ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Sully

    SULLY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse

    FAMIGLIA ALL'IMPROVVISO - ISTRUZIONI NON INCLUSE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Manchester by the Sea

    MANCHESTER BY THE SEA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Collateral Beauty

    COLLATERAL BEAUTY

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Allied - Un'ombra nascosta

    ALLIED - UN'OMBRA NASCOSTA

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    In viaggio con Jacqueline

    IN VIAGGIO CON JACQUELINE

    Seconde visioni - Cinema sotto le stelle: 'The Best of Summer 2017' - .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > The Great Wall

    THE GREAT WALL

    Dal visionario regista Zhang Yimou (Hero, La foresta dei pugnali volanti), una storia con Matt Damon alle prese con la difesa dell'umanita' - RECENSIONE ITALIANA e Preview in English by Maggie Lee (www.variety.com) - Dal 23 Febbraio

    "'La Grande Muraglia' è presente nei testi del nostro inno nazionale, ad esprimere un sentimento che pervade il cuore di tutto il popolo cinese. La utilizziamo spesso per poter parlare di concetti spirituali. Per tutti noi in Cina, la Grande Muraglia è un simbolo del nostro spirito nazionale: risuona in ogni cinese a rappresentanza delle nostre tradizioni e del nostro spirito... Nel film, la Grande Muraglia simbolizza la salvaguardia della pace e dello spirito nazionale. Ho creduto da subito nella forza di questa sceneggiatura, soprattutto quando ti porta a guardare alla Muraglia da un punto di vista diverso. La muraglia è stata costruita per proteggere la nostra terra d’origine, e in questa dinamica fa veramente poca differenza se il nemico sia una persona reale o un mostro... Questo film è un omaggio alla storia e alla cultura cinese, peraltro interamente girato in Cina. Ciò che mi ha attratto in primo luogo sono stati gli elementi culturali presenti. Anche con la presenza dei mostri, credo di aver avuto in pieno l’opportunità di esprimermi. È una storia affascinante, pervasa da temi interessanti e forti emozioni... Per riprodurre il mostro Taotie, abbiamo speso moltissime energie nella ricerca, inclusa la lettura del ‘Shan-hai Jing', testo classico della cultura cinese che raccoglie la mitologia antica della nostra letteratura. Frutto dell’avidità umana, mangiano voracemente. In Cina ancora usiamo la parola 'Tao Tie' per definire una persona che si abbuffa senza fondo. In un’accezione positiva possono essere riferiti ai grandi banchetti e alle feste, ma nella cultura popolare sono spesso rappresentati come il peggiore nemico dell’uomo: la sua avidità è stata la causa della loro proliferazione e le conseguenze si scatenano direttamente sugli umani... Per cominciare la storia è avvolta da un fitto mistero. Quale è la vera storia di questi mostri? Come sono diventati così feroci? Quali sono le loro debolezze? Da quanti anni gli uomini combattono contro i loro attacchi? Che emozioni e reazioni sono nate fra i guerrieri che tentano di combatterli? Riescono a sopravvivere o soccombono a queste aggressioni? Ci sono molte cose da raccontare ed è un approccio totalmente differente dagli altri film con mostri e demoni... Ogni genere ha i suoi limiti e i monster movie non ne sono esenti. Devi necessariamente stabilire una serie di regole. Taotie è una tipologia di mostro che dalla mitologia è arricchito dalla nostra immaginazione, mentre il resto della storia si fonda su un terreno solido e su fatti storici. Non volevo che i personaggi umani avessero poteri soprannaturali, che avrebbero reso il racconto surreale. Quello che abbiamo fatto è stato lavorare molto sulla sintesi e sugli elementi più importanti, ponendoci in una posizione realistica che potesse rendere la storia totalmente realistica. Scenografie, azioni, armi sono state pensate all’interno di questi limiti ben precisi: la Grande Muraglia è un oggetto reale, pietra angolare del film e della Cina, costruita un mattone alla volta. Abbiamo deciso di approcciare la nostra storia nella stessa identica maniera"
    Il regista Zhang Yimou

    (The Great Wall; USA/CINA 2016; Fantasy; 104'; Produz.: Legendary East/Atlas Entertainment/Kava Productions/Le Vision Pictures/Legendary Pictures; Distribuz.: Universal Pictures International Italy)

    Locandina italiana The Great Wall

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: The Great Wall

    Titolo in lingua originale: The Great Wall

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2017

    Regia: Zhang Yimou

    Sceneggiatura: Max Brooks, Tony Gilroy, Marshall Herskovitz, Carlo Bernard, Edward Zwick e Doug Miro

    Soggetto: Storia di Max Brooks, Tony Gilroy, Marshall Herskovitz, Carlo Bernard, Edward Zwick e Doug Miro.

