ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Flag Day

    FLAG DAY

    New Entry - Sean Penn dietro (Il tuo ultimo sguardo, Into the Wild, La .... [continua]

    Stillwater

    STILLWATER

    New Entry - Matt Damon padre disposto a tutto per amore della figlia Abigail .... [continua]

    The Operative-Sotto copertura

    THE OPERATIVE-SOTTO COPERTURA

    New Entry - Dal 4 Marzo in DVD e Blu Ray .... [continua]

    Things Heard & Seen

    THINGS HEARD & SEEN

    New Entry - (2021 ?) .... [continua]

    Possessor

    POSSESSOR

    New Entry - .... [continua]

    News of the World

    NEWS OF THE WORLD

    New Entry - Paul Greengrass torna a dirigere Tom Hanks dopo Captain Phillips - .... [continua]

    The Bay of Silence

    THE BAY OF SILENCE

    New Entry - 2020 (?) .... [continua]

    Ammonite

    AMMONITE

    New Entry - Storia privata della Paleontologa Mary Anning (Kate Winslet) e l'incontro cruciale .... [continua]

    Wild Mountain Thyme

    WILD MOUNTAIN THYME

    New Entry - TURCHIA: Dall'8 Gennaio 2021 .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > In guerra per amore

    IN GUERRA PER AMORE

    Dall'XI. Festa del Cinema di Roma (13-23 Ottobre 2016) - RECENSIONE - Dal 27 OTTOBRE

    (In guerra per amore; ITALIA 2016; Dramedy; 99'; Produz.: Wildside con RAI Cinema; Distribuz.: 01 Distribution)

    Locandina italiana In guerra per amore

    Rating by
    Celluloid Portraits:




    Trailer

    Titolo in italiano: In guerra per amore

    Titolo in lingua originale: In guerra per amore

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Pierfrancesco Diliberto (PIF)

    Sceneggiatura: Pierfrancesco Diliberto, Michele Astori e Marco Martani

    Soggetto: Michele Astori e Pierfrancesco Diliberto.

    Cast: PIF (Arturo)
    Andrea Di Stefano (Philip Catelli)
    Miriam Leone (Flora)
    Sergio Vespertino (Saro Cupane)
    Maurizio Bologna (Mimmo Passalacqua)
    Stella Egitto (Teresa)
    Samuele Segreto (Sebastiano)
    Antonello Puglisi (Agostino)
    Vincent Riotta (James Maone)
    Maurizio Marchetti (Don Calo’)
    Orazio Stracuzzi (Zio Alfredo)
    Mario Pupella (Don Tano)
    Lorenzo Patane’ (Carmelo Piazza)
    Aurora Quattrocchi (Annina)
    David Mitchum Brown (Franklin Roosevelt)
    Cast completo

    Musica: Santi Pulvirenti

    Costumi: Cristiana Ricceri

    Scenografia: Marcello Di Carlo

    Fotografia: Roberto Forza

    Montaggio: Clelio Benevento

    Casting: Francesca Borromeo

    Scheda film aggiornata al: 29 Novembre 2016

    Sinossi:

    In breve:

    1943. Mentre il mondo è nel pieno della seconda guerra mondiale, Arturo vive la sua travagliata storia d’amore con Flora. I due si amano, ma lei è la promessa sposa del figlio di un importante boss di New-York. Per poterla sposare, il nostro protagonista deve ottenere il sì del padre della sua amata che vive in un paesino siciliano. Arturo, che è un giovane squattrinato, ha un solo modo per raggiungere l’isola: arruolarsi nell’esercito americano che sta preparando lo sbarco in Sicilia, l’evento che cambierà per sempre la storia della Sicilia, dell’Italia e della Mafia.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Storia d'amore ai tempi della seconda guerra mondiale. Nella rivisitazione tragicomico-neorealista di Pif (La mafia uccide solo d'estate) ancora questioni di mafia, paradossalmente consolidata con lo sbarco degli americani in Sicilia. E mentre flirta a modo suo con la cifra chapliniana già adottata da Roberto Benigni, ricordandolo in un paio di sequenze-citazione de La vita è bella, Pif dedica In guerra per amore ad Ettore Scola

    La vita è bella, anche secondo Pif. Soprattutto quando si è innamorati cotti. Come il suo personaggio, Arturo Giammaresi - Il regista Pif serve anche se stesso come attore, e gli altri con la storia - lo è di Flora (Miriam Leone, di una bellezza stellare!). Al servizio in un ristorante, scopre che è già promessa al figlio di un boss della mafia. E badate bene che ancora in Sicilia non ci siamo arrivati, perché la Sicilia, o per meglio dire la mafia, con il

    suo gioco a nascondino rivisitato e corretto, ha fatto tana ed è arrivata per prima in America. Una scena che, sull'onda dello scivolone da choc, vale la frantumazione di una gran pila di piatti in un colpo solo. Anche la citazione da La vita é bella di e con Roberto Benigni è servita. E non sarà l'unica, quella più bella deve ancora venire!

