ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Radioactive

    RADIOACTIVE

    New Entry - Il film di Marjane Satrapi è dedicato alla vita rivoluzionaria e .... [continua]

    Nato il quattro luglio

    NATO IL QUATTRO LUGLIO

    New Entry - Nel capolavoro di Oliver Stone sulla guerra del Vietnam obiettivo puntato .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Barriere

    BARRIERE

    Premio OSCAR alla 'Miglior Attrice Non Protagonista' (Viola Davis) - RECENSIONE - Dal 23 Febbraio

    "'Barriere' è una storia di sogni infranti e di dove vada a finire tutta quell’energia. È un’opera su ciò che accade quando un sogno viene differito, secondo la definizione di Langston Hughes. Cosa accade quando si è bravi abbastanza ma si fallisce comunque? Dove va a finire tutta quella energia quando non puoi esprimere il tuo talento? Troy sarebbe potuto diventare un Willie Stargell, un grande slugger per i Pittsburgh Pirates ma il cambiamento, per lui, è giunto troppo tardi. Intossicato dalla propria amarezza, lui vuole solo il meglio per suo figlio ma la sua prospettiva è limitata. Rose gli dice: 'Ehi, Cory ha una chance di andare al college con una borsa di studio per il football!' e tutto ciò che Troy riesce a vedere è Cory che deve trovarsi un lavoro. Non comprende le possibilità. Non vede il futuro. Come gli dice Rose: 'Il mondo
    cambia e non riesci neppure a vederlo'. Troy è semplicemente bloccato nel tempo, male equipaggiato per gestire un mondo in cambiamento e frustrato per la sua occasione mancata
    ".
    Il regista e attore Denzel Washington

    (Fences; USA 2016; Drammatico; 138'; Produz.: Bron Creative/MACRO/Paramount Pictures/Scott Rudin Productions; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana Barriere

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Barriere

    Titolo in lingua originale: Fences

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2017

    Regia: Denzel Washington

    Sceneggiatura: August Wilson

    Soggetto: Tratto dall'omonima pièce teatrale di August Wilson del 1987, che gli valse il Pulitzer e vinse numerosi premi Tony con l'interpretazione, a Broadway, di James Earl Jones. Nel 2010 Denzel Washington e Viola Davis l'hanno ripresa e ne hanno ripetuto il successo, vincendo come i premi per il miglior revival, il miglior attore e la migliore attrice.

    Cast: Denzel Washington (Troy)
    Viola Davis (Rose)
    Mykelti Williamson (Gabriel)
    Jovan Adepo (Cory)
    Russell Hornsby (Lyons)
    Stephen Henderson (Bono)
    Saniyya Sidney (Raynell)
    Theresa Cook (Partecipante alla Parade)
    Toussaint Raphael Abessolo (Padre di Troy)

    Musica: Marcelo Zarvos

    Costumi: Sharen Davis

    Scenografia: David Gropman

    Fotografia: Charlotte Bruus Christensen

    Montaggio: Hughes Winborne

    Casting: Victoria Thomas

    Scheda film aggiornata al: 14 Marzo 2017

    Sinossi:

    In breve:

    Barriere è la storia di Troy Maxson (Denzel Washington), un netturbino della metà del secolo scorso a Pittsburgh che una volta aveva sognato di fare carriera nel baseball ma quando la major League iniziò ad ammettere giocatori neri era diventato troppo vecchio per farne parte. Lui cerca di essere un buon marito ed un buon padre ma il suo perduto sogno di gloria lo divora, spingendolo a prendere una decisione che rischierà di fare a pezzi la sua famiglia.

    Short Synopsis:

    An African-American father struggles with race relations in the United States while trying to raise his family in the 1950s and coming to terms with the events of his life

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Che cosa c'è dietro?! C'è l'omonima pièce teatrale Premio Pulitzer di August Wilson del 1987. Pièce che ha fatto anche incetta di numerosi premi Tony con l'interpretazione, a Broadway, di James Earl Jones. E già nel 2010 lo stesso Denzel Washington, per l'appunto in coppia con Viola Davis, l'avevano ripresa facendo il bis con la grancassa del successo dei premi per il miglior revival, il miglior attore e la migliore attrice. Denzel Washington ne aveva dunque una conoscenza profonda prima che oggi ne porgesse la trasposizione sul grande schermo, firmandone la regia e facendosi carico dell'interpretazione con lo stesso supporto di Viola Davis. Perché cambiare? E oggi lo si capisce ancora meglio sull'onda dell'interpretazione naturalisticamente viscerale di Viola - ma a dire il vero di entrambi! - che meritatamente si è aggiudicata anche l'Oscar per la Miglior Attrice Non protagonista del film. E se il Fences(Barriere) cinematografico di e con

    Denzel Washington e Viola Davis oggi si percepisce come un film autoriale e di grande portata, molto si deve evidentemente tanto all'ossatura solida di base della pièce teatrale d'origine di August Wilson cui si è ispirata, quanto all'assimilazione preliminare e postuma dei due interpreti, ferrati come dei cavalli purosangue su un soggetto che esala esperienze personali incastonate come preziosi diamanti nella Storia. Una storia fatta di blues - e potrà essere una sorpresa sentire l'inconsueto significato dell'espressione "avere il blues nei piedi" - di neri quando ancora erano chiamati negri, di ambizioni frustrate, di povertà e difficoltà familiari a tutto tondo, di amore e tradimenti, di problematiche interazioni tra padre e figli, tra marito e moglie, con amante al seguito, di un'amicizia sopra le righe condivisa sulla carta dell'arrabattarsi per necessità e del carcere. Molto resta tra le righe, e difatti non lo si vede mai, ma se ne percepisce

    lo stesso l'ingombrante presenza sul grande schermo. Perché quella di Denzel Washington è una regia 'asciutta' che mantiene fisso l'obiettivo sul complesso, logorroico protagonista, in continua, drammaticissima, espansione, sul fiume in piena delle sue parole. Parole che trapassano la Storia - e non solo la sua - da parte a parte.