    Cast: Matt Damon (William Garin)
    Pedro Pascal (Pero Tovar)
    Tian Jing (Comandante Lin Mei)
    Willem Dafoe (Ballard)
    Andy Lau (Stratega Wang)
    Eddie Peng (Comandante Wu)
    Lu Han (Peng Yong)
    Kenny Lin (Comandante Chen)
    Hanyu Zhang (Generale Shao)
    Xuan Huang (Comandante Deng)
    Karry Wang (Imperatore)
    Ryan Zheng (Shen)
    Cheney Chen (Ufficiale imperiale)
    Pilou Asbæk (Bouchard)
    Numan Acar (Najid)
    Cast completo

    Musica: Ramin Djawadi

    Costumi: Mayes C. Rubeo

    Scenografia: John Myhre

    Fotografia: Stuart Dryburgh

    Montaggio: Mary Jo Markey e Craig Wood

    Makeup: Paul Engelen (designer); Anna Lozano (supervisore); Daniel Lawson Johnston; Jana Carboni (per Matt Damon)

    Casting: John Papsidera e Victoria Thomas

    Scheda film aggiornata al: 30 Marzo 2017

    Sinossi:

    In breve:

    The Great Wall racconta la storia di un gruppo scelto, alle prese con la valorosa difesa dell’umanità su uno dei più iconici monumenti del mondo.

    In dettaglio:

    The Great Wall é ambientato in una regione del nord della Cina durante un passato in cui mercenari come William Garin, alla guida di cinque soldati abituati alla guerra e in fuga da recenti combattimenti, sono alla caccia di ricchezza, potere e gloria. Uno dei componenti del gruppo, un francese di nome Bouchard, è venuto a conoscenza di una nuova arma, una polvere esplosiva che potrebbe garantirgli tutte le ricchezze che cercano. La polvere da sparo é un esplosivo talmente raro e prezioso da divenire il “Sacro Graal” della guerra, un tesoro ambito per cui molti morirebbero. Dopo essere sopravvissuti a un brutto guaio con un clan di nomadi nel deserto, il gruppo è attaccato durate la notte nell’accampamento allestito in una valle solitaria da un esercito nascosto. Prima di perdere i propri compagni durante l’imboscata, Garin e Tovar trovano una strana pietra magnetica al fianco dell’artiglio reciso di ciò che li ha ferocemente aggrediti. Qualcosa che non hanno
    mai visto. Seriamente danneggiati, i due sopravvissuti raggiungono la Grande Muraglia e si consegnano a un esercito sconosciuto di guerrieri chiamato l’Ordine Senza Nome, che si raccoglie in un ambiente protetto chiamato la Città Fortezza - un vivace avamposto militare con incredibili tecnologie che contribuiscono a proteggere i suoi abitanti da un malvagio nemico che si sta materializzando fuori dalla Muraglia. Immediatamente imprigionati, sono incatenati e interrogati da un tribunale guidato da un trio composto dal Generale Shao, riverito comandante dell’Ordine Senza Nome (un vasto esercito di soldati, oltre i 100.000, diviso in cinque reggimenti riconoscibili dalle loro colorate uniformi, dagli animali presi a simbolo e dalle regole che li uniscono), lo Stratega Wang, scienziato e storico della fortezza e la guerriera Lin Mae, che comanda il battaglione di sole impavide donne trapeziste. Le domande rivolte alla coppia non riguardano esclusivamente gli artigli della creatura, ma anche su quanto Garin ha trovato prima dell’uccisione del mostro. Qualcosa che incuriosisce il saggio scienziato della fortezza, Wang: il misterioso magnete che potrebbe rivelarsi un vantaggio per affrontare il malefico nemico che arriva dall’esterno. Shao, comunque, é affascinato dall’artiglio mozzato, che appartiene a una specie selvaggia chiamata Tao Tei, una razza di antiche e mitologiche bestie che vive all’interno della montagna di Giada e riemerge dall’oscurità ogni 60 anni per otto giorni per nutrirsi e punire l’avidità degli uomini. La Tao Tei é una razza in continua evoluzione, con una forza d’attacco che si dipana su tre livelli e ha capacità telepatiche di cui la popolazione comune non sospetta neanche l’esistenza: al massimo leggende e pettegolezzi girano fra chi non li ha mai visti e non ha mai combattuto contro di loro. Si aggiunge la curiosità e la meraviglia per il trofeo di battaglia di Garin, un oggetto che i guerrieri cinesi hanno per la prima volta l’opportunità di vedere e analizzare. Qualsiasi uomo che riesca ad uccidere un Tao Tei in un combattimento a stretto contatto deve essere senza dubbio un guerriero valoroso. Garin e Tovar sono ben consapevoli che senza risposte immediate per i loro carcerieri non potranno mai uscire dalla fortezza vivi. Durante la prigionia conoscono un misterioso compagno di cella di nome Ballard, da molto tempo rinchiuso nella Muraglia, che si rivela come l’unica possibilità di sopravvivenza. Ballard illustra loro il proprio piano di fuga dalla fortezza raccontando anche di una nuova potente arma sviluppata da chi li tiene imprigionati, un bottino alla cui ricerca per cui la coppia ha viaggiato in lungo e largo. Il piano di Ballard? Rubare la “Polvere Nera” dell’Ordine e scappare dalla fortezza, compromettendo il proprio onore in cambio della salvezza. Se Ballard riesce a coinvolgere Tovar a dare forma al piano, Garin inizia a interrogarsi se non sia corretto piuttosto dimostrare sacrificio, coraggio e onore al fianco dei guerrieri della fortezza aiutando l’Esercito nel difendersi dall’attacco dei Tao Tei durante la brutale battaglia che potrebbe renderlo un eroico combattente. Quando si profila il combattimento finale con le spaventose creature, Garin si trova a dover decidere: assecondare la sua identità mercenaria e fuggire con Ballard e Tover, o raggiungere l’immortalità unendosi all’Ordine Senza Nome nel resistere ai furiosi assalti sulla Grande Muraglia…sapendo che la sua scelta potrebbe dover significare anche trovarsi fra la vita e la morte.

