ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    The Nest - L'inganno

    THE NEST - L'INGANNO

    New Entry - Dal 14 Maggio on demand su: Sky Primafila, Chili, Google Play, .... [continua]

    Those Who Wish Me Dead

    THOSE WHO WISH ME DEAD

    New Entry - Adattamento cinematografico del romanzo di Michael Koryta diretto da Taylor Sheridan .... [continua]

    I See You

    I SEE YOU

    New Entry - Helen Hunt protagonista in un horror per Adam Randall (iBoy, Level .... [continua]

    Fatman

    FATMAN

    New Entry - I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Nella commedia di Eshom e .... [continua]

    Morgan

    MORGAN

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Un essere artificiale a rischio pone un .... [continua]

    L'amico del cuore

    L'AMICO DEL CUORE

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 18 Marzo .... [continua]

    Radioactive

    RADIOACTIVE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Il film di Marjane Satrapi è dedicato .... [continua]

    Nomadland

    NOMADLAND

    Oscar 2021 - 6 Nominations: Miglior film; Miglior regista (Chloé Zhao); Miglior attrice (Frances .... [continua]

    Il processo ai Chicago 7

    IL PROCESSO AI CHICAGO 7

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - In streaming online su Netflix dal 16 .... [continua]

    The Mauritanian

    THE MAURITANIAN

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Golden Globes 2021 - VINCITORE di 1 Golden Globe ('Migliore .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Una stagione da ricordare

    UNA STAGIONE DA RICORDARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Nel dramma sportivo 'in Memoriam' di 'Line' anche Helen Hunt e William Hurt - RECENSIONE

    A MIRACLE SEASON - INTERVIEWS:

    (The Miracle Season (già 'Live Like Line'); USA 2017; Drammatico; 101'; Produz.: LD Entertainment/Apex Entertainment; Distribuz.: Mirror, Eagle Films, Koch Media)

    Locandina italiana Una stagione da ricordare

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Una stagione da ricordare

    Titolo in lingua originale: The Miracle Season (già 'Live Like Line')

    Anno di produzione: 2017

    Anno di uscita: 2018

    Regia: Sean McNamara

    Sceneggiatura: David Aaron Cohen

    Soggetto: Basato sulla reale vicenda della squadra femminile di pallavolo dell’ Iowa City West High School a seguito dell’improvvisa scomparsa del loro capitano Caroline Found il 17 agosto 2011.

    Cast: Erin Moriarty (Kelley Fliehler)
    Danika Yarosh (Caroline 'Line' Found)
    Helen Hunt (Kathy Bresnahan)
    William Hurt (Ernie Found)
    Jason Gray-Stanford (Scott Sanders)
    Burkely Duffield (Alex)
    Tiera Skovbye (Brie)
    Natalie Sharp (Mack)
    Lillian Doucet-Roche (Taylor)
    Nesta Cooper (Lizzie Ackerman)
    Jillian Fargey (Ellyn Found)
    Rebecca Staab (Bethany)
    Ava Grace Cooper (Little Kelly)
    Larissa Albuquerque (Montgomery Player)
    Bailey Skodje (Little Line)
    Cast completo

    Musica: Roque Baños

    Costumi: Jenni Gullett

    Scenografia: Brent Thomas

    Fotografia: Brian Pearson

    Montaggio: Jeff Canavan

    Casting: Susan Paley Abramson, Justine Hempe e Sheila Jaffe

    Scheda film aggiornata al: 23 Aprile 2021

    Sinossi:

    In breve:

    Dopo la tragica morte della star della pallavolo Caroline "Line" Found, un gruppo di scoraggiate ragazze di scuola superiore dovrà fare squadra sotto la guida del loro allenatore non propriamente 'del cuore' nella speranza di vincere il campionato statale.

    Short Synopsis:

    After the tragic death of star volleyball player Caroline "Line" Found, a team of dispirited high school girls must band together under the guidance of their tough-love coach in hopes of winning the state championship

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Ci sono persone rare a questo mondo…, a volte sembra che siano state mandate dal cielo

    Carolyn ‘Line’ (Danika Yarosh) e Kelley (Erin Moriarty), due diciassettenni in auto, tutta l’euforia tipica dell’età, scuola e sport, amiche da una vita, da quando, ancora piccole, spazzolavano il terreno sabbioso con il loro corpo, nel tipico movimento dell’uomo vitruviano di Leonardo da Vinci. Sempre insieme, e con la squadra femminile di pallavolo del cuore: lo Iowa City West High School. Nelle retrovie, per così dire, la famiglia di ‘Line’, con il padre Ernie di un assorto William Hurt, ed una madre malata terminale, ai cui legami forti e indissolubili si ammicca, solo allo scopo di illuminare quella speciale caratteristica caratteriale di ‘Line’, nel voler vedere e far vedere agli altri sempre il lato positivo di ogni cosa e persona, anche quando tutto versa al peggio. Un altro personaggio speciale, l’appassionato coach Kathy Bresnahan, è

    quello vestito da Helen Hunt in punta di emozioni represse e responsabilità professionale. E in questa squadra del cuore, già vincitrice del campionato l’anno precedente, ‘Line’ riveste lo speciale ruolo di capitano, come dire, un piccolo faro per tutte le altre. Un carattere forte e solare di ispirazione anche per l’amica Kelley, ben più insicura di sé. Difficile doppiare il risultato dell’anno precedente, vincere il campionato per il secondo anno consecutivo, ma questa è la sfida. Malauguratamente, tutta una serie di circostanze, dopo una festa paradossalmente beneaugurante, portano ‘Line’ in sella ad un motorino per far visita alla madre in ospedale e, purtroppo, incorre in un incidente fatale.

