ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    7 Sconosciuti a El Royale

    7 SCONOSCIUTI A EL ROYALE

    FILM DI APERTURA alla XIII. Festa del Cinema di Roma (18 - 28 ottobre .... [continua]

    Ben is Back

    BEN IS BACK

    Aggiornamenti freschi di giornata! (18 Ottobre 2018) - XIII. Festa del Cinema (18 .... [continua]

    Benvenuti a Marwen

    BENVENUTI A MARWEN

    Aggiornamenti freschi di giornata! (17 Ottobre 2018) - Steve Carell perde la memoria per .... [continua]

    Tito e gli alieni

    TITO E GLI ALIENI

    New Entry - I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - Dal 35. Torino Film Festival .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > A Quiet Place - Un posto tranquillo

    A QUIET PLACE-UN POSTO TRANQUILLO

    RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Dal South by Southwest Film Festival 2018 - Debutto alla regia con una major per l'attore John Krasinski, anche interprete al fianco di Emily Blunt (moglie e marito nella vita reale). Per la coppia è il primo film, una via di mezzo tra The Purge e Ouija, in cui recitano insieme - Dal 5 Aprile

    "Se...non sono mai stato un tipo da horror, adesso posso invece dire di esserlo, perché prima di girare il film ho guardato ogni film dell'orrore possibile. Prima di questo training folle però gli unici che ricordo di aver ammirato erano quelli di Hitchcock, oppure classici come 'Lo squalo' e 'Alien'. Volevo girare un lungometraggio che avesse un respiro ampio, che fosse epico quasi come un western. C'è qualcosa nella storia di questa famiglia che parla di frontiera. Con la direttrice della fotografia Charlotte Bruus Christensen ci siamo guardati classici contemporanei come 'Non è un paese per vecchi' e 'Il petroliere', film che mantengono i loro personaggi in silenzio per scene intere rimanendo potenti nella narrazione. Penso che se invece mi fossi rivolto a horror per costruire la visione del mio film avrei mancato il bersaglio riguardo ciò che volevo veramente raccontare"
    Il regista e co-sceneggiatore John Krasinski

    (A Quiet Place; USA 2017; Thriller horror soprannaturale; 95'; Produz.: Platinum Dunes/Sunday Night; Distribuz.: 20th Century Fox)

    Locandina italiana A Quiet Place - Un posto tranquillo

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: A Quiet Place - Un posto tranquillo

    Titolo in lingua originale: A Quiet Place

    Anno di produzione: 2017

    Anno di uscita: 2018

    Regia: John Krasinski

    Sceneggiatura: John Krasinski, Scott Beck e Bryan Woods

    Soggetto: Storia di Bryan Woods & Scott Beck.

    Preliminaria - generalia:

    John Krasinski, per il suo terzo film da regista, sceglie di esplorare e mescolare due registri narrativi, come l’Horror e il Thriller, che si fondono mostrando l’unico comune denominatore: il soprannaturale.

    Krasinski, oltre ad essere sceneggiatore, regista e interprete del film, dirige per la prima volta la moglie (nel film e nella vita reale) Emily Blunt.

    Cast: John Krasinski (Lee Abbott)
    Emily Blunt (Evelyn Abbott)
    Noah Jupe (Marcus Abbott)
    Millicent Simmonds (Regan Abbott)
    Cade Woodward (Beau Abbott)
    Leon Russom (uomo nei boschi)

    Musica: Marco Beltrami

    Scenografia: Jeffrey Beecroft

    Fotografia: Charlotte Bruus Christensen

    Montaggio: Christopher Tellefsen

    Effetti Speciali: Mark Hawker (supervisore)

    Makeup: Evelyne Noraz (direttrice); Kelley Mitchell (per John Krasinski)

    Scheda film aggiornata al: 10 Maggio 2018

    Sinossi:

    In breve:

    Una famiglia vive un'esistenza isolata nel silenzio più assoluto, per paura di una minaccia sconosciuta che segue solo il suono e attacca a qualsiasi rumore.

