ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    A Private War

    A PRIVATE WAR

    Dalla XIII. Festa del Cinema di Roma e dal Toronto International Film Festival .... [continua]

    Troppa grazia

    TROPPA GRAZIA

    VINCITORE del Premio Label di Europa Cinémas al Festival del Cinema di Cannes .... [continua]

    Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

    MORTO TRA UNA SETTIMANA... O TI RIDIAMO I SOLDI

    Dalla XIII. Festa del Cinema di Roma (18 - 28 ottobre 2018 - sez. .... [continua]

    The Children Act - Il verdetto (già 'La ballata di Adam Henry')

    THE CHILDREN ACT - IL VERDETTO

    Ancora al cinema - VINCITORE della Palma d'Oro a Cannes 2017 - Diretto .... [continua]

    Lo schiaccianoci e i Quattro Regni

    LO SCHIACCIANOCI E I QUATTRO REGNI

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Il nuovo lungometraggio live action Disney, diretto da .... [continua]

    Il mistero della casa del tempo

    IL MISTERO DELLA CASA DEL TEMPO

    Ancora al cinema - XIII. Festa del Cinema di Roma (18 ottobre-28 ottobre .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Mamma Mia! Ci risiamo

    MAMMA MIA! CI RISIAMO

    Nel sequel del musical in commedia Mamma Mia! del 2008, tornano Meryl Streep, Amanda Seyfried, Pierce Brosnan e Colin Firth - Dieci anni dopo Mamma Mia! siete dunque invitati a ritornare sulla magica Isola greca di Kalokairi per un musical originale e tutto nuovo basato sulle canzoni degli Abba. Con gli attori del primo film e new entry che includono Lily James, Andy Garcia e Cher - RECENSIONE - dal 6 Settembre

    "Sia il musical che il primo film sono storie sulla famiglia e l’amicizia e sul credere in sé stessi. In Mamma Mia! Ci risiamo, continuiamo il viaggio sentimentale della nostra storia e scopriamo come si sono creati quei rapporti così importanti e come hanno influenzato profondamente Donna, le Dynamos, Sophie e i suoi tre possibili padri. La storia di Mamma Mia! sembra ora più importante che mai e il pubblico è davvero affezionato alla storia, allo spettacolo, alla musica degli ABBA e al primo film. Le canzoni e la storia ci accompagnano in un viaggio emotivo con la musica che è magico e irresistibile... L’evoluzione di ‘Mamma Mia’ è sempre stata connaturata e l’idea di un secondo film ci è sempre piaciuta. Senza alcun tipo di cinismo siamo ritornati alle origini del musical, visto che là c’era una base che funzionava molto bene. Avevamo sempre parlato della storia di come Donna e le Dynamos si fossero formate all’università e di come Donna avesse trovato il suo destino sull’isola. Questo è stato il punto dal quale siamo partiti per arrivare all’idea di un prequel e un sequel tutti in uno"
    La produttrice Judy Craymer

    (Mamma Mia: Here We Go Again!; USA 2018; Musical; 114'; Produz.: Legendary Entertainment/Universal; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana Mamma Mia! Ci risiamo

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Mamma Mia! Ci risiamo

    Titolo in lingua originale: Mamma Mia: Here We Go Again!

    Anno di produzione: 2018

    Anno di uscita: 2018

    Regia: Ol Parker

    Sceneggiatura: Ol Parker

    Soggetto: Preliminaria - Mamma mia! dieci anni dopo

    Dieci anni dopo Mamma Mia! il film che ha incassato oltre 600 milioni di dollari in tutto il mondo, siete invitati a tornare nella magica isola greca di Kalokairi in un nuovo ed originale musical basato sulle canzoni degli ABBA. Il film segna il ritorno del cast originale affiancato da nuovi membri tra cui Lily James (L’Ora Più Buia; Cenerentola; Baby Driver – Il genio della fuga).

