ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Life - Non oltrepassare il limite

    LIFE - NON OLTREPASSARE IL LIMITE

    RECENSIONE - Dal 23 Marzo

    "Credo che il motivo principale che ha spinto tanti grandi registi ad intraprendere un percorso nella fantascienza fosse il forte desiderio di lavorare con l’ignoto, che fosse la paura o il fascino dell’ignoto, viviamo in un mondo fisico e materiale mentre nello spazio ci si trova catapultati in un’avventura a parte. Non ne conosciamo le sembianze, non sappiamo cosa si prova, né cosa possa farci o dove si trovi. Non ci sono rumori. E tutto questo è agghiacciante... La sceneggiatura era più propriamente un film di fantascienza realistico, direi un film basato su una realtà scientifica... La Stazione Spaziale Internazionale è una delle ultime idee idealistiche messe in atto dall’umanità negli ultimi 50 anni, è uno dei centri vitali dell’umanità e racchiude l’esplorazione e la scoperta dell’ignoto. Il film è un omaggio ed un tributo al coraggio necessario ad incontrare l’ignoto senza paura ed allo stesso tempo, porta in sé la storia dell’umanità. Di fatto, noi uomini non abbiamo incontrato l’ignoto molto spesso. E quindi la questione sarà non tanto cosa farà l’ignoto a noi, bensì cosa faremo noi all’ignoto. Se trattiamo male l’ignoto, non pensate che l’ignoto ci tratterà altrettanto male? Se trattiamo l’ignoto con paura, non pensate che l’ignoto reagirà a tale paura?"
    Il regista Daniel Espinosa

    "Tutto questo dà al film un senso di contemporaneità, una delle cose più importanti per tutti sin dall’inizio del progetto era la necessità di ambientare tutto come se, accendendo il telegiornale, potessimo sentir descrivere un fatto come quello che accade nel film anche oggi"
    Il produttore e CEO di Skydance David Ellison

    "Non abbiamo girato un film ambientato nel futuro, più che un film di fantascienza volevamo realizzare un film che sembrasse un evento scientifico"
    La produttrice Dana Goldberg

    "Oggigiorno si va su Marte per scoprire nuove forme di vita. Cosa accadrebbe quindi, se le scoprissimo realmente? Cosa accadrebbe nel momento in cui comunicassimo o ci relazionassimo ad esse?"
    La produttrice Bonnie Curtis

    (Life; USA 2017; Thriller Sci-Fi Horror; 103'; Produz.: Columbia Pictures/Nvizage/Skydance Productions/Sony Pictures Entertainment (SPE)/Sony Pictures; Distribuz.: Warner Bros. Pictures Italia)

    Locandina italiana Life - Non oltrepassare il limite

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Life - Non oltrepassare il limite

    Titolo in lingua originale: Life

    Anno di produzione: 2017

    Anno di uscita: 2017

    Regia: Daniel Espinosa

    Sceneggiatura: Rhett Reese e Paul Wernick

    Cast: Rebecca Ferguson (Miranda North)
    Ryan Reynolds (Roy Adams)
    Jake Gyllenhaal (David Jordan)
    Hiroyuki Sanada (Sho Murakami)
    Ariyon Bakare (Hugh Derry)
    Olga Dihovichnaya (Katerina Golovkin)
    Naoko Mori (Kazumi)
    Camiel Warren-Taylor (Dominique)
    Hiu Woong-Sin (Pescatore)

    Musica: Jon Ekstrand

    Costumi: Jenny Beavan

    Scenografia: Nigel Phelps

    Fotografia: Seamus McGarvey

    Montaggio: Simon Burchell e Frances Parker

    Effetti Speciali: David Watkins (supervisore); William John Gant e George Buckleton

    Scheda film aggiornata al: 20 Aprile 2017

    Sinossi:

    In breve:

    Life - Non oltrepassare il limite è un agghiacciante thriller fantascientifico incentrato su una squadra di scienziati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, la cui missione si tinge di autentica paura quando si scopre che una forma di vita in rapida evoluzione, causa dell’estinzione della vita su Marte, sta minacciando la squadra e la vita stessa sulla Terra.

