ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Cetto c'è, senzadubbiamente

    CETTO C'E', SENZADUBBIAMENTE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 Ottobre 2019) - Il grande ritorno al cinema di .... [continua]

    L'ufficiale e la spia

    L'UFFICIALE E LA SPIA

    VINCITORE del Leone d'Argento - Gran Premio della Giuria - a Venezia 76. .... [continua]

    Light of My Life

    LIGHT OF MY LIFE

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Sez. Alice nella Città - .... [continua]

    Terminator - Destino oscuro

    TERMINATOR - DESTINO OSCURO

    Ancora al cinema - Siete sopravvissuti al Giorno del Giudizio. Benvenuti nel nuovo mondo. .... [continua]

    La famiglia Addams

    LA FAMIGLIA ADDAMS

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - [continua]

    Maleficent - Signora del male

    MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - ANTEPRIMA EUROPEA alla [continua]

    Joker

    JOKER

    Ancora al cinema - VINCITORE del LEONE D'ORO DI VENEZIA 76 - [continua]

    Doctor Sleep

    DOCTOR SLEEP

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Sequel della storia di Danny Torrance, a 40 .... [continua]

    Downton Abbey

    DOWNTON ABBEY

    Ancora al cinema - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 Ottobre .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Don't Worry

    DON'T WORRY

    Dalla 68. Berlinale (15-25 Febbraio 2018 - Joaquin Phoenix su una sedia a rotelle nel biopic sul fumettista John Callahan per Gus Van Sant (Will Hunting-Genio ribelle...) - RECENSIONE - Dal 29 Agosto

    "Il mio solo metro di giudizio per comprendere se mi sono spinto troppo oltre lo trovo in persone costrette sulla sedia a rotelle o che hanno uncini al posto delle mani. Come me non ne possono più di quelli che pretendono di parlare in nome dei disabili. Di tutta quella pietà e paternalismo. Questo è ciò che va veramente detestato".
    John Callahan

    Nelle versioni precedenti dell’adattamento ci eravamo presi molte libertà e il film sarebbe stato molto più stravagante del libro, forse perché Robin (Williams, cui inizialmente era destinato il ruolo) avrebbe interpretato Callahan. Credo anche che cercassimo di conformarci troppo alla sua vita. Ma il libro è molto potente e, alla fine, mi sono concentrato principalmente su uno solo dei capitoli, quello che parla del tentativo di John di guarire dall’alcolismo".
    Il regista e sceneggiatore Gus Van Sant

    (Don't Worry, He Won't Get Far on Foot; USA 2018; Biopic drammatico; 113'; Produz.: Anonymous Content/Big Indie Pictures/Iconoclast; Distribuz.: Adler Entertainment)

    Locandina italiana Don't Worry

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Don't Worry

    Titolo in lingua originale: Don't Worry, He Won't Get Far on Foot

    Anno di produzione: 2018

    Anno di uscita: 2018

    Regia: Gus Van Sant

    Sceneggiatura: Gus Van Sant

    Soggetto: Tratto da una storia vera, questo emozionante, acuto e spesso divertente dramma sul potere curativo dell’arte è tratto dall’autobiografia di Callahan. Il biopic è tratto dalle memorie di John Callahan Don't Worry, He Won't Get Far on Foot. Storia di John Callahan, Gus Van Sant, Jack Gibson e William Andrew Eatman.

    Dopo un grave incidente automobilistico John Callahan cerca con tutte le sue forze di guarire
    dall’alcolismo attraverso il potere curativo dell’arte. Benché le sue mani siano gravemente ferite inizia a
    disegnare divertenti e controverse vignette satiriche, che gli procurano moltissimi ammiratori in tutto il mondo e gli regalano una nuova speranza nella vita.