    Cast: Lily James (La giovane Donna)
    Alexa Davies (La giovane Rosie)
    Jessica Keenan Wynn (La giovane Tanya)
    Jeremy Irvine (Il giovane Sam)
    Hugh Skinner (Il giovane Harry)
    Josh Dylan (Il giovane Bill)
    Amanda Seyfried (Sophie)
    Dominic Cooper (Sky)
    Meryl Streep (Donna)
    Julie Walters (Rosie)
    Christine Baranski (Tanya)
    Pierce Brosnan (Sam)
    Colin Firth (Harry)
    Stellan Skarsgård (Bill)
    Andy Garcia (Fernando)
    Cast completo

    Musica: Benny Andersson e Björn Ulvaeus

    Costumi: Michele Clapton

    Scenografia: John Frankish e Alan MacDonald

    Fotografia: Robert D. Yeoman

    Montaggio: Peter Lambert

    Effetti Speciali: Luke Murphy (supervisore effetti speciali); Simon Hughes (supervisore effetti visivi)

    Makeup: Kat Ali

    Casting: Kathleen Chopin e Nina Gold

    Scheda film aggiornata al: 01 Novembre 2018

    Sinossi:

    In breve:

    In questo sequel del musical Mamma Mia! del 2008, Sophie scopre qualcosa riguardo al passato di sua madre quando era incinta.

    In altre parole:

    Riprendono i loro ruoli di Mamma Mia! Il film l’attrice premio Oscar® Meryl Streep nella parte di Donna; Julie Walters in quella di Rosie, e Christine Baranski in quella di Tanya. Amanda Seyfried e Dominic Cooper interpretano nuovamente Sophie e Sky, mentre Pierce Brosnan, Stellan Skarsgård e il premio Oscar® Colin Firth tornano nei ruoli dei tre possibili padri di Sophie: Sam, Bill e Harry.

    Il film, andando avanti e indietro nel tempo per mostrare come le relazioni forgiate nel passato risuonano nel presente, vede Lili James interpretare il ruolo di Donna da giovane. Rosie e Tanya da giovani invece sono ritratte rispettivamente da Alexa Davies (X+Y - A Brilliant Young Mind), e Jessica Keenan Wynn (Beautiful a Broadway). Il giovane Sam è interpretato da Jeremy Irvine (War Horse), mentre il giovane Bill è Josh Dylan (Allied: Un’ombra nascosta) e il giovane Harry è Hugh Skinner (Kill Your Friends).

    In dettaglio:

    Nel 1979, le energiche, coraggiose e giovani Donna Sheridan (James), Tanya (Wynn) e Rosie (Davies) — alias Donna e le Dynamos — si laureano all’Università di Oxford e Donna si avventura allegramente in giro per l’Europa per realizzare il suo destino nell’isola greca di Kalokairi. Nel corso del viaggio conosce tre giovani uomini attraenti: il giovane Harry (Skinner), che è stato spedito a Parigi per ripassare i “modi europei”, e il giovane Bill (Dylan) che si offre di portare Donna sull’isola con la sua barca a vela; una volta arrivata, Donna conosce il giovane Sam (Irvine), che sembra tanto eroico quando bello, e se ne innamora immediatamente e perdutamente. La felicità di Donna è palpabile e contagiosa. La sua mente progetta di fare di quest’isola magica la sua nuova casa, trova lavoro come cantante nella taverna locale e dimora in una malandata fattoria. Quando però scopre che Sam è fidanzato con un’altra donna, il cuore di Donna è infranto. Tanya e Rosie si piombano a salvare la loro amica per scoprire che non ha bisogno di alcun aiuto. Donna le saluta con un ritrovato ottimismo
    dato dal fatto che aspetta un bambino.

    A Kalokairi nel presente, Sophie Sheridan (Seyfried) con il supporto di Sam (Brosnan), il suo patrigno e uno dei tre suoi possibili padri, si è dedicata alla realizzazione del sogno di Donna (Streep) di ristrutturare la taverna. Sophie sogna di trasformarla nel magnifico Hotel Bella Donna in suo onore. Le migliori amiche di Donna, Tanya (Baranski) e Rosie (Walters), arrivano sull’isola per la sfarzosa inaugurazione dell’hotel ma il manager dell’albergo, il Señor Cienfuegos (Garcia), le mette in guardia perché sta arrivando una terribile tempesta. Quando il vento e la pioggia si abbattono sull’isola, Sophie è a terra e i piani per la sua inaugurazione sono distrutti. A peggiorare le cose ci si mettono pure i trasporti che si fermano. Mentre Rosie e Tanya fanno di tutto per sollevare l’umore a Sophie, il cielo si rasserena e una miracolosa e gloriosa flottiglia arriva veleggiando sulle scintillanti acque verso l’isola. A bordo ci sono più di 150 pescatori pronti a celebrare insieme a Bill (Skarsgård), Harry (Firth) e al fidanzato di Sophie, Sky (Cooper). Questa festosa compagnia è coronata dall’inatteso arrivo dell’affascinante nonna di Sophie, Ruby (Cher), che lei non vedeva da tempo. In piedi davanti all’Hotel Bella Donna dove tutto è cominciato, Sophie si sente vicina a sua madre come mai prima. Con i colorati festeggiamenti in pieno corso, circondata dalla musica e da quelli che ama di più, Sophie rivela che lei e Sky hanno un segreto da svelare...

