ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    L'uomo che sussurrava ai cavalli

    L'UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Robert Redford qui .... [continua]

    Kramer contro Kramer

    KRAMER CONTRO KRAMER

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - VINCITORE di [continua]

    La guerra dei Roses

    LA GUERRA DEI ROSES

    New Entry - 'Celluloid Portraits Vintage' - I Bellissimi! - Un avvocato (Danny .... [continua]

    The Turning

    THE TURNING

    New Entry - Dal 4 GIUGNO .... [continua]

    Jurassic World: Dominion

    JURASSIC WORLD: DOMINION

    New Entry - Nel terzo episodio della saga Jurassic World Chris Pratt torna a .... [continua]

    La sfida delle mogli

    LA SFIDA DELLE MOGLI

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Anon

    ANON

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - "Alla base del film c'è l'idea secondo .... [continua]

    Le cose che non ti ho detto

    LE COSE CHE NON TI HO DETTO

    Aggiornamenti freschi di giornata! (30 Maggio 2020) - Dal TIFF 2019 - Dal .... [continua]

    Storia di un matrimonio

    STORIA DI UN MATRIMONIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 76. Mostra del Cinema di .... [continua]

    Home Page > Movies & DVD > Gold - La grande truffa

    GOLD-LA GRANDE TRUFFA: MATTHEW MCCONAUGHEY CERCATORE D'ORO PER STEPHEN GAGHAN (SYRIANA)

    RECENSIONE ITALIANA e Preview in English by Peter Debruge (www.variety.com) - Dal 4 Maggio

    (Gold; USA 2016; Thriller drammatico d'avventura; 121'; Produz.: Black Bear Pictures/Hwy61/Living Films; Distribuz.: Eagle Pictures)

    Locandina italiana Gold - La grande truffa

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See Short Synopsis
    Trailer

    Titolo in italiano: Gold - La grande truffa

    Titolo in lingua originale: Gold

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2017

    Regia: Stephen Gaghan

    Sceneggiatura: Stephen Gaghan, Patrick Massett e John Zinman

    Soggetto: Il film si basa su una storia veramente accaduta nel 1993 e racconta lo scandalo in cui fu coinvolta la Bre-X Minerals Ltd. fondata da David Walsh. Su consiglio del geologo John Felderhof, Walsh comprò un terreno nella giungla del Borneo in Indonesia, vicino al fiume Busang, per estrarre un deposito d'oro. Inizialmente si stimò la presenza di circa 2 milioni d'oro all'oncia. Nel 1995 la stima raggiunse i 30 milioni, 60 nel 1996 e 70 nel 1997. Di conseguenza le azioni della compagnia raggiunsero un prezzo record e una capitalizzazione di mercato di 4,4 miliardi di dollari americani, che oggi al netto dell'inflazione corrisponderebbero a 6,5 miliardi. Quando fu scoperto che i campioni trovati erano in realtà stati coperti con della polvere d'oro e tutti i dati erano una frode, la compagnia andò in bancarotta nel 1997.

    Cast: Matthew McConaughey (Kenny Wells)
    Edgar Ramirez (Michael Acosta)
    Bryce Dallas Howard (Kaylene)
    Macon Blair (Connie Wright)
    Adam Lefevre (Bobby Burns)
    Frank Wood (Scottie Nevins)
    Corey Stoll (Brian Woolf)
    Toby Kebbell (Agente Jennings)
    Joshua Harto (Lloyd Stanton)
    Timothy Simons (Jackson)
    Bruce Greenwood (Mark Hancock)
    Stacy Keach (Clive Coleman)
    Bill Camp (Hollis Dresher)
    Rachael Taylor (Rachel Hill)
    Craig T. Nelson (Kenny Wells)
    Cast completo

    Musica: Daniel Pemberton

    Costumi: Danny Glicker

    Scenografia: Maria Djurkovic

    Fotografia: Robert Elswit

    Montaggio: Douglas Crise

    Makeup: Tomasina Smith (direttrice del Dipartimento Unità di New York); Rachel English, Meredith Greene, Maria Maio, Karla Muenze, Sara Roybal e Raquel Vivve; Felicity Bowring (per Matthew McConaughey); Kyra Panchenko (per Bryce Dallas Howard)

    Casting: Jo Edna Boldin e Avy Kaufman

    Scheda film aggiornata al: 01 Giugno 2017

    Sinossi:

    In breve:

    Kenny Wells (Matthew McConaughey) è un uomo d'affari alla perenne ricerca del colpo milionario. Grazie al geologo Michael Acosta si imbatte in una vera e propria “montagna di soldi”, una delle più grandi e prolifiche miniere d'oro nell'inesplorata giungla indonesiana. Sfacciatamente ricco, senza freni e ancor più avido di denaro, Wells proverà a prendere di petto Wall Street imparando presto sulla sua pelle che non è tutto ORO quel che luccica...