    Preliminaria - L'idea e il ruolo mancato di Robin Williams:

    L’idea di trarre un film dalla straordinaria storia del vignettista John Callahan venne in mente a Gus
    Van Sant per la prima volta, circa 20 anni fa, quando ricevette l’offerta di dirigere la pellicola dall’attore Robin Williams. Williams - che aveva lavorato con Van Sant nel film drammatico candidato agli Oscar, Will Hunting Genio Ribelle - aveva, infatti, comprato i diritti del memoir scritto da Callahan, intitolato Don’t Worry, He Won’t Get Far on Foot. L’attore era interessato a produrre il film e a interpretare il ruolo di questo pittoresco personaggio di Portland, e voleva che Van Sant scrivesse la sceneggiatura e dirigesse il film... Williams, che nel 1994 aveva acquistato l’opzione dei diritti del libro di Callahan, desiderava interpretare questo ruolo, in parte, anche per rendere omaggio al suo amico, l’attore Christopher Reeve, che era rimasto paralizzato in seguito a una caduta da cavallo... Van Sant ha collaborato con diversi co-sceneggiatori nel corso degli anni ‘90 e 2000, sviluppando numerose versioni della sceneggiatura, ma poi il film non è mai decollato... Nel 2014, dopo la morte di Williams, Van Sant decise di fare un altro tentativo riscrivendo la sceneggiatura, questa volta attenendosi più fedelmente al libro.

    Cast: Joaquin Phoenix (John Callahan)
    Jonah Hill (Donnie)
    Rooney Mara (Annu)
    Jack Black (Dexter)
    Beth Ditto (Reba)
    Olivia Hamilton (Infermiera Lilly)
    Udo Kier (Hans)
    Kim Gordon (Corky)
    Carrie Brownstein (Suzanne)
    Emilio Rivera (Jesus Alvarado)
    Ken Tatafu (Bill sulla sedia a rotelle)
    Angelique Rivera (Terry Alvarado)
    Rebecca Rittenhouse (Bonnie)
    Anne Lane (Virginia)
    Rebecca Field (Margie Bighew)

    Musica: Danny Elfman

    Costumi: Danny Glicker

    Scenografia: Jahmin Assa

    Fotografia: Christopher Blauvelt

    Montaggio: David Marks e Gus Van Sant

    Makeup: Nana Fischer (direttrice)

    Casting: Kathy Driscoll e Francine Maisler

    Scheda film aggiornata al: 27 Settembre 2018

    Sinossi:

    In breve:

    John Callahan (Joaquin Phoenix) ebbe una vita molto tormentata: all'età di 12 anni divenne un alcolista e poco dopo divenne anche tossicodipendente. A 21 anni, a causa di un grave incidente automobilistico, divenne paralitico e costretto a vivere su una sedia a rotelle. In questa condizione decise di sfruttare l'uso delle mani e divenne fumettista.

    In altre parole:

    John Callahan (Joquin Phoenix) è un uomo che ama la vita, dotato di uno humour spesso fuori luogo e con un grave problema di alcolismo. Dopo che rimane vittima di un tragico incidente stradale causato da una sbornia
    notturna, l’ultima cosa che John vuole fare è smettere di bere. Eppure, sebbene controvoglia, accetta di
    entrare in terapia, incoraggiato dalla sua ragazza (Rooney Mara) e da un carismatico sponsor (Jonah Hill). In
    questo contesto, Callahan scopre di avere un grande talento nel disegnare vignette satiriche e irriverenti. Ben
    presto i suoi lavori vengono pubblicati su un quotidiano, procurandogli un vasto numero di ammiratori in
    tutto il mondo e regalandogli nuove prospettive di vita.

    In dettaglio:

    John Callahan (Joaquin Phoenix) è una specie di scansafatiche che vive a Portland. Il giorno prima di perdere
    definitivamente l’uso delle gambe, John si sveglia privo dei postumi di una sbornia, ma solamente perché è
    ancora sbronzo dalla notte precedente. Quella notte, ad una festa alquanto scatenata conosce il perfetto
    compagno di bevute (Jack Black), che lo convince ad andare a una festa ancora più folle. Ma il suo nuovo
    amico si addormenta al volante e John si risveglia costretto su una sedia a rotelle, e avendo perso l’uso parziale
    delle braccia. Anche se, inizialmente, non ha alcuna intenzione di rimanere sobrio, partecipa controvoglia a
    degli incontri in 12 fasi condotti da uno carismatico e appassionato sponsor di nome Donnie (Jonah Hill).
    Allo stesso tempo, riallaccia i rapporti con Annu (Rooney Mara), una terapista che aveva conosciuto in
    ospedale. Grazie al loro incoraggiamento, John si rende conto che l’amore non è al di fuori della sua portata e
    inizia a scoprire un talento nascosto per il disegno. Comincia così a canalizzare la sua giocosa personalità in
    vignette salaci, sboccate, politicamente scorrette, e spesso anche divertenti, che gli fanno ottenere un vasto
    seguito a livello internazionale.
    Synopsis:

    On the rocky path to sobriety after a life-changing accident, John Callahan discovers the healing power of art, willing his injured hands into drawing hilarious, often controversial cartoons, which bring him a new lease on life.

