ARCHIVIO HOME PAGE

SPECIALI

FLASH NEWS

  • • Ultime News
  • • Archivio News
  • ANTEPRIME

    RITRATTI IN CELLULOIDE

    MOVIES & DVD

  • • In programmazione
  • • Di prossima uscita
  • • New Entry
  • • Archivio
  • • Blu-ray & Dvd
  • CINEMA & PITTURA

    CINESPIGOLATURE

    EVENTI

    TOP 20

  • • Films
  • • Attrici
  • • Attori
  • • Registi
  • LA REDAZIONE

    • Registi

    • Attori

    • Attrici

    • Personaggi

    • L'Intervista

    • Dietro le quinte

    Last Christmas

    LAST CHRISTMAS

    New Entry - Dal 14 Novembre .... [continua]

    Richard Jewell

    RICHARD JEWELL

    New Entry - USA: Dal 13 Dicembre .... [continua]

    Tornare

    TORNARE

    Aggiornamenti freschi di giornata! (15 Ottobre 2019) - New Entry - Film di .... [continua]

    Black Bird

    BLACK BIRD

    New Entry - Da Dicembre

    "Ero a una cena con Christian Torpe, lo ....
    [continua]

    Military Wives

    MILITARY WIVES

    New Entry - 14. Mostra del Cinema di Roma (17-27 Ottobre 2019) - .... [continua]

    The Report

    THE REPORT

    New Entry - In Pre-Apertura alla 14. Festa del Cinema di Roma (17-27 .... [continua]

    Gli anni più belli

    GLI ANNI PIU' BELLI

    New Entry - Dal 13 Febbraio 2020

    "Con la sua meravigliosa canzone inedita ....
    [continua]

    Home Page > Movies & DVD > E' solo la fine del mondo

    E' SOLO LA FINE DEL MONDO

    RECENSIONE - VINCITORE del GRAND PRIX al 69. Festival del Cinema di Cannes (11-22 Maggio 2016) - Dal 7 Dicembre

    "... Il film parla del linguaggio, di comunicazione, ma anche di silenzi, sguardi. Forse ci vuole un po' di tempo perché sia assorbito. Io ... sono fiero del film... La cosa bella del testo è il nervosismo dei personaggi, si esprimono in modo superficiale. Il ruolo di Gaspard è complesso, gli altri personaggi parlano tanto. Lui fugge costantemente in un altro universo, in casa sua nessuno ascolta davvero nessuno. Sono personaggi umani ma sgradevoli, come la gente reale. Ho chiesto agli attori di trasmettere i difetti degli esseri umani... Io amo il teatro, ma non ho usato i primi piani per diversificarmi a tutti i costi, cercavo semplicemente l'emozione, volevo cogliere la qualità del testo. Ci sono messaggi nei silenzi, i primi piani dei volti erano obbligatori. Non volevo usare stratagemmi per sfuggire alla monotonia. Il film in fondo ha un'atmosfera asfissiante"
    Il regista e sceneggiatore Xavier Dolan

    (Juste la fin du monde; CANADA/FRANCIA 2016; Drammatico; 95'; Produz.: Sons of Manual in co-produzione con MK2 Productions e Téléfilm Canada; Distribuz.: Lucky Red)

    Locandina italiana E' solo la fine del mondo

    Rating by
    Celluloid Portraits:



    See SYNOPSIS
    Trailer

    Titolo in italiano: E' solo la fine del mondo

    Titolo in lingua originale: Juste la fin du monde

    Anno di produzione: 2016

    Anno di uscita: 2016

    Regia: Xavier Dolan

    Sceneggiatura: Xavier Dolan

    Soggetto: Basato sull'omonimo spettacolo teatrale di Jean-Luc Lagarce, in cui lo scrittore torna nella sua città natale per annunciare la sua imminente morte alla famiglia.

    Cast: Léa Seydoux (Suzanne Knipper)
    Marion Cotillard (Catherine)
    Vincent Cassel (Antoine Knipper)
    Gaspard Ulliel (Louis-Jean Knipper)
    Nathalie Baye (La madre)
    Arthur Couillard (Gaby)

    Musica: Gabriel Yared

    Scenografia: Colombe Raby

    Fotografia: André Turpin

    Montaggio: Xavier Dolan

    Makeup: Maïna Militza

    Scheda film aggiornata al: 03 Gennaio 2017

    Sinossi:

    IN BREVE:

    Basato sull'omonimo spettacolo teatrale di Jean-Luc Lagarce, in cui lo scrittore torna nella sua città natale per annunciare la sua imminente morte alla famiglia.

    Mentre il risentimento riscrive il corso del pomeriggio, tutti i tentativi di empatia vengono sabotati dall'incapacità della gente di ascoltare e amare.

