ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Under the Silver Lake

    UNDER THE SILVER LAKE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (19 febbraio 2019) - Dal 71. Festival del Cinema .... [continua]

    Cocaine: La vera storia di White Boy Rick

    COCAINE: LA VERA STORIA DI WHITE BOY RICK

    New Entry - La vera storia di Richard Wershe Jr, 'White Boy Rick' (Richie .... [continua]

    Un uomo tranquillo

    UN UOMO TRANQUILLO

    Come Hans Petter Moland, alias 'il Ridley Scott della Norvegia', e Liam Neeson hanno creato .... [continua]

    Copia originale

    COPIA ORIGINALE

    Dal 36. TFF - Dal 21 Febbraio .... [continua]

    The Front Runner - Il vizio del potere

    THE FRONT RUNNER - IL VIZIO DEL POTERE

    Dal 36. Torino Film Festival - Dal 21 Febbraio .... [continua]

    Mia e il leone bianco

    MIA E IL LEONE BIANCO

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 17 Gennaio

    "Ho incontrato Gilles de ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Vice - L'uomo nell'ombra

    VICE - L'UOMO NELL'OMBRA

    OSCAR 2019: 8 Nominations, al 'Miglior Film'; 'Miglior Regista' (Adam McKay); 'Miglior Attore Protagonista' (Christian Bale); 'Miglior Attore Non Protagonista' (Sam Rockwell); 'Miglior Attrice Non Protagonista' (Amy Adams); 'Miglior Sceneggiatura Originale' (Adam McKay); 'Hair & Make up'; 'Montaggio' - RECENSIONE - VINCITORE di un GOLDEN GLOBE al 'Migliore Attore in un Film Commedia o Musicale (Christian Bale) - 6 Nominations ai Golden Globes 2019: 'Miglior Film nella categoria Commedia o Musicale'; 'Miglior Regista' (Adam McKay); 'Miglior Sceneggiatura' - (Adam McKay); 'Miglior Attore Protagonista in un film Commedia o Musicale' (Christian Bale); 'Miglior Attore Non Protagonista' (Sam Rockwell); 'Miglior Attrice Non Protagonista' (Amy Adams) - La pellicola segue la storia di Dick Cheney (Christian Bale), dalla sua ascesa politica fino al ruolo di vicepresidente degli Stati Uniti d'America - Dal 3 Gennaio

    "Non sapevo molto di Dick Cheney, ma quando ho iniziato a leggere di lui, ne sono rimasto affascinato, da ciò che lo aveva guidato, da quali fossero le sue convinzioni. Più continuavo a leggere e più rimanevo sbalordito dal modo scioccante in cui Cheney arrivò al potere e quanto avesse influito sull'attuale ruolo degli Stati Uniti nel mondo... Senza dubbio, è stata la natura ambiziosa di Lynne a trasformare Dick Cheney. Quelli che allora la conoscevano, dicevano che chiunque l’avrebbe sposata avrebbe fatto molta strada. In caso contrario, Dick sarebbe finito a vivere una vita tranquilla nel Wyoming, come i suoi fratelli... Aveva cervello e ambizione, ma si rese conto che, essendo una donna, certe porte per lei erano chiuse. Anche se avrebbe potuto manovrare da sola le leve del potere, sapeva come fare in modo che qualcuno le manovrasse per lei... Questo è stato un capitolo gigantesco della storia politica degli Stati Uniti che non ritengo sia mai stato completamente analizzato sul grande schermo. Un tassello essenziale del puzzle che ci fa capire come siamo arrivati in questo momento storico, in cui il consenso politico è raggiunto attraverso la pubblicità, la manipolazione e la disinformazione. E Dick Cheney era l'uomo al centro di tutto questo".
    Il regista e sceneggiatore Adam McKay

    (Vice (già 'Backseat'); USA/REGNO UNITO/SPAGNA/EMIRATI ARABI 2018; Biopic storico-drammatico; 132'; Produz.: Annapurna Pictures/Gary Sanchez Productions/Plan B Entertainment; Distribuz.: Eagle Pictures e Leone Film Group)