    Short Synopsis:

    An unlikely pair venture to the Indonesian jungle in search of gold

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    Matthew McConaughey contagiato dalla febbre dell'oro in cerca delle alte quote di Wall Street, fedele al sogno americano - ancor più grande in tempi di crisi - nel bel mezzo alla giungla indonesiana

    Se c'è un aspetto davvero galvanizzante in questo Gold-La grande truffa di Stephen Gaghan (Syriana, già sceneggiatore di Traffic) è il finale. Il problema è arrivarci! Perché a dispetto della storia "fottutamente vera" da cui Il film è stato tratto, e a dispetto dell'indubbio talento trasformista introspettivo di Matthew McConaughey, qui tradotto nel bolso alcolizzato alla deriva Kenny Wells - un'esistenza protesa verso la ricerca dell'oro, l'unica che potesse dare un senso ai suoi ripetuti fallimenti annegati in un mare di frustrazione - a dispetto di tutto, il percorso cinematografico qui tratteggiato è davvero tedioso. La noia e lo sbadiglio ci insidiano punzecchiandoci ad ogni angolo di quella svolta tanto attesa e mai arrivata. Dobbiamo allora tenerci

    bene in mente la ragione di tanta perseveranza in quella ricerca fallimentare, per poter apprezzare l'anima buona almeno in fondo al Kenny di McConaughey, in superficie personaggio per lo più rustico e disgustosamente stropicciato. C'è sempre l'ombra lunga di un padre o, comunque di un affetto importante di cui molto spesso non ci si sente degni, dietro ogni personale ambizione o impavida impresa. Quello spirito di rivalsa che vale la vita stessa. E c'è sempre un amore di donna (qui è la Kay di Bryce Dallas Howard) che vale il sacrificio, da rendere partecipe al grande sogno, anche quando le episodiche avventure olezzano solo di guai in vista. Il tipico sogno americano in tempi di crisi.

    Dietro il Kenny di McConaughey per finzione, c'è la controversa figura del businessman canadese David Walsh, 'prospettore' della Washoe Company che, verso la fine degli anni Ottanta, si ritrova in 'brache di tela' con la

    società ad un passo dal fallimento integrale. Businessman di lì a poco coinvolto nello scandalo della società mineriaria Bre-X Minerals Ltd. che, nei primi anni Novanta divenne protagonista dei rotocalchi sull'onda della stratosferica quotazione in borsa stimata sul potenziale giacimento d'oro nel cuore dell'Indonesia. Il Kenny di McConaughey segue le orme di Walsh cavalcandone la vera e propria ossessione per i filoni auriferi del Sud Est Asiatico ancora vergini, entrando e uscendo dalla tana del coniglio con la carota in bocca, non riuscendo ad impedire, d'altra parte, di farla scivolare nelle mani del 'regime' locale. E l'obiettivo diventa allora un miraggio pressoché irraggiungibile per il nostro Kenny/ McConaughey. Quasi non sapesse poi, che ... 'non è tutto oro quello che luccica'.

    Mappe, escavazioni in territori impervi come quelli dell'inesplorata giungla indonesiana, ricerca di finanziamenti per le complicate manovre di estrazione, l'orgoglio irrinunciabile del proprio nome su obiettivi raggiunti e risultati a

    tutela dell'onore di famiglia, momenti d'amore e momenti di odio, schegge di lusso e di ordinaria frustrazione, o persino malattia (malaria docet), in un'altalena continua che porta il nostro protagonista dalle stelle alle stalle. E' questo il diagramma in celluloide dell'eccentrico personaggio in cui McConaughey si è tuffato di punta , con tutta probabilità per provare a se stesso quale sensazione si prova a spingersi verso l'ignoto, ad imbruttirsi e ad abbrutirsi per le esigenze di un inedito copione. Forse Gaghan ha cercato di spalmare il suo Gold sul personaggio come la marmellata sul pane, al punto da farne una cosa unica. Per questo si prova noia, impazienza, mentre il neo Indiana Jones, quando non è attaccato alla bottiglia - quasi sempre a meno che non sia incollato alla sigaretta - si dimena nel vortice degli ossessivi tentativi a più riprese in una ricerca che si fa sempre più frustrante.