    Short Synopsis:

    A mystery centered around the construction of the Great Wall of China

    When a mercenary warrior (Matt Damon) is imprisoned within the Great Wall, he discovers the mystery behind one of the greatest wonders of the world. As wave after wave of marauding beasts besiege the massive structure, his quest for fortune turns into a journey toward heroism as he joins a huge army of elite warriors to confront the unimaginable and seemingly unstoppable force

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Lo scenario ambientale, tra vie desertiche in mezzo alle montagne è il primo protagonista. Un manipolo di uomini speculare ad un manipolo di cavalli, un preliminare inseguimento di nomadi, e poi lei. La prima vera prima donna: la Grande Muraglia. E una storia che non aveva necessità di essere accompagnata dalla didascalia iniziale, come una damigella di scorta ad un grande corteo, per avvertire della matrice leggendaria. Una leggenda che scarta dal surreale perché non rinuncia al realismo. Un realismo spettacolare, di un fascino ammaliante, tanto quanto i mirabili movimenti di macchina da presa che spirano incantevoli venti d'Oriente nelle mani e nella mente del grande regista cinese Zhang Yimou (Lanterne rosse, Hero, La foresta dei pugnali volanti). Le grandi panoramiche su ambientazioni e su eserciti tanto massicci non perdono mai di vista i dettagli, i primissimi piani e il calore umano avvolgente rischiarato alla calda luce di un fuoco.



    Ma detto questo, il The Great Wall di Zhang Yimou non può essere raccontato, deve essere visto, per assaporare appieno il gusto di usi, costumi ed armi attraverso tradizioni tanto antiche da servirsi della mitologia, allo scopo di porgere, tra simboli ed allegorie, il messaggio morale che, soprattutto nelle favole e nei fantasy, non manca mai. E' dunque di scena la Cina di un antico passato collocato approssimativamente attorno al 1.100 a.C., durante la dinastia Song, quando la Muraglia - tanto quanto le nostre, ben più modeste per dimensioni ma non meno suggestive, mura medievali che accerchiano le città più antiche - era l'equivalente di difesa ai più alti livelli. E' qui che entra in gioco la mitologia, cui il contesto realistico apre una sorta di arco di trionfo amplificato dal tocco epico. Difesa non dagli uomini, per una volta, bensì da una micidiale creatura chiamata Tao Tei, una malefica

