ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Dogman

    DOGMAN

    Aggiornamenti freschi di giornata! (20 maggio 2018) - 71. Cannes - Concorso - .... [continua]

    En guerre

    EN GUERRE

    New Entry - 71. Cannes - Concorso

    "Sono sempre stato un uomo ....
    [continua]

    Under the Silver Lake

    UNDER THE SILVER LAKE

    New Entry - 71. Cannes - Concorso - USA: Dal 22 Giugno
    [continua]

    Euforia

    EUFORIA

    71. Cannes - Un Certain Regard .... [continua]

    The House That Jack Built

    THE HOUSE THAT JACK BUILT

    71. Cannes - Fuori Concorso - Il regista Lars von Trier definisce la pellicola .... [continua]

    Lazzaro felice

    LAZZARO FELICE

    New Entry - 71. Cannes - Concorso - Dal 31 Maggio

    "Lazzaro ....
    [continua]

    Wildlife

    WILDLIFE

    Cannes 71. - La Semaine de la Critique - Nel debutto alla regia dell’attore .... [continua]

    BlacKkKlansman

    BLACKKKLANSMAN

    New Entry - 71. Cannes - Concorso - USA: Dal 10 Agosto .... [continua]

    Papa Francesco - Un uomo di parola

    PAPA FRANCESCO-UN UOMO DI PAROLA

    Cannes 71 - Sezione Speciale .... [continua]

    Everybody Knows

    EVERYBODY KNOWS

    Cannes 71. - Film di APERTURA - Coppia nella vita e nuovamente sul set .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Loro 2

    LORO 2

    RECENSIONE - Dal 10 maggio

    "Il mio sguardo rispetto a quel periodo storico e a quel personaggio sta nel tono che ho adoperato e in una parola che è tornata nel linguaggio corrente: la tenerezza. Non avevo nessuna voglia di puntare il dito contro nessuno, sarebbe stato pretenzioso e presuntuoso. Sono convinto che un film o un libro, a dispetto della cronaca emotiva, irrazionale e nervosa, debbano essere gli ultimi avamposti della comprensione... Il punto di partenza, comunque, è stata la storia d'amore di una coppia anche se poi il film prende altre direzioni (...). È uno sguardo nei dolori e nelle paure, in cui non ci sono vinti né vincitori, né si può condannare chi si trova in difficoltà, specchio dell'universo in cui viviamo".
    Il regista e co-sceneggiatore Paolo Sorrentino

    (Loro 2; ITALIA/FRANCIA 2017; Biopic; 100'; Produz.: Indigo Film/Pathé/France 2 Cinéma; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana Loro 2

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: Loro 2

    Titolo in lingua originale: Loro 2

    Anno di produzione: 2017

    Anno di uscita: 2018

    Regia: Paolo Sorrentino

    Sceneggiatura: Paolo Sorrentino e Umberto Contarello

    Cast: Toni Servillo (Silvio Berlusconi/Ennio)
    Elena Sofia Ricci (Veronica Lario)
    Riccardo Scamarcio (Sergio Morra)
    Kasia Smutniak (Kira)
    Euridice Axén (Tamara)
    Fabrizio Bentivoglio (Santino Recchia)
    Roberto De Francesco (Fabrizio Sala)
    Dario Cantarelli (Paolo Spagnolo)
    Anna Bonaiuto (Cupa Caiafa)
    Giovanni Esposito (Mariano)
    Ugo Pagliai (Mike Bongiorno)
    Ricky Memphis (Riccardo Pasta)
    Lorenzo Gioielli (Senatore Valori)
    Alice Pagani (Stella)
    Caroline Tillette (Violetta Saba)
    Cast completo

    Musica: Lele Marchitelli

    Costumi: Luca Canfora e Carlo Poggioli

    Scenografia: Stefania Cella

    Fotografia: Luca Bigazzi

    Montaggio: Cristiano Travaglioli

    Effetti Speciali: Fabio Traversari (supervisore)

    Makeup: Katia Sisto

    Casting: Annamaria Sambucco

    Scheda film aggiornata al: 17 Maggio 2018

    Sinossi:

    In breve:

    Un film sulla vita di Silvio Berlusconi.

