ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Vice-L'uomo nell'ombra

    VICE-L'UOMO NELL'OMBRA

    Aggiornamenti freschi di giornata! (10 Dicembre 2018) - 6 Nominations ai Golden Globes .... [continua]

    Un piccolo favore

    UN PICCOLO FAVORE

    Colpi di scena a cavallo di un mistero: una blogger e madre single (Anna Kendrick) .... [continua]

    Macchine mortali

    MACCHINE MORTALI

    Dal 13 Dicembre .... [continua]

    Animali fantastici: I crimini di Grindelwald

    ANIMALI FANTASTICI: I CRIMINI DI GRINDELWALD

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 15 Novembre

    "Questa storia ....
    [continua]

    First Man - Il primo uomo

    FIRST MAN - IL PRIMO UOMO

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dalla 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (29 .... [continua]

    The Children Act - Il verdetto (già 'La ballata di Adam Henry')

    THE CHILDREN ACT - IL VERDETTO

    Ancora al cinema - VINCITORE della Palma d'Oro a Cannes 2017 - Diretto .... [continua]

    Lo schiaccianoci e i Quattro Regni

    LO SCHIACCIANOCI E I QUATTRO REGNI

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Il nuovo lungometraggio live action Disney, diretto da .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Lazzaro felice

    LAZZARO FELICE

    THE BEST OF 'CINEMA SOTTO LE STELLE' (Cinema all'aperto - Estate 2018) - RECENSIONE - VINCITORE della Palma d'Oro alla 'Migliore Sceneggiatura' al 71. Festival del Cinema di Cannes - Dal 31 Maggio

    "Lazzaro Felice è la storia di una piccola santità senza miracoli, senza poteri o superpoteri, senza effetti speciali: la santità dello stare al mondo e di non pensare male di nessuno, ma semplicemente di credere negli altri esseri umani. Racconta la possibilità della bontà, che gli uomini da sempre ignorano, ma che si ripresenta e li interroga come qualcosa che poteva essere e non abbiamo voluto".
    La regista e sceneggiatrice Alice Rohrwacher

    (Lazzaro felice; ITALIA 2017; drammatico; 125'; Produz.: Tempesta/Carlo Cresto-Dina con Rai Cinema in coproduzione conAmka Films Productions/Ad Vitam Production/Pola Pandora ; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana Lazzaro felice

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Lazzaro felice

    Titolo in lingua originale: Lazzaro felice

    Anno di produzione: 2017

    Anno di uscita: 2018

    Regia: Alice Rohrwacher

    Sceneggiatura: Alice Rohrwacher

    Soggetto: Ispirato alla storia vera della Marchesa Alfonsina De Luna (nel film interpretata da Nicoletta Braschi)

    Cast: Adriano Tardiolo (Lazzaro)
    Alba Rohrwacher (Antonia adulta)
    Tommaso Ragno (Tancredi adulto)
    Luca Chikovani (Tancredi giovane)
    Agnese Graziani (Antonia giovane)
    Sergi Lòpez (Ultimo)
    Natalino Balasso (Nicola)
    Nicoletta Braschi (Marchesa Alfonsina De Luna)

    Musica: Piero Crucitti

    Costumi: Loredana Buscemi

    Scenografia: Emita Frigato

    Fotografia: Hélène Louvart

    Montaggio: Nelly Quettier

    Makeup: Ronald Haldimann

    Casting: Chiara Polizzi

    Scheda film aggiornata al: 05 Settembre 2018

    Sinossi:

    In breve:

    Quella di Lazzaro, un contadino che non ha ancora vent’anni ed è talmente buono da sembrare stupido, e Tancredi, giovane come lui, ma viziato dalla sua immaginazione, è la storia di un'amicizia. Un’amicizia che nasce vera, nel bel mezzo di trame segrete e bugie. Un’amicizia che, luminosa e giovane, è la prima, per Lazzaro. E attraverserà intatta il tempo che passa e le conseguenze dirompenti della fine di un Grande Inganno, portando Lazzaro nella città, enorme e vuota, alla ricerca di Tancredi.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Nella 'bucolica in celluloide' di Alice Rorhwacher il riscatto sociale di un'umanità non disgiunta da una spiritualità rivelata, passando per la parabola biblica e la metafora francescana.