    Ma c'è sempre, evidentemente, anche un 'Marcus' quale socio operativo nelle ricerche del 'tesoro', qui in 'polpa' grezza invece che in arte (il geologo Michael Acosta di Edgar Ramirez), con cui condividere i profitti 'fifty/fifty'. Sono le stesse sensazioni provate a pelle dal personaggio e dunque ci troviamo, con tutta probabilità, nel cuore di una lunga soggettiva, affiancata dall'incalzante voce fuori campo del racconto in prima persona. Dispiace solo, d'altra parte, di provare tanto sollievo quando arriva il momento di venirne fuori.

    Secondo commento critico (a cura di PETER DEBRUGE, www.variety.com)

    Matthew McConaughey plunges deeper into the rabbit hole of wacky character transformation, playing a balding, pot-bellied prospector in 'Gold.'

    It’s too bad Matthew McConaughey already made a movie called “Fool’s Gold,” since the title would’ve been perfect for his latest, a bucking-bronco paydirt saga in which he plays a white-trash desperado with a claim to more of the precious metal than he knows what to do with. Directed with an odd mix of human compassion and giddy abandon by Stephen Gaghan (“Syriana”), “Gold” is a lively portrayal of what’s often misidentified as the American Dream, but might be more accurately described as the American Fantasy — where men dream of wealth and success without having to put in the work.

    Proudly sporting a pot belly, snaggled teeth, and receding combover (though any normal person with either would go out of his way to hide them), McConaughey turns in a gonzo

    performance as a gold prospector named Kenny Wells, who improbably strikes it rich after acting on a hunch that takes him deep in the jungles of Indonesia, only to lose track of the claim as smarter men than he try to get in on the deal. Like “American Hustle” or “The Wolf of Wall Street,” “Gold” plays fast and loose with its factual origins, allowing McConaughey to become a one-man acting tornado. And yet, though Gaghan has less directing experience than either David O. Russell or Martin Scorsese, he never lets the movie spiral out of his grasp (although the final scene is a huge miscalculation, featuring an unearned reunion and a twist that should, but doesn’t, make us question everything that’s come before).

    “Gold” is one of those movies that could have gone either way, and some will surely label it a disaster over the tonal risks it takes, tightrope-walking

    as it does between sincerity and satire. But for those willing to take the characters at face value, it’s a deliriously entertaining ride, as a man with a dream drops his last quarter in the slot machine and goes home with the entire casino.

    After inheriting his father’s mining company, Wells realizes he has neither the patience nor the gift for this particular line of work. What he does have is the good sense to realize his limitations, and so Wells turns to a more experienced geologist, Michael Acosta (Édgar Ramírez), to help him locate a spot that feeds into a river known for its irregular supply of gold — a point reinforced by the natives, who can be seen sifting as Wells and Acosta make their way upstream. Wells may seem crazy, but Acosta brings a certain confidence to the endeavor. From his heroic introductory shot, in which a drone-mounted

    camera floats upward to find him standing godlike over a mine, Acosta gets the sort of flattering treatment most stars only wish they could get. But favoring him subliminally works to make Wells seem relatively unreliable.

    There’s something off about the way Wells is negotiating this deal, and even though the underwear-clad dreamer nearly dies of malaria right there at the exploration site, everything seems to come a little too easy. Punch-drunk on the prospect of having discovered the richest gold deposit of the century, Wells heads back to America, where everyone treats him differently — except for his girlfriend Kay (Bryce Dallas Howard), who can’t resist upgrading her wardrobe (costume designer Danny Glicker goes wild letting Kay’s nouveau riche tastes run wild) but otherwise sees Wells as she always has. Howard serves as the story’s soul, and it’s heartbreaking to watch her trying to protect him from the vultures who’ve

    materialized now that he’s rich.