    Short Synopsis:

    A film about the life of Silvio Berlusconi

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    "L'altruismo è il miglior modo per essere egoisti"

    Ci eravamo lasciati sull'ultima nota del pentagramma: la battuta sullo 'smandibolamento' che Paolo Sorrentino sembra aver ereditato da Crozza per poi rimpastarla a modo suo. E, come avevo intuito - abbastanza irritata per la litanìa dello 'sniffa e fotti' inscenato ad oltranza nell'atto 1° - Sorrentino riequilibra il tutto nell'atto secondo di Loro, con un ribaltamento di primi piani, occupandosi ben poco di 'Loro' e molto più di 'Lui' - si, 'lui, lui', come sempre - lasciando all'immaginazione, d'altra parte già ben nutrita fino all'indigestione nel 1° atto, la tanto vociferata sfera 'bidimensionale' del 'bunga, bunga'. E non poteva essere altrimenti. Pena la bocciatura piena di Sorrentino sul pianeta filmico 'Silvio Berlusconi e dintorni'.

    Scende di qualche gradino l'apertura del numero 2: la depilazione inguinale a bordo piscina non regge il livello delle sequenze della pecora nel prologo del numero 1. Ma non

    bisogna dimenticare un aspetto fondamentale: Paolo Sorrentino ha evidentemente concepito Loro come un dittico e come tale deve essere visto. E a pensarci bene non fa una piega, per quanto si possa inveire contro l'inguardabile primo atto, sul quale Sorrentino sembra aver giocato davvero un pò troppo. In pratica il 'bunga bunga' c'è stato. Solo che è stato più un vizio di forma di 'loro', squallidi depravati arrivisti protesi verso 'lui' come lucci assetati di uno spicchio di quel potere, di quel denaro - il più possibile! che tanto non guasta e non basta mai! - e di quella vita ritenuta 'bella' ma che poi ai dati di fatto è la più brutta che si possa desiderare. Una parabola in falsa ascesa tendente per suo connaturato istinto al grafico discendente con possibile, rovinosa, o persino rovinosissima, caduta. E non entro neppure nel merito di quel giochetto all'insegna dello smascheramento di

    chi è cosa: la caccia all'identità è una pura perdita di tempo dal punto di vista critico ed interesserà semmai quei politici e quelle olgettine che in questo ritratto spietato e ributtante si potranno specchiare. E' inutile, perché la bellezza sagace, lapidaria e devastante come il gas nervino, della sceneggiatura, pur chiaramente ad personam, riesce a portarsi ben oltre per andare a massacrare un'umanità a più ampio spettro, decadente e dall'etica inesistente, passando dal marciume della politica alla putrefazione di un rapporto matrimoniale in via di decomposizione naturale: si dice di quello di Silvio Berlusconi (Toni Servillo è qui nel doppio ruolo di Berlusconi e di Ennio) e Veronica Lario (Elena Sofia Ricci), che nel film si vorrebbe far funzionare come cartina tornasole di una società, in generale, fondamentalmente cambiata - verrebbe da aggiungere in peggio ma lasciamo stare il discorso sarebbe troppo lungo e complesso! - in cui molte,

    anzi moltissime - decisamente troppe - altre coppie scoppiano. Problemi di donne e di uomini dell'oggi (lo stesso Sorrentino ed Elena Sofia Ricci hanno dichiarato all'unisono) ma a dispetto anche di quella didascalia liberatoria posta nuovamente a tutelare possibili guai legali in vista, lo sguardo si appunta di fatto su una vicenda politica ed umana personali, anzi personalissime e tanto imbarazzanti.

    Ad aprire veramente le cortine dell'atto secondo non ci sembra poi neppure quell'incidentale depilazione inguinale, quanto piuttosto quella sorta di lungo monologo che Toni Servillo nelle vesti di Ennio ha messo in scena di fronte a se stesso nei paramenti di Silvio Berlusconi. Forte di una sceneggiatura pirotecnica e oltremodo illuminante Servillo serve nell'occasione un cocktail effervescente di verità, argomentando sulla dote di persuasione quale pilastro della politica berlusconiana. Una lezione ben appresa dallo stesso Ennio, al punto da potersi permettere di spalmare consigli per dissolvere la depressione di