    SYNOPSIS:

    Louis (Gaspard Ulliel), a terminally ill writer, returns home after a long absence to tell his family that he is dying.

    After 12 years of absence, Louis (Gaspard Ulliel), a writer, goes back to his hometown, planning on announcing his upcoming death to his family. As resentment soon rewrites the course of the afternoon, fits and feuds unfold, fuelled by loneliness and doubt, while all attempts of empathy are sabotaged by people's incapacity to listen and love.

    Commento critico (a cura di PATRIZIA FERRETTI)

    TENTARE NON COSTA NULLA... SOLO LA VITA

    "Da qualche parte, un pò di tempo fa..." è la didascalia figlia unica delegata ad aprire l'occhio-spia attraverso una fessura stretta e lunga, oscura e tremula come l'animo del personaggio che di lì a poco ci si pare davanti seduto su un aereo, per metterci a parte, 'voice over', delle sue ansie più profonde, eppur della necessità di quel viaggio: "E così, dopo dodici anni di assenza, e nonostante la paura, ho deciso di tornare a trovarli..."

    "... Esiste tutta una serie di motivazioni che ci spinge ad allontanarci e c'è tutta una serie di motivazioni che ci induce a tornare". Ed è semplicemente per questa linea di principio che il Louis di Gaspard Ulliel torna nella 'fossa dei leoni' di famiglia. Una famiglia che non conosce neppure. Non del tutto almeno. Non al suo completo. Una sorella (la Suzanne di Lea Seydoux) che è

    cresciuta in sua assenza quando nel frattempo la famiglia si è allargata con Catherine (Marion Cotillard), l'impacciata e succube moglie dell'iracondo e fracassone fratello (l'Antoine di Vincent Cassel). Dei loro bambini si parla - ed è già un problema! - ma non compaiono mai sulla scena. Il primo passo verso una conoscenza che tenta di farsi strada, senza successo, nel modo più improbabile possibile. Ma tutto questo si infiltra tra le righe di una regia semplicemente spettacolare, sublimata da una sceneggiatura che si fa dolorosa sinfonia orchestrata con strumenti familiari, ma suonati in un modo del tutto inedito. E come le stesse note musicali trasmutano, affidando il proprio destino al compositore che se ne prende cura, così il film E' solo la fine del mondo trasale in un inno di dolorosa sofferenza interiore che manca l'incontro, l'abbraccio, il perdono tanto desiderato in quel particolare momento da questo neo figliol prodigo

    contemporaneo. Un figlio mancato per tanto tempo e pertanto in qualche modo atteso con trepidazione. Una trepidazione nervosa che darà frutti insperati, tra forte disagio, smottamenti emotivi in punta di litigiosa aggressività - patrimonio indiscusso del frustrato fratello Antoine (Cassel) ma anche della sorella Suzanne (Seydoux) - profondo imbarazzo ed inadeguatezza, come l'esuberanza forzata della madre. Un pomeriggio annunciato come indubbiamente difficile, reso infernale da risentimenti, rancori covati nel tempo, pronti ad esplodere a catena come bombe ad orologeria, finendo per riscrivere interamente nel peggiore dei modi il corso di quella giornata fin troppo particolare. Una giornata interamente votata ai tentativi. I tentativi di costruire e dar vita in poche ore a qualcosa che alle volte neppure il tempo di un'intera esistenza può regalare. Figurarsi quando qualcuno vorrebbe riprendersi in un battito di ciglia 'il mal tolto' affettivo, fatto di tutta quell'empatia sincera e solidale ambita e pur mai esistita!

    Sentimenti sabotati dalla totale incapacità e mancanza di volontà, di ascoltare, o semplicemente, di amare.

    E' nella cifra stilistica di quest'attesa che incontriamo il 'leit motiv' del film. Un raffinatissimo incrocio di immagini alternato, dal personaggio in arrivo, ai preparativi della madre (Nathalie Baye), tra i primissimi piani di un piatto di portata e l'altra, allestiti con estetica tutta francese, e quelli di una cura personale come lo smalto blu sulle unghie. E la musica! Ah, la musica! La prima donna, qui assolutamente regale ad ogni cambio d'abito, come la selezione che sfila su questa passerella in celluloide, unica e ricchissima di scorci di marca 'impressionista' al servizio dell'espressionismo più viscerale, con quelle ricorrenti sbavature cromatiche, con quegli annebbiamenti visivi che vibrano in soggettiva la necessità di assentarsi per qualche momento, affogando nei propri pensieri, quasi a riprendere fiato e forza necessari per riuscire a muoversi veramente in quell'insolita e

    tragicamente ingombrante 'réunion de famille'. La musica, sempre pronta ad intervenire ad ogni campanello di allarme, quando non sopraggiunge anche la sottrazione parziale o integrale di sonoro che delega scorci di dialogo in un sottofondo sensibile ma meno invasivo. Quasi fosse l'unico modo per renderli sopportabili. Una sinfonia assolutamente corale, tanto nell'interpretazione - eccelsa da parte di tutti - quanto nella visione, orchestrata da Xavier Dolan in un fluido processo del plasmare quella 'materia', tra il mettere e il levare, umbratile e vibrante, come i silenzi attoniti e sudati, affogati nello smarrito spiazzamento del Louis di Ulliel.