    After Portland slacker John Callahan (Joaquin Phoenix) nearly loses his life in a car accident, the last thing he intends to do is give up drinking. But when he reluctantly enters treatment - with encouragement from his girlfriend (Rooney Mara) and a charismatic sponsor (Jonah Hill) - Callahan discovers a gift for drawing edgy, irreverent newspaper cartoons that develop a national following and grant him a new lease on life. Based on a true story, this poignant, insightful and often funny drama about the healing power of art is adapted from Callahan's autobiography and directed by two-time Oscar® nominee Gus Van Sant. Jack Black, Carrie Brownstein, Beth Ditto and Kim Gordon also star

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Ci commuovono i ringraziamenti speciali sui titoli di coda a Robin Williams, il primo che in passato aveva preso a cuore il progetto ed il primo attore cui era destinato il ruolo da protagonista del vignettista John Callahan, sulla base delle memorie della persona - Don't Worry, He Won't Get Far on Foot - da cui far nascere il personaggio. E sempre Robin Williams è stato colui che ha cercato Gus Van Sant, con cui aveva già condiviso la meravigliosa esperienza di Will Hunting-Genio ribelle, per affidargli la regia di Don't Worry. Chi non conosce - senza peraltro continuare a rimpiangere - l'immortale anima cangiante di Robin Williams? Una carriera divisa tra commedia e dramma, tra sorrisi e lacrime, prima di decidere di assegnare la palma d'oro della tragedia al tristissimo finale della sua stessa vita. Ed essendo informati di questo, andando a vedere oggi il Don't Worry di Gus

    Van Sant che ha sostituito l'insostituibile Robin Williams con Joaquin Phoenix, sentiamo inequivocabilmente la discreta presenza spirituale di Williams aleggiare qua e là, di fotogramma in fotogramma, sull'onda della singolare interiorità di John Callahan, per l'appunto cangiante tra i due opposti versanti. Non per finzione, ma per gli effetti vividi di una storia vera, palpitante come poche a cavalcioni di un dramma al quadrato: un'esistenza di per sé non facile, ripiegata rovinosamente sull'alcool dall'età di tredici anni, e un incidente d'auto in stato di ubriachezza che lo riduce su una sedia a rotelle e pure con l'uso parziale di un arto superiore. Vedere come Callahan sia riuscito ad uscire dal tunnel della dipendenza dall'alcool fino ad eccellere come vignettista umorista, dunque disegnando e creando didascalie comiche quanto irriverenti alle sue immagini, è già di per sé una storia che doveva prima o poi raggiungere il grande schermo. E non si

    poteva scegliere migliore sostituto come interprete! Ben conosciamo il raggio d'azione e la portata attoriale di Joaquin Phoenix che a Robin Williams ha reso qui indubbiamente un omaggio di rilievo, per quanto a mio avviso ben consapevole di non avere possibilità alcuna di replicare la performance mancata del suo illustre nume e poeta della celluloide, passato a miglior vita per scelta.

    Il resto ce lo ha messo Gus van Sant (Paranoid Park, Milk, L'amore che resta, Promised Land, La foresta dei sogni) che ha cercato di fare del suo meglio per unire vita e arte del personaggio e non solo. Lasciandosi forse prendere la mano più dal problema a carattere sociale dell'alcoolismo e dei suoi effetti che non da tutto il resto. Non a caso buona parte dell'ossatura del film inizia e si muove per sedute all'anonima alcoolisti, dove prendono avvio altre testimonianze prima che si arrivi a John Callahan.