    "Il lupo trova Lazzaro svenuto... allora si avvicina e sta per divorarlo ma sente un odore mai sentito prima. Era l'odore di un uomo buono"

    Ha un gusto del tutto speciale questa nuova pellicola di Alice Rorhwacher (Nastro d'Argento 2012 alla 'Miglior regista esordiente' per Corpo celeste, Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes 2014 per Le meraviglie), che da sempre segue un suo stile, 'indipendente', per così dire. Lo stile che ritroviamo qui, in Lazzaro felice, muovendo da uno spaccato sociale del nostro passato storico, lo status della mezzadria contadina per porgere un messaggio tanto efficace e pertinente alla società odierna. Eh si, perché la struttura sociale di oggi è ovviamente molto cambiata, ma certe regole di una giustizia equa e

    morale travalicano le epoche, i modi e i mezzi. Regole che restando immutabili e sempre attuali. Obelischi 'socio-morali' per l'eternità. Ecco, questo Lazzaro felice di Alice Rorhwacher, che si presenta con la veste di un'incantevole 'bucolica in celluloide', rappresenta proprio questo, un prezioso obelisco antico che parla alla contemporaneità con il linguaggio proprio della parabola biblica. L'inserto con San Francesco e il lupo, lampeggiante nella storia con un intermittente intercalare, nella seconda parte del film, ha questa straordinaria valenza, mentre si fa largo la visionarietà iconica della matrice spirituale celebrata nel finale. Quel lupo che corre quasi con lo sguardo puntato in macchina in un contenuto piano sequenza prima che si levino le note di un brano dedicato a Lazzaro sui titoli di coda, è di una potenza inenarrabile, da brivido. E' il momento di non alzarsi e restare seduti qualche momento per ascoltare bene le parole del brano in

    sottofondo perché fanno la differenza. Del resto tutto è sussurrato in Lazzaro felice. Nessuno urla, ma se lo fa, lo fa in silenzio. E questo, per inciso, sembra aver fatto la differenza anche al 71. Festival del Cinema di Cannes, dove Lazzaro felice si è aggiudicato la Palma d'Oro alla 'Migliore Sceneggiatura' pura a firma della stessa regista Alice Rohrwacher.

    Se esistesse un esempio in carne ed ossa di ciò che significa il biblico diktat "porgere l'altra guancia", e se questo potesse avere un nome, si chiamerebbe Lazzaro. Ed è nell'aggettivo 'felice' che si racchiude proprio l'anima del concetto. Lazzaro (Adriano Tardiolo), un giovane contadinotto candido e silente, sempre pronto ad intervenire là dove c'è bisogno. E non sempre per suonare la cornamusa per la serenata sotto la finestra in favore di una ragazza. L'aspetto lirico della 'bucolica'! Tutti lo chiamano, tutti se ne servono, e se qualche serpe umana, più

    o meno avvelenata, lo umilia e se ne approfitta, come per magia Lazzaro traduce tutto il male possibile in bene. Non a parole, con i fatti. Laconico come pochi altri, spesso rapito in un incanto introspettivo dai tratti 'spirituali' che non tarderanno a manifestarsi, Lazzaro si fa il nulla per racchiudere il tutto. Un'icona, un simbolo di eternità per il quale dunque non può valere lo scorrere del tempo. La sua immutata giovinezza lo traduce in un'ancora di salvezza adattabile a chiunque e in qualunque circostanza. Senza chiedere mai niente in cambio, senza starsi a domandare il perché. Lazzaro dona e basta, anzi, si dona, si offre fino ad immolarsi, con estrema naturalezza e con immutato candore: con la sequenza della banca monta la metafora che porta storia e personaggio ben oltre la realtà e ben oltre lo stesso significato letterale. E' il momento in cui la 'bucolica' retrocede per

    consentire alla parabola di decollare e alla spiritualità di prendere il sopravvento. Ed è il momento in cui Lazzaro assume le sembianze di una 'prospettiva'. Una prospettiva che potrebbe valere anche per la contemporaneità, che non conosce, o preferisce misconoscere, quel genere di bontà. D'altra parte, quasi più divina che umana. Ma pur sempre una 'prospettiva' in cui si annida un altro diktat biblico "se non tornerete come bambini...".