    Locandina italiana Vice - L'uomo nell'ombra

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Vice - L'uomo nell'ombra

    Titolo in lingua originale: Vice (già 'Backseat')

    Anno di produzione: 2018

    Anno di uscita: 2019

    Regia: Adam McKay

    Sceneggiatura: Adam McKay

    Soggetto: Dalla biografia di Robert Moses scritta da Robert Caro, intitolata The Power Broker, un'altra visione profonda sull'ascesa al potere di un uomo e il difficile compito di trattenere a sé quel potere.

    Cast: Christian Bale (Dick Cheney)
    Amy Adams (Lynne Cheney)
    Sam Rockwell (George W. Bush)
    Steve Carell (Donald Rumsfeld)
    Bill Pullman (Nelson Rockefeller)
    Alison Pill (Mary Cheney)
    Shea Whigham (Wayne Vincent)
    Lily Rabe (Liz Cheney)
    Tyler Perry (Colin Powell)
    Jesse Plemons (Kurt)
    Stefania LaVie Owen (Joan/Narratrice)
    LisaGay Hamilton (Condoleezza Rice)
    Eddie Marsan (Paul Wolfovitz)
    Justin Kirk (Scooter Libby)
    Bill Camp (Gerald Ford)
    Cast completo

    Musica: Nicholas Britell

    Costumi: Susan Matheson

    Scenografia: Patrice Vermette

    Fotografia: Greig Fraser

    Montaggio: Hank Corwin

    Effetti Speciali: Peter Chesney (supervisore)

    Makeup: Kate Biscoe (direttrice); Abby Lyle

    Casting: Francine Maisler

    Scheda film aggiornata al: 15 Febbraio 2019

    Sinossi:

    In breve:

    Dick Cheney (Christian Bale), il vice-presidente più potente della storia americana, considerato da molti il “vero numero uno” della Casa Bianca durante l’amministrazione di George W. Bush. Il film racconta l’ascesa dell’uomo “nell’ombra”, che a poco a poco ha preso in mano le redini del gioco.

    In dettaglio:

    Attraversando mezzo secolo, il complesso viaggio di Cheney (Christian Bale), da operaio elettrico del rurale Wyoming a Presidente de facto degli Stati Uniti, offre una prospettiva interna, a volte amara e spesso inquietante, sull'uso e l'abuso del
    potere istituzionale. Nelle mani capaci di McKay, la dicotomia di Cheney, tra amorevole padre di famiglia e burattinaio politico, è raccontata con intelligenza e audacia narrativa. Guidato dalla sua straordinaria e fedelissima moglie, Lynne (Amy Adams), e avendo come mentore il brusco e spavaldo Donald Rumsfeld (Steve Carell), Cheney si insinua nel tessuto politico di Washington DC durante l'amministrazione Nixon, diventando Capo dello Staff della Casa Bianca sotto Gerald Ford e, dopo cinque mandati nel Congresso, Segretario alla Difesa per George W. Bush. Nel 2000 rinuncia alla sua posizione di C.E.O. di Halliburton per ricoprire il ruolo di vicepresidente di George W. Bush (Sam Rockwell), con l'implicito accordo che avrebbe esercitato un controllo quasi totale. Un copresidente in tutto e per tutto, tranne che per il nome. Le astute e segrete manovre politiche di Cheney hanno modificato il panorama politico americano in modi che continueranno a riecheggiare per i decenni a
    venire.