    Short Synopsis:

    An international space crew discovers life on Mars

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Premessa d'obbligo

    Non c'era bisogno, ma va bene lo stesso. No, dico, non c'era bisogno che il regista sceneggiatore e produttore cinematografico svedese di origine cilena Daniel Espinosa (Safe House-Nessuno è al sicuro, Child 44-Il bambino numero 44) rimarcasse le sue fonti, o, per meglio dire, "i suoi eroi cineasti", con l'attenzione prestata al loro approccio alla fantascienza. Il nervo narrativo già ne stimola la memoria: 'un agghiacciante thriller fantascientifico incentrato su una squadra di scienziati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, la cui missione si tinge di autentica paura quando si scopre che una forma di vita in rapida evoluzione, causa dell’estinzione della vita su Marte, sta minacciando la squadra e la vita stessa sulla Terra'. Si parla dunque di una vita aliena, celebrata nel titolo inglese Life come 'prima donna incontrastata', mentre quello italiano rincalza - mai accontentarsi dell'essenziale! - con l'inconfondibile monito 'Non oltrepassare il limite'. Con

    simili premesse, a chi non viene in mente il mitico Alien di Ridley Scott? A dire il vero è venuto in mente a tutti. Ma proprio a tutti! E all'inevitabile riferimento della indimenticabile pellicola scottiana Espinosa aggiunge 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick e Solaris di Andrei Tarkovsky. Fin qui nulla di male. Ognuno ha avuto i suoi Maestri. Anche Giotto ha guardato a Cimabue prima di portarsi ben oltre. Ma il punto è: il regista Daniel Espinosa in Life-Non oltrepassare il limite è riuscito a fare altrettanto? E' riuscito nel suo intento? Guardare alle sue icone - e non sono queste le uniche! - prima di elaborare un film 'personale'?

    Questione di prospettiva

    Non è male la prospettiva di Espinosa. Una prospettiva di matrice contemporanea: immaginare non tanto di fare un film sul futuro ma di accendere la TV e sentire tutto quello sta accadendo dal telegiornale come un

    fatto del giorno, una notizia dell'ultim'ora, un evento scientifico da guadagnarsi il podio del primo posto nelle Breaking News. Espinosa rimarca il tratto realistico di natura scientifica del film richiamandosi al fatto che gli scienziati hanno di recente avuto prova della presenza di acqua su Marte, come hanno scoperto migliaia di esoplaneti che ruotano intorno ad altre stelle ed hanno persino risvegliato microbi di 50 mila anni ibernati in cristalli. Si è sentito dunque l'impulso di una novella attualità del tema? Allora chi l'ha immaginato prima che diventasse attuale è un genio! Ma questo lo sapevamo già.

    E dunque... che succede veramente nel film e qual è la cifra stilistica?

    Non sono male i primi passi con cui si intesse un lungo prologo prima di far sfilare il titolo: un bel piano sequenza su un ampissimo squarcio di natura cosmica, note musicali alla Blade Runner in sottofondo, prima che si entri nel

    vivo del traffico spaziale e si offra alla vista tutta la magnificenza di un sorgere lento e sinuoso della Stazione Internazionale Spaziale. Un virtuosismo scenico con cui Espinosa guadagna punti in merito al tocco personale. E, a dire il vero, non sono male neppure molti altri passaggi, a cominciare dai primi movimenti dell'organismo vivente monocellulare alieno ancora in erba, sotto stimolazione indotta. Niente di inedito, ma rielaborato in un modo che ha un suo fascino e che riesce a catturare l'attenzione. Che è poi la cifra della maggior parte del film, soprattutto della prima parte direi, poi alcune ingenuità condite con battute a rischio comicità, e un procedere a cavallo del dejavu, nel senso del già visto e rivisto al punto che la rielaborazione non tiene neppure al gancio di scenografie, fotografia ed effetti di tutto rispetto, fa scendere a questo Life tanti di quei gradini da finire quasi nello

    scantinato. E per arrivarci non si disdegnano neppure scorciatoie che confinano stralci di trama nelle nebulosità dell'immaginazione e scelte dei protagonisti sul polveroso selciato degli sprovveduti più che dei veri professionisti.