    If this story were as simple as a guy hitting the jackpot and everything in his life suddenly gong swell, it would hardly be worth telling. But Wells’ good fortune brings considerable complications, and before long, he’s beset by Wall Street sharks. One minute he’s ringing the Stock Exchange’s opening bell, and the next, he’s so desperate to save his company that he’s staring an Indonesian tiger in the face — this is just the kind of movie that would’ve been perfect for Tony Scott. It’s tamer in Gaghan’s hands, but only slightly, as the director relies on DP Robert Elswit (a career-long collaborator of Paul Thomas Anderson) to keep the camera constantly moving as Wells’ situation advances, feeding into the delirious momentum of success.

    During the jungle scenes, it’s “The Treasure of the Sierra Madre” meets “The African Queen,” with McConaughey’s flop-sweat clown standing in for

    the hard-boiled Bogey. The rest recalls movies such as “Boiler Room” and “The Sting,” where we can never be quite sure who’s getting played, or what the angle even is, other than that none of this can be taken at face value. Perhaps the biggest clue comes from an incredulous young man (Toby Kebbell) with plenty of tough questions for Wells. At first, this interview (or is it an interrogation?) may seem like a handy device for dispensing otherwise-complicated exposition — until the plot catches up with these scenes, revealing just how deep Wells’ troubles run.

    By this point in Patrick Massett and John Zinman’s script, reality has long since been left in the dust. Gaghan understandably wants to tell the best story, but he doesn’t seem to have any answers — or else coyly thinks that ambiguity ought to be more entertaining. Which begs the question: What have we been

    watching? Considering how much creative license all involved have taken along the way, is the movie supposed to be a version of “what really happened”? Or is this merely Wells’ possibly self-serving version of events? Did any of this actually take place, or is McConaughey merely looking to score more gold to sit alongside his Oscar for “Dallas Buyers Club”? It works because the actor has made it personal, tapping into the life-or-death stakes he watched his daddy follow as an oil-pipe salesman. He’s taken Willy Loman and reinvented him as a loud, brash buffoon, trading hard work for dumb luck, and though Gaghan’s ending can’t decide whether “Gold” is a tragedy or not, Kenny Wells is a character we won’t soon forget.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Eagle Pictures e Manzo Piccirillo Ufficio Stampa

    Pressbook:

    PRESSBOOK ITALIANO di GOLD - LA GRANDE TRUFFA

    Links:

    • Stephen Gaghan (Regista)

    • Corey Stoll

    • Bruce Greenwood

    • Rachael Taylor

    • Edgar Ramirez

    • Matthew McConaughey

    • Bryce Dallas Howard

    • Craig T. Nelson

    1 | 2 | 3 | 4

    Galleria Video:

    Gold-La grande truffa - trailer

    Gold-La grande truffa - trailer (versione originale) - Gold

    Gold-La grande truffa - clip 'Waldorf'

    Gold-La grande truffa - clip 'Anello di fuoco'

    Gold-La grande truffa - clip 'Tigre'

    Gold-La grande truffa - clip 'FBI'

    Gold-La grande truffa - intervista video al regista Stephen Gaghan (versione originale sottotitolata)

    Gold-La grande truffa - intervista video a Matthew McConaughey 'Kenny Wells' (versione originale sottotitolata)

    Gold-La grande truffa - intervista video a Bryce Dallas Howard 'Kaylene' (versione originale sottotitolata)

    Gold-La grande truffa - intervista video a Edgar Ramirez 'Michael Acosta' (versione originale sottotitolata)

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    L'uomo invisibile

    L'UOMO INVISIBILE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Se fai un film su un personaggio ....
    [continua]

    Un amico straordinario

    UN AMICO STRAORDINARIO

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE

    "Credo che Fred (Rogers) abbia detto una ....
    [continua]

    The Rhythm Section

    THE RHYTHM SECTION

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Questa 'spy story' al femminile doveva arrivare .... [continua]

    Figli

    FIGLI

    Esce di nuovo on demand dall'11 Maggio su SkyCinema e NowTV - RECENSIONE - Paola .... [continua]

    Il diritto di opporsi

    IL DIRITTO DI OPPORSI

    Disponibile on demand dal 14 maggio su Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMvision, Chili, Rakuten .... [continua]

    Underwater

    UNDERWATER

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dal 30 GENNAIO .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    I ‘RECUPERATI’ di ‘CelluloidPortraits’ - RECENSIONE - Dalla 14. Festa del Cinema di .... [continua]