    Il teatro c'è e resta, ma questa volta affiancato ad un tocco di regia sensibile, raffinata e consapevolmente ben preparata. I segnali di una elevata qualità si levano fin dall'inizio. A schermo pulito sullo scorrere dei titoli di testa, si sente il rumore tipico di un camion della nettezza urbana nel sottofondo del traffico cittadino e già Troy/Washington imbastisce uno dei suoi primi monologhi in vena di polemica. Quando finalmente lo si scopre nel primo fotogramma, il netturbino di colore Troy sta esponendo le sue ragioni al pacioso e panciuto collega bianco Bono (Stephen Henderson) che lui paradossalmente chiama

    in vena di scherzosa amicizia 'negro'. Capiremo più tardi la ragione di quel legame amicale così stretto. Nell'epoca della sua gioventù la parità di diritti era un miraggio. E lo si sa bene. Ma per Troy si tratta di una vera e propria ossessione che si rinnova ogni giorno nel presente e da cui ostinatamente e con un modo di fare arrogante e irrispettoso intende salvaguardare il figlio Cory (Jovan Adepo), bruciandogli l'opportunità di essere reclutato nella squadra del football dell'università. E non manca di umiliare l'altro figlio trentaquattrenne, ormai fuori dalla casa paterna, con la passione per la musica. Per lui niente è cambiato e i tempi non sono mai arrivati a maturazione. I suoi insistenti monologhi, i suoi racconti nel cortile, spesso molto romanzati, col divertimento complice dell'amico e della moglie Rose (Viola Davis), danno il là alle sue origini, alle motivazioni di tanto risentimento e rabbia con

    se stesso e con la vita, mancando di sensibilità, rispetto e comprensione verso i figli e di lì a poco anche con la moglie stessa. Moglie in tutto e per tutto da ben diciotto anni. E la sceneggiatura piena e succosa come un succulento frutto maturo - il monologo rivolto alla Morte di Troy/Washington e quello di Rose/Davis rivolto al figlio Cory sul finale sono da Oscar! - distilla la sua linfa vitale sulle immagini alimentando il dramma in ogni sua ruga più nascosta, che pian piano di distende per mostrare un volto ringiovanito quasi fosse stato sottoposto ad un'efficace operazione di lifting. Il volto ringiovanito di una lezione di vita che deve esser disposta a lasciarsi dietro le spalle risentimenti e incomprensioni per poter andare avanti nel modo migliore. Ognuno trova la sua strada - sgombrata da tutte le barriere reali e metaforiche del titolo - carico di un

    fardello di amore che da pesante sa farsi leggero, accoccolato su un poetico epilogo che, su un improbabile squarcio di cielo, spinge a ritrovare nuova pace e serenità nel segno di una spiritualità inaspettata.

    Secondo commento critico (a cura di )

    Clip 'Tipi da matrimonio'

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di BARRIERE

    Links:

    • Denzel Washington (Regista)

    • Denzel Washington

    • Viola Davis

    1| 2

    Galleria Video:

    Barriere - trailer

    Barriere - trailer (versione originale) - Fences

    Barriere - clip 'E io allora?'

    Barriere - clip 'I tempi sono cambiati'

    Barriere - clip 'Perchè non ti sono mai piaciuto?'

    Barriere - clip 'Tienili tu'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Inception

    INCEPTION: MODERNISSIMO THRILLER AMBIENTATO NEI MEANDRI DELLA MENTE UMANA

    10° Anniversario: nuova uscita al cinema: il 17 Luglio 2020 - RECENSIONE IN ANTEPRIMA .... [continua]

    Onward - Oltre la magia

    ONWARD - OLTRE LA MAGIA

    RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Luglio .... [continua]

    La sfida delle mogli

    LA SFIDA DELLE MOGLI

    HAPPY 4 Luglio!!! - Al cinema: le uscite della settimana 29 Giugno-5 Luglio: .... [continua]

    Bombshell - La voce dello scandalo

    BOMBSHELL - LA VOCE DELLO SCANDALO

    Al cinema: le uscite della settimana 29 Giugno-5 Luglio: (dal 1° Luglio) - RECENSIONE .... [continua]

    High Life

    HIGH LIFE

    Robert Pattinson, Mia Goth e Juliette Binoche protagonisti in un'avventura Sci-Fi diretta da Claire Denis .... [continua]

    The Turning

    THE TURNING

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dall'11 Agosto

    "Mi è piaciuto interpretare ....
    [continua]

    Tenet

    TENET

    Dal 26 Agosto

    "Partiremo dal punto di vista di un film di spionaggio, ma ....
    [continua]