    Il primo errore a rischio comicità e protagonisti mal posti sotto i riflettori

    Il primo errore diventa tanto fatale quanto a tratti comico: la battuta 'ha perso interesse' riferita all'organismo che non molla la presa è davvero irresistibile! La sperimentazione intorno all'ignoto reattivo, una volta risvegliato, l'organismo monocellulare alieno biancastro e gelatinoso dai movimenti sinuosi come un'alga nel cuore delle profondità oceaniche, si fregia difatti delle disavvedute manovre di Hugh Derry (Ariyon Bakare) che ci giocherella neanche fosse un amichetto di vecchia data, da cui è d'altra parte ammirato ed irresistibilmente attratto. Ad assisterlo a distanza, sulla coda dell'imprevista aggressione dell'ancora minuscolo organismo, un dispiegamento di forze che si rivelerà tanto inefficace quanto sottoimpiegato: Ryan Reynolds con il suo Rory

    apre le danze con il recupero dei campioni da Marte ma ci lascia ben presto sui primi frangenti drammaticamente catastrofici, mentre intanto il Sci-Fi inizia virare verso l'horror. Gli effetti scenici delle bolle di sangue in assenza di gravità fanno il loro effetto e sono solo un esempio della rielaborazione personale di una materia conosciuta e trattata altrove. Al personaggio di Jake Gyllenhaal, il dottor David Jordan, occorre concedere parecchio tempo prima che possa emergere nelle sue vere corde. E tradisce le prime incongruenze a livello di copione. Se quel poco che lo vediamo all'inizio ha uno sguardo quasi asettico motivato dalla grande capacità di distacco emotivo maturata sulla SSI nell'arco di ben 473 giorni di permanenza, perché riesce ad esprimersi al top dell'emozione, fino alla disperazione allo stato puro innaffiata da copiose lacrime? Prendiamo per buono il fatto che si trova sotto una pressione inusuale e in circostanze eccezionali,

    con perdite umane di colleghi amici non messe nel conto, e lasciamo perdere. Il giapponese Hiroyuki Sanada, tradotto in Murakami, sta in scena quel tanto che basta a celebrare la nascita a distanza della sua bambina prima di interpretare un catastrofico cameo nel 'tete a tete' con l'alieno ormai cresciuto e in età scolare. Alla Dott.ssa Miranda North di Rebecca Ferguson l'onore e l'onere, come medico preso in prestito dal Centro di Controllo e Prevenzione Malattie, di mantenere in perfetta salute tutti i membri dell’equipaggio, ma anche gli abitanti della Terra, da strane contaminazioni eventuali. Tra gli altri componenti della squadra anche il personaggio femminile di Ekaterina (Olga Dihovichnaya), stucchevolmente insignito con l'inflazionato ed immancabile accento russo. Un team peraltro preventivamente presentato ai ragazzi di una scuola - e al contempo allo spettatore - che battezzano l'organismo con il nome di Calvin.

    L'inizio della fine, omaggio o plagio?

    L'inizio della fine...

    del nostro interesse, si dipana in una traiettoria speculare all'esponenziale crescita molecolare e intellettiva dell'organismo stesso - per gli amici Calvin, se solo ne avesse qualcuno! - interattivo con l'essere umano esattamente come un demone, con cui condivide, per scelta, le stesse vie d'accesso, alimentato unicamente dalla sete di sopravvivenza ai feroci quanto inutili attacchi di difesa degli umani. E se fino a quel momento era rimasto un barlume di speranza... La speranza che sul processo delle manovre di difesa, sulla cresta dell'evolversi dei movimenti, potesse succedere qualcosa di inaspettato - Beh si sa, che la speranza è sempre l'ultima a morire! - ecco che la vediamo esalare l'ultimo respiro sui binari morti dell'inevitabile e dell'inevitabilmente orecchiato, sempre pescando nel prestigioso pozzo dei cult: dall'originale scottiano Alien a La cosa di John Carpenter - "L’idea era che l’alieno fosse ibernato, e quindi protetto dalle radiazioni solari, sotto la superficie del