    Short Synopsis:

    The story of Dick Cheney (Christian Bale), an unassuming bureaucratic Washington insider, who quietly wielded immense power as Vice President to George W. Bush, reshaping the country and the globe in ways that we still feel today.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    L’avrebbero detto un buono a nulla, nel linguaggio di oggi l’avrebbero detto un pezzo di merda

    Il soggetto potrebbe non interessare proprio tutti. Quando si tratta di ascesa al potere in fatto di politica statunitense, di personaggi discutibili, incredibilmente discutibili, si inizia a storcere il naso perché non se ne sente granché il bisogno. Soprattutto di questi tempi in cui, come dire, c’è una sorta di effetto da ‘saturazione globale’. E questo senza neanche pensare alle cortine della storia dietro i paraventi dell’oggi. Ma chi si ricorda anche solo un po’ de La grande scommessa (Premio OSCAR alla 'Migliore Sceneggiatura Non Originale' e 4 Nominations ai Golden Globes 2016, tra cui Miglior Attore Protagonista Commedia/Musical (Christan Bale e Steve Carell), sa anche che la cifra dissacrante e sarcastica del regista e sceneggiatore Adam McKay, promette sempre qualcosa che vale la pena di considerare. Per cui oggi Vice, dall’alto delle sue sei

    Nomination ai Golden Globes 2019 - tra poche ore potremmo parlare di una qualche vittoria, statuetta più, statuetta meno (*) – film con al centro un ‘uomo nell’ombra’ che non conosciamo come personaggio ma piuttosto come interprete, prometteva già bene. E Mckay pesca da La grande scommessa una coppia di attori che gli aveva già dato soddisfazione nella precedente pellicola e che costituiva evidentemente una garanzia per il miglior servizio alla storia di oggi, declinata nel più audace e sovversivo dei biopic. Tornano così a far gioco di squadra: Christian Bale – il ‘vice’ del titolo, ovvero il vicepresidente Dick Cheney, in una parabola di ascesa al potere che da stagista del Congresso lo vede man mano arrivare alle vette come uomo più potente del pianeta – e Steve Carell, qui tradotto nel brusco e spavaldo mentore Donald Rumsfeld. Si aggrega Amy Adams - già al fianco di Bale in

    American Hustle - calandosi nei panni della ‘donna nell’ombra’, per così dire, prima ancora che consorte tenace e decisamente ambiziosa. La donna che, per come sono andate le cose, sembra aver determinato la fortuna politica di respiro planetario del marito. E non si sarebbe mai detto! Eppure, stava tutto in un modo di essere: “L’uomo silenzioso che poi, quando gli altri riposano, lui attacca

    Ma non è solo del camaleontico Christan Bale, qui avvinghiato al suo look trasformista, che bisogna tessere le lodi, anche se tende a dominare da copione sugli altri. Se c’è qualcosa di veramente geniale in questo Vice, oltre alle impeccabili interpretazioni di tutti, è proprio l’eccentrica ed illuminata regia di McKay che gioca con più mazzi di carte insieme prima di scoprire il suo vero poker, nascondendo la velata malinconia in tutto il retrogusto di un’amarezza incancellabile, sotto una veste umoristico-sarcastica mixata a spiazzanti stilemi formali. Se

    c’è qualcosa di veramente divertente in una parabola politica che ha dettato regole e consuetudini con tutti gli annessi & connessi, tra devastanti conseguenze collettive e salati conti da pagare sul piano sociale, è la ‘cover’ con cui McKay colora la sua storia interna. Una storia di parte liberale che le canta e le suona ad un uomo che ha scelto l’ombra per tirare le redini del gioco a suo piacimento. Per rigor di cronaca Cheney si insinua nel tessuto politico di Washington durante l'amministrazione Nixon, diventando Capo dello Staff della Casa Bianca sotto Gerald Ford e, dopo cinque mandati nel Congresso, Segretario alla Difesa per George W. Bush. Nel 2000 rinuncia alla sua posizione di C.E.O. di Halliburton per ricoprire il ruolo di vicepresidente di George W. Bush (Sam Rockwell), con l'implicito accordo che avrebbe esercitato un controllo quasi totale. Un copresidente in tutto e per tutto, tranne che

    per il nome.