    specie dalle micro dinosauriche sembianze ma di intelligenza superiore, capitanata da una sua regina che impartisce ordini tramite impulsi telepatici. Malefica specie che, per l'appunto secondo la mitologia dell'antica letteratura cinese, si affaccia ogni sessant'anni dal cuore di una montagna per attaccare e nutrirsi di esseri umani. Bestie di stampo preistorico, con l'intelligenza aliena degna di un sci-fi, declinata invece sull'action-fantasy, il cui tratto distintivo è una voracità senza limiti e confini, una portata distruttiva irrefrenabile. Lo specchio perfetto dell'avidità umana, un peccato che reclama la massima punizione.

    E' tutto questo che si trovano a fronteggiare due mercenari come il William Garin di un intensamente impeccabile Matt Damon, perfettamente a suo agio nelle vesti di super talentuoso arciere, ed il suo compare, fratello d'armi spagnolo, Pero Tovar (Pedro Pascal), entrambi fatti prigionieri dal misterioso - e dal nostro punto di vista aggiungeremmo volentieri 'eccentrico' - esercito, conosciuto come l’Ordine Senza

    Nome. Un ordine per il quale i colori sono un distintivo riconoscimento di ruolo in cui si riconosce facilmente una falange interamente al femminile addestrata per interventi da far impallidire anche il più blasonato degli spettacoli circensi. Sono una festa per gli occhi i combattimenti in cui queste giovani, la squadra delle Gru, sfidano la forza di gravità, capitanate dall’indomita guerriera e leader Lin Mae (rinomata nel panorama asiatico l'interprete Jin Tian). E non è che una sottilissima fetta dell'intera torta.

    L'asse portante dell'intero spettacolo si assesta sull'incrocio di due antitetiche culture e dei loro opposti modi di pensare, in cui questa volta l'Oriente si permette di impartire una lezione di valori morali all'Occidente. E questo ha molto a che vedere con il realismo della storia e ben poco con la mitologia. Lo ben ha rimarcato il produttore Charles Roven: Al periodo in cui è ambientata la nostra

    storia i Cinesi erano una delle società più evolute di sempre…. raggiungendo risultati che in Occidente non si erano mai visti. La polvere da sparo, ad esempio, motiva i mercenari della nostra storia, che sono selvaggi di fatto interessati solo alla propria sopravvivenza. Quando si imbattono in una comunità che lotta per la salvezza dell’umanità devono necessariamente rivalutare tutto". Di contro al suo compare e al sinistro Ballard di Willem Dafoe di cui facciamo conoscenza alla fortezza nel segno dell'emblema dell'avidità umana, il personaggio di Matt Damon scoprirà a suo tempo di doversi far carico di questa rivalutazione. Una rivalutazione che per suo tramite riallinea Occidente ed Oriente sulla stessa lunghezza d'onda. E senza il ricorso a banali happy ending.

    The Great Wall segna così il felicissimo debutto alla regia di una produzione interamente inglese con il budget più imponente per un film girato interamente in Cina, il che gli vale

    il primato come maggiore co-produzione mai realizzata nel Paese. Un'operazione che ha prodotto una tessitura autoriale in grande stile ed emotivamente appassionante. Le chiare fresche e dolci acque sgorgano d'altra parte da un'ottima sorgente: dalla maestosità delle immagini zampillano i rivoli della cristallina scrittura a firma di autori come Tony Gilroy (Michael Clayton, The Bourne Legacy), Carlo Bernard & Doug Miro (Prince of Persia - Le Sabbie del Tempo, L’Apprendista Stregone - The Sorcerer’s Apprentice). Che con la regia di Zhang Yimou celebrano un matrimonio esotico perfetto.

    Secondo commento critico (a cura di Maggie Lee, www.variety.com)

    Matt Damon doesn't save China in this capably directed but generic fantasy spectacle extolling Chinese culture and military excellence.

    Commanding China’s most expensive production, with probably the biggest input from Hollywood talent ever, blockbuster Chinese director Zhang Yimou capably gives period fantasy-action “The Great Wall” the look and feel of a Hollywood blockbuster, but his signature visual dazzle, his gift for depicting delicate relationships and throbbing passions are trampled by dead-serious epic aspirations.