    Ma di fatto non ci sono parole per descrivere a pieno titolo quel che succede in Lazzaro felice, storia in cui non a caso dominano i silenzi, eppur storia di sopraffazione e di indegno approfitto sociale. Del cosiddetto 'Grande Inganno' si fanno coraggiosamente carico Nicoletta Braschi con la Marchesa Alfonsina De Luna, e il suo degno braccio destro. Personaggi che traducono dalla vera storia di questa marchesa, lo spirito dell'indebito sfruttamento della loro forza lavoro. La menzogna sovrasta l'ingenuità e l'innocenza

    di quel manipolo di contadini tenuti all'oscuro del fatto che la mezzadria è finita da un pezzo. Il 'grande inganno', appunto, che prosegue in altri termini una volta smascherato: docet la sequenza con il braccio destro della marchesa che da solo cerca di sfruttare e ingannare un disperato manipolo 'misto' di immigrati in cerca di lavoro. Persino il dissennato figlio della Marchesa, Tancredi (Luca Chikovani da giovane e Tommaso Ragno da adulto), disprezza la madre e i suoi metodi, e pur servendosi della incondizionata e totale generosità di Lazzaro, la bontà fatta persona al punto da rasentare la stupidità ad occhi umani, intesse con lui un'amicizia impari eppur destinata a crescere fino a diventare monumentale.

    Una bontà d'altra parte possibile e soprattutto non incomprensibile. Ci si aspetterebbe che la Chiesa fosse la prima a comprendere e invece no. La sequenza in cui Lazzaro e gli altri vengono cacciati come elemento

    di disturbo dalla suora che vuole seguire la musica d'organo è veramente forte, e lo è ancor più quando, in un successivo momento surreale, tra i più lirici, è la musica stessa a seguirli fuori dalla Chiesa. Una metafora senza limiti e confini per un messaggio lapidario dal taglio netto. E' invece l'Antonia di Alba Rorhwacher - incantevolmente 'sospesa' come solo lei riesce ad essere sul grande schermo - ad elevarsi a simbolo elettivo di comprensione e di accoglienza di quel genere di bontà. E cerca di farla propria, di seguire l'esempio di Lazzaro, di cui intravede la luce interiore. Ed è qui che la prospettiva diventa possibile. Un ideale che non può restare tale ma che può vivere nelle nostre azioni. Il dono delle paste, le migliori, pagate un occhio della testa per onorare un invito a pranzo 'disonorato' e che non avrà mai luogo è un altro dei

    climax di questa piccola perla di cinematografia italiana, temeraria ed intelligente, nutrita alla fonte dell'arte nel senso più nobile del termine. E non tanto per la comparsa dell'affresco con la località L'inviolata - nome già di per sé prezioso scrigno di significati altri - sul soffitto della villa. Persino la locandina dai tratti pittorici impressionisti, romantici, vagamente naif, racchiude il senso profondo di un film che gioca al ribasso, puntando sulla semplicità quasi elementare per raggiungere vette ed apici che molti potranno solo sognare.

    "Lazzaro corri, sei come l'acqua che scorre... Corri Lazzaro, corri, noi siamo con te"

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)







    clip 'La cena all'Inviolata':



    clip 'Camminare su un tesoro':



    - Guarda l'intera PLAYLIST su YouTube:

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di LAZZARO FELICE

    Links:

    • Alice Rohrwacher (Regista)

    • Alba Rohrwacher

    1

    Galleria Video:

    Lazzaro felice - trailer

    Lazzaro felice - clip 'La cena all'Inviolata'

    Lazzaro felice - clip 'Camminare su un tesoro'

       Clip 'Nascondino in tenuta' in Italiano di LAZZARO FELICE

       Clip 'Ululare al lupo' in Italiano di LAZZARO FELICE

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Alpha - Un'amicizia forte come la vita

    ALPHA - UN'AMICIZIA FORTE COME LA VITA

    RECENSIONE - Ambientato 20mila anni fa, durante l'ultima Era glaciale, Alpha racconta un'avvincente storia di .... [continua]

    Colette

    COLETTE

    36. TFF - Keira Knightley nei panni dell'iconica scrittrice francese Colette - RECENSIONE - .... [continua]

    Bohemian Rhapsody

    BOHEMIAN RHAPSODY

    Tra i più attesi!!! - Un racconto realistico ed elettrizzante degli anni precedenti alla .... [continua]

    Roma

    ROMA

    RECENSIONE - LEONE d'ORO alla 75. Mostra del Cinema di Venezia - Con .... [continua]

    Se son rose

    SE SON ROSE

    RECENSIONE - Dal 29 Novembre

    "... una figlia quindicenne vede che il padre ha ....
    [continua]

    Troppa grazia

    TROPPA GRAZIA

    RECENSIONE - VINCITORE del Premio Label di Europa Cinémas al Festival del Cinema .... [continua]

    Morto tra una settimana (o ti ridiamo i soldi)

    MORTO TRA UNA SETTIMANA (O TI RIDIAMO I SOLDI)

    RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema di Roma (18 - 28 ottobre 2018 .... [continua]