    Può una 'commedia degli equivoci' aprire il varco allo sbarco degli americani in Sicilia per la liberazione da criminali dittature in piena seconda guerra mondiale? Si. Eccome se può! Basta non saper pronunciare correttamente la parola 'water' (acqua) e convertirla in un mal masticato 'war' (guerra) e il gioco è fatto. Il nostro Arturo/Pif lascerà l'America e il suo sogno di ragazza (Flora/Leone) per raggiungere il padre di lei in Sicilia, nel pieno del conflitto bellico, per chiedergli la mano dell'amata. In guerra per amore, per l'appunto. E

    con l'approdo, atteso dalla gente del posto con grandi aspettative e speranze, compaiono tutta una serie di personaggi spuntati dall'antico neorealismo per tratteggiare, in un voluto macchiettismo di marca teatrale, tutto il ridicolo, l'assurdo di certi, di contro ad un cuore grande di altri - dei più - malgrado la sofferenza anche della fame. E' in questa rocambolesca giostra di vicissitudini, tra un allarme e l'altro per l'avvicendarsi dei bombardamenti, che paradossalmente non sappiamo evitarci di sorridere per le trovate umoristiche a grappolo che ravvivano sequenze altrimenti ultra drammatiche. E sorridiamo, per il candore e l'ignoranza del nostro protagonista, tanto quanto per quello del padre con il figlio in guerra e con la statua di Mussolini nell'armadio al posto della Madonna, cui raccomandarsi: esilarante il modo di riprendere le scaramucce tra l'anziana proprietaria della statua della 'Madonnina' con le braccia alzate in segno di Misericordia e quella di Mussolini con

    il braccio levato nel saluto militare che purtroppo tutti ben conosciamo. Un siparietto di marionette nel teatro della vita, laddove c'è ben poco da ridere, soprattutto sulla spiaggia dei diversi epiloghi per entrambi i protagonisti. E Pif sa essere un regista anche piuttosto raffinato nel far parlare solo certe immagini che, mentre solleticano ancora un sorriso, schiaffeggiano con il ridicolo l'onta reale.

    Si diceva 'commedia degli equivoci'. Fortissimo l'alter ego confezionato da Pif in In guerra per amore della mitica sequenza tragicomica con la 'traduzione aleatoria' - di altra portata chiaramente! - ideata da Roberto Benigni ne La vita è bella. Il sorriso coniugato con la lacrima come Maestro Chaplin ha insegnato. D'altra parte neppure a Pif fa difetto mostrare come sull'onda dell'equivoco si può anche morire. Momento in cui il suo personaggio Arturo realizza il significato e la portata di un altro amore, quello per il proprio Paese. Momento

    in cui l'individuo lascia che l'interesse personale attenda il suo turno - attesa nell'attesa! - per dare priorità all'interesse comune di un popolo.

    Così, ridendo e scherzando il neo Arlecchino Pif ci va giù duro. Denunciando tutto quello che c'è da denunciare, con tanto di nome e cognome: tante sono le sequenze che snocciola sulle note dell'umorismo, quante sono le aspre denunce che spoglia degli orpelli dell'ipocrisia, magari proprio attraverso quel teatrino volutamente macchiettistico di cui sopra. E che sia stato voluto lo dimostra il fatto che quando ha ritenuto il momento - un volo d'uccello niente più, ma sufficiente! - Pif ha pescato tra i documenti, tornando, con la scusa della traduzione, al presente di allora con il ticchettare della macchina da scrivere, non dimenticando un cenno al reportage documentaristico. I modi con cui può permettersi di schiaffeggiare chi, con le mani ancora insanguinate da crimini inaccettabili, sale al