    Synopsis:

    In this sequel toMamma Mia! Sophie learns about her mother's past while pregnant. Mamma Mia Here We Go Again is going through Donna's (played by Meryl Streep and Lily James) young life, experiencing the fun she had with the three possible Dad's of Sophie (played by Amanda Seyfriend). Sophie is now pregnant. Like Donna, she will be young when she has her baby. This is where she realizes she will need to take risks like her mother did

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    La familiare isola greca sui titoli di testa e una targa in primo piano che dà un senso al tutto: Hotel Bella Donna. La cadente struttura di un tempo è stata ristrutturata e le è stata dedicata. A lei. Si, proprio a lei, la grande assente di questo secondo atto del mitico Mamma mia!, che rappresenta un prequel e sequel al contempo, mentre aderisce alla struttura ossea del precedente non discostandosi troppo neppure dal titolo originale. Mamma Mia: Here We Go Again, snaturato nel titolo italiano Mamma mia! Ci risiamo - 'siamo di nuovo qui' è quel che più propriamente si intende - passa d'altra parte di mano la regia: da Phillida Lloyd del primo a Ol Parker - lo sceneggiatore dei due Marigold Hotel oltre che di Now Is Good che ha pure diretto - del secondo. Ovvio che si senta la mancanza della 'graffiante' presenza nel primo Mamma

    mia!. Al confronto, soprattutto la prima parte del secondo atto, potrebbe essere percepita come un tiepido prequel-sequel, senza troppe scosse. Eppure, man mano che ci si addentra nella storia, saltando dal presente al passato, per raggiungere le origini, ci si rende conto che tutto è stato pensato e calibrato con una logica impeccabile, oltre che con particolare attenzione formale in punta di raffinatezza. E ancora una volta si lascia che il cinema si inchini al teatro, al punto da fare in modo che il grande schermo assuma le sembianze di un grande e variegato palcoscenico. Ma dalle cortine di Mamma mia! Ci risiamo occhieggia uno sguardo pronunciatamente 'visionario', espressione cangiante del sognatore, oltre che la veste privilegiata del 'rimpianto': la Donna di Meryl Streep è morta da un anno e nessuno riesce a pronunciare il suo nome senza commuoversi. La figlia Sophie (la sempre struggente e romantica cucciolona Amanda Seyfried)

    in primo luogo, con il marito Sky (Dominic Cooper) lontano da lei - a New York per un corso specialistico alberghiero - mentre al suo fianco è uno dei tre padri, il Sam di Pierce Brosnan, insieme a quel Fernando (la new entry di Andy Garcia) cui è stata affidata la direzione del rinnovato hotel. La visionarietà e il rimpianto sono dunque ingredienti del presente, e si traducono nel tocco artistico che condensa le distanze fisiche e temporali: magari con una parete o con una riflessione davanti al medesimo specchio, dipingendo così la metafora del pensiero che spazza via le reali separazioni. Elegante chiave formale che esploderà letteralmente in un finale - tentacolare - di grande glamour artistico ed intensità emotiva. Di quelli che non si possono perdere, insomma.