    pianeta stesso" - fino al Gravity di Alfonso Cuaron, da cui Espinosa trae ispirazione, oltre che per le varie manovre in assenza di gravità all'SSI, anche per l'epilogo, mescolando però le carte al punto da azzardare una sterzata a rischio sbandamento. E quella che poteva essere una novità assume invece tutto il respiro di una svolta ai limiti del risibile. Al che, il sottotitolo Non oltrepassare il limite, potrebbe anche suonare come beffardo monito, più per il rapporto del regista con il suo film che non per la specie umana nei riguardi di Life, la vita dell'Alien Calvin, ancora più suscettibile e intelligente del suo antenato. Ah! Le nuove generazioni!

    Perle di sceneggiatura


    Altre voci dal set:

    La produttrice Julia Lynn:

    "Quello che mi piace di questo film è il fatto che viene ambientato in una realtà possibile, abbiamo lavorato sodo perché restasse così, potenzialmente verosimile nella nostra realtà. Parlando con biologi, eso-biologi ed il nostro consulente Adam Rutherford, eravamo fermamente convinti di non volere che questo organismo vivente fosse una persona in abito da sera o un pupazzo. Volevamo fosse qualcosa che potesse evolvere da un organismo monocellulare, da una minuscola cellula. Non si moltiplica con l’intenzione di recare danno. È una creatura a se stante e viene condizionato da quanto gli accade intorno"

    La co-sceneggiatrice Rhett Reese:

    "Credo che quello che spaventa sull’idea di scoprire una vita extraterrestre sia che non sappiamo quali siano le sue intenzioni, se sarà amichevole o ostile, se la sua intelligenza sarà elevata o bassa, se ci sfrutterà o se sarà sfruttata da noi, credo sia una paura realistica e ben fondata. Stephen Hawking ha scelto di raccontare quel che potrebbe accadere se un organismo extraterrestre non fosse amichevole e non avesse le migliore intenzioni nel confronti dell’umanità... Abbiamo pensato di creare un alieno che inizialmente fosse un organismo monocellulare. Poi si riproduce tante volte fino a diventare pluricellulare, un organismo complesso capace di sopravvivere nell’ambiente dove si è riprodotto, non ha un’intelligenza superiore: è una combinazione di cellule indifferenziate. Un essere umano, per esempio, ha cellule differenziate, le cellule muscolari, quelle neuronali, quelle del sangue, e tutte queste cellule svolgono funzioni diverse. In questo particolare alieno, invece, ogni cellula svolge tutte le funzioni. Ogni singolo cellula di questo organismo ha in sé la funzione di occhio, muscolo e neurone, ed in quanto tale, la creatura è fortemente capace di adattarsi all’ambiente circostante".

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Warners Bros Pictures e Laura Poleggi (QuattroZeroQuattro)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO di LIFE - NON OLTREPASSARE IL LIMITE

    Links:

    • Jake Gyllenhaal

    • Hiroyuki Sanada

    • Ryan Reynolds

    • Rebecca Ferguson

    • Naoko Mori

    1 | 2 | 3 | 4 | 5

    Galleria Video:

    Life-Non oltrepassare il limite - trailer 2

    Life-Non oltrepassare il limite - trailer

    Life-Non oltrepassare il limite - trailer (versione originale) - Life

    Life-Non oltrepassare il limite - clip 'Mutilation'

    Life-Non oltrepassare il limite - clip 'Salva'

    Life-Non oltrepassare il limite - featurette 'In collaborazione con ASI'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    IT 2017

    IT

    New Entry - Dal 19 OTTOBRE .... [continua]

    Dunkirk

    DUNKIRK

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Agosto) - Christopher Nolan (Interstellar) alle prese con il .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]