ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Ricomincio da me

    RICOMINCIO DA ME

    Aggiornamenti freschi di giornata! (20 Ottobre) - Film di APERTURA in Prima Mondiale al .... [continua]

    Flatliners - Linea mortale

    FLATLINERS-LINEA MORTALE

    New Entry - In teoria si sarebbe dovuto trattare di un reboot del film .... [continua]

    Blade Runner 2049

    BLADE RUNNER 2049

    Il più atteso!!! - Nel sequel del capolavoro di Ridley Scott diretto da Denis .... [continua]

    Blade Runner

    IL PRIMO 'BLADE RUNNER' (1982): E FU SUBITO 'CULT-MOVIE'

    HARRISON FORD - 75th Birthday Celebration!!!

    I più votati!!! Il ....
    [continua]

    Blade Runner: The Director's Cut

    NEL 'X ANNIVERSARIO' DI 'BLADE RUNNER' (1982) RIDLEY SCOTT PROPONE LA SUA PERSONALE VERSIONE

    "Queste costruzioni (i robot) non imitano gli umani: per molti aspetti fondamentali esse in realtà .... [continua]

    Blade Runner: The Final Cut

    DOPO LA CELEBRAZIONE DEL 'XXV ANNIVERSARIO' DI 'BLADE RUNNER' (1982) CON 'THE FINAL CUT' (2007) TORNA DI NUOVO AL CINEMA (IL 6 e 7 MAGGIO 2015) IN ESCLUSIVA NEI CIRCUITI 'THE SPACE'. ED E' GRAN FESTA!!!

    Il 6 e il 7 MAGGIO 2015 in esclusiva nei The Space Cinema - Dalla .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Madre!

    MADRE!

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Da Venezia 74. - Dal 28 Settembre

    "mother! begins as a chamber story about a marriage. At the center is a woman who is asked to give and give and give until she can give nothing more. Eventually, the chamber story can't contain the pressure boiling inside. It becomes something else..."
    Il regista e sceneggiatore Darren Aronofsky

    (Mother!; USA 2017; Thriller Horror; 120'; Produz.: Protozoa Pictures; Distribuz.: 20th Century Fox)

    Locandina italiana Madre!

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Madre!

    Titolo in lingua originale: Mother!

    Anno di produzione: 2017

    Anno di uscita: 2017

    Regia: Darren Aronofsky

    Sceneggiatura: Darren Aronofsky

    Soggetto:

    Cast: Javier Bardem (Lui)
    Jennifer Lawrence (Madre)
    Ed Harris (Uomo)
    Michelle Pfeiffer (Donna)
    Brian Gleeson (Fratello minore)
    Domhnall Gleeson (Figlio maggiore)
    Jovan Adepo (Uomo che porta la coppa)
    Amanda Chiu (Damigella)
    Patricia Summersett (Consolatrice)
    Eric Davis (Uomo che borbotta)
    Raphael Grosz-Harvey (Libertino)
    Emily Hampshire (Stupido)
    Abraham Aronofsky (Giramondo)
    Luis Oliva (Fannullone)
    Stephanie Ng Wan (Donna che bisbiglia)
    Cast completo

    Musica: Jóhann Jóhannsson

    Costumi: Danny Glicker

    Scenografia: Philip Messina

    Fotografia: Matthew Libatique

    Montaggio: Andrew Weisblum

    Effetti Speciali: Mario Dumont (supervisore)

    Makeup: Judy Chin (direttrice)

    Casting: Lindsay Graham e Mary Vernieu

    Scheda film aggiornata al: 17 Ottobre 2017

    Sinossi:

    In breve:

    Un uomo e una donna vivono serenamente la loro relazione amorosa fino a quando un gruppo di ospiti invade casa loro.

    Short Synopsis:

    Centers on a couple whose relationship is tested when uninvited guests arrive at their home, disrupting their tranquil existence

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    DARREN ARONOFSKY SCAVALCA GENERI E NARRAZIONE PER TRAINARE, DALLE ORIGINI ALLA STORIA, UN SONTUSOSO 'CARRO ALLEGORICO' VERSO I FASTI DI NUOVI 'BACCANALI'. TRA SACRO E PROFANO, VA IN SCENA LA DENUNCIA DI UNA DISFATTA APOCALITTICA: DI COPPIA E FAMIGLIA, DA RILEGGERSI SU SCALA UNIVERSALE PLANETARIA. SUL BLASONATO CAST DI JAVIER BARDEM, ED HARRIS, MICHELLE PFEIFFER, BRIAN E DOMHNALL GLEESON, TRONEGGIA UNA JENNIFER LAWRENCE A TUTTO CAMPO NEL PIU' INTIMO DEGLI SGUARDI