    Dunque nel passato di Donna c'è l'incarnazione dell'età giovanile, che va in scena ora per la prima volta con Lily James, la

    giovane interprete di Cenerentola e L’Ora più buia, e che raccoglie la sfida con coraggio, sia pure in un sottotono apparente. Apparente si, perché a pensarci bene, il suo ritratto della giovane Donna, che ha visto scoppiettare i fuochi d'artificio nell'età adulta con Meryl Streep, non poteva avere in effetti la stessa portata, proprio perché ancora molto acerba. Così, se abbiamo la sensazione che Lily James finisca con lo 'scimmiottare' quasi, in pennellate 'manierate', certe nuances di carattere del personaggio, osservando bene, collocato in quella verde stagione della vita, finisce invece per risultare del tutto plausibile, mentre traccia le coordinate di quel sarà nella maturità. I segni, i semi ci sono tutti: verdi germogli in attesa di crescere e diventare alberi. Il modo di fare, il canto, la danza che tornano a calcare le orme del genere musical - con un selezionatissimo campionario delle musiche degli Abba, tra motivi di

    ritorno intelligentemente non abusati e qualche new entry - non poteva avere ancora il carattere formato, la grinta e il graffio della Donna matura, oltre che del calibro di un inattaccabile mostro sacro come Meryl Streep, ovviamente. Lily James si fa d'altra parte in quattro per dare un senso a questa veste 'libertina' e leggera di un personaggio in cerca del suo destino e del suo karma: ciò che la portò in Grecia, dove nacque la figlia Sophie. Una voglia di vivere sopra le righe e un'apertura mentale che sembra aver abolito le porte e ogni ostacolo possibile.

    Così vale la pena di pazientare per comprendere a fondo il disegno dell'intero puzzle che si va man mano componendo, mentre ogni tessera prende il suo posto senza fretta, con qualche spruzzata di humour che trasuda un pò da tutti i pori della nuova pellicola. Tutto è cavalcato con molta ironia, soprattutto in

    certe scene in cui tornano protagoniste le amiche del cuore di Donna - la Tanya di Christine Baranski e la Rosie di Julie Walters che con Donna (Meryl Streep) avevano formato il trio Dynamos - e i tre padri, gli amanti del passato. Oggi entrano in scena anche le versioni giovanili di tutti i personaggi e anche la scelta degli interpreti sembra ottimale. Pattinano poi insieme con invidiabile scioltezza, leggerezza ed ironia in tal senso, Colin Firth (Harry), Stellan Skarsgård (Bill) e Pierce Brosnan (Sam). L'entrata in scena di Colin Firth poi è un autentico sketch comico. E l'atmosfera non tarda a scaldarsi dopo la tempesta che sembra far naufragare la grande festa di inaugurazione del nuovo Hotel Bella Donna: senza gli altri due padri, a parte Sam, senza Sky, e senza invitati di prestigio, impossibilitati a raggiungere l'isola per mancanza di traghetti. Le cose andranno alla grande contro

    ogni previsione e con una sorpresa dietro l'altra, tanto da travolgere quasi dall'emozione l'ansiosa Sophie (Seyfried), ancora con la madre nei pensieri e nel cuore, e con l'ardente desiderio di realizzare quello che era stato il suo sogno e di farlo proprio.

    L'emozione vera, grande, incontrollabile arriverà presto anche per lo spettatore, dopo qualche memorabile, corale ed entusiasmante, spicchio di musical, come l'arrivo con una vera e propria flotta di piccole barche, con a bordo gli invitati più improbabili alla festa, e il loro incontro con chi è già sull'isola: un affresco scenografico che trasuda gioia da tutti i pori, fino a risucchiarci alla stregua di un piccolo tornado. Ma non è questa la vera emozione. Il continuo tergiversare tra presente e passato che abbraccia l'intera storia non poteva trovare conclusione migliore: quella che dà vita ad un climax che porta inevitabilmente alla commozione, elegante nella forma e nel messaggio.

    Con il pensiero e la memoria che nella 'visione' cinematografica prendono forma fisica - di più non si può dire! - si raggiunge così il siparietto conclusivo che fa pendant con quello del primo atto e che fa molto avanspettacolo. Il finale nel finale. Qui ci sono tutti, ma proprio tutti, e non è per caso o per appagare il capriccio di un vezzo estetizzante. Tutto è calibrato ad hoc e risponde al meglio al senso visionario e metaforico che pervade l'intero racconto: dopo l'avvio da parte della 'grandma' Cher (new entry dalla fisionomia 'ingessata', o per meglio dire, 'imbalsamata', ma sempre con una gran voce), le coppie, gli accostamenti tra i vari personaggi, nell'intreccio di presenze apparentate tra loro in un verso o nell'altro, riluce il trittico al quadrato dei tre padri, da giovani e da adulti, in una visone metaforica di dialogo interiore dell'io giovanile del passato con

    l'io della maturità e del presente. L'affresco corale finale sul palcoscenico della finzione che sintetizza la vita, in musical - sulle baldanzose note di Super Trouper - non poteva certo mancare!