    Short Synopsis:

    A family lives an isolated existence in utter silence, for fear of an unknown threat that follows and attacks at any sound

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Con A quiet Place - Un posto tranquillo - vale a dire l'esatto contrario, piuttosto una vita da incubo in un posto da incubo! - il regista John Krasinski (adattamento cinematografico della raccolta di racconti di David Foster Wallace Brevi interviste con uomini schifosi), qui anche co-sceneggiatore ed interprete, al fianco della consorte, sul set come nella vita reale, Emily Blunt, ha raccolto una sfida multipla. E direi che l'ha ampiamente vinta! Il paradosso fino al surreale diventa il suo cavallo di battaglia. E visto che di battaglia si tratta usa la stessa macchina da presa come un'arma, pronta a scattare ad ogni angolo di svolta, ad ogni pausa, mentre sonda in tutta calma, dettagli minimalisti variamente umbratili. E' il suo modo - straordinariamente efficace! - di tendere la corda tensiva su cui è fermamente deciso a tenere lo spettatore dall'inizio alla fine. Per lo più mantenendo il silenzio quasi

    assoluto mentre i protagonisti parlano tra loro usando il linguaggio dei segni compreso dai sordomuti ma che lo spettatore comune e non edotto in materia necessita quantomeno dei sottotitoli che Krasinski non ci fa mancare. Un doppio paradosso. D'altra parte copione vuole che la figlia maggiore Regan sia per l'appunto sordomuta e Krasinski non poteva fare scelta più felice con la giovane interprete Millicent Simmonds.

    Si dice copione. Eh si, perché il copione, a dispetto di tanto silenzio, c'è comunque e si direbbe pure ricco di emozioni e di un contenuto che ridipinge in un insolito contesto un inedito quadretto di famiglia, con nuove regole e un terrore sotteso come pane quotidiano, ma con le stesse condivisibili preoccupazioni e paure di tutti i genitori quando si tratta di amare e difendere i propri figli. Qui la situazione è davvero disperata. In un mondo fatiscente e alla deriva chi è sopravvissuto

    - per la verità quasi nessuno oltre alla famigliola in questione - è costretto a fare bene attenzione a come muoversi e a comunicare a gesti per non fare il minimo rumore. Il genere di pericolo che li attende sono delle creature di media grandezza, abbastanza disgustose, con una certa familiarità con l'originale Alien, cui i curatori di effetti speciali sembrano aver guardato offrendo uno speciale omaggio riproponendone una rivisitazione più o meno fantasiosa. Creature d'altra parte mai esibite integralmente - mentre si insiste sul dettaglio anatomico che conta e che si lega a filo doppio per l'appunto con l'udito - soprattutto nella prima parte, dove dominano i protagonisti della famiglia: un figlio piccolo, una ragazzina per l'appunto sordomuta e di lì a poco un altro figlio in arrivo. Punto davvero dolente per chi deve osservare il silenzio, pena la morte certa.

    Con un tale soggetto la sfida di sfangarla con

    successo è stata davvero notevole! Eppure ha funzionato alla grande! E ha funzionato perché Krasinski ha scelto di prendere le distanze dagli stereotipi di genere horror. Ha scelto di rendere protagonista assoluto il terrore psicologico, compresso, innestato nella precaria e pericolosa situazione straordinaria, dove ci si deve inventare un genere di sopravvivenza di tipo quasi ancestrale. Pochi mezzi di sussistenza, passi felpati con l'occhio ben allenato a guardarsi le spalle e soprattutto a guardarsi dal fare ogni più piccolo rumore. Purtroppo un bambino non sempre è disposto a rinunciare al gioco. O, per meglio dire, non ad un gioco mortificato dal silenzio. Che senso ha un aeroplanino se non fa rumore? Mai tentazione fu più fatale! Nessun rumore dunque! Solo nella seconda parte, forse preoccupato di stancare lo spettatore con il perseverare di silenzio e linguaggio gestuale, Krasinski si concede una sceneggiatura fatta di bisbigli e sussurri, mantenendo ovviamente i

    sottotitoli. I paradossi incrociano a metà strada il surreale con la nascita del terzo figlio.

    Ci si chiede solo quale marito avrebbe lasciato in una simile situazione la moglie abbandonata a se stessa ormai prossima al parto, per quanto evidentemente ben navigata a cavarsela, ma va bene così. Magari il parto si è presentato in anticipo sulla data prevista. Eppure la scena del parto - c'è da precisare che Emily Blunt buca da sola lo schermo per l'intera durata del film dall'inizio alla fine - è davvero memorabile! E non perché trasuda hitchcockiana memoria nella fatidica vasca da bagno! Provate un pò a cercare di partorire in silenzio senza poter urlare neppure al climax delle doglie. Forse bisognerebbe chiedere alla ex moglie di Tom Cruise, Katie Holmes, costretta, a quanto raccontato dai media, non per esigenze di copione ma per dettami della 'setta' pseudo-religiosa di Scientology, a non fiatare mentre

    partoriva la piccola Suri. Chissà poi come è veramente andata! Comunque, parentesi burlesca a parte, in A Quiet Place l'esigenza diventa un diktat e l'inventiva escogitata in sceneggiatura per poterle concedere l'urlo liberatorio finale è da manuale! Il che si fa perdonare il paradosso, l'eccesso e il surreale anche una volta che il bambino è nato. Perché che un neonato pianga è semplicemente inevitabile, e il rumore che produce non è neppure di poco conto! E come John Krasinski con Emily Blunt siano riusciti nell'impresa non è una cosa che vi potete perdere!