    Ma il montaggio completa il resto dell'impalcatura corporea del film con la celebrazione della vittoria personale al meeting tra applausi e solidale affetto, oltre che stima sul piano artistico. Sensazionale l'effetto dell'intersecarsi delle vignette in corso d'opera, con certi assaggi di vita del personaggio, mentre singolari split screen senza cornice su vari momenti del personaggio, ne frantumano la vita in piccole tessere che vanno miracolosamente a ricomporsi proprio attraverso quell'emozionante emozionante puzzle di fotogrammi esistenziali in orizzontale. Ma il punto di vista diventa in effetti la priorità cinematografica di Gus Van sant in Don't Worry: e certi arditi scorci visivi in primissimo piano, ad esempio dell'interrelazione post incidente tra Callahan in ospedale costretto su un letto ruotante e l'assistente sociale Annu (eterea e delicata Rooney Mara in versione bionda), ne rappresentano una esaustiva dimostrazione.

    Se d'altra parte tra ironia, frustrazione e commozione, personaggio, storia e taglio del racconto, hanno ognuno

    il loro pregio, si resta con la sensazione che per certi aspetti si sia sfrondato fin troppo, al punto da rendere ininfluente l'accenno. Lo stesso ruolo di Rooney Mara in Annu è ad esempio ristretto a poco più che ad un incidente di percorso. Van Sant ha preferito semmai intersecare il problema dell'alcoolismo di Callahan ed altri, con un altro problema personale e sociale di un compagno di viaggio in seno alla riabilitazione di Callahan e in particolare del suo 'spirito guida': vedi il Donny di Jonah Hill, incastonato nell'omosessualità, non senza tragiche conseguenze, ma che la sceneggiatura carica di riflessioni filosofiche esistenziali sulla persona e su quell'entità superiore cui è consigliabile affidarsi come imprescindibile sostegno. Quel Dio cui cambiamo nome per sentirlo più vicino e familiare - Roberto Benigni lo chiamava Guido, Gus Van Sant si serve del suo Donny per chiamarlo Chaki o qualcosa del genere - immateriale

    e senza forma, invisibile e pur presente, che capita di identificare con quel qualcuno o quel qualcosa con nome e volto cui teniamo di più, ognuno nella propria vita. Ma questo Don't Worry, alla fine illustra e rivela, senza darlo neppure troppo a vedere, lasciandolo occhieggiare tra le righe, sia pure con una certa frequenza, tutto il potere curativo dell’arte: nel caso di Callahan - figlio di una madre mai conosciuta che d'altra parte non lo voleva - la vignetta umorale, ispirata al vero del suo mondo così come di tutti quegli universi paralleli che ci girano intorno ogni giorno. Un esemplare percorso di redenzione in cui perdonare gli altri non basta, se non si arriva a perdonare anche se stessi.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)








    clip 'Non andrà lontano a piedi':



    clip 'Porcellini':



    clip 'Raccontaci una storia':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di DON'T WORRY

    Links:

    • Gus Van Sant (Regista)

    • Rooney Mara

    • Joaquin Phoenix

    • Jonah Hill

    1 | 2

    Galleria Video:

    Don't Worry - trailer

    Don't Worry - trailer (versione originale) - Don't Worry, He Won't Get Far on Foot

    Don't Worry - cip 'Non andrà lontano a piedi'

    Don't Worry - cip 'Porcellini'

    Don't Worry - cip 'Raccontaci una storia'

    Don't Worry - intervista video a Joaquin Phoenix 'John Callahan' - Parte I (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    The Report

    THE REPORT

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Dal Sundance Film Festival 2019; dal .... [continua]

    Zombieland - Doppio colpo

    ZOMBIELAND - DOPPIO COLPO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Parasite

    PARASITE

    VINCITORE della PALMA d'ORO al 72. Festival del Cinema di Cannes - RECENSIONE .... [continua]

    Motherless Brooklyn - I segreti di una città

    MOTHERLESS BROOKLYN-I SEGRETI DI UNA CITTA'

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Edward Norton si fa .... [continua]

    Le ragazze di Wall Street

    LE RAGAZZE DI WALL STREET

    RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di Roma (Auditorium Parco della Musica, 17-27 .... [continua]

    The Irishman

    THE IRISHMAN

    Dalla 14. Festa del Cinema di Roma - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    L'uomo del labirinto

    L'UOMO DEL LABIRINTO

    Ancora al cinema - Tra i più attesi!!! - Dustin Hoffman e Toni .... [continua]