    Silvio: consigli sul da farsi per 'comprare' quei sei senatori mancanti alla conta, per poter di nuovo avere la maggioranza e governare il Paese. Le dinamiche successive visualizzano in modo tragicomico il chi, come e quando. E Sorrentino, cineasta graffiante per contenuto ed immagini, conta per Berlusconi servendosi della grafica. Ci si avvia così verso un ritratto di persona che emana un irresistibile profumo di potere, speculare ad una profonda solitudine interiore. L'ombra lunga della definitiva separazione dalla moglie Veronica (Elena Sofia Ricci qui in un nudo integrale che canta lirica esistenziale) incombe e pesa più di quanto mai immaginato. Ma Silvio/Servillo continua ad apparire sempre più irresistibile agli occhi di chi desidera ardentemente qualcosa che non può ottenere da solo: ne sa qualcosa il Sergio Morra di Riccardo Scamarcio che gli gira attorno come un moscone sulla cacca con velleità di raggiungere il Parlamento Europeo e lo sa altrettanto

    bene il coro di olgettine che orbita nella sua area gravitazionale, nella speranza di aprire un varco preferenziale nella strada al successo personale, in tv o al cinema, se non proprio in quel Parlamento da 'svecchiare' così come loro promesso dal Cavaliere, preziosi regali alla mano: la parata di collanine d'oro con pendente a farfalla docet, mentre il tocco allegorico decolla su significati altri. La scelta della farfalla non è affatto casuale ma ben studiata e opportunamente esibita!

    Qualche festa più o meno moderatamente 'orgiastica' non poteva d'altra parte mancare per non interrompere del tutto il filo con il primo atto (la minestra è ancora lì che deborda dalla pentola). Dopo aver intinto nello split screen per certe dinamiche di produzione e di casting televisivo e cinematografico (vedi come e chi si aggiudica il ruolo di Lady D), a documento del Berlusconi imprenditore, ci sorge un dubbio. Per caso Paolo

    Sorrentino segue attentamente la trasmissione 'Fratelli di Crozza'? Sembra difatti che la citazione dello 'smandibolamento' si trovi in buona compagnia: questa volta l'omaggio si appunta sul balletto cantato sulle note del ritornello "Meno male che Silvio c'è" e sui 'micro pisolini' del Cavaliere. A detta di Sorrentino il suo ritratto di Silvio Berlusconi trasuda tematiche universali - che poi sono al contempo, in altro modo, naturalmente anche l'ossessione del regista e dell'essere umano in senso lato - vale a dire la tristezza che accompagna lo sfiorire della giovinezza - non è questo un problema solo femminile! - e la paura della morte. La ripresa da tergo del Cavaliere annoiato di fronte al balletto osé delle nuove e vecchie olgettine, il 'micro pisolino' nel bel mezzo di un ballo, il continuo arrampicarsi sugli specchi - vedi ad esempio le umoristiche sequenze assestate sulla telefonata che inscena una falsa compravendita immobiliare per

    tastare la propria capacità di persuasione - si piazzano non troppo lontano dalle sponde della consapevolezza. La consapevolezza di una decadenza ineluttabile che non contempla compravendita alcuna. Sono questi solo alcuni dei tratteggi di cui Sorrentino si serve per incoraggiare venti di malinconica solitudine, vuoto e povertà interiori a dispetto di cotanta ostentata ricchezza. E due confronti cruciali con due donne diverse per età e temperamento non faranno che peggiorare lo stato d'animo per quanto non lo si voglia dare a vedere. Il confronto con la giovane Stella (Alice Pagani) che con un gentile candore spiazzante sbatte in faccia al cavaliere la dura realtà, rifiutandone le avances: dal modo patetico di togliersi le scarpe allineate al fianco del letto, alla siderale differenza di età (lei 20 anni lui 70), all'alito che è uguale a quello di suo nonno, tanto per fare qualche esempio. E se in questa circostanza la sceneggiatura

    schiaffeggia già abbastanza il Cavaliere come merita, è nulla comparato al secondo confronto, quello più duro e lacerante, con la moglie Veronica (Ricci). Un duello verbale tra i più cruenti, per una resa dei conti in cui i due coniugi si smascherano a vicenda, malgrado il male che sentono nello staccare la maschera incollata sul volto. Duello verbale di cui Sorrentino si serve per dare pane al pane e vino al vino e qui, le generalizzazioni sembrano funzionare ben poco: le frecciatine avvelenate che mirano al bersaglio di un certo modo di fare, imbrogliando le carte, in famiglia tanto quanto in politica, finiscono per avere la meglio e non sbagliano indirizzo per la consegna a domicilio.

