglia per rintracciare e convincere la ragazza a ritirare accuse infondate. La condanna di Fonny che si pensava temporanea diventa una dura realtà negli anni. Realtà di cui Fonny stesso aveva già parlato a tavolino al ritorno di un amico appena scarcerato. Una delle poche sequenze, con quella dell’incontro tra la madre di Tish (Regina King) e la ragazza dello stupro, di notevole appeal drammatico.

    Il film è dedicato a James Baldwin, l’autore del libro che ha trattato cardini carichi di una ruggine indubbiamente indelebile e che forse, a giudicare dal modo di esprimersi nelle sue dichiarazioni, ha trovato parole migliori delle immagini del film per descriverli:

    Beale Street è una strada di New Orleans, dove sono nati mio

    padre, Louis Armstrong e il jazz. Ogni afroamericano nato negli Stati Uniti è nato in Beale Street, è nato nel quartiere nero di qualche città americana, sia esso a Jackson, in Mississippi, o Harlem, a New York. Beale Street è la nostra eredità. Questo romanzo parla dell'impossibilità e della possibilità, della necessità assoluta, per dare espressione a questo lascito. Beale Street è una strada rumorosa. Lascio al lettore il compito di discernere un significato nelle percussioni dei tamburi”.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)

    trailer ufficiale:



    clip 'Brindiamo a una nuova vita':



    clip 'L'amore ti ha portato qui':



    clip 'Trucco':



    clip 'Quel bambino è tuo nipote':



    clip 'Cosa non si fa per amore':



    clip 'Avremo un bambino':



    clip 'Primo appuntamento':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di SE LA STRADA POTESSE PARLARE

    Links:

    • Diego Luna

    • Regina King

    • Dave Franco

    • Michael Beach

    • Colman Domingo

    • Stephan James

    • KiKi Layne

    • Teyonah Paris

    • Aunjanue Ellis

    • Ebony Obsidian

    • Dominique Thorne

    1 | 2

    Galleria Video:

    Se la strada potesse parlare - trailer

    Se la strada potesse parlare - trailer (versione originale) - If Beale Street Could Talk

    Se la strada potesse parlare - clip 'Brindiamo a una nuova vita'

    Se la strada potesse parlare - clip 'L'amore ti ha portato qui'

    Se la strada potesse parlare - clip 'Trucco'

    Se la strada potesse parlare - clip 'Quel bambino è tuo nipote'

    Se la strada potesse parlare - clip 'Cosa non si fa per amore'

    Se la strada potesse parlare - clip 'Avremo un bambino'

    Se la strada potesse parlare - clip 'Primo appuntamento'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Un uomo tranquillo

    UN UOMO TRANQUILLO

    Come Hans Petter Moland, alias 'il Ridley Scott della Norvegia', e Liam Neeson hanno creato .... [continua]

    Copia originale

    COPIA ORIGINALE

    Dal 36. TFF - Dal 21 Febbraio .... [continua]

    The Front Runner - Il vizio del potere

    THE FRONT RUNNER - IL VIZIO DEL POTERE

    Dal 36. Torino Film Festival - Dal 21 Febbraio .... [continua]

    Alita - Angelo della battaglia

    ALITA - ANGELO DELLA BATTAGLIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Febbraio

    "Abbiamo costruito tutto dalle nostre precedenti esperienze ....
    [continua]

    Il corriere - The Mule

    IL CORRIERE-THE MULE

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 7 Febbraio

    "Earl è stato ....
    [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    RECENSIONE - OSCAR 2019: Nominations al 'Miglior film'; 'Miglior Attore Protagonista' (Viggo Mortensen); Miglior .... [continua]

    L'esorcismo di Hannah Grace

    L'ESORCISMO DI HANNAH GRACE

    RECENSIONE - Dal 31 Gennaio .... [continua]