    Se non vi piacciono i baccanali non partecipate alla festa. Ma se non vi spaventa osare, anche solo un pò, fatevi avanti. Il gran carro allegorico intitolato mother! trainato da Darren Aronofsky vi attende, per accompagnarvi in un'esperienza onirico-esistenziale, in cui ogni singolo aspetto, cosa e personaggio, indossano la cangiante veste filosofica di simboli e metafore da rapportarsi su scala universale, anzi, planetaria. E' questa l'unica lettura possibile per accettare il nuovo caravanserraglio goticheggiante di Mother! che corteggia a lungo

    l'horror mascherato da una suspense spesso illogica prima di lanciarsi nell'abbraccio più intimo. Se si dovesse istituire un avviso di chiamata per mother/madre! potrebbe essere questo: se non trovate la chiave giusta potete anche evitarvi il disturbo di salire a bordo, ma se, memori del glossario aronofskyano (The Fountain ma soprattutto Il cigno nero) prendete la decisione di guardare ben oltre la coltre della narrazione in senso letterale e farvi coinvolgere in questo vorticoso tunnel sospinto da uno sguardo rabbioso rivolto al genere umano e alla sua casa sul pianeta Terra, allora potrete anche affacciarvi a questa finestra, più simile ad una fessura ostile, senza sentirvi offesi. Non dico che debba costituire per forza un'esperienza edificante - anzi, proprio non lo è, ma forse, se ho ben compreso il messaggio, o, per meglio dire, il groviglio di messaggi sottesi nel film, non doveva esserlo. E Mother! non sarà neppure un'opera

    perfetta nel senso del capolavoro assoluto, eppure rischia di essere geniale proprio per il mix micidiale di letture trasverse cucite addosso ai singoli elementi, lanciati in campo con profondo senso teatrale, invischiato con il thriller soprannaturale, il dramma familiare contemporaneo e molto altro.

    Il fuoco che divampa ovunque e abbraccia il volto in primo piano insanguinato, sono il red carpet per il titolo: mother!. Madre, nel senso più ampio del termine, cui ammicca lo stesso punto esclamativo. La vera chiave di lettura globale, l'infinito da cui tutto ha fine per aver di nuovo inizio. Sono appena una manciata i personaggi protagonisti in primo piano, ed è certo che quella 'madre' singola e simbolo-metafora universale che ha il volto, l'anima e il talento da urlo di Jennifer Lawrence, domina l'intero percorso, nell'infinita girandola di primissimi piani che instaurano con lo spettatore un legame tanto intimo quanto quello instaurato nell'arte e nella vita

    con il regista. Javier Bardem, cui non fa difetto ritrarre ogni sinistra ed ambigua sfumatura di carattere, ne tratteggia qui con 'Lui', lo scrittore in crisi di ispirazione, una tra le più sfuggenti girandole, un lasciapassare per il letterale 'nonsense' che si va diffondendo a macchia d'olio dacché fa la sua comparsa sulla scena quello strano sconosciuto incarnato da Ed Harris. Sconosciuto di nome e di fatto, e per questo indicato come 'uomo'. Se fate caso, la prima chiave di lettura del film, dirottata dal personale all'universale, Aronofsky la offre fin dalla spersonalizzazione dei ruoli nel cast, privi di nome e cognome. Così a 'madre' (Jennifer Lawrence) e a 'Lui' (Javier Bardem), fanno eco l'insolente ed inquietante 'donna' di Michelle Pfeiffer, il 'fratello maggiore' e 'minore' rispettivamente di Domhnall e Brian Gleeson, che tanto ricalcano le bibliche figure di Caino e Abele, e così via. Un avvicendarsi di presenze altre

    e non invitate nel privato 'Eden' di quella immensa casa, vera e propria villa, isolata in mezzo alla natura: la componente del campo di grano è uno dei tanti cuori pulsanti della grande allegoria e della sua cornucopia di metafore.