    potere pure maggiorato di grado. In guerra per amore suona dunque come deliziosa e pur pungente lirica tragicomica di un dolore antico in viaggio dal passato per pungolare il presente. Un carico di tutta l'ironia e il sarcasmo amaro che due tragedie come mafia e guerra possono suscitare nell'animo umano, terremotato dall'inesorabile crollo della democrazia, quella vera, come le macerie di quel che resta. L'iperbole di una lunga attesa... che qualcuno tra i pochi onesti si accorga... che qualcuno che conta si decida ad ascoltare. Ma lo straordinario finale, dopo un consuntivo di marca politica un pò troppo elementare e sommario - ma vero è che la voce fuori campo del protagonista mentre racconta è speculare alla schiettezza e semplicità della gente comune del paesino della Sicilia dove sbarca, militare tra i militari americani - è proprio l'attesa che si appresta a celebrare. Un'attesa senza fine. L'unica metafora che soffia

    ancora un vento gelido dagli archivi della Storia quando noi, per tutta risposta preferiamo continuare ad indossare un caldo cappotto per non sentirlo. Così come non sentiamo, o non capiamo, come quel bambino, le parole della canzone di suo padre: "... a volte le cose si possono cambiare ma dipende solo da te".

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di IN GUERRA PER AMORE

    Links:

    • Pierfrancesco Diliberto (PIF) (Regista)

    • XI. FESTA DEL CINEMA DI ROMA (Auditorium Parco della Musica, 13-23 ottobre 2016) - 'IN GUERRA PER AMORE' DI PIF PREAPERTURA, MENTRE 'MOONLIGHT' DI BARRY JENKINS SARÀ INVECE IL FILM D’APERTURA (Speciali)

    Altri Links:

    - Pagina Facebook

    1 | 2

    Galleria Video:

    In guerra per amore - trailer

    In guerra per amore - clip 'Ci vogliono avvelenare!'

    In guerra per amore - clip 'Come avete detto che vi chiamate voi?'

    In guerra per amore - clip 'Di corsa al bunker'

    In guerra per amore - clip 'Il cuore in pezzi'

    In guerra per amore - clip 'Il processo'

    In guerra per amore - clip 'La Sicilia è come una bella donna'

    In guerra per amore - clip 'Una possibilità ci sarebbe...'

    In guerra per amore - featurette 'Backstage: intervista a Miriam Leone'

    In guerra per amore - featurette 'Backstage: la ricostruzione storica delle ambientazioni'

    In guerra per amore - featurette 'Backstage: la mafia e la storia'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Forrest Gump

    FORREST GUMP

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - 'Celluloid Portraits Vintage' - .... [continua]

    The Terminal

    61a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica - Lido di Venezia - Tom Hanks è l’inossidabile perno della nuova “commedia umana” spielberghiana

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - Steven Spielberg si ispira ad .... [continua]

    La guerra di Charlie Wilson

    TOM HANKS PATRIOTTICO E SOLIDALE DEPUTATO TEXANO AI TEMPI DELLA GUERRA FREDDA. AL SUO FIANCO, IL COLLEGA AGENTE CIA PHILIP SEYMOUR HOFFMAN E L'AMICA JULIA ROBERTS. MIKE NICHOLS LI SOSTIENE CON IL SUO COCKTAIL DI UMORISMO, INTELLIGENZA E SENSIBILITA'

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - 'CELLULOID PORTRAITS' rende Omaggio .... [continua]

    Captain Phillips - Attacco in mare aperto

    CAPTAIN PHILLIPS-ATTACCO IN MARE APERTO: ISPIRATO AL PRIMO VERO DIROTTAMENTO DI UNA NAVE DA CARICO STATUNITENSE IN DUECENTO ANNI DI STORIA NAVALE. TOM HANKS VESTE I PANNI DEL CAPITANO RICHARD PHILLIPS PER PAUL GREENGRASS

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - 3 NOMINATIONS ai GOLDEN .... [continua]

    Saving Mr. Banks

    SAVING MR. BANKS: TOM HANKS DIVENTA WALT DISNEY PER JOHN LEE HANCOCK IN UNA STORIA CHE RACCONTA IL SUCCESSO DI MARY POPPINS A DISPETTO DELLA SUA RECALCITRANTE AUTRICE PAMELA L. TRAVERS (EMMA THOMPSON)

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - RECENSIONE ITALIANA IN ANTEPRIMA e .... [continua]

    Sully

    SULLY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    The Post

    THE POST

    L'Omaggio di CelluloidPortraits a Tom Hanks - RECENSIONE - Tra i .... [continua]