    Those who ranted against the project as another case of Hollywood “whitewashing” in which Matt Damon saves China from dragons may have to bite their tongue, for his character, a mercenary soldier who stumbles into an elite corps fighting mythical beasts, spends the course of the film being humbled, out-smarted, and re-educated in Chinese virtues of bravery, selflessness, discipline, and invention. In between the cultural cheerleading, there are some highly watchable war and monster spectacles, though none

    so original or breathtaking as to stop one from associating them with the “Lord of the Rings” trilogy or its imitators.

    With a reported $150 million budget, the film rolls out in China mid-December with little competition in cinemas, boosted by a massive marketing campaign, which should draw full houses in the first week at least — though “The Great Wall” has a lot to recoup and will be hard-pressed to beat Stephen Chow’s charmingly lo-tech romantic fantasy “The Mermaid,” which still holds the record as China’s top-grossing film with nearly $489 million. While its marriage of Hollywood production values with Asian elements may skew the film toward a more culturally open-minded audience, the generic storytelling and lack of iconic characters will make it a tough sell stateside when Universal releases it on Feb. 17.

    The film opens like a spaghetti western in the Gobi Desert, as mercenary soldiers William Garin (Damon)

    and Pero Tovar (Chilean-born actor Pedro Pascal from “Game of Thrones”) flee the attack of Khitans, and Damon’s character procures the claw of an unknown creature by fluke. They arrive at a fortress on one segment of the Great Wall and are captured by the Nameless Order, an elite army led by General Shao (Zhang Hanyu) to fight Taotie, ravenous beasts that rise locust-like from the nearby Jade Mountain every 60 years to devour humans and everything else in their wake.

    The mechanical screenplay keeps the battles coming with accelerating size and peril. Shot with sweeping agility by Stuart Dryburgh (“Alice Through the Looking Glass”) and Zhang regular Zhao Xiaoding, using the Arri Alexa 65 and other state-of-the-art cameras, images of leaping movement appear with extraordinary sharpness in the 3D IMAX format. As the entire horde lays siege to two pagodas, the finale evinces the raw threat of a zombie apocalypse

    while the resplendent colored glass windows inside the pagodas form a romantic and distinctly Chinese backdrop.

    Yet, with rapid-fire editing by Mary Jo Markey (“Star Wars: The Force Awakens”) and Craig Wood (the “Pirates of the Caribbean” franchise), viewers are also overwhelmed by the inability to take in everything before the film abruptly lulls again to make room for more exposition and drama. This is especially true in an otherwise gripping setpiece in which Garin helps the soldiers capture a live Taotie, as the intricate human offensives are clouded by fog and dust.

    Though the film plays with the idea that China’s Great Wall may have been erected to keep out invaders more intimidating than mere mortals, the idea isn’t necessarily original, having already inspired the 2009 Japanese manga “Attack on Titan,” which depicts a community that has built concentric walls to ward off man-eating giants. The Nameless Order, with its five

    corps named after and touting the combat styles of the crane, bear, eagle, deer, and tiger, resembles the three-tiered military in “Titan.” (In particular, the Crane Corps, made up of all-female aerialists, swing around in a tethering system that invites close parallels with the “Vertical Maneuvering Equipment” in “Titan.”)

    That wouldn’t be such a problem if Zhang or his scribes had devoted even a smidgen of time to giving the respective commanders identities or backstories. Instead, though they are played by recognized actors (Eddie Peng, Kenny Lin Gengxin) with proven ability and charisma, these characters are just glorified cameos, stomping around in heavy armor looking angry or worried or both. Since most of the Chinese characters are portrayed as flawless paragons, they end up looking like cardboard cut-outs with no emotional dimension. This makes former K-pop idol Lu Han, with his characteristic boyish coyness, stand out as a cowardly foot soldier

    whose valor grows through his friendship with Garin.

    The only character who hogs the spotlight is Lin Mae (Jing Tian), commander of the Crane Corps, as she’s the one who impresses Garin with the Chinese people’s altruism in fighting not for money, but for the salvation of humankind. Perhaps the sheer amount of English dialogue constrains her performance, but Jing is completely wooden in her exchanges with Damon, even though Lin and Garin are supposed to develop a grudging respect and warmth for each other. Their dynamic feels especially awkward in static close-ups (and hers are numerous), when she’s most expressionless.