    Direi che mi sono dilungata abbastanza nella digressione per scoperchiare i coperchi della pentola numero due, ma vado subito a riacciuffare la dimensione dittico del doppio film, su cui si potrebbe scrivere un libro più

    che una recensione, tanto è poliedrico il carnet di ritratti qui dipinti da Sorrentino: vale a dire il recupero di un equilibrio d'insieme considerando Loro (1) e (2) come un'unica finestra con due imposte aperte sul medesimo panorama. Un dittico, appunto. E se lo guardiamo in questo modo diventa trascurabile l'avvio del secondo atto, perché conta sempre quello del primo mentre come finale dell'insieme vale quello del secondo. Ed è da manuale! Se vi eravate già stupiti con il folgorante inizio dell'atto primo, aspettatevi uno tsunami emotivo con il finale del secondo. Quel Crocifisso riesumato dalle macerie del ben noto terremoto de L'aquila in Abruzzo, lento ed ossequioso da renderlo quasi una preghiera collettiva partecipata dalla stessa gru, e quella lunga carrellata in piano sequenza appuntata sui volti rurali e segnati di tutte quelle persone in silenzio, si eleva in vetta quale uno dei brani più potenti della cinematografia, oltre

    che farsi portavoce del miglior tocco artistico di Paolo Sorrentino. Quello che sbatte porte invisibili, aprendo ora sulla metafora ora sulla realtà, e che ne dilata la portata fino a renderle un unicum. Un universo umano autentico che trasmuta in un'attesa perenne come la neve ad alta quota. L'attesa di poter recuperare le proprie cose e i piccoli momenti di tutti i giorni che rappresentano l'anima di vite semplici ma dignitose. L'attesa di poter di nuovo rialzare lo sguardo verso un futuro. E poi si dice che i politici non mantengono le promesse! Beh, almeno due il Berlusconi di Servillo le ha mantenute: il regalo di una nuova dentiera all'anziana signora e il recupero del Crocifisso richiesto a gran voce dalla gente. Che tenerezza! Forse l'unica nota che rischia di suonare sarcastica quando contestualizzata. Sorrentino è un maestro nel giocare con queste cose: se guardate a cosa lega il crollo

    degli edifici che ritraggono il terremoto, realistico e metaforico al contempo - la parola macerie d'altra parte si sposa bene con molte cose! - capirete cosa intendo dire. Nessun giudizio. Eppure quel Crocifisso riesumato dalle macerie e su di queste adagiato sembra aver molto da dire. Solo un telo come lenzuolo. Ed è rosso sangue.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)





    clip 'Museo':



    clip 'Torna presto':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di LORO 2

    Links:

    • Paolo Sorrentino (Regista)

    • Anna Bonaiuto

    • Kasia Smutniak

    • Riccardo Scamarcio

    • Toni Servillo

    • Elena Sofia Ricci

    • Ricky Memphis

    • Euridice Axén

    1 | 2

    Galleria Video:

    Loro 2 - trailer

    Loro 2 - clip 'Museo'

    Loro 2 - clip 'Torna presto'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Loro 1

    LORO 1

    RECENSIONE - Toni Servillo è Silvio Berlusconi nel biopic 'immaginifico' di Paolo Sorrentino - Dal .... [continua]

    Loro 2

    LORO 2

    RECENSIONE - Dal 10 maggio

    "Il mio sguardo rispetto a quel periodo storico e ....
    [continua]

    Show Dogs - Entriamo in scena

    SHOW DOGS - ENTRIAMO IN SCENA

    Folle 'spy comedy canina' con un cast vocale italiano 'all star' - Dal 10 maggio .... [continua]

    A Beautiful Day

    A BEAUTIFUL DAY

    RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Premio alla 'Migliore Sceneggiatura' (Lynne Ramsay) e .... [continua]

    L'isola dei cani

    L'ISOLA DEI CANI

    RECENSIONE - Dalla 68. Berlinale (15-25 Febbraio 2018) - Ambientato in Giappone nel 2037, .... [continua]

    Game Night - Indovina chi muore stasera?

    GAME NIGHT - INDOVINA CHI MUORE STASERA?

    RECENSIONE - Dal 1° Maggio .... [continua]

    Avengers: Infinity War

    AVENGERS: INFINITY WAR

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 25 Aprile

    "Sono ....
    [continua]