    Se c’è qualcosa che d’altra parte non tiene come avrebbe dovuto in Vice, è appellabile alla fagocitata fiumana di concetti, commenti, strategie politiche con i molteplici passaggi ed intrecci, macchinazioni varie davanti e dietro le quinte, di cui è farcita la sceneggiatura, in combutta con la velocità del montaggio. Una macchina tritatutto vorace e frettolosa che lascia ben poco respiro alla metabolizzazione di tutto quel che ingurgita, obbligando lo spettatore a masticare in fretta la gran mole di cibo servito, pure indigesto di per sé. Allora sarà meglio rinfrescare la memoria con quel che McKay, fuori dai denti del divertente virtuosismo stilistico, ha inteso comunicare con Vice: "Questo è stato un capitolo gigantesco della storia politica degli Stati Uniti che non ritengo sia mai stato completamente analizzato sul grande schermo. Un tassello essenziale del puzzle che ci fa capire come siamo arrivati in questo momento storico, in cui

    il consenso politico è raggiunto attraverso la pubblicità, la manipolazione e la disinformazione. E Dick Cheney era l'uomo al centro di tutto questo". E questo è quanto: McKay d’altra parte innesca una sorta di slalom temporale che dal buono a nulla del Mckay degli inizi - buono a nulla tale da sbronzarsi oltre ogni limite fino a farsi arrestare ed essere espulso dal college - passa a quel che rappresentano le più o meno recenti conseguenze della sua futura ascesa al potere. E ci arriva attraverso un curioso narratore che, dall’alto della voce fuori campo, espone le sue considerazioni critiche in proposito, confortate dalle immagini più che solidali con il suo punto di vista. Per questo incrociamo abbastanza presto il World Trade Center all’altezza dell’11 Settembre. E se si considera per la coppia Dick e Lynne Cheney di Christian Bale ed Amy Adams un arco temporale che decolla dai loro

    20 anni fino ai settanta, non ci vuole molto ad immaginare quanta acqua sia passata sotto i ponti, sia sul piano privato che politico. Quel che invece non suona così scontato, è il modo con cui si sono manipolate molte questioni, sia private che politiche, determinando operazioni belliche spesso assolutamente non necessarie, per abbeverare la sete di potere personale, e di come, tra un ostacolo e l’altro, il nostro personaggio, sia arrivato all’apice senza quasi darlo a vedere. Sam Rockwell nei panni di George W. Bush. serve bene l’inadeguatezza e l’assoluta incapacità nel prendere decisioni autonome e consapevoli, dando carta bianca al vorace ‘lupo’ Cheney.

    Non vi preoccupate dunque dei titoli di coda che sopraggiungono dopo appena un’ora di proiezione del film. Non si tratta della vera conclusione. E’ semplicemente la spiazzante metafora formale con cui McKay considera che la carriera di Cheney avrebbe dovuto fermarsi lì, ma invece… Di eccentricità

    come questa il Vice di McKay è d’altra parte costellato, collocandosi a distanza siderale da quel ci si aspetterebbe da un classico biopic tratto da una storia vera. E non è solo per il fermo immagine ricorrente ogni qualvolta entra in scena un nuovo personaggio, supportato dal commento in voice over del narratore Kurt di Jesse Plemons, che informa puntualmente con dettagli, notizie ed opinioni al riguardo, come farebbe non un politico, ma l’uomo qualunque: una sorta di alter ego dell’uomo comune che riflette, per conto del regista McKay, sul “modo in cui le persone sono influenzate da questi enormi cambiamenti" perché "Aveva un senso maggiore avvicinarsi a questa storia attraverso una persona che non è radicata nella politica ma nella vita quotidiana americana…". Le sovrimpressioni, gli inserti, gli inframezzi, didascalici e non, punzecchiano spesso la narrazione - può essere il caso della lista dei requisiti del portaborse come lo

    sgancio delle bombe in Cambogia - facendo passare il film dai toni quasi naif a quelli più propri di un cronachistico reportage, registro su cui si assesta anche il cameo della giornalista televisiva di Naomi Watts (non accreditata). Divertente l’ingerenza del gruppo eterogeneo di persone comuni che discutono sulla realtà delle cose, fino alla zuffa finale tra due uomini di opinioni politiche diverse. Così come divertente diventa l’ammissione del regista di aver offerto una visione di parte liberale.