    L’impatto emotivo sulla famiglia, sulle compagne di squadra e sullo stesso coach è, ovviamente devastante, ma fortunatamente il montaggio evita il racconto esplicito e lineare passando subito al giro di telefonate da cui si apprende il dramma. Un dramma che, purtroppo, non

    ha nulla di fiction, perché si ispira ad un fatto realmente accaduto - l’improvvisa scomparsa del capitano Caroline Found occorsa il 17 agosto 2011 - tanto che nella parte finale del film si tiene ad evidenziarlo con un esteso tratteggio di foto e video d’archivio delle persone reali. Una indiretta riflessione sui tiri mancini di un destino che vince sempre, nel bene e nel male, e in modo tanto inesorabile da rendere del tutto vacua l’inevitabile ‘lista dei se’… se non avessi fatto questo o quello. Era destino, punto! Ma forse la forza, l’influenza di una persona, può essere esercitata non necessariamente in presenza. Ci piace pensare in questi termini, in positivo, con ‘Line’ e con il messaggio di questa storia vera, tradotta e trasmessa dal cinema più ‘umile’, in cui persino le star di maggior spicco scelgono di indossare la loro veste più ‘dimessa’, per un omaggio quasi ‘in

    punta di piedi.

    Così, se il film The Miracle Season (Una stagione da ricordare) in sé non ha nulla di eccezionale e, talvolta, tradisce il fiato corto di un racconto televisivo, non si può negare l’omaggio accorato che è stato nelle intenzioni, e nelle pieghe più intime del ‘resoconto’, del regista Sean McNamara - regista, attore, sceneggiatore, produttore televisivo e cinematografico statunitense - molto attivo in produzioni cinematografiche e televisive, per l’appunto con target preadolescenziale (i due Casper, Nata per vincere). Il film ripercorre ogni vicolo emotivo che dalla iniziale serenità tracolla in una sorta di ‘debacle’ collettiva, fatta di disperazione, di smarrimento e di apatia: le ragazze non si presentano neppure agli allenamenti e quando lo fanno è come se non lo facessero, perché hanno testa, gambe e cuore altrove. Saranno in campo tutte le dinamiche possibili, attivate dal coach Kathy/Hunt, e in seguito dallo stesso padre di ‘Line’, Arnie/Hurt,

    per riattivare la motivazione della squadra a giocare di nuovo duro: le riprese sulle svariate azioni di gioco non sempre brillano da entrare nella scrittura e nel cuore del racconto, ruolo rivendicato invece da canzoni e musiche. Si arriva così al filotto di 15 vittorie consecutive che le porteranno in finale, con il nuovo capitano, la stessa amica Kelley/Moriarty, su cui puntano ora i riflettori della faticosa e graduale rinascita, sia personale che di squadra. Un univoco motto per farsi coraggio e vincere per la seconda volta consecutiva il campionato: “Live Like Line”, non ‘vincere come Line’, dunque, ma ‘vivi come Line’.

    Secondo commento critico (a cura di La parola al film)






    trailer ufficiale (V.O.):



    featurette (V.O.):

    Links:

    • Helen Hunt

    • William Hurt

    • Erin Moriarty

    • Danika Yarosh

    1 | 2 | 3

    Galleria Video:

    Una stagione da ricordare - trailer (versione originale) - The Miracle Season (già 'Live Like Line')

    Una stagione da ricordare - featurette (versione originale) - The Miracle Season (già 'Live Like Line')

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Blood Father

    BLOOD FATHER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 69. Festival del Cinema di .... [continua]

    Una stagione da ricordare

    UNA STAGIONE DA RICORDARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Nel dramma sportivo 'in Memoriam' di 'Line' anche Helen .... [continua]

    The Song of Names - La musica della memoria

    THE SONG OF NAMES-LA MUSICA DELLA MEMORIA

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal SAN SEBASTIÁN 2019 - Clive Owen .... [continua]

    Era mio figlio

    ERA MIO FIGLIO

    New Entry - RECENSIONE .... [continua]

    Land

    LAND

    Dal Sundance Film Festival 2021 - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Debutto alla regia per .... [continua]

    The Father - Nulla è come sembra

    THE FATHER - NULLA E' COME SEMBRA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Oscar 2021: 6 Nominations: 'Miglior Film Drammatico'; 'Miglior Attore in .... [continua]

    Sound of Metal

    SOUND OF METAL

    RECENSIONE - Oscar 2021: 6 Nominations: 'Miglior Film Drammatico; 'Miglior Attore Protagonista' a Riz .... [continua]