    Senza contare l'appendice comica, del tutto inattesa, piazzata fuori tempo massimo, al seguito dei titoli di coda. Quasi un dietro le quinte che funge da punteggiatura. L'ultima parola va dunque alla ventata di frizzante ironia che si è fatta strada in Mamma mia ci risiamo! e a cui spetta il compito di chiudere definitivamente la porta.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)











    clip 'Mamma mia!':



    clip 'Voglio restare qui':



    clip 'Il tempo la migliora':



    clip 'La festa si fa comunque':



    clip 'Il direttore dell'albergo':



    clip 'Angeleyes':

    Perle di sceneggiatura


    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di MAMMA MIA! CI RISIAMO

    Links:

    • Meryl Streep

    • Hugh Skinner

    • Colin Firth

    • Amanda Seyfried

    • Andy Garcia

    • Pierce Brosnan

    • Stellan Skarsgård

    • Dominic Cooper

    • Jeremy Irvine

    • Lily James

    • Alexa Davies

    • Josh Dylan

    • Jessica Keenan Wynn

    • Mamma Mia! Ci risiamo (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Mamma Mia! Ci risiamo - trailer 2

    Mamma Mia! Ci risiamo - trailer

    Mamma Mia! Ci risiamo - trailer (versione originale) - Mamma Mia: Here We Go Again!

    Mamma Mia! Ci risiamo - clip 'Mamma mia!'

    Mamma Mia! Ci risiamo - clip 'Voglio restare qui'

    Mamma Mia! Ci risiamo - clip 'Il tempo la migliora'

    Mamma Mia! Ci risiamo - clip 'La festa si fa comunque'

    Mamma Mia! Ci risiamo - clip 'Il direttore dell'albergo'

    Mamma Mia! Ci risiamo - clip 'Angeleyes'

    Mamma Mia! Ci risiamo - featurette 'Dietro le quinte di Waterloo' (versione originale sottotitolata)

    Mamma Mia! Ci risiamo - featurette 'Cher & Fernando' (versione originale sottotitolata)

    Mamma Mia! Ci risiamo - featurette 'When I Kissed the Teacher' (versione originale sottotitolata)

    Mamma Mia! Ci risiamo - featurette 'Voci dal set' (versione originale sottotitolata)

    Mamma Mia! Ci risiamo - featurette 'Waterloo Music Video 360'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Animali fantastici: I crimini di Grindelwald

    ANIMALI FANTASTICI: I CRIMINI DI GRINDELWALD

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 15 Novembre

    "Questa storia è più stratificata e intricata ....
    [continua]

    Chesil Beach - Il segreto di una notte

    CHESIL BEACH - IL SEGRETO DI UNA NOTTE

    RECENSIONE - Dal 15 Novembre

    "L'idea che anima il film è che i due ....
    [continua]

    Senza lasciare traccia

    SENZA LASCIARE TRACCIA

    Categoria 'film da non perdere'!!! - RECENSIONE - Dal Sundance Film Festival 2018 e .... [continua]

    Notti magiche

    NOTTI MAGICHE

    RECENSIONE - Dalla XIII. Festa del Cinema di Roma (18-28 Ottobre 2018) - Film .... [continua]

    Tutti lo sanno

    TUTTI LO SANNO

    RECENSIONE - Da Cannes 71. - Coppia nella vita e nuovamente sul set (dopo .... [continua]

    Hunter Killer - Caccia negli abissi

    HUNTER KILLER - CACCIA NEGLI ABISSI

    Dopo Nella tana dei lupi, Geostorm e i due film di Attacco al Potere, Gerard .... [continua]

    First Man - Il primo uomo

    FIRST MAN - IL PRIMO UOMO

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Dalla 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (29 .... [continua]