    Così, se per A quiet Place-Un posto tranquillo non si può certo inneggiare al capolavoro, bisogna almeno ammettere che ha risposto in modo alquanto originale e assolutamente coinvolgente ad una domanda chiave, questa volta inzuppata fino al collo nella realtà vera e quotidiana di ogni famiglia comune: fino a che punto si è disposti, anche nelle peggiori

    circostanze, le più estreme - ed è questo assolutamente il caso! - per cercare di proteggere i propri figli? Ma in A Quiet Place si può leggere anche la risposta ad un'altra domanda congiunta: fino a che punto possono arrivare a spingersi i figli per avere dimostrazione dell'amore incondizionato dei propri genitori? E fino a che punto possono arrivare per rispondere a tale dimostrazione d'amore?!

    Perle di sceneggiatura


    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano 20th Century Fox, Samanta Dalla Longa e Fulvia Fasano (404)

    Links:

    • John Krasinski (Regista)

    • Emily Blunt

    • John Krasinski

    • A Quiet Place - Un posto tranquillo (BLU-RAY + DVD)

    Altri Links:

    Gioco mobile:

    http://www.aquietplacemovie.com/intl/it/

    1 | 2

    Galleria Video:

    A Quiet Place-Un posto tranquillo - trailer 2

    A Quiet Place-Un posto tranquillo - trailer

    A Quiet Place-Un posto tranquillo - trailer (versione originale) - A Quiet Place

    A Quiet Place-Un posto tranquillo - featurette 'Sul set con John Krasinski' (versione originale sottotitolata)

    A Quiet Place-Un posto tranquillo - featurette 'Sul set con Emily Blunt' (versione originale sottotitolata)

    A Quiet Place-Un posto tranquillo - featurette 'Dietro le quinte' (versione originale sottotitolata)

    A Quiet Place-Un posto tranquillo - featurette 'La sfida del silenzio' (versione originale sottotitolata)

    Il giudizio della critica

    The Best of Review

    "Mi vergogno un po’ a confessare quante volte sono saltato dalla sedia guardando #AQuietPlace #SXSW" -
    "VARIETY"

    "A Quiet Place ha aperto il South by Southwest Film Festival 2018 e la reazione del pubblico è stata incredibilmente forte" - "NEW YORK TIMES"

    "Wow! #AQuietPlace ci ha terrorizzati! John Krasinski e Emily Blunt sono riusciti a farmi tornare la paura di camminare scalzo". - "VANITY FAIR"

    "Preparatevi a saltare dalla sedia" - "BLOODY DISGUSTING"

    “Tensione snervante, recitazione solida strettamente legata all'angoscia delle premesse. Un debutto spettacolare per Krasinski, che ci porta un lavoro a metà strada fra Sam Peckinpah e Cormac McCarthy e lo fa in maniera egregia". - "BOSTON GLOBE"

    International Press

    Italian Press

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Searching

    SEARCHING

    Diretto e co-sceneggiato (con Sev Ohanian) dal giovane regista indiano-americano Aneesh Chaganty, qui al suo .... [continua]

    Halloween - La notte delle streghe

    HALLOWEEN - LA NOTTE DELLE STREGHE

    Uscita straordinaria: Dal 15 Ottobre 2018; Uscita originale Il 22 giugno 1979 .... [continua]

    A Star is Born

    A STAR IS BORN

    RECENSIONE - Dalla 75. Mostra del Cinema di Venezia - Remake di È nata .... [continua]

    Johnny English colpisce ancora

    JOHNNY ENGLISH COLPISCE ANCORA

    RECENSIONE - Terzo capitolo della saga comica di Johnny English, agente speciale dell'MI7 (Rowan Atkinson) .... [continua]

    Papa Francesco - Un uomo di parola

    PAPA FRANCESCO - UN UOMO DI PAROLA

    Da Cannes 71 - Sezione Speciale - RECENSIONE - Dal 4 Ottobre

    "Gli ....
    [continua]

    The Wife - Vivere nell'ombra

    THE WIFE - VIVERE NELL'OMBRA

    RECENSIONE - Dal 4 Ottobre

    "Per me, questo film è come la musica; il ....
    [continua]

    BlacKkKlansman

    BLACKKKLANSMAN

    VINCITORE del Grand Prix al 71. Cannes - RECENSIONE - Dal 27 Settembre
    [continua]