    A McKay stava molto a cuore evidenziare i segni evidenti di come “per molti americani cambiò il modo di guardare il mondo”. Ma la sua perla più preziosa la riserva al finale. E come in tutto questo c’entri in qualche modo l’ultimo Fast & Furious dà la misura del respiro contemporaneo che spira su quel che, attraversando mezzo secolo, è stato il complesso viaggio di Dick Cheney/Bale, da operaio elettrico del rurale

    Wyoming a Presidente de facto degli Stati Uniti, amorevole padre di famiglia e burattinaio politico allo stesso tempo. Una prospettiva interna, non si rado amara e perfino inquietante, sull'uso e l'abuso del potere istituzionale. Ma alla fine, ad alitare sulle astute e segrete manovre politiche di Cheney, tali da modificare il panorama politico americano in modi che hanno riecheggiato nei decenni a venire, mentre si scavalcano cumuli di tv spazzatura, le nuove generazioni sembrano suonare tutt’altra musica e con ben altre corde, dando l’ultima parola ad un leader di fantasia. Fantasia che invade pure il campo dei titoli di coda, con oggetti iconici - tra cui una pallottola - variamente camuffati con colorate piume ornamentali, ma tutti rigorosamente dotati di un lamo da pesca, alle volte persino insanguinato. E McKay non intendeva certo alludere al pesce!

    (*) VINCITORE di un GOLDEN GLOBE al 'Migliore Attore in un Film Commedia o

    Musicale (Christian Bale)

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)




    trailer ufficiale:



    clip 'Due volte':



    clip 'Mi piace molto':

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di VICE - L'UOMO NELL'OMBRA

    Links:

    • Adam McKay (Regista)

    • Christian Bale

    • Sam Rockwell

    • Steve Carell

    • Amy Adams

    • Alison Pill

    • Bill Pullman

    • Jesse Plemons

    • Justin Kirk

    • Cailee Spaeny

    1| 2 | 3

    Galleria Video:

    Vice-L'uomo nell'ombra - trailer

    Vice-L'uomo nell'ombra - trailer (versione originale) - Vice

    Vice-L'uomo nell'ombra - clip 'Due volte'

    Vice-L'uomo nell'ombra - clip 'Mi piace molto'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Alita - Angelo della battaglia

    ALITA - ANGELO DELLA BATTAGLIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 14 Febbraio

    "Abbiamo costruito tutto dalle nostre precedenti esperienze ....
    [continua]

    Il corriere - The Mule

    IL CORRIERE-THE MULE

    Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dal 7 Febbraio

    "Earl è stato ....
    [continua]

    Green Book

    GREEN BOOK

    RECENSIONE - OSCAR 2019: Nominations al 'Miglior film'; 'Miglior Attore Protagonista' (Viggo Mortensen); Miglior .... [continua]

    L'esorcismo di Hannah Grace

    L'ESORCISMO DI HANNAH GRACE

    RECENSIONE - Dal 31 Gennaio .... [continua]

    Dragon Trainer – Il mondo nascosto

    DRAGON TRAINER – IL MONDO NASCOSTO

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 31 Gennaio

    "Perennemente schivo, Hiccup è ora il capo ....
    [continua]

    La favorita

    LA FAVORITA

    RECENSIONE - OSCAR 2019: 10 Nominations - 12 Nominations ai BAFTA 2019; VINCITORE .... [continua]

    Bohemian Rhapsody

    BOHEMIAN RHAPSODY

    Ancora al cinema - VINCITORE di 2 GOLDEN GLOBES 2019 al 'Miglior Film .... [continua]