    La moltitudine di gente che da un certo punto in poi invade lo spazio privato della casa, la più assurda ed insidiosa, invadente e distruttiva, dissacrante, nel multietnico portfolio di una pazzia generalizzata come una pandemia virulenta, paradossalmente diventa quella che dà il senso pieno a questo 'carro allegorico' che si fa carico di preziosa materia prima per dei neo Baccanali contemporanei: un agglomerato metaforico della follia che avviluppa il genere umano sul pianeta Terra di questi tempi. Così puoi uscire da una stanza, chiudere una porta e aprirne un'altra, e un'altra ancora, ma non potrai mai liberarti dalla 'folle folla', silente solo nell'attesa di una nuova nascita. E mentre

    la 'madre', emblema dell'Amore incondizionato, saggia pareti e pavimenti della casa, dando luogo ad esperienze onirico-olistiche incensate dall'assenza di un accompagnamento musicale vero e proprio, circoscritto al cuore pulsante embrionale delle visioni, Aronofsky addensa i toni dark sulla sua tela attingendo dall'immaginario iconografico-iconologico più disparato (in The fountain già si andava esercitando ma era solo agli inizi). Immaginario che dall'antichità, filosofica ed artistica, raggiunge un certo genere di pittura (vedi il target preraffaellita di uno dei poster del film), costeggiando il soprannaturale horror Madre, per l'appunto, di André Muschietti, lambendo schegge da thriller di marca hitchcockiana (Le verità nascoste), chiedendo in prestito a Roman Polanski qualche rara sfumatura di colore, più da Rosemary’s Baby che dal dio della carneficina ritratto in Carnage.

    Un bel guazzabuglio non c'è che dire. Sembra un paradosso nel paradosso, eppure l'apparente 'nonsense' di Mother! ritrova la sua più profonda ragione di essere nelle ultime battute

    di un finale 'biblico', che chiude il cerchio per riaprirlo di nuovo risorgendo dalle ceneri come l'araba fenice, nell'ammiccante ciclica follia che avviluppa il genere umano mentre attraversa le varie epoche della Storia. E malgrado tutto, dopo l'Apocalisse, il primigenio Amore vince su tutto e torna sempre per ricominciare da capo. Si potrà discutere quanto si vuole sui mezzi scelti da Darren Aronofsky per dire questo, ma curiosamente, ci troviamo concordi con l'artista a tutto campo Marina Abramovic che pare sintetizzare meglio di me, le ragioni di un giudizio fondamentalmente positivo e che riporto volentieri di seguito, ricordando solo, in ultima analisi, come altre nobili pellicole abbiano avuto esordi nefasti per diventare un cult nel tempo.

    Scrive Marina Abramovic usando la forma epistolare:

    "Caro Darren, ho letto alcune recensioni di 'Madre!'. Una diceva che fosse il peggior film dell'anno. Voglio solo darti la mia opinione: sono stata così emozionalmente commossa da

    questo film. Gli attori che hai scelto erano incredibili e il suono era così innovativo. Nella mia vita, tutte le mie prime opere degli anni '70 sono state massacrate quando sono uscite. Sono stata così criticata dai critici, ma ora queste opere vengono considerate 'storiche' e 'innovative'. Avete avuto il coraggio di esporre il lato più oscuro della natura umana e dell'amore incondizionato. Quando non avevi più niente da dare ti sei strappato il cuore. Questo film è così complesso, con così tanti livelli. Penso che se non questa generazione, la prossima lo capirà. Una buona opera d'arte ha molte vite".

    Pressbook:


    ENGLISH PRESSBOOK of MOTHER!

    Links:

    • Darren Aronofsky (Regista)

    • Michelle Pfeiffer

    • Ed Harris

    • Javier Bardem

    • Jennifer Lawrence

    • Kristen Wiig

    • Domhnall Gleeson

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Madre! - trailer 2

    Madre! - trailer

    Madre! - trailer (versione originale) - Mother!

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Thor: Ragnarok

    THOR: RAGNAROK

    Dal 25 Ottobre .... [continua]

    Vittoria e Abdul

    VITTORIA E ABDUL

    Dalla 74. Mostra del Cinema di Venezia (30 Agosto-9 Settembre 2017) - Fuori Concorso .... [continua]

    La ragazza nella nebbia

    LA RAGAZZA NELLA NEBBIA

    New Entry - Per il suo debutto alla regia, lo scrittore Donato Carrisi, che .... [continua]

    L'uomo di neve

    L'UOMO DI NEVE

    Tra i più attesi!!! - Martin Scorsese cede il timone della regia allo svedese .... [continua]

    Madre!

    MADRE!

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Da Venezia 74. - Dal 28 Settembre
    [continua]

    L'inganno

    L'INGANNO

    Ancora al cinema - Premio 'MIGLIOR REGIA' al 70. Festival del Cinema di .... [continua]

    Valerian e la città dei mille pianeti

    VALERIAN E LA CITTA' DEI MILLE PIANETI

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dal 21 Settembre

    Dal fumetto al grande ....
    [continua]