    Basato sull'omonimo spettacolo teatrale di Jean-Luc Lagarce, in cui uno scrittore torna nella città natale per annunciare la sua imminente morte alla famiglia, Juste la fin du monde (E' solo la fine del mondo) ne conserva tutta la lingua madre, non propriamente cinematografica. E non è una svista. E' lo stesso regista Xavier

    Dolan (già Premio della Giuria al festival di Cannes per Mommy) a spiegarne la ragione: "Volevo che le parole di Lagarce fossero dette così come erano state scritte. Senza compromessi" Così, se è vero che si 'sente il teatro nel film', Xavier Dolan ne è stato ben consapevole e l'ha accettato di buon grado come l'opzione più giusta per non banalizzare la lingua dell'autore e perché in fondo, ha visto come un benefico auspicio il fatto che 'il teatro nutra il cinema': "Non è forse vero che teatro e cinema hanno bisogno l'uno dell'altro?". E' così che E' solo la fine del mondo (Grand Prix al Festival di Cannes e candidato dal Canada agli Oscar per il Miglior Film Straniero) abbraccia le emozioni già scritte per i personaggi, nel modo in cui sono state già espresse, 'urlate o soffocate'. Personaggi imperfetti, soli, tormentati, complessati e fuori tempo massimo per rimediare

    ai propri errori, alle proprie mancanze, alle proprie assenze, alle occasioni mancate. Si direbbe che il teatro abbia qui offerto il suo miglior nutrimento al cinema e che entrambi, insieme, come una vecchia coppia affiatata, abbiano riscritto, intingendo il pennino nel calamaio del più pregiato inchiostro aureo dell'arte, una delle pagine più intensamente emozionanti di quell'imprevedibile, e non di rado dolorosa, avventura che è la vita.

    Bibliografia:

    Nota: Si ringraziano Lucky Red e Olga Brucciani (Ufficio Stampa Lucky Red)

    Pressbook:

    PRESSBOOK COMPLETO in ITALIANO di E' SOLO LA FINE DEL MONDO

    Links:

    • Xavier Dolan (Regista)

    • Vincent Cassel

    • Marion Cotillard

    • Léa Seydoux

    • Gaspard Ulliel

    • E' solo la fine del mondo (BLU-RAY + DVD)

    1 | 2

    Galleria Video:

    E' solo la fine del mondo - trailer 2

    E' solo la fine del mondo - trailer

    E' solo la fine del mondo - trailer (versione originale) - Juste la fin du monde

    E' solo la fine del mondo - spot 'Ho una cosa da dirvi'

    E' solo la fine del mondo - clip 'Ti voglio bene!'

    E' solo la fine del mondo - clip 'Sei sgradevole Antoine!'

    E' solo la fine del mondo - clip 'Non ricordo niente'

    TOP 20

    Dai il tuo voto


    <- torna alla pagina Movies & DVD

    Le verità

    LE VERITA'

    Già Film d' Apertura alla 76. Mostra del Cinema di Venezia - CONCORSO - .... [continua]

    Gemini Man

    GEMINI MAN

    Dramma d'azione Sci-Fi diretto da Ang Lee (I Segreti di Brokeback Moutain, Vita di Pi), .... [continua]

    Non succede, ma se succede...

    NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE...

    Charlize Theron e Seth Rogen per la prima volta insieme nella commedia di Jonathan Levine .... [continua]

    Ad Astra

    AD ASTRA

    Dalla 76. Mostra del Cinema di Venezia - Tra i più attesi!!! - .... [continua]

    C'era una volta a... Hollywood

    C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

    Da Cannes 72 - Tra i più attesi!!! - RECENSIONE - Dopo Django .... [continua]

    Yesterday

    YESTERDAY

    Dal Taormina Film Festival 2019 - Dal 26 Settembre .... [continua]

    Rambo: Last Blood

    RAMBO: LAST BLOOD

    Trentasette anni dopo il primo film, arriva il quinto capitolo del franchise cult con cui .... [continua]