    It’s heartening that a film with European protagonists doesn’t cave to the controversial “white savior” syndrome seen in movies such as “Forbidden Kingdom.” But Damon’s role as a money-grubbing, lying, and smelly foreign mercenary is dubiously similar to the boozy, uncouth, opportunist mortician Christian Bale played in Zhang’s “The Flowers of

    War,” and he too is schooled in Chinese values of self-sacrifice by a coterie of “professional” women. Given very little complexity to round out his character, Damon forges a presence in the scenes of physical exertion, but don’t expect any award nominations.

    As for his selfish and unlikable sidekick, Pascal’s lines fall flat as comic relief and sound worse in translation, while a gaunt-looking Willem Dafoe is wasted as a minor villain.

    Zhang’s bold use of color schemes and lustrous lighting, notably in “Curse of the Golden Flower” or “Hero” are subdued by “Memoirs of a Geisha” production designer John Myhre’s stately contributions, which avoid chinoiserie in favor of subtle Chinese period details that most viewers will overlook in the flurry of action. And despite much being made of the Taotie, which were conceived from ancient Chinese mythology and invested with a philosophical dimension as the symbol and scourge of greed, their

    form and movement are not so distinct from Orcs or mini-Godzillas.

    First announced in August 2011 as a English-speaking tentpole project to kickstart Legendary East, the new Chinese arm of Legendary Pictures (now acquired by China’s Wanda Media), “The Great Wall” builds on such east-west collaborations as “Dragon Blade” and the Justin Lin-produced “Hollywood Adventures.” Early on, the project was to be helmed by “The Last Samurai” director Edward Zwick, who planned to co-write the script with Marshall Herskovitz, working from a concept from Legendary CEO Thomas Tull and “World War Z” author Max Brooks. Henry Cavill, Benjamin Walker, and Zhang Ziyi were at one time attached to star, though the final form was written by Carlo Bernard, Doug Miro, and Tony Gilroy, featuring more Mandarin dialogue and a bigger proportion of Chinese cast.

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di THE GREAT WALL

    Links:

    • Matt Damon

    • Willem Dafoe

    • Andy Lau

    • Tian Jing

    Altri Links:

    - Sito ufficiale

    1 | 2 | 3 | 4 | 5

    Galleria Video:

    The Great Wall - trailer 2

    The Great Wall - trailer

    The Great Wall - trailer (versione originale)

    The Great Wall - spot 'Segreto'

    The Great Wall - spot 'Speranza'

    The Great Wall - spot 'Unica barriera'

    The Great Wall - spot 'Uniti'

    The Great Wall - clip 'Assalto nel palazzo'

    The Great Wall - clip 'Dobbiamo ucciderli'

    The Great Wall - clip 'Dimostrazione con l'arco'

    The Great Wall - clip 'Sembrano nervosi'

    The Great Wall - clip 'Un uomo virtuoso'

    The Great Wall - featurette 'Sul set' (versione originale sottotitolata)

    The Great Wall - featurette 'Con Matt Damon sul set' (versione originale sottotitolata)

    The Great Wall - featurette 'Le riprese sulla Grande Muraglia' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Crazy Night - Festa col morto

    CRAZY NIGHT - FESTA COL MORTO

    Addio al nubilato col morto! Nel cast anche Scarlett Johansson e Demi Moore - Dal .... [continua]

    Atomica bionda

    ATOMICA BIONDA

    Charlize Theron è una bionda atomica nella città più calda - Preview in English .... [continua]

    Dunkirk

    DUNKIRK

    Christopher Nolan (Interstellar) alle prese con il capitolo della seconda guerra mondiale consumato sulle spiagge .... [continua]

    Spider-Man: Homecoming

    SPIDER-MAN: HOMECOMING

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 6 Luglio

    "Sono felice ....
    [continua]

    Transformers: L'ultimo cavaliere

    TRANSFORMERS: L'ULTIMO CAVALIERE

    Ancora al cinema - RECENSIONE in ANTEPRIMA - Dal 22 Giugno

    "È il ....
    [continua]

    La mummia

    LA MUMMIA

    Ancora al cinema - RECENSIONE - Tra i più attesi!!! - Tom .... [continua]

    Felice Estate!

    FELICE ESTATE/HAPPY SUMMER!

    .... [continua]